Narrativa

PASSIONE VINTAGE

Wolff Isabella

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Leggereditore

Collana:

Anno: 2011

ISBN:

Recensito da Laura Barbieri

Le Vostre recensioni

… Ciò che amo davvero degli abiti vintage… è il fatto che contengano la storia personale di qualcuno… Mi ritrovo a farmi domande sulle loro vite. Non riesco mai a guardare un capo, come questo tailleur… senza pensare alla donna che lo possedeva. Quanti anni aveva? Lavorava? Era sposata? Era felice?…”.

Se, come me, non avete molta dimestichezza con il mondo della moda vintage, vi consiglio di intervallare la lettura di questo romanzo con la ricerca su internet delle immagini degli abiti degli stilisti citati da Isabel Wolff in modo davvero preciso. Vi si aprirà un mondo incredibile e scintillante, dove la raffinatezza e il lusso vanno di pari passo con l’originalità e l’abilità nel trasformare stoffe in abiti che sono veri e propri capolavori. Emilio Pucci, Ossie Clark, Biba, Jean Muir, Balenciaga, Valentino, Madame Grès… Nomi di stilisti che hanno fatto la storia della moda, nomi di sarti che sapevano usare le proprie mani per creare abiti unici. Preparatevi, perché dopo la lettura di Passione Vintage, smanierete per andare a rovistare in qualche negozio specializzato o anche solo in un qualche mercatino dell’usato in cerca del vostro “pezzo unico”.

Il romanzo della Wolff non è ovviamente solo questo. Si tratta di un romanzo delicato e commovente, un romanzo sull’importanza dell’amicizia e sulla difficoltà di gestire relazioni affettive importanti quando ci si deve mettere in gioco sul serio e quando, inevitabili, emergono le piccolezze e gli egoismi che non riusciamo a tenere a bada. Phoebe ha perso Emma e sente forte il senso di colpa per non avere capito quanto la sua amica più cara avesse avuto bisogno di lei e della sua presenza. La signora Bell ha tradito, senza volerlo, Monique in un momento storico in cui una simile leggerezza poteva costare la vita. Ecco però che il destino, o il caso, offre ad entrambe una seconda possibilità: avvicinarsi, conoscersi, confessare finalmente il proprio dolore e il proprio tormento con la sicurezza di non essere giudicate ma solo comprese. Aiutando la signora Bell a scoprire la vera sorte di Monique, deportata in un campo di concentramento nazista, Phoebe affronta i fantasmi del proprio passato, riesce a perdonarsi, a trovare la forza di guardare alla propria vita con nuovo entusiasmo, con un desiderio rinnovato di amare e di essere amata.

“Passione Vintage” è un romanzo davvero piacevole e una lettura che coinvolge fin dalla prima pagina. L’autrice, Isabel Wolff, è stata paragonata a scrittrici del calibro di Marian Keyes e Cecilia Ahern.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Isabella

Wolff

Libri dallo stesso autore

Intervista a Wolff Isabella


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Stefan Zweig scrisse Novella degli scacchi nel 1941, pochi mesi prima di suicidarsi, insieme con la seconda moglie, nella città brasiliana di Petropolis, il 22 febbraio 1942. La notizia della sua morte fu soffocata da quelle provenienti dai fronti di guerra e così anche la sua ultima, disperata protesta, non fu che un flebile grido, quasi inudibile nel frastuono di quegli anni. Nella Novella degli scacchi lo stato d'animo di abbandono, di infinita stanchezza, di rinuncia alla lotta, che portò l'autore al suicidio, è prefigurato nella sconfitta di colui che rappresenta la sensibilità, l'intelligenza, la cultura per opera di un semianalfabeta, ottuso uomo-robot. E, a rendere ancora più crudele la disfatta dello spirito, Zweig scelse come terreno dello scontro una scacchiera. Dallo sfacelo della sua «geistigen Heimat Europa», della sua patria spirituale, l'Europa, Zweig non vuole salvare nemmeno il gioco degli scacchi, ormai appannaggio non più di uomini dotati di talento, estro, passione, ma di «campioni» come Czentovic, un rozzo quanto prodigioso accumulo di facoltà puramente meccaniche.

LA NOVELLA DEGLI SCACCHI

Stefan Zweig

Elf è sempre stata la più bella. Ha stile, idee geniali, ti fa morir dal ridere; le capitali del mondo la ricoprono allegramente di dollari per farle suonare il pianoforte e gli uomini si innamorano perdutamente di lei. Yoli è la sorella squinternata. Ha messo al mondo figli con padri diversi, ha un amante avvocato, se si rompe la macchina fa sesso con il meccanico, ha il conto sempre in rosso e una carriera mancata. E cos’è adesso questa storia che Elf vuole morire? Proprio in questo momento, poi, a due settimane da un’importantissima tournée. “Elfie, ma ti rendi conto di quanto mi mancheresti?” Quali sono le cose giuste da dire per salvare una vita? Yoli la prende in giro, la consola, la sgrida, aggredisce lo psichiatra dell’ospedale, cammina lungo il fiume tumultuoso del disgelo, non sa più che pesci pigliare. Cospira con la madre, con zia Tina, con il tenero marito scienziato di Elf, con Claudio, il suo agente italiano, e tra cene alcoliche, sms di figli ed ex mariti, sorrisi e ultime frontiere del pianto, lottano tutti per convincere Elf a restare. E in questo lungo duello di parole, carezze, umorismo nero si celebra la grazia e l’energia che occorrono per accettare il dono fragile della vita. Scritto per dare forma a un dolore vero, I miei piccoli dispiaceri è un’esplosione di intelligenza, comicità e calore.

I miei piccoli dispiaceri di Miriam Toews

Toews Miriam

La prima volta che Teresa li vede stanno facendo il bagno in piscina, nudi, di nascosto. Lei li spia dalla finestra. Le sembrano liberi e selvaggi. Sono tre intrusi, dice suo padre. O tre ragazzi e basta, proprio come lei. Bern. Tommaso. Nicola. E Teresa che li segue, li studia, li aspetta. Teresa che si innamora di Bern. In lui c'è un'inquietudine che lei non conosce, la nostalgia per un'idea assoluta in cui credere: la religione, la natura, un figlio. Sono uno strano gruppo di randagi, fratelli non di sangue, ciascuno con un padre manchevole, carichi di nostalgia per quello che non hanno mai avuto. Il corpo li guida e li stravolge: la passione, la fatica, le strade tortuose e semplici del desiderio. Il corpo è il veicolo fragile e forte della loro violenta aspirazione al cielo. E la campagna pugliese è il teatro di questa storia che attraversa vent'anni, quattro vite, un amore. Coltivare quella terra rossa, curare gli ulivi, sgusciare montagne di mandorle, un anno dopo l'altro, fino a quando Teresa rimarrà la sola a farlo. Perché il giro delle stagioni è un potente ciclo esistenziale, e la masseria il centro esatto del mondo.

Divorare il cielo

Giordano Paolo

Caligola. Impero e follia (dialogando con l’autore)

Forte Franco