Giallo - thriller - noir

Pericolo giallo

Ervas Fulvio

Descrizione: Gialla, veloce, imprendibile: un’Audi rubata semina il panico nelle strade del Nord Est. L’ispettore Stucky e la sua squadra le danno la caccia, ma il bolide sfreccia nella notte, sguscia tra le dita. Tra un inseguimento e l’altro Stucky frequenta (per ragioni di servizio!) bordelli cinesi e aiuta un’amica poliziotta in un’indagine spinosa: un collega ha ucciso la moglie e si è suicidato. Dietro questo gesto disperato, l’ombra di un uomo misterioso: colto, elegante, cinese. Ha un attico con vista su Porto Marghera, e conquista il Nord Est, pezzetto dopo pezzetto, come un giocatore di go. Quando siamo diventati così facili prede? si chiede Stucky. E si addentra pericolosamente nella rete. Sul filo della cronaca recente, l’avventura più ‘gialla’ con l’ispettore Stucky. Con contorno di vicine di casa belle e smaliziate, giovani colleghi di variegata simpatia, poliziotte notevoli in molti sensi, cani perfettamente all’altezza, uno zio persiano in crisi, alle prese con un innamoramento tardivo. Mentre il crimine finisce per porre le domande giuste, la vita si svela nelle chiacchiere notturne su un pavimento di legno, con l’odore di un alcolico pregiato che dura a lungo nelle narici. Un romanzo pieno di azione, di atmosfera, di spunti stimolanti sulla fragile realtà che ci circonda. Una lettura di piacere e di sostanza, tutta da gustare.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Gli alianti

Anno: 2016

ISBN: 9788871687605

Trama

Le Vostre recensioni

Nel ricco e variegato panorama dei giallisti italiani trova giustamente spazio anche la figura dell’ispettore “Stucky”, partorito dalla mente dello scrittore Fulvio Ervas e già protagonista di una serie di romanzi tra i quali l’ultimo pubblicato è Pericolo giallo. L’ispettore italo-persiano questa volta si trova coinvolto in una tripla indagine: fornire le prove necessarie per fare chiudere dei centri massaggio gestiti da cinesi (che dietro l’apparente facciata nascondono in realtà un’attività di sfruttamento della prostituzione), collaborare con i colleghi per sgominare la “banda dell’Audi gialla” (che semina il panico tra la gente sfrecciando per le strade del Nordest e compiendo rapine e atti criminali) ed infine aiutare, come favore personale, una collega di Mestre nello scoprire la verità dietro a un duplice caso di omicidio-suicidio, che sembra coinvolgere la comunità cinese del luogo. Il titolo “Pericolo giallo” appare pertanto azzeccato e questo colore sembra ben caratterizzare il filone narrativo che affronta tematiche molto attuali nel riferirsi a episodi di cronaca dei giorni nostri, riguardanti tanto le scorribande notturne di criminali su potenti bolidi, quanto le attività illecite, o comunque molto border-line, compiute dalla comunità cinese radicata nel territorio. Proprio il territorio del nordest e in particolare le province di Treviso e di Venezia rappresentano le location in cui si muovono l’ispettore Stucky e gli altri colleghi, luoghi che Ervas fa apparire molto reali e simili a quelli che conosciamo. Un nordest scosso da scandali politici ed economici in cui si percepisce “…il rumore sinistro degli scricchiolii bancari che hanno tosato i greggi di fiduciosi risparmiatori, probi pensionati e piccoli artigiani, imprenditori di medie dimensioni…..tra quelle mura si era infilato un vento in grado di gelare certezze, alleanze….mai troppo evidente. Mai troppo aggressivo almeno pubblicamente”.

L’autore conduce la vicenda sempre con uno stile molto scorrevole ed ammiccante, che allevia la gravità delle situazioni descritte: con un’intonazione tendente al surreale in alcuni dialoghi tra personaggi di contorno, il romanzo riesce comunque a penetrare, come una lama nel burro, dentro alla realtà di un mondo, quello veneto, in cui si ricorda che “Questa regione ha subito trasformazioni tettoniche negli equilibri di potere. Si è rimescolato un mondo che aveva la corruttela come collante. Che si fondava sulla fiducia di cittadini ciechi. Banche, aziende, grandi opere: ovunque si è potuto imbrogliare lo si è fatto”.  Di impatto e molto accattivanti gli scenari notturni in quanto, come in ogni giallo che si rispetti, le indagini devono essere condotte dopo il calar del sole, quando arrivano le ombre che fanno sembrare ancora più spettrali i profili delle fabbriche dismesse del polo petrolchimico di Marghera.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fulvio

Ervas

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ervas Fulvio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pubblicato per la prima volta nel 1959, Una vita violenta venne giudicato dalla critica uno dei romanzi più importanti del dopoguerra. Lungi dal servire effetti coloriti e pittoreschi, il gergo fu utilizzato qui da Pasolini per dare una rappresentazione "lucida e spietata, delle persone e degli atti, dell'ambiente e delle fatalità" (Carlo Emilio Gadda) delle borgate romane. Il romanzo racconta la vera storia della vita breve, vissuta con passione, di Tommaso Puzilli, un giovane sottoproletario dei sobborghi romani. I piccoli furti, i rapporti con omosessuali, i vagabondaggi notturni, fino alla tragedia finale: il ritratto di un gruppo che vive al di fuori di ogni ordinamento sociale che lo possa condizionare. Con la prefazione di Vincenzo Cerami.

UNA VITA VIOLENTA

Pasolini Pier Paolo

Negli anni '30 lo stato di Bahia, terra di cacao e di grandi latifondisti, diviene il miraggio per migliaia di diseredati che accorrono alla ricerca di un lavoro. Amado ha visto, ha studiato quella realtà con l'intelligenza di un etnologo o di un antropologo, e ha poi trasfuso in queste pagine tutta la sua capacità di raccontare, da autentico cantastorie della vita brasiliana. Mettendosi lui stesso nella parte di un bracciante, alfabetizzato ma incolto, nato da famiglia benestante però costretto da un rovescio finanziario a cercare lavoro, Amado racconta di fatiche disumane e di amori travolgenti e sensuali, di crudele violenza e di altruismo, di ingenuità e di fede, di morte e di sofferenza, di prepotenze dei fazendeiros e di spensierata allegria dei giovani, dipingendo con i suoi forti e coinvolgenti colori il quadro di un mondo e di tante vite.

Cacao

Amado Jorge

“A volte penso addirittura che Napoli possa essere ancora l’ultima speranza che resta alla razza umana.” Luciano De Crescenzo Cari librai, sono felice di presentarvi questo libro a cui tengo molto perché, più di tutti, parla della città in cui sono nato e vivo da oltre quarant’anni: Napoli. È una raccolta dei miei “Granelli”, gli articoli che negli ultimi tre anni ho scritto ogni domenica per “la Repubblica” di Napoli, attraverso i quali ho cercato di descrivere le mille sfaccettature di questa città. È un libro che mi aiuterà a spiegare perché, a mio avviso, sia necessario cambiare prospettiva su Napoli, perché occorra mostrarla in modo diverso a chi non la vive quotidianamente e ne sente sempre parlare in chiave critica, sottolineando quanto sia una città normale, piena di buchi neri, certo, ma anche di luce, e quanto valga la pena conoscerla, visitarla, viverla. Una passeggiata sottobraccio con i miei lettori, insomma, per raccontare a modo mio i granelli di verità che ho raccolto strada facendo. Credo che il paese abbia più che mai bisogno di Napoli, di capirla fino in fondo, assorbirne la mentalità, la sua cultura del vivere, quell’affrontare l’esistenza con un’alzata di spalle, con la velata ironia che serve a mascherare la malinconia. Credo che abbia infinitamente bisogno della sua “filosofia leggera”, della sua arte, della creatività che riesce a esprimere nonostante tutto, la capacità di convertire il brutto nel bello, le difficoltà in successi, la vita in commedia e di “farsi bastare” la poesia delle piccole cose...

Cara Napoli

Marone Lorenzo

Si può sfuggire allo scorrere del tempo, come scrive l'autore di LA SCIENZA DI VIVERE PER SEMPRE? Esiste una connessione profonda tra la presenza di uno strano essere a Dartmoor, una nave in bottiglia, il tracciato di un ricamo all'uncinetto che rappresenta il mondo intero e le fate di Cottingley? Tra una recensione da consegnare e un libro da scrivere, Meg Carpenter non se la passava né troppo bene né troppo male. Aveva un ragazzo che era il classico inetto, certo. Arrivare alla fine del mese non era proprio una passeggiata, certo. E i libri erano tutta la sua vita, si potrebbe dire. Almeno fino a quando, tra le pagine di un testo di pseudoscienza, Meg non ha cominciato a guardare il suo tragico universo con occhi diversi. Tra psicologia e tarocchi, enigmi buddisti e teoremi di fisica, antiche cosmologie e leggende fatate, Meg si è messa alla ricerca delle risposte definitive a tutte le domande sul senso della vita e su come le relazioni nascano, crescano e poi, miseramente, muoiano. Mescolando filosofia e humour, ironia e colpi di genio, con IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO Scarlett Thomas ci regala un altro giro di giostra nella migliore letteratura: quella che fa sognare e riflettere senza soluzione di continuità.

IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO

Thomas Scarlett