Narrativa

PERDERSI

Genova Lisa

Descrizione: Alice ha lavorato sodo per raggiungere i suoi obiettivi e ora, a quasi cinquant'anni, sente di avercela finalmente fatta. Dopo anni di studio, di notti a base di caffè e libri di psicologia, ha coronato il suo sogno, è una scienziata di grido, insegna ad Harvard e viene chiamata dalle più prestigiose università per tenere conferenze. E poi c'è il suo più grande orgoglio, la famiglia: il marito John, un brillante esperto di chimica, che non riesce a trovare gli occhiali neppure quando li indossa, e i loro figli, Anna, Tom e Lydia, tutti e tre realizzati, anche se ognuno a modo suo. All'improvviso, però, tutto cambia. All'inizio sono solo piccole dimenticanze: una parola sulla punta della lingua che non riesce a ricordare, gli orari delle lezioni, il numero di uova nella ricetta del pudding natalizio, quello che prepara da più di vent'anni. E poi un giorno, dopo il giro di jogging quotidiano, Alice si ritrova in una piazza che è sicura di conoscere ma che non sa dove si trovi. Si è persa, a pochi metri da casa. Qui comincia il suo viaggio tra le corsie d'ospedale, a caccia del male che sta cancellando i suoi ricordi. Quando le viene diagnosticato l'Alzheimer precoce, tutto ciò in cui Alice ha sempre creduto pare sgretolarsi, il mondo intorno a lei sembra sfuggirle ogni giorno di più.

Categoria: Narrativa

Editore: Piemme

Collana: NumeriPrimi

Anno: 2010

ISBN: 9788866216049

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Perdersi non è un libro facile da digerire, e nemmeno da leggere.

E’ una storia che fa paura, che fa tremare nel più profondo intimo, perché in fondo la malattia è ciò che ci spaventa più di ogni altra cosa, è il pericolo oscuro che non si nomina per scaramanzia, oppure si scandaglia fino all’analisi dei dettagli più terribili e morbosi con la stessa superstizione. Un morbo che insieme alla salute e alla vita si porta via la nostra identità, il passato e tutto ciò che abbiamo amato è ciò che di più tragico sappiamo pensare.

Di questa malattia, del morbo di Alzheimer, parla il toccante romanzo di Lisa Genova.

Io l’ho letto con la stessa trepidante paura e superstizione di cui parlo, e mi sono immersa in una storia difficile e dolorosa, che mi ha fatto soffrire insieme alla protagonista.

Una grande studiosa, insegnante ad Harvard, una madre e una moglie, vede soccombere la propria capacità, la propria identità di fronte all’inesorabile corso della malattia, che si porta via il viso dei suoi figli, il nome dei suoi colleghi, le scoperte scientifiche su cui ha lavorato per tutta un’esistenza accademica. Alice, la protagonista, giorno dopo giorno non ricorda che il caffè non le piace né quanti anni ha, non riesce più a finire un libro perché dimentica i capitoli letti, scambia un tappeto per un buco nel pavimento, si perde di fronte a casa sua e si scorda di lavarsi per giorni, urina nei pantaloni perché non trova il bagno nel suo appartamento.

E’ sorprendentemente naturale immedesimarsi nella narrazione asciutta e inesorabile dell’autrice, comprendere quanto la nostra vita possa cambiare, da un giorno all’altro, senza che sia possibile aspettare l’intervento di un deus ex machina che sistemi tutto, che regali pietoso un lieto fine.

Perdersi non è un libro per tutti, ma dovrebbe esserlo, perché in fondo non fa male riflettere per il tempo di un romanzo su quello che abbiamo, su quello che potrebbe finire, su quello che vogliamo dire in questo spazio di tempo che ci è dato.

L’interrogativo della protagonista, che la storia segue dalla comparsa dei primi sintomi sino a quando non può che cedere e perdersi, è una domanda universale, portata all’estremo dalla tragicità della malattia: quanto resta dietro di noi? Quanto della nostra essenza sopravvive alla nostra coscienza? E la nostra vera identità dove riposa, nel cuore o nella mente?

La risposta, ovviamente, non è altrettanto universale né scontata, ma se non vi spaventa versare qualche lacrima e acquisire qualche fobia vagamente ipocondrica, scoprire il percorso della protagonista potrebbe essere, in fondo, un bel viaggio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lisa

Genova

Libri dallo stesso autore

Intervista a Genova Lisa


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Questo libro raccoglie numerosi suggerimenti per organizzare divertenti attività di gruppo all’aperto con i bambini della scuola dell’infanzia. Si tratta di giochi, canzoni, filastrocche e indovinelli da utilizzare in diversi contesti: – in ambienti naturali (boschi, parchi, giardinetti); – in città (piazzali, parcheggi, per strada, sui mezzi pubblici). Si tratta di attività molto semplici da organizzare, per le quali non è necessario procurarsi materiali diversi da quelli che si possono trovare direttamente negli ambienti nei quali si svolgono i giochi. Un modo divertente per insegnare ai bambini a conoscere meglio l’ambiente che li circonda e a muoversi in autonomia sia in contesti urbani che in contesti naturali.

Giochi e attività nel bosco in città

Bezdek Ursula

Da Jose Arcadio ad Aureliano Babilonia, dalla scoperta del ghiaccio alle pergamene dello zingaro Melquìades finalmente decifrate: Cent'anni di solitudine di una grande famiglia i cui componenti vengono al mondo, si accoppiano e muoiono per inseguire un destino ineluttabile, in attesa della nascita di un figlio con la coda di porco. Pubblicato nel 1967, scritto in diciotto mesi, ma "meditato" per più di tre lustri, Cent'anni di solitudine rimane un capolavoro insuperato e insuperabile, che nel 1982 valse al suo autore I'assegnazione del premio Nobel. Un libro tumultuoso con i toni della favola, sorretto da una tensione narrativa fondata su un portentoso linguaggio e su un'invidiabile fantasia. Garcia Marquez ha saputo rifondare la realtà e creare Macondo, il paradigma della solitudine, una situazione mentale e un destino più che un villaggio. Lo ha costretto a crescere avvinghiato alla famiglia Buendia. Lo ha trasformato in una città degli specchi e lo ha fatto spianare dal vento. In questo universo di solitudini incrociate, impenetrabili ed eterne, galleggia una moltitudine di eroi predestinati alla sconfitta, cui fanno da contraltare la solidità e la sensatezza dei personaggi femminili. Su tutti domina la figura del colonnello Aureliano Buendia, il primo uomo nato a Macondo, colui che promosse trentadue insurrezioni senza riuscire in nessuna, che ebbe diciassette figli maschi e glieli uccisero tutti, che sfuggì a quattordici attentati, a settantatre imboscate e a un plotone di esecuzione per finire i suoi giorni chiuso in un laboratorio a fabbricare pesciolini d'oro.

Cent’anni di solitudine

Márquez Gabriel García

L’innesto

Un tempo Jared e Tate erano grandi amici: sono cresciuti insieme, si sono arrampicati insieme sugli alberi, si sono aiutati a vicenda nei momenti difficili. Ora invece Jared è cambiato. Il bambino dolce di una volta si è trasformato in un ragazzo difficile e astioso, sempre pronto a offendere e deridere Tate di fronte a tutta la classe. A scuola le ha reso la vita un inferno, e Tate non sa più come difendersi. A volte invece è incredibilmente dolce con lei, e sembra volerla proteggere... Tate vorrebbe odiarlo eppure non ci riesce: sente che il suo vecchio amico è disperato e vorrebbe scoprire il motivo della sua rabbia: raggiungere il suo cuore e carpire il segreto che nasconde in fondo all'anima...

Mai per amore

Douglas Penelope