Narrativa

PER L’AMOR DI UN DIO

Phillips Marie

Descrizione: Dura la vita per gli dei dell'Olimpo nel XXI secolo: nessuno crede più in loro, e si sono ridotti a vivere stipati in uno sgangherato condominio di North London, dove manca spesso l'acqua calda. E che dire del mestiere che sono costretti a svolgere per campare? Artemide, la dea della caccia, ora è ridotta a fare la dog sitter, mentre la splendida Afrodite, dea dell'amore, lavora per una chat line erotica. Ma quando due innamorati hanno bisogno di loro...

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2009

ISBN: 9788860880802

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Questo romanzo di sicuro non può essere accostato alla classica storia d’amore intesa in senso ottocentesco o ad un romanzo d’avventura così come possiamo immaginarcelo: amore ed avventura sono sì mescolati al suo interno quali componenti fondamentali del racconto, ma con un nuovo ed inaspettato elemento: la parodia. Essa è infatti lo strumento a cui l’autrice ricorre per riproporre il mito di Orfeo ed Euridice nella Londra contemporanea.

Quella che viene messa in scena è una rappresentazione a dir poco ironica del pantheon greco-romano, attraverso la quale ciascun dio viene ridicolizzato proprio per il suo tratto  più caratteristico, ovvero quello che nel mito classico identificava la stessa divinità. Si può riportare l’esempio di un’Afrodite fedifraga, di un Apollo dongiovanni, di un’Artemide casta perfino nel proprio linguaggio, sobrio e raffinato, di un’Atena che non riesce a farsi comprendere a causa del suo baroccheggiante modo di esprimersi. Tutti quanti si trovano nella situazione di dover difendere la loro stessa esistenza: nel XXI secolo, infatti, la radicale diffusione del cristianesimo ha fatto sì che il loro potere si indebolisse in mancanza di seguaci e di fedeli.

Proprio all’interno di questa situazione, si inserisce la vicenda di Alice, una ragazza che si occuperà si svolgere le pulizie all’interno della casa in cui vivono gli dei, nascosti e mimetizzati nella comunità londinese, e quella di Neil, ragazzo del quale Alice presto si innamorerà. I due diventeranno vittime degli screzi e delle scommesse tra Apollo ed Afrodite: Alice, non cedendo alle seduzioni del dio dell’amore, sarà incenerita e il sole verrà spento per mostrare la potenza divina ad un semplice mortale che aveva osato sfidarlo. A questo punto prenderà inizio la missione nel regno di Ade, per cercare di recuperare Alice e poter ridare la luce al sole, senza la quale la Terra sarebbe destinata a morire.

Un romanzo simpatico, indubbiamente divertente quando l’autrice si concentra sul comportamento degli dei, i quali vengono appunto “demitizzati”, calati giù dall’Olimpo, non solo perché non vivono più fisicamente su questo monte, ma perché privati di quell’alone di superiorità che gli scrittori antichi, avevano conferito loro. Sarebbe infatti difficile rintracciare nell’Apollo della Phillips l’Apollo di Ovidio o di Omero. Gli antichi avevano certamente creato un pantheon nel quale gli dei assumevano tratti umani, ma qui quell’alone di immortalità viene decisamente tagliato fuori da un mondo moderno e da una metropoli che di divino ormai ha ben poco.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marie

Phillips

Libri dallo stesso autore

Intervista a Phillips Marie


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando, puntando il telescopio contro il cielo, Galileo Galilei edificava le basi della teoria destinata a rivoluzionare il modo di concepire l’universo, l’astronomo sapeva che, per affermare la sua dignità di uomo di scienza, avrebbe dovuto fronteggiare i pregiudizi di una vetusta tradizione e i minacciosi strali della Chiesa, ancora convinta di poter dominare la sete di sapere con le torture e i roghi accesi dalla Santa Inquisizione. Gli strali della Curia romana, insieme allo zelo oscurantista dei gesuiti, rivivono nel grande romanzo di Jacob Popper: ricostruzione quanto mai avvincente e accurata degli uomini che, nel clima arroventato del Diciassettesimo secolo, opposero la loro stessa vita alla feroce politica dei tribunali della fede, acerrimi nemici di ogni cambiamento. In un affresco costruito con rara sapienza, tra le pagine di “Ereticus” sfilano, insieme a Galileo Galilei, Marina, la concubina dell’astronomo, Simon Marius, l’alchimista e fra’ Paolo Sarpi, il monaco scettico. Mentre le figure di Filippo Salviati, scienziato progressista, e Giovan Francesco Sagredo, nobile veneziano di idee illuminate, danno un corpo e un’anima alle voci contenute nel “Dialogo su i massimi sistemi”, il libro di Galileo messo all’indice nel 1633, la furia del papato irrompe sulla nuova scienza. E se gli irrequieti studenti di Padova sono pronti persino a sguainare la spada per difendere la concezione copernicana della Terra, Galileo resta solo con la sua ultima profezia, alla ricerca di una verità nemica di ogni dogma, eternamente straniera ad ogni scuola di pensiero e a qualunque confessione religiosa.

Ereticus

Popper Jacob

Da ventisette anni il sacerdote Niccolò Moretti varca le porte della Basilica di San Pietro, si genuflette di fronte alla Confessione e sale sull'impalcatura che avvolge il baldacchino del Bernini. Sta per iniziare il restauro in vista della Quaresima quando nota qualcosa disteso a terra e, mentre scende a vedere, si accorge che non è un uccello con un'ala rotta o una sciarpa dimenticata da qualche turista, come aveva pensato. È il cadavere di una donna. Pochi minuti dopo il Vaticano ha già contattato una persona fidata capace di sbrogliare quel mistero rapidamente e senza destare scalpore: Gabriel Allon, restauratore e imprendibile spia del nucleo più segreto dei servizi israeliani. Scampato per miracolo all'ultima missione, Allon si trova già a Roma per presenziare ai lavori di restauro della Deposizione di Cristo di Caravaggio e non ci mette molto ad accorrere nel luogo dell'incidente. Secondo gli inquirenti, la vittima, Claudia Andreatti, si sarebbe suicidata buttandosi di sotto dall'impalcatura del baldacchino, ma a Gabriel i conti non tornano: perché una studiosa giovane e affermata che ogni giorno lui incontrava sorridente avrebbe dovuto togliersi la vita? E, inoltre, perché l'avrebbe fatto nell'unico momento in cui le telecamere di sicurezza erano spente? Seguendo il misterioso invito di monsignor Luigi Donati, l'enigmatico segretario privato di papa Paolo VII, la spia israeliana accetta di non collaborare con la polizia ma inizia un'indagine solitaria.

L’angelo caduto

Silva Daniel

Cordelia, la più piccola delle sorelle Andreas, riceve un giorno per posta le seguenti righe: Andiamo, su, a pregare gli dei per nostra madre che è presa dalle doglie. La lettera reca la firma di James Andreas, genitore di Cordelia e di Rosalinda e Bianca, docente di letteratura inglese al Barnwell College con un chiodo fisso in testa: William Shakespeare. Avvolta dalle tempeste di sabbia dei versi shakespeariani sin da piccola, con un padre bizzarro, dotto e ossessivo che comunica quasi soltanto attraverso la lingua del genio di Stratford-upon-Avon, Cordelia comprende all'istante il contenuto di quelle righe: la madre è così gravemente malata che occorre subito tornare a Barnwell, la ridente cittadina del Midwest americano dove le tre sorelle hanno vissuto i giorni felici dell'infanzia e dell'adolescenza. Questo è, almeno, quello che Rose, Bean e Cordy, in momenti diversi, decideranno ciascuna per sé: tornare a casa per poi ripartire verso un'altra grande avventura della loro giovane vita. In realtà, a spingerle a fare immediato ritorno a Barnwell è il loro fallimento, la necessità di allontanarsi da un'esistenza sull'orlo del naufragio. Ritornate a Barnwell, le tre sorelle si ritrovano a fare i conti con il loro passato e la loro storia presente. La lunga estate al capezzale della madre le pone, infatti, irrimediabilmente davanti al destino comune che le lega, come le sorelle fatali, le tre streghe del Macbeth, l'opera che ha accompagnato la loro meravigliosa e incomparabile infanzia.

LE SORELLE FATALI

Brown Eleanor

Pietro Malatesta, poliziotto ferrarese con un passato da teppista, che gira solo in bicicletta e che divide la casa con la madre, l'ex moglie, un figlio nullafacente e il Boy, il palestrato zero-cerebro che sta con la sua ex, è uno sbirro decisamente atipico, connotabile sulla falsa riga di tanti eroi del fumetto e della tv Anni '70 (non per niente Malatesta ha come mito Starsky di Starsky & Hutch e si veste come lui). Le storie sono brevi, accattivanti, pienamente inserite nel genere 'giallo di provincia', e si snodano in una Ferrara multi-etnica, alle volte sporca e un po' barbara, fatta di ultrà della Spal, bevute nei bar, adolescenti fancazzisti imitatori di mode, spaccio, colori politici che paiono mai sbiadire. Il volume si compone dei romanzi brevi: "Nero ferrarese", "Il recinto delle capre" e "Il cinematografo".

Malatesta. Indagini di uno sbirro anarchico

Mazzoni Lorenzo