Narrativa

PICCOLO TESTAMENTO

Dadati Gabriele

Descrizione: Io guidavo e Vittorio stava seduto davanti, vicino a me. Divorava tutto con gli occhi, il suo sguardo attraeva a sè le facciate delle case, i pochi alberi, le persone. Rimaneva per lo più zitto. Solo a un certo punto ha detto di avere fame e poco dopo ha aggiunto, parlando a bassa voce senza staccare gli occhi dal finestrino, che doveva trovare il modo di dare un senso a quello che gli era successo. un senso estetico, ha detto ancora.

Categoria: Narrativa

Editore: Laurana Editore

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788896999103

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

 

Il libro di Gabriele Dadati racconta in poco meno di 116 pagine almeno tre storie: la cronaca dell’evoluzione di un sogno – diventare scrittore, il percorso di elaborazione di un lutto –  o forse due – per il maestro, per una ragazza molto amata, e la ricostruzione di sé stesso nel passaggio fatidico verso l’età adulta.

Nel romanzo, di autobiografico c’è molto e i tre fili che Piccolo testamento riesce ad intrecciare in un’unica lunga notte sono nervi che l’autore probabilmente sente ancora ben scoperti, ferita pulsante di un sentimento tormentoso e complicato, che poi è la vita nella sua banale ciclicità: si cresce, si ama, si crede, si muore. Tutti temi che la letteratura conosce bene, spunti che entrano nei discorsi tra conoscenti, perfino nelle chiacchiere del bar. E questo per dire che di rivoluzionario nel libro non c’è niente, ma di autentico c’è tutto e in questo a mio parere sta la gran forza del romanzo.

 

La prosa è tanto rigorosa da risultare dolorosa, scarnificata, privata del colpo ad effetto, seppure con qualche eccezione, e non è forse un caso che verso la fine la marcia sintattica si faccia più ricca e i concetti siano spesso reiterati, calcati: come a voler incanalare troppo a lungo una passione che preme e, finalmente, rompe gli argini.

 

Così, proprio verso la fine, troviamo passaggi profondamente umani, universali. Un esempio dello smarrimento che emerge (e annega tutti e tre i binari su cui corre la narrazione) è questo: “Così, morto Vittorio e morta lei (non posso far altro che pensarla così, morta, altrimenti vivrei giorno dopo giorno nell’attesa di un ritorno che non si perfeziona), sono rimasto solo io, che a mia volta sono morto. Formulo quindi una domanda: chi è, adesso, il testimone della mia vita? Chi condivide con me il ricordo di questi anni importanti, in cui nonostante tutto diventavo uno scrittore, ora che rimango solo io con la mia testa cancellata, con le vasche del pensiero sempre più deserte ogni giorno che passa? Mi ripeto che Vittorio, colui che mi ha dato la parola e l’autorevolezza per prendere la parola, che mi ha accompagnato in questi ultimi anni di crescita intellettuale, è morto. Mi ripeto che Marta, vale a dire l’unica persona nella quale abbia riposto la mia fiducia di uomo, l’unica persona che negli anni del nostro rapporto abbia saputo sbarazzarsi delle mie sovrastrutture, è morta anche lei. Per mano mia. Sì, dovrei proprio concludere che sono a mia volta morto,mentre in realtà il mio destino è più misero e meno clamoroso: sono soltanto rimasto inconoscibile, e cioè non c’è più nessuno qua attorno che abbia condiviso con me questi ultimi anni che sono stati i più importanti della mia vita”.

 

Lo sforzo che l’autore maschera con la pulizia che caratterizza la sua opera probabilmente è proprio la violenza di non mentire e non abbellirsi (fino a calcar la mano sulla sessualità istintiva e forse volutamente sottolineata dagli unici termini “fuori posto”,se confrontati con una forma per il resto classica e disciplinata)  con il risultato che, per contro, si abbellisce eccome, perché risulta credibile, e dolce, e molto sincero.

 

Nascosti tra le pieghe dei due temi principali del romanzo, la perdita e la scrittura, alla quale, tra l’altro, sono dedicati spazi autobiografici interessanti, con la proposizione di alcuni aneddoti e riflessioni dell’autore sul primo libro di racconti pubblicato da Gabriele Dadati (che val la pena, con l’occasione, di rileggere: si tratta di Sorvegliato dai fantasmi), troviamo poi i passaggi sulla famiglia di origine, davvero molto belli. Forse in questi tratti risalta un’autenticità nuova, attuale, che si rinviene nella consapevolezza e nella nostalgia di un’evoluzione verso l’età adulta di una persona che è artista e uomo dell’Italia – reale – di oggi.

 

Una lettura toccante, che si assapora, come nel tempo del romanzo, in una notte.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gabriele

Dadati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dadati Gabriele


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

1848. La rivoluzione infiamma l'Europa. Milano insorge contro la dominazione austriaca. In soli cinque giorni un popolo conquista la libertà, una nazione nasce, un uomo e una donna si amano perdutamente. Per farlo, tradiscono tutti, rimanendo fedeli soltanto a se stessi, alla terribile purezza di un sentimento assoluto. 1885. Il senatore del Regno d Italia Italo Morosini riceve un manoscritto anonimo. Quelle pagine, con la violenza del rinculo di una fucilata, lo sospingono indietro di quarantenni, al momento fatidico in cui un manipolo di giovani male armati alzò le barricate per le strade di Milano e sconfisse l'esercito più potente del mondo, abbattendo a sassate l'aquila dell'impero asburgico. Ma in quelle pagine si racconta anche la bruciante passione d amore che travolse la bella Aspasia, allora musa della rivolta, ora fedele e remissiva moglie del senatore. In un mondo invecchiato, in un'Europa insanguinata dal terrorismo anarchico, quando tutte le illusioni sembrano perdute e tutte le passioni spente, il destino picchia alla porta per la resa dei conti. Intrecciato a un potente quadro del nostro Risorgimento - l'epoca più eroica e dimenticata della nostra storia - ambientato e scritto come un romanzo ottocentesco, "Una storia romantica" parla in realtà di noi, di come, straziati da una dolorosa precarietà sentimentale, siamo condannati a vivere tra le rovine di un mondo che sognò gli ideali e gli amori assoluti.

UNA STORIA ROMANTICA

Scurati Antonio

"Io mi chiamo Silvano ma la provincia è sempre pronta a trovare un soprannome. E da Silvano a Silver la strada è breve". Con la sua voce dimessa e magnetica, sottolineata da una nota sulfurea e intrisa di umorismo amaro, il protagonista ci porta dentro una storia che, lette le prime righe, non riusciamo piú ad abbandonare. Con "Tre atti e due tempi" Giorgio Faletti ci consegna un romanzo composto come una partitura musicale e teso come un thriller, che toglie il fiato con il susseguirsi dei colpi di scena mentre ad ogni pagina i personaggi acquistano umanità e verità. Un romanzo che stringe in unità fili diversi: la corruzione del calcio e della società, la mancanza di futuro per chi è giovane, la responsabilità individuale, la qualità dell'amore e dei sentimenti in ogni momento della vita, il conflitto tra genitori e figli. E intanto, davanti ai nostri occhi, si disegnano i tratti affaticati e sorridenti di un personaggio indimenticabile. Silver, l'antieroe in cui tutti ci riconosciamo e di cui tutti abbiamo bisogno.

TRE ATTI E DUE TEMPI

Faletti Giorgio

Il giovane Simon vive come un animale ai margini di un bosco preistorico eppure futuribile. Ci vive con il Polacco che dovrebbe essere suo padre. Dopo visite di misteriosi militari, si mette in viaggio per la Capitale al seguito del Polacco, il folle eroe di guerra chiamato a compiere un'oscura missione urbanistica e militare. Nella grande città, la vita di Simon diventa un incubo di lavoro inutile, burocrazia tumorale e sanità alienata. Il risveglio arriverà all'improvviso, sull'orlo di un riscatto mai immaginato.

Genesi 3.0

Calvisi Angelo

Questo romanzo si svolge dall’inizio degli anni sessanta al 1984 tra una casa editrice milanese e un museo parigino dove è esposto il pendolo di Foucault. Si svolge dal 1943 al 1945 in un paesino tra Langhe e Monferrato. Si svolge tra il 1344 e il 2000 lungo il percorso del piano dei Templari e dei Rosa-Croce per la conquista del mondo. Si svolge interamente la notte del 23 giugno 1984, prima in piedi nella garitta del periscopio, poi in piedi nella garitta della statua della Libertà al Conservatoire des Arts et Métiers di Parigi. Si svolge la notte tra il 26 e il 27 giugno dello stesso anno nella stessa casa di campagna che Jacopo Belbo, il protagonista, ha ereditato da suo zio Carlo, mentre Pim rievoca le sequenze temporali di cui si è detto sopra. In sintesi: tre redattori editoriali, a Milano, dopo avere frequentato troppo a lungo autori “a proprie spese” che si dilettano di scienze occulte, società segrete e complotti cosmici, decidono di inventare, senza alcun senso di responsabilità, un Piano. Ma qualcuno li prende sul serio.

Il pendolo di Foucault

Eco Umberto