Classici

Piccolo mondo antico

Fogazzaro Antonio

Descrizione: Una storia sul Risorgimento, dalle delusione del 1848 alla riscossa del '59, attraverso il dramma di un fervente cattolico modernista e di sua moglie, liberale e tiepida credente.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana: Oscar grandi classici

Anno: 2001

ISBN: 9788804492870

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Un romanzo lo si può commentare in molti modi.

Il modo meno libresco è viverlo.

Rileggendolo dopo anni, ad esempio. Confrontando l’attuale modo di “sentire il libro” rispetto alla prima lettura.

<p“Piccolo mondo antico” io l’ho letto e apprezzato durante gli anni del liceo e oggi lo riscopro in tutta la sua complessità.

Come romanzo d’amore, nell’evoluzione del rapporto tra Franco e Luisa. Nello scontro di due personalità così diverse: idealista, romantico e credente il primo; razionale, dura e al tempo stesso fragile la seconda.

E come romanzo storico, ambientato nella seconda metà dell’Ottocento, sotto la dominazione austriaca.

Nel conflitto ideologico e politico tra il mondo antico dei conservatori filo-austriaci e il mondo moderno di patrioti e liberali.

Nel conflitto generazionale tra la “Marchesa” da un lato e Franco e Luisa dall’altro.

Poi conosco un altro modo per vivere da protagonisti un romanzo.

Ad esempio recarsi sul luogo che è il teatro della storia narrata.

In questo caso: Valsolda e Oria, sul Ceresio, più conosciuto come lago di Lugano.

Respirare la bellezza del paesaggio.

Immaginare di partecipare ai fatti stessi; indugiare presso la villa di Fogazzaro e ripensare anche ai personaggi non protagonisti: lo zio Piero, il Pasotti, il Gilardoni e le sue sedute spiritiche.

E sentire di trovarsi su un percorso di scrittori che le atmosfere lacustri hanno interpretato in modo originale. Da Manzoni e Fogazzaro, via via, fino ai giorni nostri, passando attraverso Piero Chiara fino alle declinazioni noir di Raul Montanari e a quelle “pop” di Andrea Vitali.

E c’è un altro modo ancora per rileggere un romanzo.

Interpretarlo fino in fondo. Creando una storia propria, deformando un’ispirazione, distorcendo una suggestione.

Senza pretesa alcuna, naturalmente, di fronte a un capolavoro della letteratura.

Io l’ho fatto in un racconto (il secondo nella raccolta linkata) che trae spunto dalla tragedia che colpisce – in modo così diverso, suscitando reazioni antitetiche – Luisa e Franco: la perdita di Maria, chiamata Ombretta da un’aria di Rossini, la figlioletta che muore annegando nel lago.

Anche questo è un modo per commentare un romanzo che ti ha preso. Un romanzo che è entrato dentro …

… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Fogazzaro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fogazzaro Antonio

Maria Rosa ed Eugenia appartengono a due mondi diversi. La prima è cresciuta a Napoli in una famiglia aristocratica. L'altra è nata in un paesino del Nord e sogna di diventare medico. Se non fosse stato per la guerra, non si sarebbero mai incontrate. E invece è il primo conflitto mondiale a unire le due ragazze, partite come infermiere volontarie al fronte. È il duro lavoro in un ospedale sul Carso a permettere loro di conoscersi, diventare amiche, innamorarsi. Una volta tornata la pace, sperano di rimanere insieme, a costo di fingere, nascondersi, lottare. Ma adesso ogni istante è prezioso: in mezzo al caos, possono rubare un tempo per l'amore e vivere fino in fondo i propri sentimenti.

Le regole del fuoco

Rasy Elisabetta

12 sono i portici di Bologna candidati a patrimonio dell'umanità UNESCO, i più belli e ricchi di storia di tutta la città. Sono portici costruiti in epoche diverse, legati ai palazzi nobiliari, alle piazze che abbracciano, al quartiere dove sorgono. I portici, amati dai bolognesi che senza di loro non sanno stare, di certo sono rappresentativi di Bologna al pari dei Tortellini, delle Due Torri e dell'Università. Altrettanto rappresentativa di Bologna è l'investigatrice privata Stella Spada, unica e senza rivali, che dal suo studio di via dell'Inferno indaga sui casi che le vengono affidati, a patto che siano tutti nel centro di Bologna o poco distante. In questo romanzo breve, un caso molto speciale la obbliga ad una corsa contro il tempo dall'uno all'altro dei 12 portici candidati dall'UNESCO per ritrovare Filippo, il cane della vicina rapito da un misterioso personaggio che le lascia indizi in rima. Riuscirà Stella a ritrovare l'amato sanbernardo? Scoprirà e punirà il crudele rapitore?

Il mistero dei dodici portici

Lusetti Lorena

Tre generazioni di donne disposte a tutto per vivere nel lusso. La nonna, Beatrice, reginetta di bellezza d’antan, è la matriarca e con il suo carattere volitivo e cinico detta legge. Ha addomesticato figlia e nipoti al credo di famiglia: meglio non lavorare ma cercare uomini sponsor, da compiacere e sfruttare. Relazioni senza emozioni e sentimenti per non rischiare di perdere il controllo e di conseguenza anche il reddito. Isabella, la figlia, ex modella, è mantenuta da un ricco e vecchio fidanzato. Mentre Angelica, la primogenita, facendo la ragazza immagine, si è accasata con un uomo che ha il doppio della sua età ma un bel conto in banca. Poi c’è Viola, la sorellina di sedici anni che arrotonda mettendo foto hard sul web. Con qualche inevitabile rinuncia, dovuta alla crisi, la vita di queste donne trascorre secondo la consolidata routine fra shopping, beauty-farm e sesso a comando. Ma un giorno irrompe un elemento destabilizzante: Angelica si innamora. Il suo cuore congelato dal cinismo delle regole di famiglia comincia a sciogliersi per un bel barista, giovane e spiantato. Uno scandalo per mamma e nonna, che non tollerano questo sciagurato cambiamento di rotta e tentano in ogni modo di riportarla sulla «retta» via. La ragazza abdicherà nel nome dell’interesse famigliare o si toglierà gli anelli di Pomellato per preparare insalate nel bar del suo amore?

AFFARI D’AMORE

Violi Patrizia

Il protagonista, Haroun, è il fratello del'"arabo" ucciso da un certo Meursault, crimine raccontato nello Straniero di Albert Camus. Sessant'anni più tardi, Haroun, che ha vissuto l'infanzia nel trauma di quell'omicidio avvenuto su una spiaggia assolata, non si rassegna a che il fratello rimanga senza nome, nell'anonimato. Quindi prende la parola, avvia una controinchiesta, ricostruisce i fatti dal punto di vista dell'"arabo" suo fratello e ridà dignità alla vittima.

Il caso Meursault

Daoud Kamel