Giallo - thriller - noir

Pericolo giallo

Ervas Fulvio

Descrizione: Gialla, veloce, imprendibile: un’Audi rubata semina il panico nelle strade del Nord Est. L’ispettore Stucky e la sua squadra le danno la caccia, ma il bolide sfreccia nella notte, sguscia tra le dita. Tra un inseguimento e l’altro Stucky frequenta (per ragioni di servizio!) bordelli cinesi e aiuta un’amica poliziotta in un’indagine spinosa: un collega ha ucciso la moglie e si è suicidato. Dietro questo gesto disperato, l’ombra di un uomo misterioso: colto, elegante, cinese. Ha un attico con vista su Porto Marghera, e conquista il Nord Est, pezzetto dopo pezzetto, come un giocatore di go. Quando siamo diventati così facili prede? si chiede Stucky. E si addentra pericolosamente nella rete. Sul filo della cronaca recente, l’avventura più ‘gialla’ con l’ispettore Stucky. Con contorno di vicine di casa belle e smaliziate, giovani colleghi di variegata simpatia, poliziotte notevoli in molti sensi, cani perfettamente all’altezza, uno zio persiano in crisi, alle prese con un innamoramento tardivo. Mentre il crimine finisce per porre le domande giuste, la vita si svela nelle chiacchiere notturne su un pavimento di legno, con l’odore di un alcolico pregiato che dura a lungo nelle narici. Un romanzo pieno di azione, di atmosfera, di spunti stimolanti sulla fragile realtà che ci circonda. Una lettura di piacere e di sostanza, tutta da gustare.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Gli alianti

Anno: 2016

ISBN: 9788871687605

Trama

Le Vostre recensioni

Nel ricco e variegato panorama dei giallisti italiani trova giustamente spazio anche la figura dell’ispettore “Stucky”, partorito dalla mente dello scrittore Fulvio Ervas e già protagonista di una serie di romanzi tra i quali l’ultimo pubblicato è Pericolo giallo. L’ispettore italo-persiano questa volta si trova coinvolto in una tripla indagine: fornire le prove necessarie per fare chiudere dei centri massaggio gestiti da cinesi (che dietro l’apparente facciata nascondono in realtà un’attività di sfruttamento della prostituzione), collaborare con i colleghi per sgominare la “banda dell’Audi gialla” (che semina il panico tra la gente sfrecciando per le strade del Nordest e compiendo rapine e atti criminali) ed infine aiutare, come favore personale, una collega di Mestre nello scoprire la verità dietro a un duplice caso di omicidio-suicidio, che sembra coinvolgere la comunità cinese del luogo. Il titolo “Pericolo giallo” appare pertanto azzeccato e questo colore sembra ben caratterizzare il filone narrativo che affronta tematiche molto attuali nel riferirsi a episodi di cronaca dei giorni nostri, riguardanti tanto le scorribande notturne di criminali su potenti bolidi, quanto le attività illecite, o comunque molto border-line, compiute dalla comunità cinese radicata nel territorio. Proprio il territorio del nordest e in particolare le province di Treviso e di Venezia rappresentano le location in cui si muovono l’ispettore Stucky e gli altri colleghi, luoghi che Ervas fa apparire molto reali e simili a quelli che conosciamo. Un nordest scosso da scandali politici ed economici in cui si percepisce “…il rumore sinistro degli scricchiolii bancari che hanno tosato i greggi di fiduciosi risparmiatori, probi pensionati e piccoli artigiani, imprenditori di medie dimensioni…..tra quelle mura si era infilato un vento in grado di gelare certezze, alleanze….mai troppo evidente. Mai troppo aggressivo almeno pubblicamente”.

L’autore conduce la vicenda sempre con uno stile molto scorrevole ed ammiccante, che allevia la gravità delle situazioni descritte: con un’intonazione tendente al surreale in alcuni dialoghi tra personaggi di contorno, il romanzo riesce comunque a penetrare, come una lama nel burro, dentro alla realtà di un mondo, quello veneto, in cui si ricorda che “Questa regione ha subito trasformazioni tettoniche negli equilibri di potere. Si è rimescolato un mondo che aveva la corruttela come collante. Che si fondava sulla fiducia di cittadini ciechi. Banche, aziende, grandi opere: ovunque si è potuto imbrogliare lo si è fatto”.  Di impatto e molto accattivanti gli scenari notturni in quanto, come in ogni giallo che si rispetti, le indagini devono essere condotte dopo il calar del sole, quando arrivano le ombre che fanno sembrare ancora più spettrali i profili delle fabbriche dismesse del polo petrolchimico di Marghera.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fulvio

Ervas

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ervas Fulvio

Si incontreranno per tre volte, ma ogni volta sarà l’unica, e la prima, e l’ultima. Tre storie. Tre incontri. Tre episodi in cui scivolano personaggi che si incrociano, per sfasature temporali, in età diverse, sullo sfondo della hall di un hotel. L’albeggiare che annuncia, per tre volte, l’insistenza di un sentimento.

TRE VOLTE ALL’ALBA

Baricco Alessandro

Perle di un filo pulito

Napoli, marzo 1931, mentre un inverno particolarmente rigido tiene la città stretta in una morsa di gelo, un assassinio scuote l'opinione pubblica per la ferocia con cui il crimine è perpetrato e per la notorietà del morto. Il grande tenore Arnaldo Vezzi viene trovato cadavere nel suo camerino al Teatro San Carlo prima della rappresentazione de "I Pagliacci", la gola squarciata da un frammento acuminato dello specchio andato in pezzi. Artista di fama mondiale, amico del Duce, uomo egoista e meschino: a ricostruire la personalità della vittima e a risolvere il caso è chiamato il commissario Luigi Alfredo Ricciardi, in forza alla Squadra Mobile della Regia Questura di Napoli. Investigatore anomalo, mal sopportato dai superiori per la sua insofferenza agli ordini e temuto dai sottoposti per il suo carattere chiuso ed enigmatico, Ricciardi coltiva nel suo animo tormentato un segreto inconfessabile: fin da bambino "vede i morti" - ma solo chi muore di morte violenta - , coglie la loro immagine nell'ultimo momento di vita e ascolta le ultime parole, "il Fatto" come lo chiama lui, lo aiuta nelle indagini. Affiancato dal brigadiere Maione, il commissario interroga il personale del San Carlo, incontra l'affascinante Livia e ascolta le considerazioni di Don Pierino; comprende che molti avrebbero avuto un buon movente per uccidere Vezzi. Interprete del disagio della città, attento alle esigenze dei più deboli, Ricciardi risolve brillantemente il caso seguendo il suo senso di giustizia.

Il senso del dolore

De Giovanni Maurizio

Iole Vergara lavora come dattilografa presso il comune di Bellano. Vive sola, infatti è la zitella del paese. Tutto prevedibile e scontato nella sua vita fino a quando non irrompe Dante, misterioso e affascinante, che le rapisce il cuore.

UN AMORE DI ZITELLA

Vitali Andrea