Classici

Il peccato

Boine Giovanni

Descrizione: l peccato (1914) di Giovanni Boine usa tutti gli ingredienti della letteratura d’appendice: lui, l’artista, e lei, la novizia che sta per prendere i voti, l’amore come conflitto e lo scenario della provincia ligure come spaesamento dell’anima. Pubblicato in tre puntate nel 1914 sulla rivista “La Riviera ligure”, il testo – grazie a una serie di studiate soluzioni narratologiche – anticipa Schnitzler, Svevo, Mann, Joyce. Si respira l’Europa, infatti, in queste pagine tormentate nella forma e nel contenuto, lo spavento della Guerra alle porte e il presagio della frattura inevitabile tra l’Uomo e le cose che i “tempi moderni” porteranno.

Categoria: Classici

Editore: Kogoi Edizioni

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788898455010

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Scrittore appartenente alla corrente dei “vociani”, letterati legati alla rivista culturale “La voce” che vide tra gli altri anche Giovanni Papini, Boine, sia pur giovanissimo (morì di tisi appena trentenne) seppe ritagliarsi una buona notorietà in campo letterario grazie alle sue indubbie doti di scrittore e di critico. Il romanzo “Il peccato”, scritto un secolo fa, nel 1913, ripercorre la scìa di Manzoni e Verga per la tematica affrontata: la novizia che si innamora ed inevitabilmente entra in crisi mistica.

La scrittura di Boine è articolata, ricercata. La narrazione cronologica viene infatti soppiantata e, come per Joyce e Proust, è adottata la tecnica del flusso di coscienza, che fornisce un migliore inquadramento psicologico dei personaggi ma talora può disorientare il lettore con frequenti oscillamenti temporali.

La figura della protagonista femminile, sia nella seconda che nella terza parte del romanzo, ha un buon approfondimento. Stesso discorso vale per il protagonista maschile, che cela lo scrittore medesimo.

Il romanzo appartiene a quella serie di opere giovanili, o di formazione, che ci presentano dei personaggi di giovane età alle prese con turbamenti e scelte spesso difficili. Da qui nasce la scrittura frammentaria, testimone di un tormento interiore di natura autobiografica. 

Moderno l’approccio con gli autori di lingua straniera; diverse sono infatti le citazioni in lingua spagnola tratte dalle riflessioni di Santa Teresa.

Così come accadde per Joyce, che contemporaneamente a Boine redigeva il suo romanzo a ispirazione autobiografica “Dedalus”, incentrato su un giovane intellettuale a disagio nella natìa Irlanda troppo legata a rigidi precetti, anche Boine illustra le difficoltà incontrate da un’anima in fieri che poco accetta le convenzioni sociali.

Immortali le tematiche, anche se rese con un linguaggio a volte ostico che necessita un approfondimento. Il romanzo di Boine è da riscoprire soprattutto perché lo scrittore traduce nella vicenda la necessità di dover mediare dal lirismo vociano all’esigenza di un rapporto più concreto con la realtà esterna. Il titolo “Il peccato” non si riferisce infatti all’innamoramento proibito per la novizia bensì al tradimento degli antichi ideali per una dimensione meno alta e più comune.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giovanni

Boine

Libri dallo stesso autore

Intervista a Boine Giovanni


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sempre più spesso a chi si occupa di discipline umanistiche in Italia viene chiesto: «A cosa serve?». Dietro questa domanda agisce una vera e propria rete di metafore economiche usate per rappresentare la sfera della cultura e della creazione intellettuale («giacimenti culturali», «offerta formativa», «spendibilità dei saperi», «crediti», «debiti» e cosí via). A fronte di tanta pervasività di immagini economiche, sta il fatto che la storia testimonia un’immagine della creazione intellettuale decisamente rovesciata rispetto a quella che si va affermando oggi. La civiltà infatti è prima di tutto una questione di pazienza: e anche la nostra si è sviluppata proprio in relazione al fatto che alla creazione culturale non si è chiesto immediatamente «a che cosa servisse». Se si vuole mantenere viva la presenza della cultura classica in Italia, però, è indispensabile un vero e proprio cambiamento di paradigma nell’insegnamento delle materie classiche nelle nostre scuole.

A che servono i Greci e i Romani?

Bettini Maurizio

Sarajevo, 28 giugno 1914. Sei colpi di rivoltella freddano Francesco Ferdinando d’Asburgo e Sophie Chotek, sposa morganatica dell’erede di Francesco Giuseppe perché “non abbastanza nobile” per diventare imperatrice. In sette capitoli, corrispondenti ai giorni in cui si dipana la querelle fra l’opinione pubblica e Alfred di Montenuovo, incaricato di organizzare le esequie, Edgarda Ferri racconta le discussioni, i puntigli, i compromessi dell’inquietante Gran Ciambellano di Corte, che non riconosce Sophie come moglie legittima dell’erede al trono, arrivando a concederle soltanto un paio di misteriosi guanti bianchi posati sulla bara, poggiata a terra e lontana da quella del marito, issata su un enorme catafalco ornato dai simboli imperiali.

Guanti bianchi

Ferri Edgarda

Chi sono i guardiani del tempo? A cosa serve al giorno d’oggi un antico cronografo con 12 gemme incastonate? Qual è il ruolo della sedicenne Gwendolyn e della avvenente cugina Charlotte? E Gideon, il bello, inavvicinabile Gideon, che parte avrà nella ricerca del mistero che si tramanda da generazioni nella famiglia di Gwendolyn? Mistero, avventura, amore, in un’altalena di colpi di scena mozzafiato per un romanzo di grandissimo successo.

RED

Gier Kerstin

Il secondo regno dantesco "dove l'umano spirito si purga / e di salire al ciel diventa degno", è, dei tre, quello che porta nella sua struttura, sia fisica sia morale, la maggiore novità d'invenzione, tanto da poter dire che esso è un mondo, nel suo aspetto e nel suo spirito, soltanto dantesco. Circola per tutto il Purgatorio un'atmosfera difficilmente definibile, come di raccolto incanto, che coglie il lettore fin dall'inizio e l'accompagna fino alle soglie del Paradiso: attingere lo spirito di quella delicatissima aura che tutto avvolge è la via per intendere il Purgatorio dantesco nella profonda bellezza che lo distingue.

La divina commedia

Alighieri Dante