Narrativa

Per sempre

Tamaro Susanna

Descrizione: Nora se ne è andata da quindici anni e Matteo, ogni giorno da allora, chiede a se stesso quale sia la strada da percorrere. Un viaggio intriso di amore e dolore, di ricordi che riaffiorano dal passato, di luoghi in cui la natura amplifica con la sua bellezza e la sua forza i pensieri e le domande del protagonista. Vivendo ormai da anni immerso nella natura che circonda la sua casa in mezzo ai boschi, Matteo si confronta con la propria coscienza sul filo dei ricordi di un passato che riaffiora e si alterna al presente delineando i protagonisti, passati e presenti, della sua vita. "Perché, quando succede qualcosa di irreparabile, non si fa che pensare a quello che si poteva evitare?" Cercando la risposta a infinite domande, Matteo racconta la sua storia forte e dolorosa, poetica e profonda: una storia d'amore così intensa da obbligare il lettore a confrontarsi con il racconto di una vita che, alla fine, non riguarderà più soltanto il protagonista ma tutti coloro che la leggeranno. "Per sempre" è la storia di un amore. Che permane e resiste e che è, soprattutto, un amore impossibile. Con una scrittura nitida ed evocativa, a 17 anni di distanza dalla pubblicazione di "Va' dove ti porta il cuore", Susanna Tamaro torna con uno straordinario romanzo sulla profondità dell'animo umano, sulla fatica di crescere, sul coraggio e sull'amore come fondamento di ogni rapporto.

Categoria: Narrativa

Editore: Giunti

Collana: I libri di Susanna Tamaro

Anno: 2011

ISBN: 9788809768352

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Io sto quassù e accolgo coloro che salgono al monte” spiega Matteo, che da quindici anni si sostenta con il duro lavoro delle sue mani, coltivando la terra e allevando pecore in un vecchio casolare che ha rimesso in sesto da solo, lontano dalle ansie e dal frastuono, dagli specchi, dalla musica assordante, dalla paura e dalle incertezze.

I primi tempi ha vissuto in assoluta solitudine. Adesso, se qualche escursionista bussa alla sua porta, lo ospita volentieri. Alcuni capitano lì per caso; altri, spinti da una curiosità quasi morbosa, fingono di aver sbagliato strada e di essersi persi. C’è chi vorrebbe fermarsi per un po’ in quel luogo isolato e immerso nella natura e chi invece sparisce quasi subito per non tornare mai più.

Come può un uomo scegliere di vivere senza agi e comodità? Perché lo fa? E come può non sentirsi solo e spaventato durante le notti nere come inchiostro? Per la gente non è facile da capire…

Non esisti se non c’è un aggettivo, un nome che aiuti a sistemarti da qualche parte. Poi mi sono abituato, ho capito che questa forma di classificazione fa parte della natura dell’uomo. Se so chi sei, so come comportarmi nei tuoi confronti, ma se sei un uomo senza legami e senza ruoli, non so più cosa pensare. Sei nudità e ti offri come nudità. E la nudità provoca scandalo”.

In realtà Matteo aveva avuto legami, aveva avuto ruoli: prima di trasferirsi sul monte era uno stimato cardiologo, con un figlio e una moglie. È a lei, a Nora, che scrive una lunga lettera, raccontandosi. Cosa è successo alla sua famiglia?

L’autrice ci fa entrare nella vita di Matteo in punta di piedi, come a rispettare i tempi della sua sofferenza, e ogni rivelazione avviene senza strappi, sorprendendo senza mai stordire.

Il filo conduttore di questo bel romanzo di Susanna Tamaro è il dolore, il dolore inconsolabile che porta alla disperazione e talvolta alla distruzione. Un dolore che certo brucia ancora, ma che adesso Matteo è in grado di accettare come una parte di sé e della sua storia.

Di quanto dolore sono fatte le nostre vite? Di quanto dolore evitabile?

I monti e il verde e il cielo immenso ci fanno respirare insieme a lui la spiritualità delle piccole cose in un pellegrinaggio dell’anima che potrebbe commuovervi, ma non intristirvi. Matteo ritrova se stesso e la gioia del presente, allontanando dubbi, ombre e rimpianti, o meglio, imparando a conviverci senza per questo dimenticare: ciò che è stato, è per sempre…

Gli spunti di riflessione sono tanti: il rapporto con Dio, l’idea della morte, il senso di solitudine, la liberazione e la libertà, la paura, la diffidenza e il candore.

C’è il male più rozzo, più istintivo – il male dei violenti, degli assassini e poi esistono i mali manipolatori – quelli che ti fanno credere che una vita dedicata al potere sia più bella e più giusta di una vita dedicata all’amore”.

Consigliato a chi ama l’introspezione, il sentimentalismo nudo, sincero e senza eccessi, la prosa sommessa e sensibile della Tamaro e, soprattutto, a chi sente incessantemente nella propria testa il peso di domande ingombranti cui non sa dare risposta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Susanna

Tamaro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tamaro Susanna


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Che cos’è la vita? Una scalata verso la salvezza da se stessa, risponde Silvia, trentacinquenne più che carina, ragazza che non si sente né donna né bimba, scrittrice o forse scrittora, crisalide che magari, un giorno, sarà farfalla, ma con i suoi tempi e i suoi modi. Vi riuscirà? Non è detto, forse non è così importante il risultato finale, ma la ricerca di sé che Silvia conduce tra amiche e presunti uomini della vita, fra situazioni ai limiti del grottesco e lo scodinzolio del suo pelosissimo cane, riempie il libro di una fresca essenza vitale, questa sì irrinunciabile. Una Bridget Jones all’italiana? Solo in parte, anche se non mancano ossessioni personali, manie e stranezze della vita, e una buona dose di sarcasmo nell’osservarle. Più di Bridget, Silvia rappresenta le eterne ragazze di oggi, dà spessore ai loro pensieri, mette in piazza le ansie e i propositi. In fondo, si può restare crisalidi per tutta la vita, se non si ha la sicurezza di diventare una farfalla speciale.

CRISALIDE ROSA

Pivari Cristiana

Un uomo è il romanzo della vita di Alekos Panagulis, che nel 1968 è condannato a morte nella Grecia dei colonnelli per l'attentato a Georgios Papadopulos, il militare a capo del regime. Segregato per cinque anni in un carcere dove subisce le più atroci torture, restituito brevemente alla libertà, conosce l'esilio, torna in patria quando la dittatura si sgretola, è eletto deputato in Parlamento e inutilmente cerca di dimostrare che gli stessi uomini della deposta Giunta continuano a occupare posizioni di potere. Perde la vita in un misterioso incidente d'auto nel 1976. Oriana Fallaci incontra Panagulis nel 1973 quando, graziato di una grazia che non aveva chiesto ma che il mondo intero reclamava per lui, esce dal carcere. I due si innamorano di un amore profondo, complice, battagliero. Lei lo affianca e ne condivide una lotta mai paga. "Il poeta ribelle, l'eroe solitario, è un individuo senza seguaci: non trascina le masse in piazza, non provoca le rivoluzioni. Però le prepara. Anche se non combina nulla di immediato e di pratico, anche se si esprime attraverso bravate o follie, anche se viene respinto e offeso, egli muove le acque dello stagno che tace, incrina le dighe del conformismo che frena, disturba il potere che opprime."

UN UOMO

Fallaci Oriana

Anna e Francesca, “tredici anni quasi quattordici”, vivono nei casermoni di cemento costruiti negli anni Settanta dalla Lucchini S.p.a., la grande acciaieria che ancora oggi dà pane e disperazione a tutta Piombino. Anna e Francesca, la mora e la bionda, sono bellissime e irriverenti, e soprattutto sono inseparabili. Ma quando Anna scopre l’amore e il sesso con Mattia, qualcosa si rompe tra le due, che verranno risucchiate nelle loro storie private, sole davanti a genitori buoni a nulla o assenti o violenti, e si riabbracceranno solo quando la vita le sottoporrà alle prove più crudeli. Nel suo sorprendente romanzo d’esordio, Silvia Avallone racconta una periferia che non sembra avere rappresentazione pubblica, un’Italia alla ricerca di un’identità e di un futuro che paiono orizzonti lontanissimi, irraggiungibili come l’isola d’Elba, bellissima e a poche miglia di mare: un paradiso a portata di mano che resta però inaccessibile.

ACCIAIO

Avallone Silvia

Il romanzo è ambientato in Germania, nella Foresta Nera. Da qui il titolo, “Darkland”, terra oscura, ovvero la Foresta Nera, ma al tempo stesso la Germania. Karl Jerzyck, un professore di criminologia di Monaco, scopre casualmente delle ossa in un bosco vicino a Karlsruhe. I resti appartengono a delle persone scomparse 25 anni prima in circostanze mai chiarite. Il criminologo e Arno Schulze, l’ispettore della Kripo che aveva seguito il caso all’epoca, riprendono a indagare. Nel corso delle indagini, i due protagonisti si trovano coinvolti nelle trame di gruppi neonazisti collegati a sette esoteriche e occulte. Un viaggio che il riporterà indietro nel tempo. Un viaggio che li riporterà ai campi di sterminio nazisti. La ripresa delle indagini coincide con una serie di nuove sparizioni, questa volta a Friburgo. Perché sono riprese? Cosa sta succedendo nella Foresta Nera? Perché è stata scelta proprio questa zona della Germania? Jerzyck e Schulze scopriranno che qualcuno ha deciso di riprendere gli esperimenti mai conclusi ad Auschwitz da Joseph Mengele, l’angelo della morte. A che scopo? Perché il mondo del neonazismo è in fermento? Chi c’è veramente dietro gli omicidi? Per arrivare a capirlo dovranno richiedere l’aiuto del Bundesverfassungschutz, i servizi segreti. E cosa dovrà essere annunciato di sconvolgente dai neonazisti il 30 aprile del 2015, in occasione del 70° anniversario della morte di Adolf Hitler?

Darkland

Grugni Paolo