Narrativa

PAROLA DI CORRADO

Guzzanti Corrado

Descrizione: Lorenzo, padre Pizzarro, Quèlo, il Massone, Vulvia, Aniene e le memorabili interpretazioni di Tremonti, Venditti e Rutelli; queste e altre le voci, vecchie e nuove, di Corrado Guzzanti, raccolte in un unico volume animato da ironia corrosiva e raffinata comicità. Un viaggio satirico attraverso gli ultimi vent'anni di storia italiana, uno specchio del paese immerso nella crisi, un ritratto della sua classe dirigente e dei "mostri" che ne popolano l'apparente normalità, una riflessione sui vizi e i difetti degli italiani attraverso personaggi dall'irresistibile ironia. Una guida completa ai testi dei personaggi di Corrado Guzzanti che contiene il testo completo di "Aniene 2. Molto rigore per nulla" e il meglio delle battute storiche di uno degli attori di satira più amati in Italia.

Categoria: Narrativa

Editore: Fanucci

Collana: TIF Extra

Anno: 2012

ISBN: 9788834719626

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

 

Dal febbraio 1991 al marzo 1993 credo di non essermi perso una sola puntata di “Avanzi”, lo show di comicità e satira intelligente ideato da Valentina Amurri, Linda Brunetta e Serena Dandini (la conduttrice), reduci dal successo de “La TV delle ragazze”. “Avanzi” sta per “scarti”; durante la trasmissione, infatti, trovavano il loro spazio gli “scarti” e gli “scartati” della televisione di stato: artisti scalcinati e senza ingaggio, pubblicità rifiutate, servizi giornalistici di second’ordine. Chi non ricorda le irresistibili imitazioni di Alba Parietti, ad opera di Francesca Reggiani, e le lezioni erotiche che Moana Pozzi (la posizione dell’ostrica viennese!!!), alias Sabina Guzzanti, impartiva a uno stralunato e timido Pierfrancesco Loche?

E poi c’era lui, il fratello di Sabina: Corrado Guzzanti. Nei panni di Rokko Smitherson, “regista de paura”, e nell’imitazione di un nevrastenico e incalzante Gianni Minoli.

Dopo “Avanzi”, Corrado è stato protagonista di altri show televisivi di successo come “Tunnel”, “Pippo Chennedy Show”, “L’ottavo nano” e via via fino agli ultimi “Aniene 1 e 2”. E, di recente, è tornato in libreria con “Parola di Corrado”, una raccolta dei testi comici da lui interpretati nei programmi sopra ricordati.

Il volume si apre con “Il libro de Kipli”, una raccolta di poesie (!) caratterizzate da una struttura ricorrente: il corpo del poemetto affronta un argomento serio (La nuova destra, La loggia, Un amore urbano, L’unità della sinistra, Rideremo di tutto questo…); poi, nell’ultimo verso arriva la battuta: una freddura glaciale o una conclusione feroce e salace, nello stile della satira di Guzzanti. Le poesie sono intervallate da… aforismi (“C’è un giorno per seminare e un giorno per raccogliere… giovedì andrebbe benissimo!”).

Poi si susseguono i personaggi. Ricorderò soltanto quelli a me più cari. 

Come lo studente Lorenzo, l’anti nerd diremmo oggi. Utilizza uno slang personale, il romanesco reinterpretato dagli scarsi neuroni dello stesso Lorenzo. Ove: a laziale è una persona spregevole; macchettestanventà sta per “la tua versione dei fatti è insostenibile”; modella è la donna ideale; membro interno è soltanto un doppio senso; rimorchiella è uno sport estremo da praticare con il motorino agganciandosi al treno della metropolitana …

Le gesta di Lorenzo, scolastiche e non, al suono di “maddechéahò”, e le imprese dell’inseparabile “Carota” scorrono tra crudeltà, ignoranza e qualche incursione nella cultura (“Platone? ‘A filofia sua? A chi tocca, nun s’engrugna!” “E quella di Socrate?” “Basta che respira…”).

All’opposto estremo per quoziente intellettivo, troviamo Vulvia, conduttrice di Rieducational Channel (“Cultura, arte, scienza, genetica e misteri dello spazio… Lo sapevate? Sapevatelo, su Rieducational Channel”). Ha fatto la gavetta (“Si comincia dall’atomo, con tanta, tanta umiltà, poi se va bene piano piano ti fanno annunciare molecola e poi un bacherozzo. E via… via… i meteori!), non senza compromessi (“No, una volta lo pensavo, ma la bellezza non basta, devi proprio andarci a letto!”), e ha una sua deontologia professionale (“…noi facciamo solo programmi, possono piacere o non piacere, ma per cambiare la televisione bisogna andare al negozio”). Nutre inoltre una strana forma di amore-odio per il collega-rivale Alberto Angela (“Uno speleologo! No grazie, è la tomba dell’amore! Come si fa a stare accanto a un uomo che sta sempre dietro ai vasi? Pensa che il cane manco seppellisce più gli ossi sottoterra, tanto lo sa che poi arriva Angela”).

Cito un terzo personaggio: Quelo, il santone (“Io sono solo un messia e porto la parola… la parola di Quelo”), protagonista di “La seconda che hai detto”. Figura magnetica, esoterica, pronto a dirimere – al telefono – complesse questioni religiose, psicologiche e umane. Come il mistero che avvolge l’origine dell’uomo:

Yuri “Pronto? Perché è comparso l’uomo sulla terra?”

Quelo “Perché se l’uomo compare sull’acqua affogava …”

Indimenticabile anche la parodia di Venditti nella canzone: “Grande raccordo anulare”. E le imitazioni di Tremonti e di Rutelli…

Il libro, sicuramente, è meno efficace delle interpretazioni live di Corrado. Ma è un cult, un’occasione per rivivere la sua comicità per chi l’ha seguito in questi anni. Come… 

…Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Corrado

Guzzanti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Guzzanti Corrado

Un ragazzo è affetto da una strana sindrome: soffre di empatia, è capace di immedesimarsi nelle storie degli altri. Inizia così un viaggio nel mondo del possibile, nel labirinto dei sentimenti mai provati, delle cose mai accadute eppure reali più del reale stesso. Questo "io" coraggioso e impertinente va e viene dal passato, fa incursione in un futuro di cui abbiamo già nostalgia, e ritorna con un inventario di storie sull'autunno del mondo, sui Minotauri rinchiusi in ognuno di noi, sulle particelle elementari del rimpianto, sul sublime che può essere ovunque.

FISICA DELLA MALINCONIA

Gospodinov Georgi

Due ragazzi sedicenni frequentano la stessa scuola esclusiva. L'uno è figlio di un medico ebreo, l'altro è di ricca famiglia aristocratica. Tra loro nasce un'amicizia del cuore, un'intesa perfetta e magica. Un anno dopo, il loro legame è spezzato. Questo accade in Germania, nel 1933... Racconto di straordinaria finezza e suggestione, L'amico ritrovato è apparso nel 1971 negli Stati Uniti ed è poi stato pubblicato in Inghilterra, Francia, Olanda, Svezia, Norvegia, Danimarca, Spagna, Germania, Israele, Portogallo. Ovunque lo stesso entusiasmo della critica. "Un'opera letteraria rara", l'ha definito George Steiner sul New Yorker, "Un capolavoro", ha scritto Arthur Koestler nell'introduzione all'edizione inglese del 1976. "Un libro che assilla la memoria... una gemma", "Un racconto magistrale", hanno fatto eco The Sunday Express e The Financial Times di Londra. E infine Le Monde di Parigi: "Uno dei testi più densi e più puri sugli anni del nazismo in Germania... Tra i romanzi più belli che si possano raccomandare ai lettori, dai dodici anni in su. Senza esitazione."

L’amico ritrovato

Uhlman Fred

IL RITRATTO DEL DIAVOLO

Barrili Anton Giulio

"È la storia di un uomo e di sua moglie, di come diventano genitori di un bellissimo bambino": questa - per usare le parole di Fante in una lettera alla madre - l'idea portante di "Full of life". Ma, come in tutti i romanzi del grande narratore americano, è molto difficile riassumere le invenzioni, l'ironia, le meraviglie della sua scrittura: si può solo goderne il divertimento e la forza che la ispirano. Pubblicato nel 1952 e qualche anno dopo adattato per il cinema (con tanto di nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura), è il libro più comico e autobiografico scritto da John Fante, il suo ultimo romanzo prima del lungo silenzio durato oltre venticinque anni. E dunque ecco John e sua moglie Joyce alle prese con l'arrivo del loro primo figlio, l'improvviso attacco di una schiera di voraci termiti alla loro casa di Los Angeles, il soccorso di papà Nick, il "più grande muratore della California", e ancora una serie interminabile di piccole disavventure e litigate, tra lacrime, sorrisi, crisi mistiche e formidabili bevute di vino.

Full of life (Una vita piena)

Fante John