Letteratura femminile

Paura di volare

Jong Erica

Descrizione: Paura di volare è la storia di Isadora Wing, una delle più spregiudicate antieroine della letteratura contemporanea. Isadora è bella, appassionata e sessualmente infiammabile, ma ha una terribile paura di volare, paura della sua forza e della sua libertà. Ingabbia la sua esuberanza in matrimoni che esplodono mandando in frantumi speranze di protezione e di sicurezza, con un primo marito che finisce col credersi Cristo e minaccia una passeggiata sulle acque del lago di Central Park, un secondo che non smette di essere un freddo analista neppure nel letto matrimoniale. La terra promessa della libertà non arriva neppure con la folle passione per Adrian Goodlove, anticonvenzionale psichiatra lainghiano sostenitore della autonomia e della poligamia. Il viaggio attraverso l'Europa che Isadora intraprende con lui, dopo mille incertezze venate di desiderio del volo e paura delle conseguenze, si rivela fallimentare. La famiglia, gli amori del passato, i sogni dell'adolescenza riprendono il sopravvento in un processo di acuta autoanalisi.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2000

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

La paura di volare di Erica Jong è qualcosa che si conosce ma di cui ci si libera a fatica.

E’ la paura di vivere, di prendersi lo spazio necessario per respirare e per capire che la vita che si sta vivendo non è la propria, ma quella di qualcun altro.

Isadora Wing è la protagonista suo malgrado disincantata ma ancora ostinatamente idealista di queste pagine. Le sue contraddizioni sull’amore, il matrimonio, il sesso e la scrittura costringono il lettore ad una riflessione forzata sulla propria esistenza sentimentale e non. Le domande sono quelle che Isadora pone costantemente a se stessa e le risposte non si concludono mai con un punto e a capo.

Non c’è soluzione, non c’è salvezza. C’è solo la vita.

Erica Jong, attraverso la sua tormentata poetessa Isadora, traccia il profilo di una donna che teme i fallimenti, il dolore, l’abbandono, il tradimento ma che, nonostante ciò, non riesce ad evitarli. E’ una donna che analizza gli uomini ed il sesso con attenzione maniacale, indiscreta, a tratti isterica. Le responsabilità delle miserie delle relazioni sentimentali – tra cui le sue – sono ben distribuite tra donne con la testa infarcita di romanticismo spicciolo e sensi di colpa, votate alla sofferenza ed alla sottomissione e uomini frustrai e bipolari, all’eterna ricerca di conferme sulla propria virilità.

“Mostratemi una donna che non si senta colpevole e io vi mostrerò un uomo”.

Isadora mal tollera l’immobilismo e teme la sua innata irrequietezza. Si ritrova ad assecondare i suoi desideri, per sfuggire alla noia devastante di giorni ingabbiati, per lasciarsi poi demolire ed affliggere dagli immancabili sensi di colpa che seguono alla liberazione.

“Ero intrappolata, ed erano le mie paure ad intrappolarmi. Alla base di tutto c’era il terrore di rimanere sola. A volte mi sembrava che avrei potuto accettare qualunque compromesso, sopportare qualunque ignominia, stare con qualunque uomo pur di non affrontare la solitudine. Ma perché? Che cosa c’era di così terribile nello star soli?”

La Jong ci parla di donne combattute tra il desiderio di libertà ed il bisogno di sicurezza, tra l’incontrollabile fame d’amore e la dipendenza da un marito. L’autrice sviscera ogni cosa con arguzia ed ironia cercando un ordine necessario nella confusione dei rapporti umani. Classifica, etichetta, archivia.

Ecco allora la scopata senza cerniera che “è molto più di una scopata pura e semplice. E’un ideale platonico. Senza cerniera perché al momento buono le cerniere cadono come i petali di una rosa sfiorita, la biancheria si sparge nel vento come la bambagia di un soffione. Le lingue si intrecciano e si liquefano. L’anima scivola come un sospiro nella lingua e poi nella bocca dell’amante. Nella vera scopata senza cerniera […] non si arriva mai a conoscere l’uomo. […] Così un’altra delle condizioni essenziali della scopata senza cerniera è la brevità. E anche l’anonimato: l’anonimato è il massimo”. Ma il sesso non rappresenta comunque la soluzione finale. Questo Isadora lo sa bene quando, abbandonato l’ennesimo marito, si ritrova in fuga per l’Europa tra le braccia di un ipocrita esistenzialista.

Non vi sono soluzioni finali e l’eterno conflitto tra donne e uomini (di qualunque cosa si tratti) si riduce fondamentalmente ad un pensiero elementare:

“…più si invecchia più diventa chiaro che gli uomini sono fondamentalmente terrorizzati dalle donne. Alcuni segretamente, altri apertamente […] Tutti i problemi più importanti della storia impallidiscono davanti a queste due presenze cosmiche: l’eterno femminino e l’eterno cazzo moscio. L’estrema risorsa: il cazzo che sciopera. L’arma estrema nella guerra fra i sessi: il cazzo moscio. La bandiera dell’accampamento nemico: il cazzo a mezz’asta. Il simbolo dell’apocalisse: il cazzo a testata atomica che si distrugge da solo. Era quella la disuguaglianza fondamentale che non si poteva annullare: non che il maschio aveva una meravigliosa attrazione in più di nome pene, ma che la femmina aveva una fantastica figa a prova di bomba. Non c’era tempesta, tormenta o cataclisma che potesse metterla fuori uso. Era sempre lì, sempre pronta, sempre all’erta. Una cosa terrorizzante, se ci pensate bene. Non c’è da meravigliarsi che gli uomini abbiano inventato il mito dell’inadeguatezza femminile”. Nessuna complementarietà tra i sessi, solo autodistruzione.

Il primo romanzo di Erica Jong “Paura di volare” esce in America nel 1973, trasformandosi subito in un caso letterario. Ciò comportò commenti lusinghieri (come quello di Henry Miller che lo salutò come il corrispondente femminile di “Tropico del Cancro”), ma anche aspre critiche. L’etichetta di “donna che parla di sesso come un uomo” che le fu affibbiata agli esordi è certamente riduttiva se si pensa al talento letterario di una scrittrice che, anche con i suoi successivi romanzi, ha saputo analizzare le profonde e complesse contraddizioni della sessualità e dell’affettività femminili, alla ricerca delle loro cause e dei condizionamenti sociali.

L’immaginazione linguistica ed il coraggio intellettuale della donna e scrittrice Erica Jong nello sviscerare le problematiche affrontate rendono il romanzo credibile e davvero appassionante, senza mai scadere nella facile banalizzazione di certe tematiche.

Per donne ed uomini indiscriminatamente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Erica

Jong

Libri dallo stesso autore

Intervista a Jong Erica

Jennifer e Ian si conoscono da sette anni e gli ultimi cinque li hanno passati a farsi la guerra. A capo di due diverse squadre nella stessa banca d'affari, tra di loro la competizione è altissima e i colpi bassi e le scorrettezze non si contano. Si detestano, non si sopportano, e non fanno altro che mettersi i bastoni fra le ruote. Finché un giorno, per caso, i due sono costretti a lavorare a uno stesso progetto: la gestione dei capitali di un facoltoso e nobile cliente. E così si ritrovano a passare molto del loro tempo insieme, anche oltre l'orario d'ufficio. Ma Ian è lo scapolo più affascinante, ricco e ambito di tutta Londra e le sue accompagnatrici non passano mai inosservate: basta un'innocente serata trascorsa a uno stesso tavolo perché lui e Jennifer finiscano sulle pagine di gossip di un giornale scandalistico. Lei è furiosa: come possono averla associata a un borioso, classista e pallone gonfiato come Ian? Lui è divertito, ma soprattutto sorpreso: le foto con Jenny hanno scoraggiato tutte le sue assillanti corteggiatrici. E allora si lancia in una proposta indecente: le darà carta bianca col facoltoso cliente se lei accetterà di fingersi la sua fidanzata. Sfida accettata e inizio del gioco! Ma ben presto portare avanti quello che per Jenny sembrava un semplice accordo di affari si rivela più complicato del previsto.

TI PREGO LASCIATI ODIARE

Premoli Anna

La mezza vampira Cat Crawfield è diventata l’agente speciale Cat Crawfield, che lavora per il governo al fine di liberare il mondo dai delinquenti non-morti. Per raggiungere il suo scopo continua a usare tutto quello che Bones, il suo sexy e pericoloso ex, le ha insegnato. Ma quando diventa il bersaglio di un assassino, l’unico che può aiutarla è proprio il vampiro che si è lasciata alle spalle. Rivedere Bones e tornare a frequentarlo risveglia in lei tutte le vecchie emozioni, dal flusso di adrenalina di quando uccidono i vampiri fianco a fianco all’avventata passione che li consumava. Cat cercherà in tutti i modi di resistere a un amore che va contro tutte le regole, e che adesso non trova più solo l’ostacolo di sua madre, ma anche dei suoi colleghi di lavoro. Però ben presto scoprirà che il desiderio non muore mai... e visto che Bones stavolta non ha intenzione di lasciarla andar via, a Cat non resta che tornare a combattere con lui. E non solo... La taglia sulla sua testa assume un significato molto particolare quando si scopre che ha qualcosa a che fare con il padre a lungo cercato e da sempre odiato. Se la sua sopravvivenza dipende dal lavorare in squadra con Bones, rischiando ancora una volta di perdere tutto, Cat non può fare a meno di provarci comunque.

LA REGINA DELLA NOTTE

Frost Jeaniene

DEDALUS – di James Joyce

Molte inchieste ci hanno parlato della famosa "zona grigia" tra criminalità e finanza, fatta di banchieri accondiscendenti, broker senza scrupoli, politici corrotti, malavitosi di seconda generazione laureati in Scienze economiche e ricevuti negli ambienti più lussuosi e insospettabili. Ma è difficile dar loro un volto, immaginarli nella vita quotidiana. Walter Siti, col suo stile mimetico e complice, sfrutta le risorse della letteratura per offrirci un ritratto ravvicinato di Tommaso: ex ragazzo obeso, matematico mancato e giocoliere della finanza; tutt'altro che privo di buoni sentimenti, forte di un edipo irrisolto e di inconfessabili frequentazioni. Intorno a lui si muove un mondo dove il denaro comanda e deforma; dove il possesso è l'unico criterio di valore, il corpo è moneta e la violenza un vantaggio commerciale. Conosciamo un'olgettina intelligente e una scrittrice impegnata, un sereno delinquente di borgata e un mafioso internazionale che interpreta la propria leadership come una missione. Un mondo dove soldi sporchi e puliti si confondono in un groviglio inestricabile, mentre la stessa distinzione tra bene e male appare incerta e velleitaria. Proseguendo nell'indagine narrativa sulle mutazioni profonde della contemporaneità, sulle vischiosità ossessive e invisibili dietro le emergenze chiassose della cronaca, Siti prefigura un aldilà della democrazia: un inferno contro natura che chiede di essere guardato e sofferto con lucidità prima di essere (forse e radicalmente).

Resistere non serve a niente

Siti Walter