Narrativa

Pastorale americana

Roth Philip

Descrizione: Seymour Levov è alto, biondo, atletico: al liceo lo chiamano «lo Svedese». Ebreo benestante e integrato, ciò che pare attenderlo negli anni Cinquanta è una vita di successi professionali e di gioie familiari. Finché le contraddizioni del conflitto in Vietnam, esplose negli Stati Uniti, non coinvolgono anche lui, e nel modo piú devastante: attraverso l'adorata figlia Merry, decisa a «portare la guerra in casa». Letteralmente. Ma Pastorale americana non si esaurisce nell'allegoria politica; è un libro sulla vecchiaia, sulla memoria, sull'intollerabilità di certi ricordi. Lo scrittore Nathan Zuckerman, fin dall'adolescenza affascinato dalla vincente solarità dello Svedese, sente la necessità di narrarne la caduta. E ciò che racconta è il rovesciamento della pastorale americana: un grottesco Giudizio Universale in cui i Levov, e i lettori, assistono al crollo dell'utopia dei giusti, al trionfo della rabbia cieca e innata dell'America.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Super ET

Anno: 2012

ISBN: 9788858407059

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Celebre romanzo incentrato sulla figura di Seymour Levov, americano di origine ebraica soprannominato Lo Svedese per i suoi tratti somatici. Alto, biondo con gli occhi cerulei, lo Svedese non rappresenta solo l’orgoglio di una famiglia, bensì il punto di riferimento per un’intera generazione che vive nella periferia di Newark, stato del New Jersey, e che vede in “…questo ragazzo abbracciato da tanta gente come simbolo di speranza…l’incarnazione della forza, della decisione e del valore baldanzoso che alla fine avrebbe avuto la meglio…”. Seymour Levov è l’emblema della perfezione: eccelle nel basket, nel football americano e nel baseball, è uno studente modello ed infine si dimostra anche un manager capace, degno erede del padre nella conduzione dell’azienda di famiglia, una fabbrica che produce guanti fondata dal nonno dello Svedese, giunto in America da emigrante alla ricerca di fama e fortuna. Seymour sintetizza i pregi dell’americano di successo sempre disponibile con tutti, ammirato per le sue capacità ma anche per la sua vita privata ed in particolare per avere sposato una splendida donna, ex vincitrice del concorso di miss New Jersey 1949.

Questo paradiso risulterà sconvolto da un terribile evento direttamente imputabile a Merry, figlia dello Svedese, coinvolta in prima linea nella protesta contro le istituzioni e  contro la guerra del Vietnam, accesa accusatrice del governo imperialista e del capitalismo sfrenato. Merry deciderà di dimostrare violentemente il suo disprezzo nei confronti della società a stelle e strisce, attuando un atto terroristico e turbando così inesorabilmente la splendida realtà dello Svedese e della sua famiglia.

Pastorale americana, a dispetto del titolo che richiama un’ambientazione naturale bucolica ed idilliaca, è un libro che ci parla dei due volti di questo Paese attraverso un arco temporale piuttosto lungo, che parte dal Secondo Conflitto Mondiale, prosegue con la guerra del Vietnam e poi ancora oltre, fino allo scandalo del Watergate. Da una parte troviamo il volto luminoso del sogno americano per antonomasia raggiungibile con il lavoro, l’intelligenza e grazie al libero mercato, il tutto ben rappresentato dallo Svedese. Infatti, come sintetizzato da suo fratello Jerry, “tu sei quello che vince sempre il trofeo. Fai sempre la mossa giusta. Sei amato da tutti”. Dall’altra parte invece vediamo il volto nascosto ma non meno significativo della protesta delle classi meno abbienti e spesso sfruttate, delle tensioni sociali, del terrorismo interno, della contestazioni contro la guerra in Vietnam, rappresentato da Merry la figlia balbuziente e ribelle che ripudia la propria famiglia, calata nella borghesia ricca americana che tanto disprezza.

Philip Roth, anche attraverso l’escamotage del narratore Zuckerman, alterego dello scrittore stesso, riesce a portarci nel “Nuovo Mondo” trasmettendoci con grande intensità, i pensieri ed i patimenti di Seymour Levov, che poi non sono altro che i pensieri e patimenti di una Nazione. Lo Svedese è un personaggio dotato di un’intensa carica emotiva, diviso tra l’amore che prova nei confronti della figlia, anche se causa di una grandissima sciagura, ed il senso di colpa che lo attanaglia per la tragedia provocata e che inesorabilmente non riguarda solamente lui e la sua famiglia bensì l’America tutta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Philip

Roth

Libri dallo stesso autore

Intervista a Roth Philip


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Scritto nel 1964 e pubblicato nel 1965 dalla Doubleday, "Le tre stimmate di Palmer Eldritch" è stato osannato come un grande romanzo psichedelico, una navigazione allucinata in un mondo surreale creato dalla droga e dominato dall'inquietante figura di un mostruoso imprenditore-spacciatore, non del tutto umano e forse strumento di un'oscura divinità. Ma dietro la storia di una delle più originali invasioni aliene mai raccontate si nascondono diversi livelli di lettura, dove la provocatoria meditazione teologica va a braccetto con la denuncia politica e sociale. Palmer Eldritch, produttore e spacciatore del Chew-Z, è forse un abominevole Cristo negativo, forse personificazione di una Tecnica che tutto vede, afferra e mastica; ma forse è solo una povera vittima, un uomo qualunque... Droghe illegali, stimmate divine, tesi gnostiche, Barbie Dolls: "Le tre stimmate di Palmer Eldritch" è tutto questo e in piú una grandiosa storia di invasione della Terra.

LE TRE STIMMATE DI PALMER ELDRITCH

Dick Philip K.

Chani sta per sposarsi con Baruch, che ha visto pochissime volte. È piena di dubbi, come del resto anche lui, perché entrambi sentono ‘qualcosa’, ma non sanno neanche da dove cominciare a costruire le basi della loro vita insieme. Perché nessuno racconta loro le cose importanti. Perché non si sono mai tenuti per mano, non hanno mai fatto niente insieme. Vivono una vita imposta dagli altri, consapevoli e, per questo, spaventati. Nel frattempo Rivka, la Rebbetzin (la moglie del rabbino), che dovrebbe guidare le giovani donne della comunità Charedi di cui fa parte, vive una profonda crisi con se stessa e suo marito, per il quale ha cambiato tutta la sua vita, sembra non capire. E Avromi, giovane rampollo della comunità, figlio di Rivka e del rabbino Chaim, scopre che fuori dal castello ‘dorato’ della religione ultraortodossa della loro comunità, c’è un mondo intero che lo chiama a pieni polmoni: c’è il sesso, l’amore, un’altra vita.

Il matrimonio di Chani Kaufman

Harris Eve

Maria Rosa ed Eugenia appartengono a due mondi diversi. La prima è cresciuta a Napoli in una famiglia aristocratica. L'altra è nata in un paesino del Nord e sogna di diventare medico. Se non fosse stato per la guerra, non si sarebbero mai incontrate. E invece è il primo conflitto mondiale a unire le due ragazze, partite come infermiere volontarie al fronte. È il duro lavoro in un ospedale sul Carso a permettere loro di conoscersi, diventare amiche, innamorarsi. Una volta tornata la pace, sperano di rimanere insieme, a costo di fingere, nascondersi, lottare. Ma adesso ogni istante è prezioso: in mezzo al caos, possono rubare un tempo per l'amore e vivere fino in fondo i propri sentimenti.

Le regole del fuoco

Rasy Elisabetta

C'è un patrimonio di inestimabile valore nascosto in una lussuosissima villa di Hollywood Heights. Si tratta di una collezione di vini tra i più pregiati e preziosi che si possano trovare sul mercato: Lafite Rothschild, Latour, Margaux, Figeac, Pétrus.Ogni bottiglia vale migliaia di dollari e Danny Roth, un ricco avvocato, le conserva gelosamente lontano da occhi indiscreti. Ma un giorno commette un errore e accetta di parlare dei suoi favolosi esemplari al «Los Angeles Times» per la pagina di enologia. Un peccato di vanità fatale, perché durante la notte di Capodanno qualcuno fa irruzione nella villa e i vini vengono rubati. Per indagare sul furto viene assoldato Sam Leavitt, un investigatore privato dal passato oscuro e rocambolesco: prima ladro-gentiluomo, poi avvocato. Sam è l'unico in grado di risolvere velocemente questa spinosa questione, proprio grazie ai suoi trascorsi non limpidissimi. Per localizzare una refurtiva così preziosa le prime ore sono fondamentali. Ecco perché Sam non perde tempo e inizia subito un viaggio che dai filari di viti della Califomia lo porta fino nei vigneti baciati dal caldo sole del Sud della Francia, a Bordeaux, la capitale mondiale del vino. Qui, aiutato dalla bellissima e misteriosa esperta di vini Sophie Costes, si mette sulle tracce di un ricco collezionista di Marsiglia, Monsieur Reboul. È solo un caso che l'uomo l'anno prima abbia tentato di comprare parecchi dei vini scomparsi? Per scoprirlo Sam e Sophie dovranno addentrarsi nei bui corridoi della cantina di Reboul, anche usando mezzi non del tutto leciti...

IL COLLEZIONISTA DI MARSIGLIA

Mayle Peter