Giallo - thriller - noir

Pasticcio padano

Conventi Gaia

Descrizione: Ferrara attende il Natale, la neve copre i marciapiedi del centro storico e le tracce dei rapitori di Iago, factotum alla Libreria Girondi. Luchino - ex fotografo della Scientifica di Milano - e il pastore belga Poirot saranno costretti a intervenire nell'affannosa ricerca. Quale segreto si nasconde tra i volumi di seconda mano dei Girondi e tra le rughe degli strambi abitanti di casa de Bon? Riuscirà la questura ferrarese a ritrovare l'uomo scomparso e a rimettere ordine tra le tante comparse? Una vicenda on the road nella fredda provincia farà luce su trame di potere e trame letterarie. Un romanzo in cui fanno capolino altri romanzi, una caccia al tesoro a bordo di un Fiorino, una città addobbata a festa.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Le Mezzelane

Collana: Enigmi

Anno: 2018

ISBN: 9788833280837

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Qual è la ricetta del Pasticcio padano inventata da Gaia Conventi?

Nell’epoca del trionfo di programmi televisivi culinari nei quali chef e cuochi si atteggiano a divinità che contendono a influencer e opinion leader l’altare di una nuova idolatria, Gaia Conventi combina il suo Pasticcio padano  con gli strumenti che le sono congeniali: carta e penna, una buona dose di umorismo, tanta energia, l’amore per la sua città e per i dintorni di Ferrara.

Ma quali sono gli ingredienti di questa ricetta che promette di compiacere prima l’olfatto e poi il gusto?
Provo a sintetizzarli con le tonalità e lo schema di un programma radiofonico che, nella mattinata, cerchi di fornire qualche spunto alla casalinga che non sappia cosa cucinare a mezzogiorno.

Prendete un eroe nostrano che abbia già dato prova di abilità solutorie nel precedente Giallo di zucca: sì, proprio lui, Luchino (“Ora faccio il fotografo divorzista, e detta così suona anche bene”), il nipote dei librai Girondi, il padrone del pastore belga Poirot, che con il suo cane parla per condividere una recente delusione amorosa (“Poi ne parliamo, poi ti spiego ancora una volta perché Mary e la tua dalmatina se ne sono andate”).

Aggiungete due gaglioffi (Carlo e “L’Imbecille… a lui i libri sembrano sempre troppi”) che, fame coacti come la volpe di Fedro, vengono ingaggiati per un rapimento decisamente anomalo, tutto da ridere (“Questo ha una paura tale… e ripensa a Iago, che pare divertirsi come un bambino in giostra…”), ma con una finalità ben precisa (“Ci serve il libro dei monaci e della biblioteca, quello dove muoiono in tanti”).

Unite l’oggetto del rapimento aka ratto (“Siamo incappati in un rapito piuttosto collaborativo”) pensando alle Sabine, sempre per cavalcare l’onda della classicità. Ma qui il rapito, delle Sabine – forse – ha soltanto, ehm, la verginità. Sto parlando dell’aiutante libraio Iago, che non brilla per prestanza fisica (“In quella pellicola Marty Feldman assomiglia a Iago. Più in bello”), ma sa essere creativo (“Dici che Iago si diverte a comporre poesie coi dorsi dei volumi?”).

Amalgamate gli ingredienti con una famiglia nobiliare di conti (“I de Bon… per capire se il conte stia rischiando di cadere nelle braccia sbagliate”), dediti parimenti a lotte dinastico-ereditarie, ludopatia e vizi vari (“Ulisse si accende l’ennesimo calumet della pace”).

Impastate tutto con le gesta del figlio dei librai Girondi, il Pierfilippo (“La laurea l’ha recuperata col retino da farfalle”) che con i suoi compagni di merende decide di giocare al’investigatore.

Cuocete, poi lasciate raffreddare e servite sul tavolo dei gialli italiani, che pullulano di commissari e ispettori (ne abbiamo almeno uno in ogni capoluogo di provincia!) belli, dannati, tenebrosi, tormentati, perspicaci, affascinanti, contesi,  visionari e chi più ne ha, più ne metta.
Un tavolo ove il giallo comico dell’autrice del Tris estense (cliccate sul link per visitare la pagina dedicata alla trilogia) – il giallo comico, questo sconosciuto – non s’è mai visto.

Ecco, ora potete finalmente gustare il romanzo di Gaia Conventi.
Ah, dimenticavo: un cenno sul ristorante! Il locale pentastellato (come il neo-governo nato da un parto dolorosissimo!) è la Ferrara tanto cara all’autrice: così ricca di storia, con i Lidi Estensi, il faro di Goro, il delta del Po e l’atmosfera magica che Gaia s’impegna a demistificare con l’umorismo, senza tuttavia riuscire minimamente a nascondere il proprio pazzo amore per la sua terra…
Al Lido di Volano… la neve ha deciso di battezzare nuovamente la costa. Farfalline candide danzano sulla spiaggia vuota, priva di vita balneare. Sul margine dell’arenile, dove la risacca fa il proprio dovere nonostante la mancanza di bagnanti, il mare porta a riva rami d’albero e rimasugli di vita marina.”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

“Pasticcio padano”, la recensione di Bruno Elpis su I-Libri | giramenti

[…] La rece è QUI. […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gaia

Conventi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Conventi Gaia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Io guidavo e Vittorio stava seduto davanti, vicino a me. Divorava tutto con gli occhi, il suo sguardo attraeva a sè le facciate delle case, i pochi alberi, le persone. Rimaneva per lo più zitto. Solo a un certo punto ha detto di avere fame e poco dopo ha aggiunto, parlando a bassa voce senza staccare gli occhi dal finestrino, che doveva trovare il modo di dare un senso a quello che gli era successo. un senso estetico, ha detto ancora.

PICCOLO TESTAMENTO

Dadati Gabriele

Un albero ghiacciato, di un rosso vivo, pulsante, intriso di sangue. È la prima immagine che appare a don Ermete, Zeno e Sauro. Una strage indicibile si è consumata ai piedi di quell’albero, e solo una prodigiosa nevicata ha lenito l’orrore di quegli undici corpi straziati da undici cause di morte diverse, avvenute contemporaneamente, in un lampo. I quarantadue abitanti di Borgo San Giuda, travolti dall’onda d’urto di quel massacro, si ritrovano al centro del mondo mediatico. Semplici testimoni del male, diventano i protagonisti dimenti-cati di questa storia, e tutti insieme scivolano nella follia. Don Ermete non può abbandonare la sua gente e insieme a Giovanna Gassion, giovane psichiatra della ASL in fuga da un amore finito, cercherà in tutti i modi di mettere in salvo quel mondo di poche anime perse e mute, che sembrano lontanissime ma che in realtà siamo noi. Pagina dopo pagina sembrerà di essere lì a calcare forte il passo per non essere spazzati via da quel vento che tira gelido e senza sosta, di entrare in quelle case modeste dove germina la follia, di incrociare quegli sguardi disperati e soli, e infine di sentirsi lievi e salvi, una volta arresi davanti al mistero. X e Y, uomo e donna, fede e scienza, si incontrano e si scontrano fin quasi a sovrapporsi in un’eroica liberazione dalla dittatura della ragione, umiliata dall’assurda danza del male.

XY

Veronesi Sandro

"Non è vero che la patria si difende senza discutere; la si difende discutendola, così come è discutendo la nostra società borghese e denunziandone noi stessi i difetti e le debolezze che la si puntella”. Per il principe del giornalismo nostrano, Indro Montanelli, era questa “l’unica manifestazione veramente producente di patriottismo e di solidarietà”. Per un atto di profondo amore nei confronti di questa Italia malandata, Mariano Sabatini è andato in ricognizione di quel mondo parallelo, e per lo più sconosciuto ai lettori italiani, che è rappresentato dai corrispondenti stranieri che vivono nelle nostre città. L’ampia rassegna de L’Italia s’è mesta compone un ritratto sentimentale, o se si vuole emotivo, della nostra nazione attraverso i racconti dei giornalisti d’oltreconfine: qual è stata la prima impressione che hanno avuto arrivando in Italia, come ci vivono, quali motivi di scontento o di entusiasmo li anima; che giudizio danno di Berlusconi e del berlusconismo o dell’invadenza della Chiesa nella politica italiana; se pensano che la sinistra saprà trovare una fortunata via di risalita. Le “firme” di Itar-Tass, Arte, The Herald, Business week, Frankfurter Allgemeine Zeitung, El Mundo, Le Figaro, CNN, BBC, Nouvel Observateur, etc., dicono la loro sulle affezioni del Palazzo; le aberrazioni di una tv sempre più becera, volgare, faziosa; i tagli alla cultura e gli attacchi dei ministri Brunetta e Bondi ai cineasti italiani; il baratro su cui pencolano scuola, università e ricerca italiane… E se davvero l'Italia s’è mesta perché dell’elmo di Silvio s’è cinta la testa avremo, forse, alla fine di questo ideale viaggio anche la medicina per tornare a destarla.

L’Italia s’è mesta

Sabatini Mariano

Claude, giunto a Parigi, trova una vita diversa da quella che aveva sempre immaginato passeggiando con i suoi amici sotto il sole della Provenza. A fargli compagnia il freddo, la fame e un quaderno, su cui annota le proprie impressioni e sentimenti; e ad acuire il suo malessere la solitudine e la mancanza di qualcuno da amare e con cui condividere la sua miserabile esistenza. Ma ecco che Laurence, una ragazza precocemente invecchiata a causa di una vita di dissolutezze e di stenti, irrompe prepotentemente nella sua vita e Claude decide di salvarla dalla sua sciagurata esistenza. "La confessione di Claude" è un romanzo autobiografico, in cui Zola racconta i primi e difficili anni della sua vita parigina. Pubblicato nel 1865, il libro attirò le attenzioni della polizia francese per la sordida ambientazione delle vicende e per lo stesso motivo lo scrittore venne ripudiato dall'editore Hachette.

La confessione di Claude

Zola Emile