Classici

Paradiso perduto

Milton John

Descrizione: Poema biblico religioso in dodici libri. Pubblicato nel 1667, è il grande libro della Trasgressione e della Caduta, temi che sottendono quelli della libertà e della responsabilità dell'uomo.

Categoria: Classici

Editore: Einaudi

Collana: I Millenni

Anno: 2008

ISBN: 9788806125721

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Se la lingua italiana deve a Dante il suo poema epico, quella inglese si affida a John Milton, poeta, pensatore e latinista vissuto nel Seicento, che ha occupato una posizione di rilievo anche nell’epoca della repubblica del Commonwealth.

“Paradiso Perduto” è un poema impegnativo che parla della creazione, della caduta degli angeli ribelli e della cacciata dall’Eden di Adamo ed Eva.

Diviso in dodici libri a imitazione del’Eneide virgiliana, in precedenza era stato pubblicato nella versione a dieci libri.

Milton trae largamente ispirazione dalla Bibbia, anche se non mancano citazioni alla realtà che vive il poeta (si parla ad esempio di Galileo Galilei, conosciuto personalmente da Milton nel corso di un suo viaggio in Italia).

Milton inizia la storia “in the midst of things” vale a dire in medias res, seguendo il tipico incipit dell’epoca (vedasi Omero).

Il vero protagonista, che assume a tratti atteggiamenti quasi titanicamente eroici e verso il quale il poeta mostra una malcelata partigianeria, è Satana, che viene introdotto già angelo caduto negli Inferi a incitare i compagni a rialzarsi e a combattere. E’ probabile che la sua figura rappresenti quella di chi si ribella contro la tirannia (così come Cromwell si ribellò contro Carlo I) ed è per questa motivazione che i passi che trattano di Satana sono tra i più alti dell’intero poema.

Dio e il Figlio vengono anch’essi rappresentati come due personalità ben distinte: da un lato il Padre severo e vendicativo, al quale si contrappone il Figlio misericordioso. (Milton è assolutamente duale poiché nella sua concezione religiosa non c’è lo Spirito Santo). Adamo ed Eva, che vivono un’esistenza parallela rispetto a quanto accade in Cielo e agli Inferi, sono dotati di una passionalità che perde sublimità per trasformarsi in maliziosa sensualità dopo il Peccato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Milton

Libri dallo stesso autore

Intervista a Milton John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In seguito all'uragano Kathrina, due residenti di lunga data a New Orleans, Abdulrahman e Kathy Zeitoun, si ritrovano a dover combattere una battaglia assurda contro forze che vanno ben oltre quelle del vento e dell'acqua. In questa opera di non fiction, sorprendente e profondamente umana, i lettori potranno vedere con occhi nuovi il peggior disastro naturale degli Stati Uniti, scoprendo tutte le speranze e le contraddizioni di un momento unico della storia americana.

Zeitoun

Eggers Dave

1914. Il transatlantico Il Paradiso naviga verso il nuovo mondo. A bordo, tra i passeggeri di ogni rango sociale, stipata nella terza classe, spicca Aquilina per gli strani poteri di cui sembra essere dotata. Ma non è lei l'unico pensiero dell'integerrimo capitano Zocalo. Sul piroscafo, infatti, scoppia una improvvisa epidemia dalle cause sconosciute persino al medico di bordo, Nerio Ferrer. Inoltre, viene denunciata la scomparsa di un uomo che, dal racconto del suo accompagnatore, aveva fatto espressa richiesta di cenare al tavolo di Marie Verdier, una francese che viaggia in seconda classe con il marito. L'incontro tra il capitano e la francese si rivela potente almeno quanto la tempesta nella cui balìa cade la nave. Nessuno forse aveva colto il presagio di una traversata difficile in quei gabbiani agonizzanti schiantatisi sul ponte della nave durante il passaggio nello stretto di Gibilterra. Quando una cameriera mostrerà al capitano le piume nere disseminate nella cabina di Aquilina, il legame tra i suoi misteriosi poteri e quei fenomeni assumerà contorni inaspettati.

La passeggera

Frascati Daniela

Nei suoi bestseller (Il Codice da Vinci, Angeli e demoni e Il simbolo perduto), Dan Brown ha mescolato in modo magistrale storia, arte, codici e simboli. In questo nuovo e avvincente thriller, ritorna ai temi che gli sono più congeniali per dare vita al suo romanzo più esaltante. Robert Langdon, il professore di simbologia di Harvard, è il protagonista di un'avventura che si svolge in Italia, incentrata su uno dei capolavori più complessi e abissali della letteratura di ogni tempo: l'"Inferno" di Dante. Langdon combatte contro un terribile avversario e affronta un misterioso enigma che lo proietta in uno scenario fatto di arte classica, passaggi segreti e scienze futuristiche. Addentrandosi nelle oscure pieghe del poema dantesco, Langdon si lancia alla ricerca di risposte e deve decidere di chi fidarsi... prima che il mondo cambi irrimediabilmente.

Inferno

Brown Dan

All'era dei pirati della finanza e dell'industria, degli imperi economici costruiti sui campi di battaglia è succeduto lo scenario desolante degli anni Trenta: la borsa in caduta libera, la crisi, la disoccupazione, e "tutti quegli scandali ignobili, quei processi, quei tracolli privi di grandezza"... Come molti della sua generazione, Christophe Bohun non ha né ambizioni, né speranze, né desideri, né nostalgie. È un modesto impiegato nell'azienda che suo padre, il Bohun dell'acciaio, il Bohun del petrolio, è stato costretto, dopo un clamoroso fallimento, ad abbandonare nelle mani del socio. Si lascia svogliatamente amare da una moglie di irritante perfezione e da una cugina da sempre innamorata di lui. "È la pedina" annota la Némirovsky sulla minuta del romanzo "che viene manovrata sulla scacchiera, che per due o tremila franchi al mese sacrifica il suo tempo, la sua salute, la sua anima, la sua vita". Alla morte del padre, però, Christophe trova in un cassetto, bene in evidenza, una busta sigillata: dentro, un elenco di parlamentari, giornalisti, banchieri a cui, nel tentativo di evitare il crac, il vecchio Bohun aveva elargito somme ingenti affinché spingessero il governo ad accelerare i preparativi bellici. Riuscirà questo bruciante retaggio, questa potenziale arma di ricatto, e di riscatto, a scuotere Christophe dal suo "cupo torpore"? Difficile trovare un romanzo così puntualmente applicabile a temi e fatti di ottant'anni dopo.

Una pedina sulla scacchiera

Némirovsky Irène