Narrativa

PER L’AMOR DI UN DIO

Phillips Marie

Descrizione: Dura la vita per gli dei dell'Olimpo nel XXI secolo: nessuno crede più in loro, e si sono ridotti a vivere stipati in uno sgangherato condominio di North London, dove manca spesso l'acqua calda. E che dire del mestiere che sono costretti a svolgere per campare? Artemide, la dea della caccia, ora è ridotta a fare la dog sitter, mentre la splendida Afrodite, dea dell'amore, lavora per una chat line erotica. Ma quando due innamorati hanno bisogno di loro...

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2009

ISBN: 9788860880802

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Questo romanzo di sicuro non può essere accostato alla classica storia d’amore intesa in senso ottocentesco o ad un romanzo d’avventura così come possiamo immaginarcelo: amore ed avventura sono sì mescolati al suo interno quali componenti fondamentali del racconto, ma con un nuovo ed inaspettato elemento: la parodia. Essa è infatti lo strumento a cui l’autrice ricorre per riproporre il mito di Orfeo ed Euridice nella Londra contemporanea.

Quella che viene messa in scena è una rappresentazione a dir poco ironica del pantheon greco-romano, attraverso la quale ciascun dio viene ridicolizzato proprio per il suo tratto  più caratteristico, ovvero quello che nel mito classico identificava la stessa divinità. Si può riportare l’esempio di un’Afrodite fedifraga, di un Apollo dongiovanni, di un’Artemide casta perfino nel proprio linguaggio, sobrio e raffinato, di un’Atena che non riesce a farsi comprendere a causa del suo baroccheggiante modo di esprimersi. Tutti quanti si trovano nella situazione di dover difendere la loro stessa esistenza: nel XXI secolo, infatti, la radicale diffusione del cristianesimo ha fatto sì che il loro potere si indebolisse in mancanza di seguaci e di fedeli.

Proprio all’interno di questa situazione, si inserisce la vicenda di Alice, una ragazza che si occuperà si svolgere le pulizie all’interno della casa in cui vivono gli dei, nascosti e mimetizzati nella comunità londinese, e quella di Neil, ragazzo del quale Alice presto si innamorerà. I due diventeranno vittime degli screzi e delle scommesse tra Apollo ed Afrodite: Alice, non cedendo alle seduzioni del dio dell’amore, sarà incenerita e il sole verrà spento per mostrare la potenza divina ad un semplice mortale che aveva osato sfidarlo. A questo punto prenderà inizio la missione nel regno di Ade, per cercare di recuperare Alice e poter ridare la luce al sole, senza la quale la Terra sarebbe destinata a morire.

Un romanzo simpatico, indubbiamente divertente quando l’autrice si concentra sul comportamento degli dei, i quali vengono appunto “demitizzati”, calati giù dall’Olimpo, non solo perché non vivono più fisicamente su questo monte, ma perché privati di quell’alone di superiorità che gli scrittori antichi, avevano conferito loro. Sarebbe infatti difficile rintracciare nell’Apollo della Phillips l’Apollo di Ovidio o di Omero. Gli antichi avevano certamente creato un pantheon nel quale gli dei assumevano tratti umani, ma qui quell’alone di immortalità viene decisamente tagliato fuori da un mondo moderno e da una metropoli che di divino ormai ha ben poco.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marie

Phillips

Libri dallo stesso autore

Intervista a Phillips Marie


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nella Germania della Seconda guerra mondiale, quando ogni cosa è in rovina, una bambina di nove anni, Liesel, inizia la sua carriera di ladra. All'inizio è la fame a spingerla, e il suo bottino consiste in qualche mela, ma poi il vero, prezioso oggetto dei suoi furti sono i libri. Perché rubarli significa salvarli, e soprattutto salvare se stessa. Liesel infatti sta fuggendo dalle rovine della sua casa e della sua famiglia, accompagnata dal fratellino più piccolo e diretta al paese vicino a Monaco dove l'aspetta la famiglia che li ha adottati. Nell'inverno gelido e bianco di neve, il bambino non ce la fa, ed è proprio vicino alla sua tomba che lei trova il primo libro. Il secondo, invece, lo salva dal fuoco di uno dei tanti roghi accesi dai nazisti. Col passare del tempo il numero dei libri cresce e le parole diventano compagne di viaggio, ciascuna testimone di eventi terribili ai quali la bambina sopravvive, protetta da quei suoi immortali, straordinari, amorevoli angeli custodi.

Storia di una ladra di libri

Zusak Markus

Testo oltraggioso e umoristico, che vorrebbe restituire dignità ad alcune figure e tipi umani stigmatizzati dallo status quo: il ruffiano, il porco maschilista, il poliziotto corrotto, lo speculatore ecc.

Difendere l’indifendibile

Block Walter

Il venir meno della promessa del lavoro per tutti (mito degli anni Cinquanta) e l'affermarsi di condizioni lavorative saltuarie pone il problema di come assicurare a tutti condizioni di vita dignitose. Il tema è quello del "reddito garantito" o "reddito di cittadinanza" o "basic incom", cioè di un reddito minimo assicurato dallo Stato in mancanza di attività lavorativa. La soluzione, molto discussa a livello teorico, è oggi adottata in tutti i paesi europei eccettuate l'Italia, la Grecia e l'Ungheria. In Italia c'è una sola sperimentazione, prevista da un decreto legislativo del 1998, ormai abbandonata nel tempo. Sui fondamenti etici e politici del reddito di cittadinanza, sulle realizzazioni in Europa e sulle possibilità in Italia, fa il punto il volume di Giuseppe Bronzini, magistrato, autore di numerose pubblicazioni in materia.

Il reddito di cittadinanza

Bronzini Giuseppe

Calabretto ricostruisce L’Histoire du soldat