Narrativa

PER L’AMOR DI UN DIO

Phillips Marie

Descrizione: Dura la vita per gli dei dell'Olimpo nel XXI secolo: nessuno crede più in loro, e si sono ridotti a vivere stipati in uno sgangherato condominio di North London, dove manca spesso l'acqua calda. E che dire del mestiere che sono costretti a svolgere per campare? Artemide, la dea della caccia, ora è ridotta a fare la dog sitter, mentre la splendida Afrodite, dea dell'amore, lavora per una chat line erotica. Ma quando due innamorati hanno bisogno di loro...

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2009

ISBN: 9788860880802

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Questo romanzo di sicuro non può essere accostato alla classica storia d’amore intesa in senso ottocentesco o ad un romanzo d’avventura così come possiamo immaginarcelo: amore ed avventura sono sì mescolati al suo interno quali componenti fondamentali del racconto, ma con un nuovo ed inaspettato elemento: la parodia. Essa è infatti lo strumento a cui l’autrice ricorre per riproporre il mito di Orfeo ed Euridice nella Londra contemporanea.

Quella che viene messa in scena è una rappresentazione a dir poco ironica del pantheon greco-romano, attraverso la quale ciascun dio viene ridicolizzato proprio per il suo tratto  più caratteristico, ovvero quello che nel mito classico identificava la stessa divinità. Si può riportare l’esempio di un’Afrodite fedifraga, di un Apollo dongiovanni, di un’Artemide casta perfino nel proprio linguaggio, sobrio e raffinato, di un’Atena che non riesce a farsi comprendere a causa del suo baroccheggiante modo di esprimersi. Tutti quanti si trovano nella situazione di dover difendere la loro stessa esistenza: nel XXI secolo, infatti, la radicale diffusione del cristianesimo ha fatto sì che il loro potere si indebolisse in mancanza di seguaci e di fedeli.

Proprio all’interno di questa situazione, si inserisce la vicenda di Alice, una ragazza che si occuperà si svolgere le pulizie all’interno della casa in cui vivono gli dei, nascosti e mimetizzati nella comunità londinese, e quella di Neil, ragazzo del quale Alice presto si innamorerà. I due diventeranno vittime degli screzi e delle scommesse tra Apollo ed Afrodite: Alice, non cedendo alle seduzioni del dio dell’amore, sarà incenerita e il sole verrà spento per mostrare la potenza divina ad un semplice mortale che aveva osato sfidarlo. A questo punto prenderà inizio la missione nel regno di Ade, per cercare di recuperare Alice e poter ridare la luce al sole, senza la quale la Terra sarebbe destinata a morire.

Un romanzo simpatico, indubbiamente divertente quando l’autrice si concentra sul comportamento degli dei, i quali vengono appunto “demitizzati”, calati giù dall’Olimpo, non solo perché non vivono più fisicamente su questo monte, ma perché privati di quell’alone di superiorità che gli scrittori antichi, avevano conferito loro. Sarebbe infatti difficile rintracciare nell’Apollo della Phillips l’Apollo di Ovidio o di Omero. Gli antichi avevano certamente creato un pantheon nel quale gli dei assumevano tratti umani, ma qui quell’alone di immortalità viene decisamente tagliato fuori da un mondo moderno e da una metropoli che di divino ormai ha ben poco.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marie

Phillips

Libri dallo stesso autore

Intervista a Phillips Marie

In un freddo giorno di autunno del 1686 la diciottenne Nella Oortman arriva ad Amsterdam per iniziare una nuova vita, come moglie di un ricco mercante, Johannes Brandt. La casa in cui giunge Nella, benché splendente, non sembra essere accogliente nei suoi confronti: Johannes è freddo con lei, anche sessualmente, sempre preso dalle sue attività commerciali, oppure chiuso nel suo studio. Così Nella rimane sola con la sorella di suo marito, Marin, che non sembra gradire la nuova e giovane presenza, guarda Nella con sospetto ma nasconde una seconda vita, dietro l'apparenza dell'istitutrice. Il mondo di Nella cambia quando Johannes le fa un dono di nozze: una miniatura perfetta della casa in cui vivono.

Il miniaturista

Burton Jessie

Domenico Boschis è nato nelle Langhe, ma da molti anni ormai la sua vita è a Roma, dove ha raggiunto il successo come attore di fiction TV. Una notizia inaspettata, però, lo costringe a tornare tra le sue colline: il padre, col quale ha da tempo interrotto ogni contatto, è malato e gli resta poco da vivere. All'hospice, infatti, Domenico trova un'ombra pallida dell'uomo autoritario che il padre è stato: il vecchio non riesce quasi più a parlare, ma c'è una cosa che sembra voler dire al figlio con urgenza disperata. «La ragazza, Domenico, la ragazza!» grida, per scoppiare poi in un pianto muto. Dentro quel pianto Domenico riconosce un dolore che viene da lontano. Chi è la ragazza che sembra turbarlo fino all'ossessione? Mentre Domenico riprende confidenza con la terra in cui è cresciuto e cerca di addomesticare i fantasmi che popolano i suoi ricordi d'infanzia, si imbatte in un fatto di cronaca avvenuto cinquant'anni prima a una manciata di chilometri da lì. La protagonista è proprio una ragazza: ha tredici anni quando, una notte di dicembre del 1968, viene "rubata" da casa sua. Di lei non si sa nulla per otto mesi, poi la verità emerge con tutta la sua forza. È possibile che sia il ricordo della tredicenne a perseguitare il padre di Domenico? E se così fosse, significa che il vecchio ha avuto un ruolo nella vicenda della ragazza? Lui l'ha sempre considerato un cattivo padre; deve forse cominciare a pensare che sia stato anche un cattivo uomo? Domenico ha bisogno di trovare una risposta prima che il vecchio chiuda gli occhi per sempre.

Il silenzio della collina

Perissinotto Alessandro

Finalmente dietro la storia e la leggenda della Sponsa Christi, appare la donna: Giulia Farnese. Un ritratto inedito e profondo di una figura femminile al centro di intrighi e trame di potere, che non si è sottratta al proprio destino, ma l'ha voluto vivere da protagonista e non da vittima. Bella, elegante, raffinata, questo ritratto le restituisce quella intensa umanità, che nessuno degli uomini che la possedevano, per folle desiderio, diritto familiare e amore coniugale (il cardinale e poi papa Rodrigo Borgia, l'ambizioso fratello Alessandro, il marito per procura Orsini) le poteva togliere.

Giulia, una donna fra due Papi

Lorusso Del Linz Silvia

Ci sono mondi che da lontano sembrano brutti e grigi. Mondi poveri, in cui il cibo era poco, in cui la libertà di scelta era poca, in cui la fatica sembrava non finire mai. Eppure, proprio di questi mondi, pur ricordandone tutte le ombre, decenni dopo si sente nostalgia, si avverte la mancanza. Confrontata all’anonimato consumistico contemporaneo, la Russia d’un tempo, la Grande Russia del socialismo, rappresentava una fede, una identità, una sfida. Attraverso le testimonianze di decine e decine di donne e uomini che hanno attraversato e creduto alla Perestrojka, Svetlana Aleksievic ci racconta l’utopia di un mondo finito, che non ha saputo restituire al suo popolo l’orgoglio di un tempo.

Tempo di seconda mano

Alesksievič Svetlana