Narrativa

Pastorale americana

Roth Philip

Descrizione: Seymour Levov è alto, biondo, atletico: al liceo lo chiamano «lo Svedese». Ebreo benestante e integrato, ciò che pare attenderlo negli anni Cinquanta è una vita di successi professionali e di gioie familiari. Finché le contraddizioni del conflitto in Vietnam, esplose negli Stati Uniti, non coinvolgono anche lui, e nel modo piú devastante: attraverso l'adorata figlia Merry, decisa a «portare la guerra in casa». Letteralmente. Ma Pastorale americana non si esaurisce nell'allegoria politica; è un libro sulla vecchiaia, sulla memoria, sull'intollerabilità di certi ricordi. Lo scrittore Nathan Zuckerman, fin dall'adolescenza affascinato dalla vincente solarità dello Svedese, sente la necessità di narrarne la caduta. E ciò che racconta è il rovesciamento della pastorale americana: un grottesco Giudizio Universale in cui i Levov, e i lettori, assistono al crollo dell'utopia dei giusti, al trionfo della rabbia cieca e innata dell'America.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Super ET

Anno: 2012

ISBN: 9788858407059

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Celebre romanzo incentrato sulla figura di Seymour Levov, americano di origine ebraica soprannominato Lo Svedese per i suoi tratti somatici. Alto, biondo con gli occhi cerulei, lo Svedese non rappresenta solo l’orgoglio di una famiglia, bensì il punto di riferimento per un’intera generazione che vive nella periferia di Newark, stato del New Jersey, e che vede in “…questo ragazzo abbracciato da tanta gente come simbolo di speranza…l’incarnazione della forza, della decisione e del valore baldanzoso che alla fine avrebbe avuto la meglio…”. Seymour Levov è l’emblema della perfezione: eccelle nel basket, nel football americano e nel baseball, è uno studente modello ed infine si dimostra anche un manager capace, degno erede del padre nella conduzione dell’azienda di famiglia, una fabbrica che produce guanti fondata dal nonno dello Svedese, giunto in America da emigrante alla ricerca di fama e fortuna. Seymour sintetizza i pregi dell’americano di successo sempre disponibile con tutti, ammirato per le sue capacità ma anche per la sua vita privata ed in particolare per avere sposato una splendida donna, ex vincitrice del concorso di miss New Jersey 1949.

Questo paradiso risulterà sconvolto da un terribile evento direttamente imputabile a Merry, figlia dello Svedese, coinvolta in prima linea nella protesta contro le istituzioni e  contro la guerra del Vietnam, accesa accusatrice del governo imperialista e del capitalismo sfrenato. Merry deciderà di dimostrare violentemente il suo disprezzo nei confronti della società a stelle e strisce, attuando un atto terroristico e turbando così inesorabilmente la splendida realtà dello Svedese e della sua famiglia.

Pastorale americana, a dispetto del titolo che richiama un’ambientazione naturale bucolica ed idilliaca, è un libro che ci parla dei due volti di questo Paese attraverso un arco temporale piuttosto lungo, che parte dal Secondo Conflitto Mondiale, prosegue con la guerra del Vietnam e poi ancora oltre, fino allo scandalo del Watergate. Da una parte troviamo il volto luminoso del sogno americano per antonomasia raggiungibile con il lavoro, l’intelligenza e grazie al libero mercato, il tutto ben rappresentato dallo Svedese. Infatti, come sintetizzato da suo fratello Jerry, “tu sei quello che vince sempre il trofeo. Fai sempre la mossa giusta. Sei amato da tutti”. Dall’altra parte invece vediamo il volto nascosto ma non meno significativo della protesta delle classi meno abbienti e spesso sfruttate, delle tensioni sociali, del terrorismo interno, della contestazioni contro la guerra in Vietnam, rappresentato da Merry la figlia balbuziente e ribelle che ripudia la propria famiglia, calata nella borghesia ricca americana che tanto disprezza.

Philip Roth, anche attraverso l’escamotage del narratore Zuckerman, alterego dello scrittore stesso, riesce a portarci nel “Nuovo Mondo” trasmettendoci con grande intensità, i pensieri ed i patimenti di Seymour Levov, che poi non sono altro che i pensieri e patimenti di una Nazione. Lo Svedese è un personaggio dotato di un’intensa carica emotiva, diviso tra l’amore che prova nei confronti della figlia, anche se causa di una grandissima sciagura, ed il senso di colpa che lo attanaglia per la tragedia provocata e che inesorabilmente non riguarda solamente lui e la sua famiglia bensì l’America tutta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Philip

Roth

Libri dallo stesso autore

Intervista a Roth Philip

Oltre che una meravigliosa romanziera, Irène Némirovsky è stata una eccellente autrice di racconti: ne scrisse per tutta la vita – fino alla vigilia dell’arresto. D’altronde, fra i suoi modelli letterari c’erano stati Cechov e Maupassant, di cui Irène amava l’asciuttezza, il cinismo venato di pietà, la bravura nel delineare in poche pagine un intero mondo. Qualità che ritroviamo nei racconti riuniti in questo volume – nove narrazioni folgoranti in cui la Némirovsky affronta i temi che le sono cari: il destino di attesa che segna la vita di molte donne, la solitudine astiosa in cui invecchiano molte altre, gli oltraggi che il tempo infligge alla bellezza, la nostalgia del passato, il rapporto tra madri e figlie.

L’orchessa

Némirovsky Irène

È una limpida notte di luna piena, una notte di gioia e di festa, quando il Villaggio Alto subisce l'improvviso attacco di un manipolo di spietati cavalieri che portano morte e devastazione. In pochi sopravvivono: tra questi la giovane Ailis, mentre la sua migliore amica Vevisa viene rapita. Seguendo il folle proposito di vendicare la furia distruttrice che ha falcidiato il suo popolo e ritrovare Vevisa, Ailis, che è poco più di una bambina ma ha lo spirito audace e temerario di un guerriero, intraprende la sua lunga e perigliosa ricerca. Attraversando lande sconosciute e meravigliose conoscerà la schiavitù, la battaglia, le illusioni della magia e dell'amore, vedrà le molte facce della morte e capirà che senza questo iniziatico viaggio non avrebbe mai sollevato il velo sulle proprie arcane origini e sul proprio enigmatico destino: da lei potrebbe infatti dipendere l'equilibrio e il futuro stesso delle Terre Occidentali. Il primo volume di una grande saga che mescola fiaba, azione, epica cavalleresca e mito classico, dando nuovo splendore al genere fantasy in Italia.

TERRA IGNOTA

Santoni Vanni

L'Overlook, uno strano e imponente albergo che domina le alte montagne del Colorado, è stato teatro di numerosi delitti e suicidi e sembra aver assorbito forze maligne che vanno al di là di ogni comprensione umana e si manifestano soprattutto d'inverno quando l'albergo chiude e resta isolato per la neve. Uno scrittore fallito, Jack Torrance, con la moglie Wendy e il figlio Danny di cinque anni, accetta di fare il guardiano invernale all'Overlook ed è allora che le forze del male si scatenano. Dinanzi a Danny, che è dotato di potere extrasensoriale, lo shine, si materializzano gli orribili fatti accaduti nelle stanze dell'albergo, ma se il bambino si oppone con forza a insidie e presenze, il padre ne rimane vittima.

SHINING

King Stephen

IL PARADISO E’ ALTROVE – di Mario Vargas Llosa