Narrativa

PER L’AMOR DI UN DIO

Phillips Marie

Descrizione: Dura la vita per gli dei dell'Olimpo nel XXI secolo: nessuno crede più in loro, e si sono ridotti a vivere stipati in uno sgangherato condominio di North London, dove manca spesso l'acqua calda. E che dire del mestiere che sono costretti a svolgere per campare? Artemide, la dea della caccia, ora è ridotta a fare la dog sitter, mentre la splendida Afrodite, dea dell'amore, lavora per una chat line erotica. Ma quando due innamorati hanno bisogno di loro...

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2009

ISBN: 9788860880802

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Questo romanzo di sicuro non può essere accostato alla classica storia d’amore intesa in senso ottocentesco o ad un romanzo d’avventura così come possiamo immaginarcelo: amore ed avventura sono sì mescolati al suo interno quali componenti fondamentali del racconto, ma con un nuovo ed inaspettato elemento: la parodia. Essa è infatti lo strumento a cui l’autrice ricorre per riproporre il mito di Orfeo ed Euridice nella Londra contemporanea.

Quella che viene messa in scena è una rappresentazione a dir poco ironica del pantheon greco-romano, attraverso la quale ciascun dio viene ridicolizzato proprio per il suo tratto  più caratteristico, ovvero quello che nel mito classico identificava la stessa divinità. Si può riportare l’esempio di un’Afrodite fedifraga, di un Apollo dongiovanni, di un’Artemide casta perfino nel proprio linguaggio, sobrio e raffinato, di un’Atena che non riesce a farsi comprendere a causa del suo baroccheggiante modo di esprimersi. Tutti quanti si trovano nella situazione di dover difendere la loro stessa esistenza: nel XXI secolo, infatti, la radicale diffusione del cristianesimo ha fatto sì che il loro potere si indebolisse in mancanza di seguaci e di fedeli.

Proprio all’interno di questa situazione, si inserisce la vicenda di Alice, una ragazza che si occuperà si svolgere le pulizie all’interno della casa in cui vivono gli dei, nascosti e mimetizzati nella comunità londinese, e quella di Neil, ragazzo del quale Alice presto si innamorerà. I due diventeranno vittime degli screzi e delle scommesse tra Apollo ed Afrodite: Alice, non cedendo alle seduzioni del dio dell’amore, sarà incenerita e il sole verrà spento per mostrare la potenza divina ad un semplice mortale che aveva osato sfidarlo. A questo punto prenderà inizio la missione nel regno di Ade, per cercare di recuperare Alice e poter ridare la luce al sole, senza la quale la Terra sarebbe destinata a morire.

Un romanzo simpatico, indubbiamente divertente quando l’autrice si concentra sul comportamento degli dei, i quali vengono appunto “demitizzati”, calati giù dall’Olimpo, non solo perché non vivono più fisicamente su questo monte, ma perché privati di quell’alone di superiorità che gli scrittori antichi, avevano conferito loro. Sarebbe infatti difficile rintracciare nell’Apollo della Phillips l’Apollo di Ovidio o di Omero. Gli antichi avevano certamente creato un pantheon nel quale gli dei assumevano tratti umani, ma qui quell’alone di immortalità viene decisamente tagliato fuori da un mondo moderno e da una metropoli che di divino ormai ha ben poco.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marie

Phillips

Libri dallo stesso autore

Intervista a Phillips Marie


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

I ritratti di Virginia Woolf – parte seconda

Un ristorante di lusso. Un uomo e una donna iniziano a parlare. E’ la prima volta che si incontrano ma il loro non è un incontro normale. Lei è costretta a stare lì e a rispondere alle domande sempre più inquietanti e morbose dell’uomo. Vorrebbe andarsene, ma non può, intrappolata nel giro degli appuntamenti, l’ultima carta da giocare rimastale per salvare economicamente la sua famiglia. Più l’elegante sconosciuto si intrufola nella sua vita, più la donna si rende conto di avere davanti un mostro manipolatore e affamato di controllo. Dalle domande scabrose e imbarazzanti, si arriva a umiliazioni sempre più crudeli, in un gioco psicologico al massacro a cui la donna non può sottrarsi. Il ristorante diventa teatro di un dramma dove i due personaggi assumono il ruolo di vittima e carnefice. Ma quella sera una serie di rivelazioni ribalteranno drasticamente ruoli e copione, perché le apparenze ingannano e niente in quel ristorante è come sembra. Tra segreti, sesso e bugie, ci renderemo presto conto che l’appuntamento non è destinato a finire quella notte, perché quell'incontro fatale avrà terribili conseguenze nelle vite dei due personaggi.

L’appuntamento

Pulixi Piergiorgio

1 – Introduzione alla sezione giallo – thriller – noir

Pubblicato nel 1836, il romanzo - che narra l"iniziazione" del giovane Grinev sullo sfondo della rivolta di Pugacev - sfugge a classificazioni precise, perché sospeso tra generi diversi. Prevalgono tuttavia in esso l'ironia, il superamento delle convenzioni romantiche e un interesse così acuto per la storia che sembra presupporre, da parte dello scrittore, una presa di posizione di tipo ideologico. Ma Puskin non era un rivoluzionario, né un ammiratore del popolo russo in quanto forza progressista. Nel "Capitolo omesso", qui riportato in Appendice, si legge infatti: "Quelli che da noi progettano impossibili rivolte o sono giovani e non conoscono il nostro popolo oppure sono persone dal cuore crudele, per le quali la testa altrui vale un quarto di copeco e la propria pelle ne vale uno". Con buona pace della critica "sociale", Puskin non era schiavo di alcuna ideologia.

La figlia del capitano

Puškin Aleksandr Sergeevič