Giallo - thriller - noir

Pasticcio padano

Conventi Gaia

Descrizione: Ferrara attende il Natale, la neve copre i marciapiedi del centro storico e le tracce dei rapitori di Iago, factotum alla Libreria Girondi. Luchino - ex fotografo della Scientifica di Milano - e il pastore belga Poirot saranno costretti a intervenire nell'affannosa ricerca. Quale segreto si nasconde tra i volumi di seconda mano dei Girondi e tra le rughe degli strambi abitanti di casa de Bon? Riuscirà la questura ferrarese a ritrovare l'uomo scomparso e a rimettere ordine tra le tante comparse? Una vicenda on the road nella fredda provincia farà luce su trame di potere e trame letterarie. Un romanzo in cui fanno capolino altri romanzi, una caccia al tesoro a bordo di un Fiorino, una città addobbata a festa.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Le Mezzelane

Collana: Enigmi

Anno: 2018

ISBN: 9788833280837

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Qual è la ricetta del Pasticcio padano inventata da Gaia Conventi?

Nell’epoca del trionfo di programmi televisivi culinari nei quali chef e cuochi si atteggiano a divinità che contendono a influencer e opinion leader l’altare di una nuova idolatria, Gaia Conventi combina il suo Pasticcio padano  con gli strumenti che le sono congeniali: carta e penna, una buona dose di umorismo, tanta energia, l’amore per la sua città e per i dintorni di Ferrara.

Ma quali sono gli ingredienti di questa ricetta che promette di compiacere prima l’olfatto e poi il gusto?
Provo a sintetizzarli con le tonalità e lo schema di un programma radiofonico che, nella mattinata, cerchi di fornire qualche spunto alla casalinga che non sappia cosa cucinare a mezzogiorno.

Prendete un eroe nostrano che abbia già dato prova di abilità solutorie nel precedente Giallo di zucca: sì, proprio lui, Luchino (“Ora faccio il fotografo divorzista, e detta così suona anche bene”), il nipote dei librai Girondi, il padrone del pastore belga Poirot, che con il suo cane parla per condividere una recente delusione amorosa (“Poi ne parliamo, poi ti spiego ancora una volta perché Mary e la tua dalmatina se ne sono andate”).

Aggiungete due gaglioffi (Carlo e “L’Imbecille… a lui i libri sembrano sempre troppi”) che, fame coacti come la volpe di Fedro, vengono ingaggiati per un rapimento decisamente anomalo, tutto da ridere (“Questo ha una paura tale… e ripensa a Iago, che pare divertirsi come un bambino in giostra…”), ma con una finalità ben precisa (“Ci serve il libro dei monaci e della biblioteca, quello dove muoiono in tanti”).

Unite l’oggetto del rapimento aka ratto (“Siamo incappati in un rapito piuttosto collaborativo”) pensando alle Sabine, sempre per cavalcare l’onda della classicità. Ma qui il rapito, delle Sabine – forse – ha soltanto, ehm, la verginità. Sto parlando dell’aiutante libraio Iago, che non brilla per prestanza fisica (“In quella pellicola Marty Feldman assomiglia a Iago. Più in bello”), ma sa essere creativo (“Dici che Iago si diverte a comporre poesie coi dorsi dei volumi?”).

Amalgamate gli ingredienti con una famiglia nobiliare di conti (“I de Bon… per capire se il conte stia rischiando di cadere nelle braccia sbagliate”), dediti parimenti a lotte dinastico-ereditarie, ludopatia e vizi vari (“Ulisse si accende l’ennesimo calumet della pace”).

Impastate tutto con le gesta del figlio dei librai Girondi, il Pierfilippo (“La laurea l’ha recuperata col retino da farfalle”) che con i suoi compagni di merende decide di giocare al’investigatore.

Cuocete, poi lasciate raffreddare e servite sul tavolo dei gialli italiani, che pullulano di commissari e ispettori (ne abbiamo almeno uno in ogni capoluogo di provincia!) belli, dannati, tenebrosi, tormentati, perspicaci, affascinanti, contesi,  visionari e chi più ne ha, più ne metta.
Un tavolo ove il giallo comico dell’autrice del Tris estense (cliccate sul link per visitare la pagina dedicata alla trilogia) – il giallo comico, questo sconosciuto – non s’è mai visto.

Ecco, ora potete finalmente gustare il romanzo di Gaia Conventi.
Ah, dimenticavo: un cenno sul ristorante! Il locale pentastellato (come il neo-governo nato da un parto dolorosissimo!) è la Ferrara tanto cara all’autrice: così ricca di storia, con i Lidi Estensi, il faro di Goro, il delta del Po e l’atmosfera magica che Gaia s’impegna a demistificare con l’umorismo, senza tuttavia riuscire minimamente a nascondere il proprio pazzo amore per la sua terra…
Al Lido di Volano… la neve ha deciso di battezzare nuovamente la costa. Farfalline candide danzano sulla spiaggia vuota, priva di vita balneare. Sul margine dell’arenile, dove la risacca fa il proprio dovere nonostante la mancanza di bagnanti, il mare porta a riva rami d’albero e rimasugli di vita marina.”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

“Pasticcio padano”, la recensione di Bruno Elpis su I-Libri | giramenti

[…] La rece è QUI. […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gaia

Conventi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Conventi Gaia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Mona Gray, vent'anni, è innamorata dei numeri fino all'ossessione: l'ordine e la precisione dell'aritmetica le servono a difendersi dall'instabilità del mondo. Da quando il padre ha contratto una misteriosa malattia, infatti, Mona ha bloccato ogni propria aspirazione, ha paura di innamorarsi e si rifugia in una serie di piccoli gesti e oggetti scaramantici. Ma quando viene assunta come insegnante d matematica alle elementari, la sua vita - grazie a un'allieva fuori dal comune e a un collega capace di fare breccia nella sua timidezza - comincia a cambiare irreversibilmente. Tenero, spassoso, commovente, acclamato dal «Los Angeles Times» come uno dei libri dell'anno, questo romanzo ha lanciato Aimee Bender come una delle migliori voci della nuova narrativa americana. Ne è stato tratto un omonimo film con Jessica Alba, uscito negli Stati Uniti nel 2011.

UN SEGNO INVISIBILE E MIO

Bender Aimee

Alcuni anni prima di essere in odore di Pulitzer, Elizabeth Strout tornò in libreria con “Resta con me” dopo il fortunato esordio di “Amy e Isabelle”. In questo secondo romanzo, una nuova esplorazione nel caleidoscopio dei sentimenti, tutto prende forma intorno a Tyler Caskey, un pastore protestante, e al tempo in cui vive, la fine degli anni Cinquanta. Il contesto, chi ha imparato a conoscere la Strout lo sa bene, è quel Maine ancorato a un antico passato di emigrazione, una provincia con la P maiuscola, claustrofobica ma anche capace di squarci edenici su una natura dolce e screziata dai colori più intensi. Qui, a metà del secolo scorso, vive un reverendo insieme alla figlia, una bambina di cinque anni tanto silenziosa in casa quanto capace di improvvise e violente esplosioni di ribellione a scuola, con i compagni di classe e le insegnanti. Ma a West Annett, in questa comunità che è una bolla di vetro, nulla passa inosservato, men che meno la figlia di un pastore: un esempio di probità e purezza, o così dovrebbe essere. L’autorevolezza di cui gode Tyler Caskey viene così gradualmente erosa da giudizi superficiali, velenosi, mentre la sua personale convinzione religiosa subisce una profonda frattura: i sermoni sono adesso rarefatti discorsi indirizzati a una comunità viziata, perdono di senso di fronte allo spietato silenzio di una figlia che ha perso la madre in un’età in cui non si dovrebbe. Poi, nell’ora più buia di Tyler, una straordinaria scoperta metterà alla prova la sua religiosa umanità e la sua volontà di resistere alle sfide. Quelle stesse sfide che, presto o tardi, mettono alla prova ognuno di noi. “Resta con me” conduce il lettore nelle pieghe più oscure dei nostri rapporti affettivi, lì dove la vertigine provoca quello sbandamento disarmante e voluttuoso da cui, preso in mano il coraggio, potremmo però riemergere con una nuova consapevolezza. Si scende, per risalire più in alto: questa è Elizabeth Strout, nella sua scrittura puntuale, nei chiaroscuri

RESTA CON ME

Strout Elizabeth

Verga, Giovanni – LA LUPA (Vita dei campi, 1880)

Questa storia inizia nel 1919, con il trattato di St Germain che avanza il confine italiano sul crinale alpino, stabilendo che gli altoatesini, pur essendo di lingua e cultura tedesca, non sono più austriaci ma italiani. È soltanto l’inizio di un’assurdità che dura un secolo, dall’“italianizzazione forzata” del Fascismo alla collaborazione coi nazisti in fuga, fino alle bombe negli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta. Una regione in cui la politica, di ogni colore, anziché eliminare i contrasti li ha lasciati proliferare insieme all’odio. Vassalli ripercorre questo paradosso e arriva ad oggi con una proposta concreta per chiudere i conti con la Storia e andare finalmente avanti.

Il confine

Vassalli Sebastiano