Classici

Piccolo mondo antico

Fogazzaro Antonio

Descrizione: Una storia sul Risorgimento, dalle delusione del 1848 alla riscossa del '59, attraverso il dramma di un fervente cattolico modernista e di sua moglie, liberale e tiepida credente.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana: Oscar grandi classici

Anno: 2001

ISBN: 9788804492870

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Un romanzo lo si può commentare in molti modi.

Il modo meno libresco è viverlo.

Rileggendolo dopo anni, ad esempio. Confrontando l’attuale modo di “sentire il libro” rispetto alla prima lettura.

<p“Piccolo mondo antico” io l’ho letto e apprezzato durante gli anni del liceo e oggi lo riscopro in tutta la sua complessità.

Come romanzo d’amore, nell’evoluzione del rapporto tra Franco e Luisa. Nello scontro di due personalità così diverse: idealista, romantico e credente il primo; razionale, dura e al tempo stesso fragile la seconda.

E come romanzo storico, ambientato nella seconda metà dell’Ottocento, sotto la dominazione austriaca.

Nel conflitto ideologico e politico tra il mondo antico dei conservatori filo-austriaci e il mondo moderno di patrioti e liberali.

Nel conflitto generazionale tra la “Marchesa” da un lato e Franco e Luisa dall’altro.

Poi conosco un altro modo per vivere da protagonisti un romanzo.

Ad esempio recarsi sul luogo che è il teatro della storia narrata.

In questo caso: Valsolda e Oria, sul Ceresio, più conosciuto come lago di Lugano.

Respirare la bellezza del paesaggio.

Immaginare di partecipare ai fatti stessi; indugiare presso la villa di Fogazzaro e ripensare anche ai personaggi non protagonisti: lo zio Piero, il Pasotti, il Gilardoni e le sue sedute spiritiche.

E sentire di trovarsi su un percorso di scrittori che le atmosfere lacustri hanno interpretato in modo originale. Da Manzoni e Fogazzaro, via via, fino ai giorni nostri, passando attraverso Piero Chiara fino alle declinazioni noir di Raul Montanari e a quelle “pop” di Andrea Vitali.

E c’è un altro modo ancora per rileggere un romanzo.

Interpretarlo fino in fondo. Creando una storia propria, deformando un’ispirazione, distorcendo una suggestione.

Senza pretesa alcuna, naturalmente, di fronte a un capolavoro della letteratura.

Io l’ho fatto in un racconto (il secondo nella raccolta linkata) che trae spunto dalla tragedia che colpisce – in modo così diverso, suscitando reazioni antitetiche – Luisa e Franco: la perdita di Maria, chiamata Ombretta da un’aria di Rossini, la figlioletta che muore annegando nel lago.

Anche questo è un modo per commentare un romanzo che ti ha preso. Un romanzo che è entrato dentro …

… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Fogazzaro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fogazzaro Antonio

In una Parma innevata, il marcio sembra nascondersi ovunque: la corruzione dilaga, il crimine è fuori controllo e la rabbia cresce. Soneri è il più arrabbiato di tutti perché crede ancora nella giustizia e se la vede sfuggire. Il commissario, infatti, segue una serie di piste confuse: un telefonino abbandonato sul greto del fiume; un vecchio morto di freddo nei sotterranei di un ospizio; la misteriosa scomparsa del sindaco. Sembrano indizi scollegati, eppure Soneri sente che dietro tutti quei casi si cela un'unica strategia. La strategia della lucertola, che depista i predatori lasciandosi dietro la coda. Ma questa volta l'inseguitore non si fa ingannare.

Il commissario Soneri e la strategia della lucertola

Varesi Valerio

In questo lavoro l'Autore racconta gli anni Ottanta, una stagione magica per la boxe. Un decennio segnato dalle imprese di Marvin Hagler. Protagonista di mitiche sfide con Thomas Hearns, Roberto Duran, John Mugabi, Ray Leonard. Erano gli anni in cui un italiano, il pugliese Vito Antuofermo, riusciva a conquistare il titolo dei medi e Mike Tyson diventava il più giovane campione del mondo nella storia dei massimi. Torromeo ho visto tre indimenticabili riprese tra Hagler ed Hearns, assistito al tragico balletto di Trevor Berbick, messo ko da Mike Tyson. Era a bordo ring quando Hagler ha sofferto contro Juan Domingo Roldan, ma poi l´ha distrutto come solo lui sapeva fare. La battaglia di Marvin contro John Mugabi l´ha guardata davanti alla tv. In quei giorni era a Sanremo prima, e a Montecarlo poi, per raccontare il vittorioso assalto di Patrizio Oliva al mondiale dei superleggeri. Ospite di Roberto Duran nella sua casa di Miami, ho passeggiato nell´inferno di Brownsville, a Brooklyn, dove Mike Tyson è nato. Ha viaggiato con Ray Boom Boom Mancini dopo la tragedia della morte di Duk Koo Kim. Ha parlato con Thomas Hearns nello scenario di una Detroit in piena crisi economica. L'Autore racconto i magici anni Ottanta. La linea guida è la rincorsa di Marvin Hagler e Sugar Ray Leonard verso la grande sfida. Un match, datato 6 aprile 1987, che ha saputo conservare intatto negli anni un alone di mistero. Il libro svela vicende e segreti di quel periodo indimenticabile, quando la boxe era una cosa seria.

Meraviglioso

Torromeo Dario

GENTE DI DUBLINO – di James Joyce

Oltre cinquant’anni di sogni annotati, dal 1875 al 1931. È libera e ondivaga la scrittura di Arthur Schnitzler, descrittiva e autoriflessiva, intima e quotidiana. Nei residui diurni ritrovati dal sogno compaiono scenari insoliti, abitati da contemporanei illustri, animatori della Vienna fin de siècle: Freud, Klimt, von Hofmannsthal, Mahler e molti altri. Sogni che registrano le mode dell’epoca, gli spettacoli di successo, le malattie più comuni del bel mondo, e con brevità magnetica rivelano i desideri, le paure, i turbamenti dello scrittore che sogna. Un libro dei sogni raccolto da un genio attento ai moti della propria anima, ma anche alla forza surreale della narrazione onirica. Pubblicato in versione integrale, introdotto da un saggio di Agnese Grieco e Vittorio Lingiardi su Schnitzler, sulla vita onirica e la psicoanalisi, Sogni è il diario notturno di un’epoca inquieta, l’autobiografia inconscia del primo Novecento europeo.

SOGNI 1875-1931

Schnitzler Arthur