Narrativa

PAROLA DI CORRADO

Guzzanti Corrado

Descrizione: Lorenzo, padre Pizzarro, Quèlo, il Massone, Vulvia, Aniene e le memorabili interpretazioni di Tremonti, Venditti e Rutelli; queste e altre le voci, vecchie e nuove, di Corrado Guzzanti, raccolte in un unico volume animato da ironia corrosiva e raffinata comicità. Un viaggio satirico attraverso gli ultimi vent'anni di storia italiana, uno specchio del paese immerso nella crisi, un ritratto della sua classe dirigente e dei "mostri" che ne popolano l'apparente normalità, una riflessione sui vizi e i difetti degli italiani attraverso personaggi dall'irresistibile ironia. Una guida completa ai testi dei personaggi di Corrado Guzzanti che contiene il testo completo di "Aniene 2. Molto rigore per nulla" e il meglio delle battute storiche di uno degli attori di satira più amati in Italia.

Categoria: Narrativa

Editore: Fanucci

Collana: TIF Extra

Anno: 2012

ISBN: 9788834719626

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

 

Dal febbraio 1991 al marzo 1993 credo di non essermi perso una sola puntata di “Avanzi”, lo show di comicità e satira intelligente ideato da Valentina Amurri, Linda Brunetta e Serena Dandini (la conduttrice), reduci dal successo de “La TV delle ragazze”. “Avanzi” sta per “scarti”; durante la trasmissione, infatti, trovavano il loro spazio gli “scarti” e gli “scartati” della televisione di stato: artisti scalcinati e senza ingaggio, pubblicità rifiutate, servizi giornalistici di second’ordine. Chi non ricorda le irresistibili imitazioni di Alba Parietti, ad opera di Francesca Reggiani, e le lezioni erotiche che Moana Pozzi (la posizione dell’ostrica viennese!!!), alias Sabina Guzzanti, impartiva a uno stralunato e timido Pierfrancesco Loche?

E poi c’era lui, il fratello di Sabina: Corrado Guzzanti. Nei panni di Rokko Smitherson, “regista de paura”, e nell’imitazione di un nevrastenico e incalzante Gianni Minoli.

Dopo “Avanzi”, Corrado è stato protagonista di altri show televisivi di successo come “Tunnel”, “Pippo Chennedy Show”, “L’ottavo nano” e via via fino agli ultimi “Aniene 1 e 2”. E, di recente, è tornato in libreria con “Parola di Corrado”, una raccolta dei testi comici da lui interpretati nei programmi sopra ricordati.

Il volume si apre con “Il libro de Kipli”, una raccolta di poesie (!) caratterizzate da una struttura ricorrente: il corpo del poemetto affronta un argomento serio (La nuova destra, La loggia, Un amore urbano, L’unità della sinistra, Rideremo di tutto questo…); poi, nell’ultimo verso arriva la battuta: una freddura glaciale o una conclusione feroce e salace, nello stile della satira di Guzzanti. Le poesie sono intervallate da… aforismi (“C’è un giorno per seminare e un giorno per raccogliere… giovedì andrebbe benissimo!”).

Poi si susseguono i personaggi. Ricorderò soltanto quelli a me più cari. 

Come lo studente Lorenzo, l’anti nerd diremmo oggi. Utilizza uno slang personale, il romanesco reinterpretato dagli scarsi neuroni dello stesso Lorenzo. Ove: a laziale è una persona spregevole; macchettestanventà sta per “la tua versione dei fatti è insostenibile”; modella è la donna ideale; membro interno è soltanto un doppio senso; rimorchiella è uno sport estremo da praticare con il motorino agganciandosi al treno della metropolitana …

Le gesta di Lorenzo, scolastiche e non, al suono di “maddechéahò”, e le imprese dell’inseparabile “Carota” scorrono tra crudeltà, ignoranza e qualche incursione nella cultura (“Platone? ‘A filofia sua? A chi tocca, nun s’engrugna!” “E quella di Socrate?” “Basta che respira…”).

All’opposto estremo per quoziente intellettivo, troviamo Vulvia, conduttrice di Rieducational Channel (“Cultura, arte, scienza, genetica e misteri dello spazio… Lo sapevate? Sapevatelo, su Rieducational Channel”). Ha fatto la gavetta (“Si comincia dall’atomo, con tanta, tanta umiltà, poi se va bene piano piano ti fanno annunciare molecola e poi un bacherozzo. E via… via… i meteori!), non senza compromessi (“No, una volta lo pensavo, ma la bellezza non basta, devi proprio andarci a letto!”), e ha una sua deontologia professionale (“…noi facciamo solo programmi, possono piacere o non piacere, ma per cambiare la televisione bisogna andare al negozio”). Nutre inoltre una strana forma di amore-odio per il collega-rivale Alberto Angela (“Uno speleologo! No grazie, è la tomba dell’amore! Come si fa a stare accanto a un uomo che sta sempre dietro ai vasi? Pensa che il cane manco seppellisce più gli ossi sottoterra, tanto lo sa che poi arriva Angela”).

Cito un terzo personaggio: Quelo, il santone (“Io sono solo un messia e porto la parola… la parola di Quelo”), protagonista di “La seconda che hai detto”. Figura magnetica, esoterica, pronto a dirimere – al telefono – complesse questioni religiose, psicologiche e umane. Come il mistero che avvolge l’origine dell’uomo:

Yuri “Pronto? Perché è comparso l’uomo sulla terra?”

Quelo “Perché se l’uomo compare sull’acqua affogava …”

Indimenticabile anche la parodia di Venditti nella canzone: “Grande raccordo anulare”. E le imitazioni di Tremonti e di Rutelli…

Il libro, sicuramente, è meno efficace delle interpretazioni live di Corrado. Ma è un cult, un’occasione per rivivere la sua comicità per chi l’ha seguito in questi anni. Come… 

…Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Corrado

Guzzanti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Guzzanti Corrado


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un liceo, una ragazza e un vampiro irresistibile: non troppo originale come inizio per un romanzo, si potrebbe pensare. Tuttavia questo libro lascia l'orda di fan di Twilight interdetta sin dall'inizio. Jessica Packwood, una semplice liceale patita di matematica, entra nel panico quando, a pochi mesi dal suo diciottesimo compleanno, un ragazzo rumeno, Lucius Vladescu, compare sulla sua soglia per informarla che lui e lei sono entrambi vampiri (appartenenti alle due più potenti e rivali famiglie) e sono promessi sposi sin dalla nascita. Come se non bastasse, i suoi genitori adottivi confermano la versione del ragazzo, ribadendo che anche i suoi veri genitori fossero, di fatto, dei vampiri. Lucius inizia un corteggiamento serrato nei confronti della sua promessa, ma dopo essere stato rifiutato più volte, rivolge le sue attenzioni verso la bellissima cheerleader della scuola. Jessica si trova così a dover lottare per riconquistare il suo principe, evitare una guerra fra vampiri e salvare l'anima del suo Lucius dalla dannazione eterna. Titolo originale: ''Jessica's Guide to Dating on the Dark Side'' (2009).

PROMESSI VAMPIRI

Fantaskey Beth

Quando è giusto distribuire traduzioni non autorizzate?

"Pride and Prejudice" è certamente l'opera più popolare e più famosa di Jane Austen, un vero e proprio "long-seller". Attraverso la storia delle cinque sorelle Bennet e dei loro corteggiatori, lo sguardo acuto della scrittrice, sorretto da un'ironia tanto più spietata quanto più sottile, annota e analizza fatti, incidenti, parole di un microcosmo popolato da personaggi che avranno molto da insegnare a Dickens e Thackeray.

Orgoglio e pregiudizio

Austen Jane

Per settecento anni è rimasto nascosto in un muro dell'abbazia. Poi una scintilla ha scatenato un incendio e il muro è crollato. Stupito, l'abate Menaud sfoglia quel volume impreziosito da disegni di animali e di piante. È scritto in codice, ma le prime parole sono in latino: Io, Barthomieu, monaco dell'abbazia di Ruac, ho duecentoventi anni. E questa è la mia storia. Per migliaia di anni è rimasto immerso nell'oscurità. Poi un'intuizione ha squarciato le tenebre. Incredulo, l'archeologo Luc Simard cammina in quel grandioso complesso di caverne, interamente decorate con splendidi dipinti rupestri. E arriva all'ultima grotta, la più sorprendente, dove sono raffigurate alcune piante: le stesse riprodotte nell'enigmatico manoscritto medievale… Per un tempo indefinibile è rimasto avvolto nel mistero. È stato custodito da santi e da assassini, è stato una fonte di vita e una ragione di morte. Poi un imprevisto ha rischiato di svelarlo agli occhi del mondo. Spietati, gli abitanti di Ruac non hanno dubbi: i forestieri devono essere fermati. Perché la cosa più importante è difendere il loro segreto. A ogni costo.

LA MAPPA DEL DESTINO

Cooper Glenn