Narrativa

Per dieci minuti

Gamberale Chiara

Descrizione: Dieci minuti al giorno. Tutti i giorni. Per un mese. Dieci minuti per fare una cosa nuova, mai fatta prima. Dieci minuti fuori dai soliti schemi. Per smettere di avere paura. E tornare a vivere. Tutto quello con cui Chiara era abituata a identificare la sua vita non esiste più. Perché, a volte, capita. Capita che il tuo compagno di sempre ti abbandoni. Che tu debba lasciare la casa in cui sei cresciuto. Che il tuo lavoro venga affidato a un altro. Che cosa si fa, allora? Rudolf Steiner non ha dubbi: si gioca. Chiara non ha niente da perdere, e ci prova. Per un mese intero, ogni giorno, per almeno dieci minuti, decide di fare una cosa nuova, mai fatta prima. Lei che è incapace anche solo di avvicinarsi ai fornelli, cucina dei pancake, cammina di spalle per la città, balla l'hip-hop, ascolta i problemi di sua madre, consegna il cellulare a uno sconosciuto. Di dieci minuti in dieci minuti, arriva così ad accogliere realtà che non avrebbe mai immaginato e che la porteranno a scelte sorprendenti. Da cui ricominciare. Con la profonda originalità che la contraddistingue, Chiara Gamberale racconta quanto il cambiamento sia spaventoso, ma necessario. E dimostra come, un minuto per volta, sia possibile tornare a vivere.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2013

ISBN: 9788807030710

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Chiara ha 36 anni e nel giro di pochi mesi ha perso la casa dove è cresciuta, ha perso il suo lavoro e anche suo marito. E quando succedono tutte queste cose insieme, nonostante tu abbia duramente lottato per dare un senso alla tua vita, va a finire che crolli.

La psicologa di Chiara le suggerisce allora di fare un gioco. Per un mese, l’abitudinaria, paurosa Chiara deve fare ogni giorno una cosa che non ha mai fatto per almeno dieci minuti.

E allora tra preparare pancake, camminare all’incontrario, seguire lezioni di hip hop, leggere Harry Potter, chiamare il telefono amico e imparare il punto croce, Chiara comincia il suo personale cammino verso la guarigione.

Intanto suo Marito (di cui non viene mai detto il nome, come a indicarne il ruolo e mai la persona) prova a tornare con lei e Chiara cerca di capire, di farsi spiegare i veri motivi per questo cambio di rotta, mentre Ato, un ragazzo di colore conosciuto grazie al suo vecchio lavoro, diventa la sua famiglia.

Dieci minuti per dieci minuti, Chiara scopre che la sua vita è ormai oltre la casa dell’infanzia, il solito lavoro, il solito Marito.

La sua vita sono tutte le persone che ci sono ancora e non l’hanno abbandonata, la sua vita è la sua professione di scrittrice. La sua vita, soprattutto, è quella che sta vivendo imponendosi un cambiamento grazie al quale sta conoscendo nuove parti di sè, celate sotto una coltre di abitudini e finte certezze. Ne viene fuori una donna forte, che ama, che si ama, e che si convince di meritare un amore vero.

Chiara Gamberale scrive con una tale serenità; il suo stile è così leggero, fresco, diretto; le parole che sceglie e usa sono così ‘normali’; la storia che racconta è, in un certo senso, così comune, che se si legge questo libro tra i 30 e i 40 anni è veramente molto facile immedesimarsi. E se inizialmente l’immedesimazione potrebbe generare sensazioni negative, beh… andando avanti, prendendo sul serio il gioco, ci si accorge che questo libro è una bella boccata d’aria fresca per le nostre vite che, tante volte, sembrano procedere in automatico.

Un libro sul cambiamento e sull’immensa forza che serve per affrontarlo. Da leggere col cuore leggero. Per ridere con Chiara dei suoi dieci minuti e per ridere di noi, quando ci prendiamo troppo sul serio e ci lasciamo soffocare dalle calde, sicure certezze.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Chiara

Gamberale

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gamberale Chiara


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Mizar, assistente capo, ha sempre desiderato far parte di una squadra investigativa. Fin da quando è entrata in Polizia, spinta da un evento terribile che le ha sconvolto la fanciullezza, ha sentito forte la passione per la giustizia, il desiderio di trovare sempre la verità. E così, quando ha la possibilità di lavorare con il vice ispettore Andrea Suarez, famoso per riunire gli uomini migliori del reparto, non può lasciarsela scappare: rischierà la vita ma dovrà andare sotto copertura in una missione molto pericolosa. Mizar conosce però un segreto di Andrea e questo la rende inquieta tanto da perdere il controllo delle cose. Ma nessuno può rischiare la vita dell'altro, ognuno si fida del proprio compagno e la regola numero uno è non farsi mai coinvolgere da sentimenti personali...

Il gioco del ragno

Perullo Donatella

I morti tentano di consolarci/ ma il loro tentativo è incomprensibile;/ sono i lapsus, gli inciampi, l’indicibile/ della conversazione. Sanno amarci/ con una mano – e l’altra all’Invisibile.

In che luce cadranno

Galloni Gabriele

Michele Gervasini è il tuo vicino di scrivania. Goffo e incolore, sempre a un passo dall'agognato scatto di carriera, dimostra a ogni respiro una solenne verità: l'uomo è quell'animale che, grazie al lavoro, sceglie liberamente di rendersi schiavo per tutta la vita. Ma il giorno in cui i colleghi cominciano a suicidarsi a raffica, il percorso esistenziale casa-ufficio registra un sinistro scricchiolio. E sotto gli occhi stolidi della mucca aziendale in vetroresina salta in aria l'organigramma del mondo. Un romanzo abrasivo, comico e letterario, in cui ridendo degli altri è impossibile non riconoscersi.

NESSUNO E’ INDISPENSABILE

Fiore Peppe

Uno degli aspetti più straordinari dei disturbi dello spettro autistico è l'elevata frequenza di abilità speciali che in essi si rileva. È frequente che molte delle persone affette da questi disturbi possiedano abilità speciali nel campo della musica, dell'arte, del calcolo o della memoria. Perché soggetti con gravi compromissioni sul piano sociale e comunicativo sembrano predisposti a sviluppare l'orecchio assoluto, una memoria fotografica o la capacità di eseguire calcoli a velocità lampo? Questo libro esplora l'enigma del talento e il suo stretto legame con l'autismo indagando le numerose questioni che esso pone: esistono effetti genetici simili che predispongono al talento e all'autismo? Cosa c'è di speciale nei cervelli delle persone con abilità savant? Qual'è il modo migliore di promuovere i talenti in bambini e adulti con difficoltà comunicative e sociali? Con il contributo di alcune delle maggiori autorità mondiali, il volume cerca di districare il mistero delle abilità savant e di riflettere sul modo molto diverso in cui le persone con autismo vedono e comprendono il mondo. Una lettura stimolante per un pubblico interessato e scienze, arti e discipline umanistiche.

Autismo e talento

Happé Francesca