Narrativa

Pastorale americana

Roth Philip

Descrizione: Seymour Levov è alto, biondo, atletico: al liceo lo chiamano «lo Svedese». Ebreo benestante e integrato, ciò che pare attenderlo negli anni Cinquanta è una vita di successi professionali e di gioie familiari. Finché le contraddizioni del conflitto in Vietnam, esplose negli Stati Uniti, non coinvolgono anche lui, e nel modo piú devastante: attraverso l'adorata figlia Merry, decisa a «portare la guerra in casa». Letteralmente. Ma Pastorale americana non si esaurisce nell'allegoria politica; è un libro sulla vecchiaia, sulla memoria, sull'intollerabilità di certi ricordi. Lo scrittore Nathan Zuckerman, fin dall'adolescenza affascinato dalla vincente solarità dello Svedese, sente la necessità di narrarne la caduta. E ciò che racconta è il rovesciamento della pastorale americana: un grottesco Giudizio Universale in cui i Levov, e i lettori, assistono al crollo dell'utopia dei giusti, al trionfo della rabbia cieca e innata dell'America.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Super ET

Anno: 2012

ISBN: 9788858407059

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Celebre romanzo incentrato sulla figura di Seymour Levov, americano di origine ebraica soprannominato Lo Svedese per i suoi tratti somatici. Alto, biondo con gli occhi cerulei, lo Svedese non rappresenta solo l’orgoglio di una famiglia, bensì il punto di riferimento per un’intera generazione che vive nella periferia di Newark, stato del New Jersey, e che vede in “…questo ragazzo abbracciato da tanta gente come simbolo di speranza…l’incarnazione della forza, della decisione e del valore baldanzoso che alla fine avrebbe avuto la meglio…”. Seymour Levov è l’emblema della perfezione: eccelle nel basket, nel football americano e nel baseball, è uno studente modello ed infine si dimostra anche un manager capace, degno erede del padre nella conduzione dell’azienda di famiglia, una fabbrica che produce guanti fondata dal nonno dello Svedese, giunto in America da emigrante alla ricerca di fama e fortuna. Seymour sintetizza i pregi dell’americano di successo sempre disponibile con tutti, ammirato per le sue capacità ma anche per la sua vita privata ed in particolare per avere sposato una splendida donna, ex vincitrice del concorso di miss New Jersey 1949.

Questo paradiso risulterà sconvolto da un terribile evento direttamente imputabile a Merry, figlia dello Svedese, coinvolta in prima linea nella protesta contro le istituzioni e  contro la guerra del Vietnam, accesa accusatrice del governo imperialista e del capitalismo sfrenato. Merry deciderà di dimostrare violentemente il suo disprezzo nei confronti della società a stelle e strisce, attuando un atto terroristico e turbando così inesorabilmente la splendida realtà dello Svedese e della sua famiglia.

Pastorale americana, a dispetto del titolo che richiama un’ambientazione naturale bucolica ed idilliaca, è un libro che ci parla dei due volti di questo Paese attraverso un arco temporale piuttosto lungo, che parte dal Secondo Conflitto Mondiale, prosegue con la guerra del Vietnam e poi ancora oltre, fino allo scandalo del Watergate. Da una parte troviamo il volto luminoso del sogno americano per antonomasia raggiungibile con il lavoro, l’intelligenza e grazie al libero mercato, il tutto ben rappresentato dallo Svedese. Infatti, come sintetizzato da suo fratello Jerry, “tu sei quello che vince sempre il trofeo. Fai sempre la mossa giusta. Sei amato da tutti”. Dall’altra parte invece vediamo il volto nascosto ma non meno significativo della protesta delle classi meno abbienti e spesso sfruttate, delle tensioni sociali, del terrorismo interno, della contestazioni contro la guerra in Vietnam, rappresentato da Merry la figlia balbuziente e ribelle che ripudia la propria famiglia, calata nella borghesia ricca americana che tanto disprezza.

Philip Roth, anche attraverso l’escamotage del narratore Zuckerman, alterego dello scrittore stesso, riesce a portarci nel “Nuovo Mondo” trasmettendoci con grande intensità, i pensieri ed i patimenti di Seymour Levov, che poi non sono altro che i pensieri e patimenti di una Nazione. Lo Svedese è un personaggio dotato di un’intensa carica emotiva, diviso tra l’amore che prova nei confronti della figlia, anche se causa di una grandissima sciagura, ed il senso di colpa che lo attanaglia per la tragedia provocata e che inesorabilmente non riguarda solamente lui e la sua famiglia bensì l’America tutta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Philip

Roth

Libri dallo stesso autore

Intervista a Roth Philip

Se l'amore coniugale è il sofferto resoconto di una fedeltà impossibile, "il disprezzo" muove invece da una condizione apparentemente positiva, da una fedeltà matrimoniale quale è prevista dalle moderne istituzione borghesi. Pubblicato per la prima volta nel 1945, questo romanzo costituisce una tappa fondamentale del viaggio di Moravia attraverso le istituzioni borghesi e il loro scacco. Protagonista è uno scrittore di sceneggiature i cui primi rapporti con la moglie si illuminano e si complicano a contatto con il mondo della produzione cinematografica, della carriera e del successo. A differenza de L'amore coniugale che racconta la storia di un tradimento, Il disprezzo muove da un lato positivo, un caso di fedeltà matrimoniale, per chiarirne tutta la natura di illusione, di reale sconfitta e di profonda, modernissima contraddizione.

Il disprezzo

Moravia Alberto

In un momento di grande attenzione all’alimentazione, alla salute e alla cucina, la confessione denuncia di Christophe Brusset è insieme un pugno nello stomaco e un invito a essere sempre vigili. Brusset è un veterano del settore agroalimentare, ha lavorato nelle principali multinazionali del cibo e qui ha deciso di svelare il suo allucinante funzionamento. Ne esce un ritratto spietato in cui nessuna preoccupazione per la salute di chi consumerà il cibo riesce a oscurare l’imperativo principale: smerciare qualsiasi tipo di prodotto o materia prima, in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo, ottenendone il maggior margine di guadagno possibile. Così nel cibo può finire di tutto: escrementi, antibiotici, diserbanti, ecc. Ancora più impressionante la descrizione della lunga catena che porta a tutto questo: cibo che viaggia per tutto il pianeta, che viene lavorato in luoghi diversi, società intermediarie fittizie, impossibilità per chi lo acquista di sapere da dove venga realmente. Ma grazie ai suoi consigli si può imparare a fare acquisti più oculati e addirittura a orientare l’operato delle multinazionali.

Siete pazzi a mangiarlo

Brusset Christophe

Lou Bertignac ha dodici anni: la sua famiglia, chiusa nel ricordo inconfessabile di una tragedia del passato, vive in un silenzio opprimente, mentre a scuola la sua intelligenza fuori dal comune l'ha portata in una classe avanzata, piena di studenti più grandi che non hanno nulla a che spartire con lei. Incapace di creare una relazione con chiunque, Lou passa la maggior parte del suo tempo libero a vivere le emozioni degli altri: guarda il calcio in televisione per osservare la gioia dei giocatori, spia le persone per strada e, soprattutto, frequenta le stazioni ferroviarie parigine perché in quei luoghi si concentra l'emozione di amanti che si salutano, di famiglie rimaste a lungo separate, di amici che si ritrovano. È proprio qui, alla stazione di Austerlitz, che Lou trova, tra la folla, una ragazza appena più grande di lei, Nolwenn, che si è lasciata alle spalle un passato difficile e ora vive da randagia. Tra le due, nel tempo di uno sguardo, si crea un'intesa speciale, che nessuna delle due aveva mai trovato prima. Due ragazze totalmente sole, diverse ma destinate, in qualche modo, a riconoscersi tra la folla della città, finiranno così per stringere un'amicizia che, nata lentamente, arriverà a cambiare la loro vita e il loro mondo. La vicenda, drammatica eppure lieve, di due vite chiamate a intrecciarsi e, se non a salvarsi, almeno a trovare nuove speranze.

GLI EFFETTI SECONDARI DEI SOGNI

Vigan Delphine, de

La storia di una tragica assenza e di un coraggioso ritorno. Dopo trent'anni, Murid al-Barghuthi racconta i ricordi della sua giovinezza a Ramallah, poi il giorno in cui ha dovuto abbandonare tutto, senza sapere che non sarebbe tornato. Un reportage sulla diaspora palestinese lontano dai comuni percorsi dell'odio.

Ho visto Ramallah

Al-Barghuthi Murid