Giallo - thriller - noir

Pericolo giallo

Ervas Fulvio

Descrizione: Gialla, veloce, imprendibile: un’Audi rubata semina il panico nelle strade del Nord Est. L’ispettore Stucky e la sua squadra le danno la caccia, ma il bolide sfreccia nella notte, sguscia tra le dita. Tra un inseguimento e l’altro Stucky frequenta (per ragioni di servizio!) bordelli cinesi e aiuta un’amica poliziotta in un’indagine spinosa: un collega ha ucciso la moglie e si è suicidato. Dietro questo gesto disperato, l’ombra di un uomo misterioso: colto, elegante, cinese. Ha un attico con vista su Porto Marghera, e conquista il Nord Est, pezzetto dopo pezzetto, come un giocatore di go. Quando siamo diventati così facili prede? si chiede Stucky. E si addentra pericolosamente nella rete. Sul filo della cronaca recente, l’avventura più ‘gialla’ con l’ispettore Stucky. Con contorno di vicine di casa belle e smaliziate, giovani colleghi di variegata simpatia, poliziotte notevoli in molti sensi, cani perfettamente all’altezza, uno zio persiano in crisi, alle prese con un innamoramento tardivo. Mentre il crimine finisce per porre le domande giuste, la vita si svela nelle chiacchiere notturne su un pavimento di legno, con l’odore di un alcolico pregiato che dura a lungo nelle narici. Un romanzo pieno di azione, di atmosfera, di spunti stimolanti sulla fragile realtà che ci circonda. Una lettura di piacere e di sostanza, tutta da gustare.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Gli alianti

Anno: 2016

ISBN: 9788871687605

Trama

Le Vostre recensioni

Nel ricco e variegato panorama dei giallisti italiani trova giustamente spazio anche la figura dell’ispettore “Stucky”, partorito dalla mente dello scrittore Fulvio Ervas e già protagonista di una serie di romanzi tra i quali l’ultimo pubblicato è Pericolo giallo. L’ispettore italo-persiano questa volta si trova coinvolto in una tripla indagine: fornire le prove necessarie per fare chiudere dei centri massaggio gestiti da cinesi (che dietro l’apparente facciata nascondono in realtà un’attività di sfruttamento della prostituzione), collaborare con i colleghi per sgominare la “banda dell’Audi gialla” (che semina il panico tra la gente sfrecciando per le strade del Nordest e compiendo rapine e atti criminali) ed infine aiutare, come favore personale, una collega di Mestre nello scoprire la verità dietro a un duplice caso di omicidio-suicidio, che sembra coinvolgere la comunità cinese del luogo. Il titolo “Pericolo giallo” appare pertanto azzeccato e questo colore sembra ben caratterizzare il filone narrativo che affronta tematiche molto attuali nel riferirsi a episodi di cronaca dei giorni nostri, riguardanti tanto le scorribande notturne di criminali su potenti bolidi, quanto le attività illecite, o comunque molto border-line, compiute dalla comunità cinese radicata nel territorio. Proprio il territorio del nordest e in particolare le province di Treviso e di Venezia rappresentano le location in cui si muovono l’ispettore Stucky e gli altri colleghi, luoghi che Ervas fa apparire molto reali e simili a quelli che conosciamo. Un nordest scosso da scandali politici ed economici in cui si percepisce “…il rumore sinistro degli scricchiolii bancari che hanno tosato i greggi di fiduciosi risparmiatori, probi pensionati e piccoli artigiani, imprenditori di medie dimensioni…..tra quelle mura si era infilato un vento in grado di gelare certezze, alleanze….mai troppo evidente. Mai troppo aggressivo almeno pubblicamente”.

L’autore conduce la vicenda sempre con uno stile molto scorrevole ed ammiccante, che allevia la gravità delle situazioni descritte: con un’intonazione tendente al surreale in alcuni dialoghi tra personaggi di contorno, il romanzo riesce comunque a penetrare, come una lama nel burro, dentro alla realtà di un mondo, quello veneto, in cui si ricorda che “Questa regione ha subito trasformazioni tettoniche negli equilibri di potere. Si è rimescolato un mondo che aveva la corruttela come collante. Che si fondava sulla fiducia di cittadini ciechi. Banche, aziende, grandi opere: ovunque si è potuto imbrogliare lo si è fatto”.  Di impatto e molto accattivanti gli scenari notturni in quanto, come in ogni giallo che si rispetti, le indagini devono essere condotte dopo il calar del sole, quando arrivano le ombre che fanno sembrare ancora più spettrali i profili delle fabbriche dismesse del polo petrolchimico di Marghera.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fulvio

Ervas

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ervas Fulvio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Così scrive Maria, la protagonista del nuovo, sorprendente romanzo di Paulo Coelho, all’inizio del suo diario. Maria è una ragazza del sertão brasiliano che, dopo aver incontrato un impresario teatrale sulla spiaggia di Rio de Janeiro, si lascia sedurre dal miraggio di una vita diversa. Trasferitasi a Ginevra, sfumato rapidamente il sogno di lavorare come ballerina di samba, la ragazza, con l’ingenuo cinismo di chi non ha ancora conosciuto il vero amore, affronterà la vita come un’avventura, cercando di conoscere il mondo e l’anima delle persone attraverso la lente dei fugaci incontri che la sua attività le impone, finché un pittore non saprà aprirle le porte di una nuova consapevolezza. Dall’autore di L’Alchimista, una sconvolgente meditazione sul sesso come strumento di conoscenza e di esplorazione di sé, un meraviglioso percorso di risveglio sensuale, emotivo e spirituale.

UNDICI MINUTI

Coelho Paulo

1914. Il transatlantico Il Paradiso naviga verso il nuovo mondo. A bordo, tra i passeggeri di ogni rango sociale, stipata nella terza classe, spicca Aquilina per gli strani poteri di cui sembra essere dotata. Ma non è lei l'unico pensiero dell'integerrimo capitano Zocalo. Sul piroscafo, infatti, scoppia una improvvisa epidemia dalle cause sconosciute persino al medico di bordo, Nerio Ferrer. Inoltre, viene denunciata la scomparsa di un uomo che, dal racconto del suo accompagnatore, aveva fatto espressa richiesta di cenare al tavolo di Marie Verdier, una francese che viaggia in seconda classe con il marito. L'incontro tra il capitano e la francese si rivela potente almeno quanto la tempesta nella cui balìa cade la nave. Nessuno forse aveva colto il presagio di una traversata difficile in quei gabbiani agonizzanti schiantatisi sul ponte della nave durante il passaggio nello stretto di Gibilterra. Quando una cameriera mostrerà al capitano le piume nere disseminate nella cabina di Aquilina, il legame tra i suoi misteriosi poteri e quei fenomeni assumerà contorni inaspettati.

La passeggera

Frascati Daniela

Il libro è il tragico monologo di una donna che aspetta un figlio guardando alla maternità non come a un dovere ma come a una scelta personale e responsabile. Una donna di cui non si conosce né il nome né il volto né l'età né l'indirizzo: l'unico riferimento che ci viene dato per immaginarla è che vive nel nostro tempo, sola, indipendente e lavora. Il monologo comincia nell'attimo in cui essa avverte d'essere incinta e si pone l'interrogativo angoscioso: basta volere un figlio per costringerlo alla vita? Piacerà nascere a lui? Nel tentativo di avere una risposta la donna spiega al bambino quali sono le realtà da subire entrando in un mondo dove la sopravvivenza è violenza, la libertà un sogno, l'amore una parola dal significato non chiaro.

LETTERA A UN BAMBINO MAI NATO

Fallaci Oriana

Quattro liceali amiche per la pelle. Ognuna tiene un diario, e le pagine dei loro diari sono la forma narrativa scelta da Schmitt per raccontarci gli eccessi a cui può far giungere l’amore. Le protagoniste hanno diciassette anni, sono compagne di scuola, e vivono quel difficile periodo in cui da ragazza si diventa donna, pensano con ansia e frenesia all’amore fisico, al sesso, si chiedono come sarà la “prima volta” con il desiderio impaurito di farlo il prima possibile. Quello che raccontano alle amiche non è quello che raccontano a se stesse. I fatti avvengono, hanno un loro svolgimento oggettivo, ma la visione che ognuna ha degli stessi fatti è ben diversa, come vediamo dalle pagine dei loro diari. Il grande evento dell’anno scolastico è la recita del Romeo e Giulietta a cui tutte e quattro collaborano, due di loro addirittura come ruoli principali, nella parte di Giulietta e di Romeo. Si allestisce lo spettacolo, si fanno le prove, ma con il passare dei giorni le storie private delle quattro ragazze si intrecciano sempre più con le vicende del dramma di Shakespeare, fino ad arrivare a un sorprendente finale in comune che squarcerà il velo sulle tante illusioni che tutti ci facciamo sull’argomento “amore”.

Veleno d’amore

Eric-Emmanuel Schmitt