Classici

Il peccato

Boine Giovanni

Descrizione: l peccato (1914) di Giovanni Boine usa tutti gli ingredienti della letteratura d’appendice: lui, l’artista, e lei, la novizia che sta per prendere i voti, l’amore come conflitto e lo scenario della provincia ligure come spaesamento dell’anima. Pubblicato in tre puntate nel 1914 sulla rivista “La Riviera ligure”, il testo – grazie a una serie di studiate soluzioni narratologiche – anticipa Schnitzler, Svevo, Mann, Joyce. Si respira l’Europa, infatti, in queste pagine tormentate nella forma e nel contenuto, lo spavento della Guerra alle porte e il presagio della frattura inevitabile tra l’Uomo e le cose che i “tempi moderni” porteranno.

Categoria: Classici

Editore: Kogoi Edizioni

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788898455010

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Scrittore appartenente alla corrente dei “vociani”, letterati legati alla rivista culturale “La voce” che vide tra gli altri anche Giovanni Papini, Boine, sia pur giovanissimo (morì di tisi appena trentenne) seppe ritagliarsi una buona notorietà in campo letterario grazie alle sue indubbie doti di scrittore e di critico. Il romanzo “Il peccato”, scritto un secolo fa, nel 1913, ripercorre la scìa di Manzoni e Verga per la tematica affrontata: la novizia che si innamora ed inevitabilmente entra in crisi mistica.

La scrittura di Boine è articolata, ricercata. La narrazione cronologica viene infatti soppiantata e, come per Joyce e Proust, è adottata la tecnica del flusso di coscienza, che fornisce un migliore inquadramento psicologico dei personaggi ma talora può disorientare il lettore con frequenti oscillamenti temporali.

La figura della protagonista femminile, sia nella seconda che nella terza parte del romanzo, ha un buon approfondimento. Stesso discorso vale per il protagonista maschile, che cela lo scrittore medesimo.

Il romanzo appartiene a quella serie di opere giovanili, o di formazione, che ci presentano dei personaggi di giovane età alle prese con turbamenti e scelte spesso difficili. Da qui nasce la scrittura frammentaria, testimone di un tormento interiore di natura autobiografica. 

Moderno l’approccio con gli autori di lingua straniera; diverse sono infatti le citazioni in lingua spagnola tratte dalle riflessioni di Santa Teresa.

Così come accadde per Joyce, che contemporaneamente a Boine redigeva il suo romanzo a ispirazione autobiografica “Dedalus”, incentrato su un giovane intellettuale a disagio nella natìa Irlanda troppo legata a rigidi precetti, anche Boine illustra le difficoltà incontrate da un’anima in fieri che poco accetta le convenzioni sociali.

Immortali le tematiche, anche se rese con un linguaggio a volte ostico che necessita un approfondimento. Il romanzo di Boine è da riscoprire soprattutto perché lo scrittore traduce nella vicenda la necessità di dover mediare dal lirismo vociano all’esigenza di un rapporto più concreto con la realtà esterna. Il titolo “Il peccato” non si riferisce infatti all’innamoramento proibito per la novizia bensì al tradimento degli antichi ideali per una dimensione meno alta e più comune.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giovanni

Boine

Libri dallo stesso autore

Intervista a Boine Giovanni

A un narratore è prudente non chiedere mai di raccontare la sua vera storia: quantomeno si innervosisce. La protagonista di questo romanzo non fa eccezione e, se potesse scegliere, continuerebbe a nascondersi come sempre dietro invenzioni, personaggi e «suoni corti, urgenti, che servono soprattutto a far capire agli altri se sto bene o se sto male». Invece, per ragioni alimentari, accetta di tenere un seminario che, primo, ha per oggetto una disciplina neonata e vagamente grottesca, la «lettura creativa», e secondo, ha come destinatari gli uditori meno accomodanti: un gruppo di vecchi amici, riemersi da un passato non del tutto limpido. A questo piccolo pubblico, inaspettatamente, la scrittrice finirà per raccontarla davvero, la storia perturbante e per nulla gradevole che i suoi allievi credevano di voler ascoltare. Il risultato è una commedia amara e tagliente, in cui ogni battuta e ogni silenzio hanno un peso.

COME SE NIENTE FOSSE

Muratori Letizia

Sinestesieonline: il N. 14 di Dicembre 2015

Può una vendetta realizzarsi nell’arco di un’intera esistenza? Amélie Nothomb torna con una storia d’amore nero in cui tocca le corde più intime del desiderio, là dove è difficile distinguere l’amore dal suo riflesso malato, e dove vincere o perdere diventano l’unica ragione per cui vale la pena vivere. Il 12 settembre 1970 Dominique conosce Claude sulla terrazza di un caffè a Brest, e non sa ancora che la sua vita sta per cambiare per sempre. Il destino ha fatto incontrare due persone dai nomi epiceni, maschili e femminili insieme. Lui la seduce con un bicchiere di champagne, un flacone di Chanel n° 5 e la promessa di trasferirsi a Parigi. La nascita della figlia tanto desiderata, Epicène, suscita tuttavia in Claude un incomprensibile disinteresse che, col passare degli anni, spinge la ragazza a odiare il padre e a desiderare di ucciderlo…

I nomi epiceni

Nothomb Amélie

Abbi cura di me