Narrativa

IL PARADISO E’ ALTROVE

Llosa Mario Vargas

Descrizione: Le storie vere di Flora Tristan, attiva socialista e fondatrice dell'Unione Universale delle Operaie e degli Operai, e suo nipote Paul Gauguin, legati dal grande sogno dell'Utopia di una società liberata dalle ingiustizie sociali e riconquistata alla bellezza artistica.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2003

ISBN: 9788806166496

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Aprì gli occhi alle quattro del mattino e pensò: – Oggi inizi a cambiare il mondo, Florita- “.

L’incipit de “Il paradiso è altrove” è una dichiarazione di guerra alla mediocrità del pensiero, all’immobilismo sociale, alla restaurazione che puntualmente segue ad ogni rivoluzione.

Quella di Flora Tristàn, una delle prime anarchiche della storia, è una rivoluzione che nasce per caso e per necessità. Dopo anni vissuti nella miseria di un’infanzia senza padre, sopravvissuta ad un’adolescenza prematuramente piegata al lavoro e ad una giovinezza consegnata alla schiavitù di un matrimonio senza amore, Flora si apre alla missione del cambiamento per la costruzione di una nuova società.

E’ il 1844 quando la giovane donna inizia il suo viaggio attraverso le città di una Francia ancora rivolta al passato. Flora parla agli operai delle fabbriche di un nuovo mondo possibile, dove i lavoratori e le lavoratrici non vengano più sfruttati dai loro padroni, attraverso la presa di coscienza del proprio ruolo e la creazione di un’Unione operaia che garantisca il rispetto del lavoro e della persona.

Flora guarda negli occhi i suoi nemici, i padroni, spaventati dalle parole dirette di una donna libera e consapevole della giustizia e della forza del proprio pensiero. Madame la Colère, la sovversiva, non si arrende di fronte all’ostruzionismo dei padroni, alla censura delle autorità pubbliche e religiose, alla solitudine della lotta e all’ignoranza pavida di uomini educati alla schiavitù. “Usciva da quelle riunioni morta di fatica, ma in uno stato d’incandescenza spirituale“.

Flora Tristàn vive fino all’ultimo i suoi giorni rivoluzionari senza mai perdere di vista l’ideale e senza abbandonarsi allo scoramento della faticosa lotta contro l’ignoranza, dimostrandoci che la forza delle idee ed il coraggio delle parole possono davvero cambiare il mondo.

Il fervore intellettuale di Flora è lo stesso che condurrà il nipote Paul verso la ricerca di un paradiso esistenziale ove l’individuo possa, affrancato dal bisogno e dalla paura, dare sfogo alle proprie naturali inclinazioni. L’abbandono della società francese di fine Ottocento verso le terre della Polinesia trasformano – rendendola rivoluzionaria – la pittura di Gauguin l’uomo che, superati i trent’anni, scopre nell’espressione artistica la propria realizzazione personale.

La vicinanza agli artisti dell’epoca e l’amicizia con Van Gogh non sono infatti sufficienti a trattenere in Francia l’indole irrequieta dell’artista il quale, ben presto, rifiuta l’idea dell’arte come un “affare da mercanti” destinata a riempire i musei e a diventare il passatempo di un pubblico borghese. L’arte per Gauguin è “lavoro vitale” e non il mezzo di sostentamento dell’artista, la cui piena esistenza si sarebbe potuta realizzare solo lontano dalla civiltà europea corrotta.

La ricerca di un mondo puro e primitivo, dove l’artista possa ritrovare la massima ispirazione, si trasforma però per l’eccelso pittore in una ricerca vana anche nei mari del Sud, dove il colonialismo e la religione erano arrivati a contaminare, snaturandoli, le abitudini e gli stili di vita degli indigeni.

Due esistenze diverse quelle di Flora e Paul, ma accomunate dall’ideale del cambiamento, teso verso la realizzazione di una società svecchiata e affrancata da antichi retaggi e non più ingabbiata nell’immobilismo – a tratti rassicurante – di falsi valori.

Messe sapientemente a confronto dallo scrittore peruviano Mario Vargas Llosa – la cui scrittura seducente scandisce con un ritmo suggestivo tutto il romanzo – il lettore non potrà non avvedersi della distanza tra le due utopie: quella di Flora è una rivoluzione sociale fatta di uomini e per gli uomini, mentre quella di Paul è più privata ed egoistica tutta incentrata sull’artista e sulla sua realizzazione personale.

Comunque il paradiso rivoluzionario, collettivo o privato che sia, esiste, ma non è qui e non ora. Forse, è altrove.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vargas

Mario

Llosa

Libri dallo stesso autore

Intervista a Llosa Mario Vargas


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un vocabolario che comincia con un "abbraccio" e prosegue con "cuore", "dedica", "incontro", "notte", e "piangere" in cui Barthes interviene con il suo sottile ingegno di linguista a collezionare tutti questi discorsi spuri in un unico soliloquio. Per il grande pensatore francese l'amore è un discorso sconvolgente ed egli lo ripercorre attraverso un glossario dove recupera i momenti della "sentimentalità", opposta alla "sessualità", traendoli dalla letteratura occidentale, da Platone a Goethe, dai mistici a Stendhal. Si realizza così un repertorio suffragato da calzanti riferimenti letterari e da obbligati riferimenti psicanalitici sul lessico in uso nell'iniziazione amorosa.

Frammenti di un discorso amoroso

Barthes Roland

Costellazioni di Ilaria Spes

C'è un patrimonio di inestimabile valore nascosto in una lussuosissima villa di Hollywood Heights. Si tratta di una collezione di vini tra i più pregiati e preziosi che si possano trovare sul mercato: Lafite Rothschild, Latour, Margaux, Figeac, Pétrus.Ogni bottiglia vale migliaia di dollari e Danny Roth, un ricco avvocato, le conserva gelosamente lontano da occhi indiscreti. Ma un giorno commette un errore e accetta di parlare dei suoi favolosi esemplari al «Los Angeles Times» per la pagina di enologia. Un peccato di vanità fatale, perché durante la notte di Capodanno qualcuno fa irruzione nella villa e i vini vengono rubati. Per indagare sul furto viene assoldato Sam Leavitt, un investigatore privato dal passato oscuro e rocambolesco: prima ladro-gentiluomo, poi avvocato. Sam è l'unico in grado di risolvere velocemente questa spinosa questione, proprio grazie ai suoi trascorsi non limpidissimi. Per localizzare una refurtiva così preziosa le prime ore sono fondamentali. Ecco perché Sam non perde tempo e inizia subito un viaggio che dai filari di viti della Califomia lo porta fino nei vigneti baciati dal caldo sole del Sud della Francia, a Bordeaux, la capitale mondiale del vino. Qui, aiutato dalla bellissima e misteriosa esperta di vini Sophie Costes, si mette sulle tracce di un ricco collezionista di Marsiglia, Monsieur Reboul. È solo un caso che l'uomo l'anno prima abbia tentato di comprare parecchi dei vini scomparsi? Per scoprirlo Sam e Sophie dovranno addentrarsi nei bui corridoi della cantina di Reboul, anche usando mezzi non del tutto leciti...

IL COLLEZIONISTA DI MARSIGLIA

Mayle Peter

I due protagonisti – e autori – sono fratelli, ma non si frequentano molto, forse nemmeno si sopportano. Adesso però gli tocca stare insieme, almeno per qualche ora: devono dare un’ultima occhiata alla casa di villeggiatura della loro infanzia – la casa nel bosco – prima di consegnare le chiavi al nuovo proprietario. Qui ha inizio un viaggio nella memoria, un inventario buffo e struggente di oggetti, luoghi, odori, storie, sapori: qui ha inizio la riconciliazione. Un memoir a quattro mani che racconta di amicizie perdute, di amori rubati, di vecchi fumetti e di torte di ricotta. Un ricettario, non solo metaforico, dell’infanzia, dell’adolescenza e di un’età adulta ancora capace di riservare sorprese.

La casa nel bosco

Carofiglio Gianrico e Francesco