Letteratura femminile

Paura di volare

Jong Erica

Descrizione: Paura di volare è la storia di Isadora Wing, una delle più spregiudicate antieroine della letteratura contemporanea. Isadora è bella, appassionata e sessualmente infiammabile, ma ha una terribile paura di volare, paura della sua forza e della sua libertà. Ingabbia la sua esuberanza in matrimoni che esplodono mandando in frantumi speranze di protezione e di sicurezza, con un primo marito che finisce col credersi Cristo e minaccia una passeggiata sulle acque del lago di Central Park, un secondo che non smette di essere un freddo analista neppure nel letto matrimoniale. La terra promessa della libertà non arriva neppure con la folle passione per Adrian Goodlove, anticonvenzionale psichiatra lainghiano sostenitore della autonomia e della poligamia. Il viaggio attraverso l'Europa che Isadora intraprende con lui, dopo mille incertezze venate di desiderio del volo e paura delle conseguenze, si rivela fallimentare. La famiglia, gli amori del passato, i sogni dell'adolescenza riprendono il sopravvento in un processo di acuta autoanalisi.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2000

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

La paura di volare di Erica Jong è qualcosa che si conosce ma di cui ci si libera a fatica.

E’ la paura di vivere, di prendersi lo spazio necessario per respirare e per capire che la vita che si sta vivendo non è la propria, ma quella di qualcun altro.

Isadora Wing è la protagonista suo malgrado disincantata ma ancora ostinatamente idealista di queste pagine. Le sue contraddizioni sull’amore, il matrimonio, il sesso e la scrittura costringono il lettore ad una riflessione forzata sulla propria esistenza sentimentale e non. Le domande sono quelle che Isadora pone costantemente a se stessa e le risposte non si concludono mai con un punto e a capo.

Non c’è soluzione, non c’è salvezza. C’è solo la vita.

Erica Jong, attraverso la sua tormentata poetessa Isadora, traccia il profilo di una donna che teme i fallimenti, il dolore, l’abbandono, il tradimento ma che, nonostante ciò, non riesce ad evitarli. E’ una donna che analizza gli uomini ed il sesso con attenzione maniacale, indiscreta, a tratti isterica. Le responsabilità delle miserie delle relazioni sentimentali – tra cui le sue – sono ben distribuite tra donne con la testa infarcita di romanticismo spicciolo e sensi di colpa, votate alla sofferenza ed alla sottomissione e uomini frustrai e bipolari, all’eterna ricerca di conferme sulla propria virilità.

“Mostratemi una donna che non si senta colpevole e io vi mostrerò un uomo”.

Isadora mal tollera l’immobilismo e teme la sua innata irrequietezza. Si ritrova ad assecondare i suoi desideri, per sfuggire alla noia devastante di giorni ingabbiati, per lasciarsi poi demolire ed affliggere dagli immancabili sensi di colpa che seguono alla liberazione.

“Ero intrappolata, ed erano le mie paure ad intrappolarmi. Alla base di tutto c’era il terrore di rimanere sola. A volte mi sembrava che avrei potuto accettare qualunque compromesso, sopportare qualunque ignominia, stare con qualunque uomo pur di non affrontare la solitudine. Ma perché? Che cosa c’era di così terribile nello star soli?”

La Jong ci parla di donne combattute tra il desiderio di libertà ed il bisogno di sicurezza, tra l’incontrollabile fame d’amore e la dipendenza da un marito. L’autrice sviscera ogni cosa con arguzia ed ironia cercando un ordine necessario nella confusione dei rapporti umani. Classifica, etichetta, archivia.

Ecco allora la scopata senza cerniera che “è molto più di una scopata pura e semplice. E’un ideale platonico. Senza cerniera perché al momento buono le cerniere cadono come i petali di una rosa sfiorita, la biancheria si sparge nel vento come la bambagia di un soffione. Le lingue si intrecciano e si liquefano. L’anima scivola come un sospiro nella lingua e poi nella bocca dell’amante. Nella vera scopata senza cerniera […] non si arriva mai a conoscere l’uomo. […] Così un’altra delle condizioni essenziali della scopata senza cerniera è la brevità. E anche l’anonimato: l’anonimato è il massimo”. Ma il sesso non rappresenta comunque la soluzione finale. Questo Isadora lo sa bene quando, abbandonato l’ennesimo marito, si ritrova in fuga per l’Europa tra le braccia di un ipocrita esistenzialista.

Non vi sono soluzioni finali e l’eterno conflitto tra donne e uomini (di qualunque cosa si tratti) si riduce fondamentalmente ad un pensiero elementare:

“…più si invecchia più diventa chiaro che gli uomini sono fondamentalmente terrorizzati dalle donne. Alcuni segretamente, altri apertamente […] Tutti i problemi più importanti della storia impallidiscono davanti a queste due presenze cosmiche: l’eterno femminino e l’eterno cazzo moscio. L’estrema risorsa: il cazzo che sciopera. L’arma estrema nella guerra fra i sessi: il cazzo moscio. La bandiera dell’accampamento nemico: il cazzo a mezz’asta. Il simbolo dell’apocalisse: il cazzo a testata atomica che si distrugge da solo. Era quella la disuguaglianza fondamentale che non si poteva annullare: non che il maschio aveva una meravigliosa attrazione in più di nome pene, ma che la femmina aveva una fantastica figa a prova di bomba. Non c’era tempesta, tormenta o cataclisma che potesse metterla fuori uso. Era sempre lì, sempre pronta, sempre all’erta. Una cosa terrorizzante, se ci pensate bene. Non c’è da meravigliarsi che gli uomini abbiano inventato il mito dell’inadeguatezza femminile”. Nessuna complementarietà tra i sessi, solo autodistruzione.

Il primo romanzo di Erica Jong “Paura di volare” esce in America nel 1973, trasformandosi subito in un caso letterario. Ciò comportò commenti lusinghieri (come quello di Henry Miller che lo salutò come il corrispondente femminile di “Tropico del Cancro”), ma anche aspre critiche. L’etichetta di “donna che parla di sesso come un uomo” che le fu affibbiata agli esordi è certamente riduttiva se si pensa al talento letterario di una scrittrice che, anche con i suoi successivi romanzi, ha saputo analizzare le profonde e complesse contraddizioni della sessualità e dell’affettività femminili, alla ricerca delle loro cause e dei condizionamenti sociali.

L’immaginazione linguistica ed il coraggio intellettuale della donna e scrittrice Erica Jong nello sviscerare le problematiche affrontate rendono il romanzo credibile e davvero appassionante, senza mai scadere nella facile banalizzazione di certe tematiche.

Per donne ed uomini indiscriminatamente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Erica

Jong

Libri dallo stesso autore

Intervista a Jong Erica


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Antologia sui confini voluta da ARCI Nazionale e composta da Emmanuela Carbé, Francesca Genti, Carlo Lucarelli, Monica Massari, Giuseppe Palumbo, Antonio Pascale, Gipi, Christian Raimo. Verrà presentata al festival di «Internazionale» a Ferrara, settembre zoi6."Scrivo questa nota la notte del 7 marzo 2016, nell'ottantesimo anniversario della nascita di Georges Perec, che subito dopo la seconda guerra mondiale era un bambino senza ricordi d'infanzia. 'Non ho ricordi d'infanzia' scrive. 'Fino ai dodici anni, più o meno, la mia storia occupa qualche riga: ho perduto mio padre a quattro anni, mia madre a sei; ho passato la guerra in varie pensioni di Villard-de-Lans. Nel 1945, la sorella di mio padre e suo marito mi hanno adottato. Questa assenza di storia mi ha, a lungo, rassicurato: la sua secchezza oggettiva, la sua apparente evidenza, la sua innocenza mi proteggevano"."Perec è nato in Francia, ma non è francese. 'Ho un nome francese' scrive `Georges, un cognome francese o quasi: Perec che tutti scrivono Pérec o Perrec: il mio cognome non si scrive esattamente come si pronuncia. A questa contraddizione insignificante si associa il sentimento tenue, ma insistente, insidioso, ineluttabile, di essere in un certo modo straniero rispetto a qualcosa di me stesso, di essere 'diverso', ma non tanto diverso dagli 'altri' quanto diverso dai 'miei'; non parlo la lingua che parlavano i miei genitori, non condivido nessuno dei ricordi che essi poterono avere"."Perec è cresciuto in un mondo, l'Europa occidentale del dopoguerra, che a me sembra l'abbia protetto dalla sua solitudine e abbia avuto interesse a tramandare la sua storia. Una delle domande che credo salteranno fuori da questa antologia è: il nostro mondo, è in grado di proteggere qualcuno dalla sua solitudine? Gli interessa tramandare le storie dei Perec di oggi?” (Paolo Nori)

Ma il mondo non era di tutti?

A cura di Paolo Nori

Franco Di Carlo: poesie ispirate a Pasolini

È domenica pomeriggio 22 marzo 1981 e al Bar Marco tra i tavoli da carte e il rumore dei flipper riecheggiano le partite di calcio. Tutti seguono la radiocronaca e controllano la schedina. A Sanremo, a pochi passi dai lustrini luccicanti del Casinò, dall'aristocratica clientela degli hotel dell'Imperatrice e dagli splendori delle ville liberty, il Bar illumina un quartiere sorto rapidamente, senza anima apparente ma stracolmo di umanità parallele. Qui sui tavoli del biliardo si sfiorano senza incontrarsi, destini impegnati a sopravvivere alla vita e vite impegnate a sopravvivere ad un destino. Vite in movimento apparente, vacuamente oscillanti al caso come la pallina della roulette, e destini sfilacciati, duri da mordere, incatenati ad un filo di necessità. Destini appesi al bancone del Bar Marco, fra un bicchiere di troppo e una sigaretta mai spenta, in attesa del tredici che ne cambierà per sempre segno e direzione. Una vincita milionaria, il furto della schedina, un mistero da risolvere in un intreccio di emozioni e traiettorie. Un ingorgo di miserie, furbizie, espedienti e sudore che trova la sua perfezione provvisoria nella geometria euclidea del biliardo, nella esatta corrispondenza della sponda, nella fredda pazienza del ragno che tesse l'ineludibile disegno della tela. Una melodia distillata in infinite modulazioni fra tonalità maggiori e minori, scale ascendenti e discendenti, alla ricerca di una cifra armonica che riempia e sazi gli spazi dell'anima ruota intorno a Mario, il barista-investigatore dalla debordante umanità.

Un pastis al bar Marco

Fellegara Morena

È la storia di due ragazze, Maria (che narra in prima persona) e Tsugumi. A diciannove anni Maria lascia il piccolo paese sul mare per trasferirsi a Tokyo e iscriversi all'università. Anni dopo, decide di tornare al paese per le vacanze, dove ritrova Tsugumi, l'eroina del romanzo, bellissima e dispotica ragazza. Tutti tentano di essere indulgenti con lei, sperando di renderle migliore la vita che le resta. Infatti le è stata diagnosticata dalla nascita una malattia incurabile. Terminate le vacanze, Maria sta per tornare a Tokyo ma le condizioni di Tsugumi peggiorano e pare non ci sia più niente da fare. All'ultimo momento Tsugumi si salva, sentendosi vicina alla morte però aveva scritto a Maria una lettera-testamento e con questa si chiude il romanzo.

TSUGUMI

Yoshimoto Banana