Classici

Paradiso perduto

Milton John

Descrizione: Poema biblico religioso in dodici libri. Pubblicato nel 1667, è il grande libro della Trasgressione e della Caduta, temi che sottendono quelli della libertà e della responsabilità dell'uomo.

Categoria: Classici

Editore: Einaudi

Collana: I Millenni

Anno: 2008

ISBN: 9788806125721

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Se la lingua italiana deve a Dante il suo poema epico, quella inglese si affida a John Milton, poeta, pensatore e latinista vissuto nel Seicento, che ha occupato una posizione di rilievo anche nell’epoca della repubblica del Commonwealth.

“Paradiso Perduto” è un poema impegnativo che parla della creazione, della caduta degli angeli ribelli e della cacciata dall’Eden di Adamo ed Eva.

Diviso in dodici libri a imitazione del’Eneide virgiliana, in precedenza era stato pubblicato nella versione a dieci libri.

Milton trae largamente ispirazione dalla Bibbia, anche se non mancano citazioni alla realtà che vive il poeta (si parla ad esempio di Galileo Galilei, conosciuto personalmente da Milton nel corso di un suo viaggio in Italia).

Milton inizia la storia “in the midst of things” vale a dire in medias res, seguendo il tipico incipit dell’epoca (vedasi Omero).

Il vero protagonista, che assume a tratti atteggiamenti quasi titanicamente eroici e verso il quale il poeta mostra una malcelata partigianeria, è Satana, che viene introdotto già angelo caduto negli Inferi a incitare i compagni a rialzarsi e a combattere. E’ probabile che la sua figura rappresenti quella di chi si ribella contro la tirannia (così come Cromwell si ribellò contro Carlo I) ed è per questa motivazione che i passi che trattano di Satana sono tra i più alti dell’intero poema.

Dio e il Figlio vengono anch’essi rappresentati come due personalità ben distinte: da un lato il Padre severo e vendicativo, al quale si contrappone il Figlio misericordioso. (Milton è assolutamente duale poiché nella sua concezione religiosa non c’è lo Spirito Santo). Adamo ed Eva, che vivono un’esistenza parallela rispetto a quanto accade in Cielo e agli Inferi, sono dotati di una passionalità che perde sublimità per trasformarsi in maliziosa sensualità dopo il Peccato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Milton

Libri dallo stesso autore

Intervista a Milton John

“A volte penso addirittura che Napoli possa essere ancora l’ultima speranza che resta alla razza umana.” Luciano De Crescenzo Cari librai, sono felice di presentarvi questo libro a cui tengo molto perché, più di tutti, parla della città in cui sono nato e vivo da oltre quarant’anni: Napoli. È una raccolta dei miei “Granelli”, gli articoli che negli ultimi tre anni ho scritto ogni domenica per “la Repubblica” di Napoli, attraverso i quali ho cercato di descrivere le mille sfaccettature di questa città. È un libro che mi aiuterà a spiegare perché, a mio avviso, sia necessario cambiare prospettiva su Napoli, perché occorra mostrarla in modo diverso a chi non la vive quotidianamente e ne sente sempre parlare in chiave critica, sottolineando quanto sia una città normale, piena di buchi neri, certo, ma anche di luce, e quanto valga la pena conoscerla, visitarla, viverla. Una passeggiata sottobraccio con i miei lettori, insomma, per raccontare a modo mio i granelli di verità che ho raccolto strada facendo. Credo che il paese abbia più che mai bisogno di Napoli, di capirla fino in fondo, assorbirne la mentalità, la sua cultura del vivere, quell’affrontare l’esistenza con un’alzata di spalle, con la velata ironia che serve a mascherare la malinconia. Credo che abbia infinitamente bisogno della sua “filosofia leggera”, della sua arte, della creatività che riesce a esprimere nonostante tutto, la capacità di convertire il brutto nel bello, le difficoltà in successi, la vita in commedia e di “farsi bastare” la poesia delle piccole cose...

Cara Napoli

Marone Lorenzo

"Prima del silenzio". Una notte d'inverno, la strada ghiacciata, neve tutt'intorno, un'auto sbanda, si schianta contro un albero, il guidatore è gravemente ferito. Aveva appuntamento con lo sconosciuto che poche ore prima aveva rapito suo figlio Sven, mentre era fuori casa con il fratello maggiore. Adesso tutto è inutile: l'uomo sa che sta per morire. E sa che anche suo figlio morirà. "Dopo il silenzio". Da ventitré anni lo psichiatra Jan Forstner vive con l'angoscia della scomparsa del fratellino. Tutto ciò che gli resta è un registratore che Jan aveva portato con sé la notte in cui erano usciti insieme e dove sono incise le ultime parole di Sven: "Quando torniamo a casa?" E poi il silenzio. E gli incubi che da quella notte non hanno smesso di tormentarlo. La notte in cui il padre è morto in un incidente d'auto. La vita di Jan si riassume tutta in quella notte: ha studiato psichiatria come suo padre, si è specializzato in criminologia e ora è tornato al punto di partenza: alla Waldklinik, la clinica dove lavorava il padre e dove adesso lavorerà anche lui. Vorrebbe ricominciare a vivere, lasciarsi alle spalle l'incubo, ma quando una paziente della clinica si suicida. Jan si trova coinvolto in un'indagine che svelerà un segreto atroce rimasto sepolto per ventitré anni...

IL SUPERSTITE

Dorn Wulf

In un luogo fatto di polvere, dove ogni cosa ha un soprannome, dove il quartiere in cui sono nati e cresciuti è chiamato «la Fortezza», Beatrice e Alfredo sono per tutti «i gemelli». I due però non hanno in comune il sangue, ma qualcosa di più profondo. A legarli è un’amicizia ruvida come l’intonaco sbrecciato dei palazzi in cui abitano, nata quando erano bambini e sopravvissuta a tutto ciò che di oscuro la vita può regalare. Un’amicizia che cresce con loro fino a diventare un amore selvaggio, graffiante come vetro spezzato, delicato e luminoso come un girasole. Un amore nato nonostante tutto e tutti, nonostante loro stessi per primi. Ma alle soglie dei vent’anni, la voce di Beatrice è stanca e strozzata. E il cuore fragile di Alfredo ha perso i suoi colori. Perché tutto sta per cambiare.

Il rumore dei tuoi passi

D'Urbano Valentina

La storia della rinuncia del sesso maschile. Una giovane donna lascia il marito per scegliere una vita libera, avventurosa, dominata dalla ricerca del rapporto con le donne.

La vagabonda

Colette