Giallo - thriller - noir

Pasticcio padano

Conventi Gaia

Descrizione: Ferrara attende il Natale, la neve copre i marciapiedi del centro storico e le tracce dei rapitori di Iago, factotum alla Libreria Girondi. Luchino - ex fotografo della Scientifica di Milano - e il pastore belga Poirot saranno costretti a intervenire nell'affannosa ricerca. Quale segreto si nasconde tra i volumi di seconda mano dei Girondi e tra le rughe degli strambi abitanti di casa de Bon? Riuscirà la questura ferrarese a ritrovare l'uomo scomparso e a rimettere ordine tra le tante comparse? Una vicenda on the road nella fredda provincia farà luce su trame di potere e trame letterarie. Un romanzo in cui fanno capolino altri romanzi, una caccia al tesoro a bordo di un Fiorino, una città addobbata a festa.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Le Mezzelane

Collana: Enigmi

Anno: 2018

ISBN: 9788833280837

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Qual è la ricetta del Pasticcio padano inventata da Gaia Conventi?

Nell’epoca del trionfo di programmi televisivi culinari nei quali chef e cuochi si atteggiano a divinità che contendono a influencer e opinion leader l’altare di una nuova idolatria, Gaia Conventi combina il suo Pasticcio padano  con gli strumenti che le sono congeniali: carta e penna, una buona dose di umorismo, tanta energia, l’amore per la sua città e per i dintorni di Ferrara.

Ma quali sono gli ingredienti di questa ricetta che promette di compiacere prima l’olfatto e poi il gusto?
Provo a sintetizzarli con le tonalità e lo schema di un programma radiofonico che, nella mattinata, cerchi di fornire qualche spunto alla casalinga che non sappia cosa cucinare a mezzogiorno.

Prendete un eroe nostrano che abbia già dato prova di abilità solutorie nel precedente Giallo di zucca: sì, proprio lui, Luchino (“Ora faccio il fotografo divorzista, e detta così suona anche bene”), il nipote dei librai Girondi, il padrone del pastore belga Poirot, che con il suo cane parla per condividere una recente delusione amorosa (“Poi ne parliamo, poi ti spiego ancora una volta perché Mary e la tua dalmatina se ne sono andate”).

Aggiungete due gaglioffi (Carlo e “L’Imbecille… a lui i libri sembrano sempre troppi”) che, fame coacti come la volpe di Fedro, vengono ingaggiati per un rapimento decisamente anomalo, tutto da ridere (“Questo ha una paura tale… e ripensa a Iago, che pare divertirsi come un bambino in giostra…”), ma con una finalità ben precisa (“Ci serve il libro dei monaci e della biblioteca, quello dove muoiono in tanti”).

Unite l’oggetto del rapimento aka ratto (“Siamo incappati in un rapito piuttosto collaborativo”) pensando alle Sabine, sempre per cavalcare l’onda della classicità. Ma qui il rapito, delle Sabine – forse – ha soltanto, ehm, la verginità. Sto parlando dell’aiutante libraio Iago, che non brilla per prestanza fisica (“In quella pellicola Marty Feldman assomiglia a Iago. Più in bello”), ma sa essere creativo (“Dici che Iago si diverte a comporre poesie coi dorsi dei volumi?”).

Amalgamate gli ingredienti con una famiglia nobiliare di conti (“I de Bon… per capire se il conte stia rischiando di cadere nelle braccia sbagliate”), dediti parimenti a lotte dinastico-ereditarie, ludopatia e vizi vari (“Ulisse si accende l’ennesimo calumet della pace”).

Impastate tutto con le gesta del figlio dei librai Girondi, il Pierfilippo (“La laurea l’ha recuperata col retino da farfalle”) che con i suoi compagni di merende decide di giocare al’investigatore.

Cuocete, poi lasciate raffreddare e servite sul tavolo dei gialli italiani, che pullulano di commissari e ispettori (ne abbiamo almeno uno in ogni capoluogo di provincia!) belli, dannati, tenebrosi, tormentati, perspicaci, affascinanti, contesi,  visionari e chi più ne ha, più ne metta.
Un tavolo ove il giallo comico dell’autrice del Tris estense (cliccate sul link per visitare la pagina dedicata alla trilogia) – il giallo comico, questo sconosciuto – non s’è mai visto.

Ecco, ora potete finalmente gustare il romanzo di Gaia Conventi.
Ah, dimenticavo: un cenno sul ristorante! Il locale pentastellato (come il neo-governo nato da un parto dolorosissimo!) è la Ferrara tanto cara all’autrice: così ricca di storia, con i Lidi Estensi, il faro di Goro, il delta del Po e l’atmosfera magica che Gaia s’impegna a demistificare con l’umorismo, senza tuttavia riuscire minimamente a nascondere il proprio pazzo amore per la sua terra…
Al Lido di Volano… la neve ha deciso di battezzare nuovamente la costa. Farfalline candide danzano sulla spiaggia vuota, priva di vita balneare. Sul margine dell’arenile, dove la risacca fa il proprio dovere nonostante la mancanza di bagnanti, il mare porta a riva rami d’albero e rimasugli di vita marina.”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

“Pasticcio padano”, la recensione di Bruno Elpis su I-Libri | giramenti

[…] La rece è QUI. […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gaia

Conventi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Conventi Gaia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Non si cura per quello che si sa o che si crede di sapere. Si cura e si può soltanto curare per quello che si è!". Sono le parole del magistrato a Giulia, giovane chirurgo in carriera, dopo un tragico incidente segnato dall'arroganza del suo sapere. Fino a quel momento Giulia è stata tutto: bella, determinata, rampante con la spocchia di un cognome che conta. Per lei il malato non è stato mai il fine, ma soltanto un mezzo per dimostrare la sua abilità in sala operatoria, per tenere alta la media dei suoi successi. Poi l'incidente di percorso, l'umiliazione del tribunale, il riaffiorare di altre tragiche vicende. È un mondo che crolla, che le fa il vuoto intorno, la umilia, mette a nudo le sue fragilità, la spinge a Grado, nella villa di famiglia, al riparo dalle ansie della madre e dai maldestri tentativi del marito di starle accanto, e dove ritrova casualmente Paolo, il cugino fidato, il compagno di giochi di un tempo. Villa Flavia è piena di ricordi per entrambi: le faide di famiglia, i primi amori di lei, le sue minigonne, quella spider rossa in attesa al cancello ogni sera, e lui che aspettava il suo rientro fino a notte fonda, disposto ad amarla "anche soltanto per amore".

L’ARROGANZA DEL CUORE

Calandra Claudio

Sette racconti

Atti di adorazione

Mishima Yukio

Gideon Cross. Innamorarmi di lui è stata la cosa più semplice che mi sia mai capitata. È successo istantaneamente. Completamente. Irrevocabilmente. Sposarlo è stato un sogno. Rimanere con lui sarà la sfida della mia vita. L’amore è trasformazione. Il nostro è sia un rifugio che la più violenta delle tempeste. Due anime ferite legate insieme. Abbiamo condiviso i più profondi e inconfessabili segreti. Gideon è lo specchio che riflette tutte le mie debolezze e tutta la bellezza che non riesco a vedere in me. Lui mi ha dato tutto. Ora devo essere io quella forte, devo dimostrare di essere per lui un sostegno come lui lo è stato per me. Insieme possiamo affrontare chi sta cercando di mettersi così crudelmente tra di noi. Anche se la battaglia più dura sarà quella che intraprenderemo per mantener fede alle nostre promesse. Giurarsi amore è stato solo l’inizio. Lottare per il nostro amore ci renderà liberi o ci dividerà per sempre.

Insieme a te. The crossfire series Vol. 5

Day Sylvia

Nel 1900 lo scrittore islandese Valdimar Ásmundsson cominciò a tradurre il celebre Dracula, il capolavoro gotico del 1897 di Bram Stoker. Fu pubblicato lo stesso anno con una prefazione di Stoker, ma nessuno al di fuori dell'Islanda ne aveva mai letta una pagina. Fino a quando, un secolo dopo, il ricercatore Hans De Roos fece una scoperta sensazionale: Ásmundsson non si era limitato a tradurre Dracula, ma - con l'aiuto dell'autore - ne aveva scritto una versione diversa, rielaborando la trama e aggiungendo nuovi personaggi. Il risultato è un romanzo più breve, più erotico e forse persino più ricco di suspense dell'originale. Tanti sono i misteri che circondano questo manoscritto: e se fosse un'altra versione della storia del conte Dracula, a cui Bram Stoker stava lavorando in segreto e che per più di un secolo è riuscito abilmente a nascondere? La prefazione di Dacre Stoker, pronipote ed erede dell'autore, le annotazioni del ricercatore de Ross sul contesto storico e letterario e una postfazione dello studioso John Edgar Browning forniscono indizi interessanti...

I poteri delle tenebre – Dracula

Stoker Bram - Asmundsson Valdimar