Narrativa

Perché tu non ti perda nel quartiere

Modiano Patrick

Descrizione: Jean Daragane, scrittore parigino vicino alla settantina, vive in totale solitudine, fuori dal resto del mondo. Una sera, però, dopo mesi in cui non ha letteralmente parlato con nessuno, il telefono di casa squilla: si tratta di un uomo che dice di aver ritrovato la sua agenda, perduta su un treno. Daragane inizialmente è recalcitrante a incontrarlo; rompere il suo isolamento gli costa, e i numeri segnati su quella rubrica non gli interessano più. Ma infine accetta un appuntamento. E cosi che conosce l'ambiguo, mellifluo Gilles Ottolini e la sua sottomessa e giovane compagna, Chantal Grippay. L'appuntamento farà ripensare Deragane al suo primo romanzo e gli farà rivalutare una serie di dettagli a suo tempo trascurati che lo porteranno a riscoprire l'importanza della memoria, della nostalgia e dell'amore rimosso, ma mai sopito.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2015

ISBN: 9788806226558

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Patrick Modiano riprende nella sua ultima opera, intitolata “Perché tu non ti perda nel quartiere”, temi cari a lui e alla letteratura francese, come preannunciato e condensato nella citazione iniziale di Stendhal (“Non posso restituire la realtà dei fatti, posso solo presentarne l’ombra”).

Jean Daragane è uno scrittore misantropo (“Quella sensazione che gli altri si allontanino da te a poco a poco”) e scostante (“Quando era più giovane approfittava di ogni minima occasione per piantare in asso le persone”), che tende a isolarsi sempre più dalla realtà (“Non parlava con nessuno dall’inizio dell’estate”). Improvvisamente viene contattato da Gilles Ottolini, un individuo losco (“Ma la voce di poco prima non gli aveva ispirato fiducia”), che dice di aver ritrovato il suo taccuino (“È per il suo taccuino degli indirizzi, signore. L’aveva perso un mese prima su un treno che lo portava in Costa Azzurra”). Ottolini confessa di aver sbirciato tra le pagine e di avervi ritrovato un nominativo che lo interessa (“C’è qualcuno di cui ho trovato il nome nel taccuino. Le sarei grato se volesse darmi qualche informazione su di lui…”). Daragane oppone ai tentativi di approfondimento di Ottolini una resistenza difensivistica (“Nessun nome apparteneva a persone che avevano contato qualcosa nella sua vita: di quelle non aveva mai avuto bisogno di annotare i recapiti e i numeri telefonici”), ma al contempo – anche grazie agli indizi che gli vengono forniti da Chantal Grippay, la donna legata a Ottolini da un misterioso rapporto (“Sembrava che fosse abituata a ubbidirgli”) – si lascia coinvolgere sempre più (“Come una puntura d’insetto che all’inizio ti sembra molto lieve”) dagli sviluppi di quella vicenda e avvia una ricostruzione del passato, dal quale fuoriescono la tenuità del rapporto con i genitori, una foto tessera che scatena ricordi sepolti (“Bambino non identificato. Perquisizione e arresto Astrand, Annie. Frontiera di Ventimiglia. Lunedì 21 luglio 1952”), un nome di donna, Annie Astrand, una casa (“Alla Maladrerie ha abitato strana gente…”) dal passato indiziario (“Come dice il suo nome, è stata costruita dove sorgeva un antico lebbrosario”) che custodisce le sensazioni confuse di un bambino (“C’era un grande via vai in quella casa…A volte arrivava gente anche in piena notte…”).

Tempi (“Passato e presente si confondono, e sembra naturale visto che erano separati soltanto da una parete di cellofan”), luoghi e segnali (“L’abito nero con le rondini era sempre appoggiato sullo schienale del divano”) s’intrecciano nella meticolosa ricerca che Daragane (la controfigura di Modiano?) compie per interpolare buchi e ombre della memoria, tracciando attraverso la creazione letteraria un percorso esistenziale da emendare e ricostruire (“Anche lui, in più di quarant’anni, aveva inserito uno spazio bianco al posto del periodo in cui scriveva il suo primo libro e dell’estate in cui girovagava da solo con in tasca un foglio piegato in quattro: PERCHÉ TU NON TI PERDA NEL QUARTIERE”). Parigi è più che mai città dai circuiti misteriosi, da praticare passando da un indizio all’altro (“Era un frammento di realtà contrabbandato, uno di quei messaggi personali inviati attraverso un annuncio sul giornale e che una sola persona è in grado di decifrare”), osservando edifici che si conservano nel tempo o che il tempo demolisce e trasforma (“Sarebbe andato alla ricerca di scale segrete e porte nascoste”), tra identità mutevoli (“La targhetta dice Joséphine Grippay, ma ho cambiato nome di battesimo”) e toponomastiche che realizzano le sorprese di un’esistenza criptata da decifrare e interpretare (“Perché alcune persone di cui neppure sospetti l’esistenza, che incroci una sola volta senza mai più rivederle, recitano fra le quinte un ruolo così importante nella tua vita?”).

Il risultato rimane lì sospeso: non cerchi il lettore la soddisfazione integrale di ogni quesito razionale. Non la troverà. Perché anche il lettore, come il protagonista, dovrà identificarsi nelle approssimazioni risolutive o nella vaghezza atemporale che aleggia su pagine scandite da telefonate incalzanti che assumono sempre più tonalità minatorie ed enigmatiche (“Un respiro, all’inizio regolare poi sempre più affannoso, e una voce lontana…”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Patrick

Modiano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Modiano Patrick


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'aria tersa tremola per la calura di giugno. Judith, in piedi all'ombra di un albero ai bordi della spiaggia di Narbonne, si guarda intorno. Niente è come dovrebbe essere. È tutto falso. È tutta una menzogna. Sul sentiero non c'è anima viva. È su questa strada che Judith, uno zaino in spalla e tanta confusione in testa, sta per ricominciare la sua vita. Ha appena perso il marito Arne, e non ha che una certezza: per chiudere con il passato deve ripercorrere i passi di lui, seguendo gli appunti del diario che Arne aveva scritto durante il suo ultimo viaggio verso Santiago de Compostela. Con lei ci sono le amiche più care, quelle del martedì: la selvaggia Kiki, la fredda Caroline, l'eccentrica Estelle e la perfetta Eva. Per loro quello è un viaggio ribelle e scanzonato, come ai vecchi tempi quando dormivano sotto lo scintillio notturno delle costellazioni. Ma per Judith quel viaggio assume immediatamente una dimensione diversa. Sconvolgente. Bastano pochi chilometri per capire che nel diario di Arne c'è qualcosa di strano: le indicazioni sono sbagliate, nulla di quello che lui descrive corrisponde a ciò che lei vede. È tutto inventato o copiato da internet. Judith non riesce ad accettare che l'uomo che le è stato accanto non era quello che credeva. Eppure deve imparare a leggere dietro quelle parole per capire cosa nascondesse Arne. E deve imparare a leggere anche dietro le parole delle sue amiche. Judith non si può più fidare di niente e di nessuno. A guidarla adesso c'è solo una stella, solo una costellazione, quella del suo cuore. Solo così potrà finalmente imparare a credere in sé stessa.

LA QUINTA COSTELLAZIONE DEL CUORE

Peetz Monika

“Ci sono momenti nella vita…” in cui si vorrebbe scomparire, “mandare avanti veloce”, come davanti a un film dell’orrore. E questo per Consolata Bogetto, nome dovuto alla delirante fede di sua madre, è uno di quei momenti. Mentre aspetta l’autobus, sotto una pioggia scrosciante, ovviamente sprovvista di ombrello, in attesa di raggiungere l’odiato ma inevitabile pranzo domenicale dai suoi, incontra l’uomo che le ha spezzato il cuore. E ovviamente lei non è, come in tutti i sogni a occhi aperti che ha fatto nell’ultimo anno (e tre mesi e relativi giorni e ore), accompagnata da un uomo meraviglioso e adorante, fasciata in un abitino sexy, nel privé di un locale trendy. Ma è in mezzo alla strada, con i capelli incollati al volto e il trucco sciolto, mentre lui la saluta da un ombrello formato gigante accanto alla nuova impeccabile compagna e a una carrozzina rosa. Quando si dice “fortuna”. Meno male che nella sua vita ci sono alcuni punti fermi. La famiglia: una madre logorroica che per vederla sposata sarebbe pronta a uccidere e una sorella minore già sistemata da anni. Il lavoro in una libreria che le ha dato grandi soddisfazioni, come passare dal reparto “Hobby e Turismo” a “Gola e Cucina” dopo solo dieci anni. Per non parlare del suo migliore amico che, da quando ha ben pensato di innamorarsi della donna perfetta (cuore di Madre Teresa e corpo di Nicole Kidman), la trascura. Ma forse a tutto questo c’è una soluzione.

QUASI QUASI M’INNAMORO

Mittone Anna

Tutto ha inizio con una lista di nomi. Non sono nomi qualunque, ma quelli di pericolosi terroristi che minacciano la sicurezza internazionale tanto da dover essere eliminati uno a uno. Solo sette persone nelle segrete stanze di Washington conoscono l¿esistenza della "lista nera", tra queste il presidente degli Stati Uniti. La minaccia è reale, ma deve rimanere top secret o si scatenerà il panico. Il primo di questi nomi è anche il più temibile: "il Predicatore", un fondamentalista islamico senza scrupoli che ha come unico scopo la distruzione degli infedeli. Incita all'odio attraverso messaggi che diffonde tramite il web e riesce a raccogliere attorno a sé una folla di proseliti che scatenano una serie incontrollabile di eventi mortali. Gli omicidi si moltiplicano, non solo negli Stati Uniti ma anche sul territorio inglese, dove cadono altre vittime. Troppe. Solo un uomo può compiere quella che sembra una missione impossibile: l'ex marine Kit Carson, soprannominato "il Segugio", che viene prontamente incaricato di trovare e uccidere il responsabile di quell'inferno. Kit, però, non sa che faccia abbia il suo nemico, dove si nasconda e quale sia il suo vero nome. Sarà un giovane ed espertissimo hacker a rintracciare per lui le postazioni del Predicatore e dei suoi complici utilizzando solo la tecnologia. Si scatena così una guerra tra due schieramenti, totalmente diversi tra loro ma con un obiettivo comune: la distruzione dell'avversario. Con La lista nera Frederick Forsyth si riconferma un maestro del genere firmando un thriller che non lascia scampo, in cui attualità e fiction si mescolano grazie a un eccellente lavoro di documentazione che svela i retroscena dei servizi segreti britannici, americani, pachistani e israeliani.

LA LISTA NERA

Forsyth Frederick

"'Qui sono proprio io', scrive Roberto Vecchioni: e questo è davvero il suo libro piú intimo, piú autobiografico e urgente. Il libro in cui l'idea stessa della vita e della felicità, il senso del rotolare dei giorni, trova forma di racconto. Perché i momenti piú belli o piú intensi della nostra esistenza brillano nella memoria: sono luci che abbiamo dentro e che a un tratto sentiamo il bisogno di portare fuori. Magari per i nostri figli, e per tutti quelli che hanno voglia di ascoltare".

La vita che si ama

Vecchioni Roberto