Letteratura femminile

Paura di volare

Jong Erica

Descrizione: Paura di volare è la storia di Isadora Wing, una delle più spregiudicate antieroine della letteratura contemporanea. Isadora è bella, appassionata e sessualmente infiammabile, ma ha una terribile paura di volare, paura della sua forza e della sua libertà. Ingabbia la sua esuberanza in matrimoni che esplodono mandando in frantumi speranze di protezione e di sicurezza, con un primo marito che finisce col credersi Cristo e minaccia una passeggiata sulle acque del lago di Central Park, un secondo che non smette di essere un freddo analista neppure nel letto matrimoniale. La terra promessa della libertà non arriva neppure con la folle passione per Adrian Goodlove, anticonvenzionale psichiatra lainghiano sostenitore della autonomia e della poligamia. Il viaggio attraverso l'Europa che Isadora intraprende con lui, dopo mille incertezze venate di desiderio del volo e paura delle conseguenze, si rivela fallimentare. La famiglia, gli amori del passato, i sogni dell'adolescenza riprendono il sopravvento in un processo di acuta autoanalisi.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2000

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

La paura di volare di Erica Jong è qualcosa che si conosce ma di cui ci si libera a fatica.

E’ la paura di vivere, di prendersi lo spazio necessario per respirare e per capire che la vita che si sta vivendo non è la propria, ma quella di qualcun altro.

Isadora Wing è la protagonista suo malgrado disincantata ma ancora ostinatamente idealista di queste pagine. Le sue contraddizioni sull’amore, il matrimonio, il sesso e la scrittura costringono il lettore ad una riflessione forzata sulla propria esistenza sentimentale e non. Le domande sono quelle che Isadora pone costantemente a se stessa e le risposte non si concludono mai con un punto e a capo.

Non c’è soluzione, non c’è salvezza. C’è solo la vita.

Erica Jong, attraverso la sua tormentata poetessa Isadora, traccia il profilo di una donna che teme i fallimenti, il dolore, l’abbandono, il tradimento ma che, nonostante ciò, non riesce ad evitarli. E’ una donna che analizza gli uomini ed il sesso con attenzione maniacale, indiscreta, a tratti isterica. Le responsabilità delle miserie delle relazioni sentimentali – tra cui le sue – sono ben distribuite tra donne con la testa infarcita di romanticismo spicciolo e sensi di colpa, votate alla sofferenza ed alla sottomissione e uomini frustrai e bipolari, all’eterna ricerca di conferme sulla propria virilità.

“Mostratemi una donna che non si senta colpevole e io vi mostrerò un uomo”.

Isadora mal tollera l’immobilismo e teme la sua innata irrequietezza. Si ritrova ad assecondare i suoi desideri, per sfuggire alla noia devastante di giorni ingabbiati, per lasciarsi poi demolire ed affliggere dagli immancabili sensi di colpa che seguono alla liberazione.

“Ero intrappolata, ed erano le mie paure ad intrappolarmi. Alla base di tutto c’era il terrore di rimanere sola. A volte mi sembrava che avrei potuto accettare qualunque compromesso, sopportare qualunque ignominia, stare con qualunque uomo pur di non affrontare la solitudine. Ma perché? Che cosa c’era di così terribile nello star soli?”

La Jong ci parla di donne combattute tra il desiderio di libertà ed il bisogno di sicurezza, tra l’incontrollabile fame d’amore e la dipendenza da un marito. L’autrice sviscera ogni cosa con arguzia ed ironia cercando un ordine necessario nella confusione dei rapporti umani. Classifica, etichetta, archivia.

Ecco allora la scopata senza cerniera che “è molto più di una scopata pura e semplice. E’un ideale platonico. Senza cerniera perché al momento buono le cerniere cadono come i petali di una rosa sfiorita, la biancheria si sparge nel vento come la bambagia di un soffione. Le lingue si intrecciano e si liquefano. L’anima scivola come un sospiro nella lingua e poi nella bocca dell’amante. Nella vera scopata senza cerniera […] non si arriva mai a conoscere l’uomo. […] Così un’altra delle condizioni essenziali della scopata senza cerniera è la brevità. E anche l’anonimato: l’anonimato è il massimo”. Ma il sesso non rappresenta comunque la soluzione finale. Questo Isadora lo sa bene quando, abbandonato l’ennesimo marito, si ritrova in fuga per l’Europa tra le braccia di un ipocrita esistenzialista.

Non vi sono soluzioni finali e l’eterno conflitto tra donne e uomini (di qualunque cosa si tratti) si riduce fondamentalmente ad un pensiero elementare:

“…più si invecchia più diventa chiaro che gli uomini sono fondamentalmente terrorizzati dalle donne. Alcuni segretamente, altri apertamente […] Tutti i problemi più importanti della storia impallidiscono davanti a queste due presenze cosmiche: l’eterno femminino e l’eterno cazzo moscio. L’estrema risorsa: il cazzo che sciopera. L’arma estrema nella guerra fra i sessi: il cazzo moscio. La bandiera dell’accampamento nemico: il cazzo a mezz’asta. Il simbolo dell’apocalisse: il cazzo a testata atomica che si distrugge da solo. Era quella la disuguaglianza fondamentale che non si poteva annullare: non che il maschio aveva una meravigliosa attrazione in più di nome pene, ma che la femmina aveva una fantastica figa a prova di bomba. Non c’era tempesta, tormenta o cataclisma che potesse metterla fuori uso. Era sempre lì, sempre pronta, sempre all’erta. Una cosa terrorizzante, se ci pensate bene. Non c’è da meravigliarsi che gli uomini abbiano inventato il mito dell’inadeguatezza femminile”. Nessuna complementarietà tra i sessi, solo autodistruzione.

Il primo romanzo di Erica Jong “Paura di volare” esce in America nel 1973, trasformandosi subito in un caso letterario. Ciò comportò commenti lusinghieri (come quello di Henry Miller che lo salutò come il corrispondente femminile di “Tropico del Cancro”), ma anche aspre critiche. L’etichetta di “donna che parla di sesso come un uomo” che le fu affibbiata agli esordi è certamente riduttiva se si pensa al talento letterario di una scrittrice che, anche con i suoi successivi romanzi, ha saputo analizzare le profonde e complesse contraddizioni della sessualità e dell’affettività femminili, alla ricerca delle loro cause e dei condizionamenti sociali.

L’immaginazione linguistica ed il coraggio intellettuale della donna e scrittrice Erica Jong nello sviscerare le problematiche affrontate rendono il romanzo credibile e davvero appassionante, senza mai scadere nella facile banalizzazione di certe tematiche.

Per donne ed uomini indiscriminatamente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Erica

Jong

Libri dallo stesso autore

Intervista a Jong Erica


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Uno sguardo affilato e un punto di vista originale danno vita a uno zibaldone di pensieri e giudizi. Barbara Alberti, nota scrittrice e voce di Radio 24, in questo libro analizza a modo suo la contemporaneità complessa che stiamo vivendo attraverso tre grandi temi. Il primo è la politica. La Alberti porta avanti una vera e propria analisi antropologica dell'uomo politico, visto nelle sue sfaccettature e nella sua complessità umana. Il secondo è l'amore, visto come passione travolgente ma anche come percorso consapevole, come viaggio. Con un'attenzione particolare al suo divenire più recente sul versante dell'eros e delle sue manifestazioni più modaiole ed estreme. Il terzo è la letteratura, che dopo un periodo di buio vede in questi anni una rinascita tutta italiana, portata avanti da giovani bravissimi autori.

LA GUARDIANA DEL FARO

Alberti Barbara

Nessun pregiudizio personale, meschinità o moralismo contro la carriera e i format della famosa conduttrice. Ma una critica al vetriolo sulle logiche di retrovia, i meccanismi di falsificazione, i linguaggi di massa, il grande inganno dell'intrattenimento "facile" che hanno trasformato i suoi format in centri di raccolta e smistamento delle nostre identità, sempre più bisognose degli scintillii della televisione per consistere e sopravvivere di fronte all'anonimato dilagante. "Maria De Filippi ti odio" è il tentativo di scardinare, con il grimaldello della filosofia, la grammatica di certi programmi di grande audience, visti come epicentro di un immaginario televisivo ormai anacronistico, devastante, da sostituire con un nuovo modo "ecologico" di pensare l'uso e l'impatto dei media sulle nostre vite già fin troppo spettacolarizzate.

Maria De Filippi ti odio

Castoro Carmine

Ucciderò i tuoi desideri, uno alla volta, fin quando sarò io il tuo unico desiderio....

Amore inverso

Panzacchi Francesca

"In quei giorni di combattimento gli aerei russi ci lanciarono sulle nostre linee dei volantini, invitandoci alla diserzione. In tali messaggi ci ricordavano le festività di Natale, le nostre mogli, i nostri figli e i familiari. Ci dicevano: ‘Perché siete venuti qui in Russia a combattere contro un popolo che non ha mai minacciato di invadere l’Italia?’ Quindi concludevano dicendo di tornare a casa o di darci prigionieri.” I racconti di guerra non sono tutti uguali. Ogni ricordo ha la caratteristica di essere l’esperienza di una vita, di una vita che ha potuto raccontare ciò che realmente è successo. Non quindi il racconto dei vincitori, non quello dei vinti ma le parole di un uomo che durante il periodo della Seconda Guerra Mondiale si è trovato in terra straniera, lontano dai familiari, in un luogo del quale non si conosceva nulla con una sola convinzione: sarà breve. L’unica convinzione che Alfonso Di Michele aveva si è dimostrata errata. “Io, prigioniero in Russia”, edito nel 2008 dalla casa editrice L’Autore Firenze Libri e dopo numerose ristampe edito dalla casa editrice La Stampa Editore, ha venduto 50.000 copie ed è la seconda pubblicazione dell’autore Di Michele Vincenzo, scrittore e giornalista pubblicista. La prima pubblicazione è avvenuta nel 2006 “La famiglia di fatto” e l’ultima risale al 2010 “Guidare oggi”. Tre libri che sottolineano la poliedricità di contenuti e la salda attenzione verso la società. “Io, prigioniero in Russia” è il diario di un uomo che a distanza di 50 anni dagli episodi narrati ha sentito il bisogno di lasciare la sua personale testimonianza. Un’esperienza, quella della campagna in Russia, che ha solcato profondamente lo spirito ed il corpo e che doveva esser raccontata per sottolineare che protagonista della guerra è stato il popolo; per questo “Io, prigioniero in Russia” è sinonimo di “guerra vista con gli occhi dell’uomo comune”. Alfonso Di Michele (1922, Intermesoli fraz. Pietracamela – 1993, Roma) è stato uno dei 10.000 reduci che hanno avuto la fortuna di tornare in Italia, 10.000 su 200.000 soldati inviati per la campagna in Russia. Un diario che amorevolmente il figlio Enzo Di Michele ha curato e pubblicato per condividere questa preziosa documentazione storica su un argomento scottante sul quale si vuole tacere. “C’era la fame; una fame di quelle vere che ti istradava il cervello verso un unico pensiero. Mangiare, mangiare; sempre mangiare. Solo chi ha vissuto una simile esperienza può comprendere quali variegate sensazioni si provano, quando lo stomaco incessantemente ti reclama il cibo. È veramente un’ossessione trascorrere la giornata nel pensare a qualcosa da mettere sotto i denti, e ancora più ossessionante è il pensiero mirato all’escogitare delle possibili soluzioni per procurarsi il cibo.” Tredici capitoli nei quali passo passo Alfonso Di Michele ci racconta della sua vita, di chi era, di quando è partito da Intermesoli piccolo paese alle pendici del Gran Sasso, delle sue speranze, delle sue convinzioni, del gelido freddo russo, della gentilezza delle donne russe, della battaglia, delle differenze con i soldati tedeschi, dei temuti lager dei quali si evita in genere di parlare, della marcia del ‘davai’, della prigionia, del cannibalismo, del tifo petecchiale, della fame ossessiva, degli amici morti per denutrizione, delle mancate informazioni, del ritorno a casa. “Il primo abbraccio fu quello ai miei fratelli e al mio compare allorché mi vennero a prendere per riportarmi a casa. In quel 7 dicembre del 1945, in una notte decisamente invernale con i fiocchi di neve che si aggrappavano delicatamente sui tetti delle case, peraltro già carichi di un consistente strato di manto nevoso, si consumava l’insperato ritorno al mio paese.” Per coloro che volessero saperne di più dell’autore lascio il link diretto che riporta direttamente al suo curatissimo sito nel quale potrete seguire le novità sulle sue pubblicazioni ed eventi: http://www.vincenzodimichele.it/ Vincenzo Di Michele è anche su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Vincenzo-di-Michele/148568031840673?ref=ts&sk=wall

Io, prigioniero in Russia

Di Michele Vincenzo