Giallo - thriller - noir

Pasticcio padano

Conventi Gaia

Descrizione: Ferrara attende il Natale, la neve copre i marciapiedi del centro storico e le tracce dei rapitori di Iago, factotum alla Libreria Girondi. Luchino - ex fotografo della Scientifica di Milano - e il pastore belga Poirot saranno costretti a intervenire nell'affannosa ricerca. Quale segreto si nasconde tra i volumi di seconda mano dei Girondi e tra le rughe degli strambi abitanti di casa de Bon? Riuscirà la questura ferrarese a ritrovare l'uomo scomparso e a rimettere ordine tra le tante comparse? Una vicenda on the road nella fredda provincia farà luce su trame di potere e trame letterarie. Un romanzo in cui fanno capolino altri romanzi, una caccia al tesoro a bordo di un Fiorino, una città addobbata a festa.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Le Mezzelane

Collana: Enigmi

Anno: 2018

ISBN: 9788833280837

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Qual è la ricetta del Pasticcio padano inventata da Gaia Conventi?

Nell’epoca del trionfo di programmi televisivi culinari nei quali chef e cuochi si atteggiano a divinità che contendono a influencer e opinion leader l’altare di una nuova idolatria, Gaia Conventi combina il suo Pasticcio padano  con gli strumenti che le sono congeniali: carta e penna, una buona dose di umorismo, tanta energia, l’amore per la sua città e per i dintorni di Ferrara.

Ma quali sono gli ingredienti di questa ricetta che promette di compiacere prima l’olfatto e poi il gusto?
Provo a sintetizzarli con le tonalità e lo schema di un programma radiofonico che, nella mattinata, cerchi di fornire qualche spunto alla casalinga che non sappia cosa cucinare a mezzogiorno.

Prendete un eroe nostrano che abbia già dato prova di abilità solutorie nel precedente Giallo di zucca: sì, proprio lui, Luchino (“Ora faccio il fotografo divorzista, e detta così suona anche bene”), il nipote dei librai Girondi, il padrone del pastore belga Poirot, che con il suo cane parla per condividere una recente delusione amorosa (“Poi ne parliamo, poi ti spiego ancora una volta perché Mary e la tua dalmatina se ne sono andate”).

Aggiungete due gaglioffi (Carlo e “L’Imbecille… a lui i libri sembrano sempre troppi”) che, fame coacti come la volpe di Fedro, vengono ingaggiati per un rapimento decisamente anomalo, tutto da ridere (“Questo ha una paura tale… e ripensa a Iago, che pare divertirsi come un bambino in giostra…”), ma con una finalità ben precisa (“Ci serve il libro dei monaci e della biblioteca, quello dove muoiono in tanti”).

Unite l’oggetto del rapimento aka ratto (“Siamo incappati in un rapito piuttosto collaborativo”) pensando alle Sabine, sempre per cavalcare l’onda della classicità. Ma qui il rapito, delle Sabine – forse – ha soltanto, ehm, la verginità. Sto parlando dell’aiutante libraio Iago, che non brilla per prestanza fisica (“In quella pellicola Marty Feldman assomiglia a Iago. Più in bello”), ma sa essere creativo (“Dici che Iago si diverte a comporre poesie coi dorsi dei volumi?”).

Amalgamate gli ingredienti con una famiglia nobiliare di conti (“I de Bon… per capire se il conte stia rischiando di cadere nelle braccia sbagliate”), dediti parimenti a lotte dinastico-ereditarie, ludopatia e vizi vari (“Ulisse si accende l’ennesimo calumet della pace”).

Impastate tutto con le gesta del figlio dei librai Girondi, il Pierfilippo (“La laurea l’ha recuperata col retino da farfalle”) che con i suoi compagni di merende decide di giocare al’investigatore.

Cuocete, poi lasciate raffreddare e servite sul tavolo dei gialli italiani, che pullulano di commissari e ispettori (ne abbiamo almeno uno in ogni capoluogo di provincia!) belli, dannati, tenebrosi, tormentati, perspicaci, affascinanti, contesi,  visionari e chi più ne ha, più ne metta.
Un tavolo ove il giallo comico dell’autrice del Tris estense (cliccate sul link per visitare la pagina dedicata alla trilogia) – il giallo comico, questo sconosciuto – non s’è mai visto.

Ecco, ora potete finalmente gustare il romanzo di Gaia Conventi.
Ah, dimenticavo: un cenno sul ristorante! Il locale pentastellato (come il neo-governo nato da un parto dolorosissimo!) è la Ferrara tanto cara all’autrice: così ricca di storia, con i Lidi Estensi, il faro di Goro, il delta del Po e l’atmosfera magica che Gaia s’impegna a demistificare con l’umorismo, senza tuttavia riuscire minimamente a nascondere il proprio pazzo amore per la sua terra…
Al Lido di Volano… la neve ha deciso di battezzare nuovamente la costa. Farfalline candide danzano sulla spiaggia vuota, priva di vita balneare. Sul margine dell’arenile, dove la risacca fa il proprio dovere nonostante la mancanza di bagnanti, il mare porta a riva rami d’albero e rimasugli di vita marina.”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

“Pasticcio padano”, la recensione di Bruno Elpis su I-Libri | giramenti

[…] La rece è QUI. […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gaia

Conventi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Conventi Gaia

Caligola. Impero e follia (dialogando con l’autore)

Forte Franco

Dopo anni di lavoro totalizzante in un’importante società di eventi, Nina viene lasciata a casa. Disoccupata, cinica e piena di pregiudizi, circoscrive la vita entro i confini del suo condominio a ringhiera, mantenendo però una florida e fittizia routine tra chat e social network: più del senso di vuoto, è l'onta della disoccupazione a toglierle il sonno. Indolente, trascorre le giornate a osservare i condomini, punti di riferimento di un mondo intimo ma che sente lontano. Fin quando la sua attenzione si concentra su una vicina da sempre scostante, diventata improvvisamente perno silente e misterioso di un gineceo di tre anziane: la smilza, la leopardata e la forzuta.

Le affacciate

Perali Caterina

Dieci minuti al giorno. Tutti i giorni. Per un mese. Dieci minuti per fare una cosa nuova, mai fatta prima. Dieci minuti fuori dai soliti schemi. Per smettere di avere paura. E tornare a vivere. Tutto quello con cui Chiara era abituata a identificare la sua vita non esiste più. Perché, a volte, capita. Capita che il tuo compagno di sempre ti abbandoni. Che tu debba lasciare la casa in cui sei cresciuto. Che il tuo lavoro venga affidato a un altro. Che cosa si fa, allora? Rudolf Steiner non ha dubbi: si gioca. Chiara non ha niente da perdere, e ci prova. Per un mese intero, ogni giorno, per almeno dieci minuti, decide di fare una cosa nuova, mai fatta prima. Lei che è incapace anche solo di avvicinarsi ai fornelli, cucina dei pancake, cammina di spalle per la città, balla l'hip-hop, ascolta i problemi di sua madre, consegna il cellulare a uno sconosciuto. Di dieci minuti in dieci minuti, arriva così ad accogliere realtà che non avrebbe mai immaginato e che la porteranno a scelte sorprendenti. Da cui ricominciare. Con la profonda originalità che la contraddistingue, Chiara Gamberale racconta quanto il cambiamento sia spaventoso, ma necessario. E dimostra come, un minuto per volta, sia possibile tornare a vivere.

Per dieci minuti

Gamberale Chiara

Sullo sfondo di una Lione degli anni sessanta, le vite di Jean ed Eloise vengono intrecciate da un filo invisibile e allo stesso tempo separate da un muro sottile, che divide i loro appartamenti un tempo uniti. Non si conoscono, eppure la vita dell'uno entra in quella dell'altra attraverso i suoni, i rumori e le parole che il muro lascia filtrare. Sono anime logorate dalla solitudine, dall'attesa dei rispettivi amori e oscurate dalle loro esistenze, come il sole a mezzanotte.

Come il sole a mezzanotte

Warner Jason