Più che l’amore

Andreoli Annamaria

Descrizione: Venezia 1894. Un incontro fortuito. 36 anni lei, 31 lui. Duse e d’Annunzio attraverseranno insieme 10 burrascosi anni. Un breve tratto, ma per entrambi capitale: sia perché, col tempo, il Vate si sarebbe ravveduto, rimpiangendola; sia perché quella con d’Annunzio è la sola convivenza della Diva che, sul viale del tramonto, parrà prediligere la compagnia di giovani donne. Questo narra la vulgata confermata da oltre un secolo. Se corrispondono al vero passione, tradimenti e umiliazioni, sono da ribaltare i ruoli: fu lui la vittima e lei il carnefice. È quanto emerge dai numerosi documenti, sottoposti a nuovo esame con un’avvertenza: a varare la favola dei divi amanti fu Gabriele per suo tornaconto.

Categoria:

Editore: Marsilio

Collana: I nodi

Anno: 2017

ISBN: 9788831726290

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Più che l’amore di Annamaria Andreoli

Lui è perentorio: esige più che l’amore. Lei lo corrisponde a oltranza, recitando un trasporto da Baccante orgiastica: «Vorrei potermi disfare tutta, tutta, tutta! Tutto donare di me e dissolvermi»”.

Ci sono casi in cui la passione più terribile e più incredibile, i moti struggenti e rivoluzionari dell’animo umano, i sentimenti più genuini e profondi, e quindi catartici, entrano a pieno titolo nella nostra cultura e, di più, nella storia. Casi in cui il mito e l’epos e l’estasiante clamore mediatico rendono cuori tanto impenetrabili dall’esterno quanto deliranti, rapiti e vulnerabili nella loro più profonda intimità. Ed è proprio un amore tanto incredibile e angoscioso quanto travisato e non compreso a essere il protagonista di Più che l’amore, l’ultimo libro di Annamaria Andreoli. Lei è l’inarrivabile, celebre, divina attrice Eleonora Duse; lui il poeta vate, romanziere, drammaturgo, illustre Gabriele d’Annunzio, l’uomo dal vivere inimitabile. Un amore decennale – ma segnerà fino alla fine la vita dei due amanti –, turbato, estatico, in costante equilibrio fra momenti di inebriante e potente poesia e momenti di irriducibile distanza, di malumori mal repressi, di sentimenti contrastanti. L’incontro, il primo, avviene a Venezia, città che suggella l’amore e che sarà sempre presente nella vita e nei ricordi dei nostri divi. Da qui in poi partirà l’unione fra i due: unione insieme artistica, culturale, di vita, che traverserà due secoli e che continuerà, anche dopo la fine della relazione. Subito è leggenda, narrata, divulgata da voci e testimonianze spesso infondate, da amici o amanti dei due che a tutto aspirano tranne che al chiarore della verità. Lui, terribile profittatore, sarebbe stato in grado di piegare a suo vantaggio la passione, piena e illimitata, dell’attrice per raggiungere finalmente la fama mondiale; lei indulgente, generosa, vittima sacrificale di un progetto ben architettato e riuscito alla perfezione, donna che tutta si annulla per solo amore. Ma è giunto il momento di lasciare il posto, a pieno titolo, alle parole dei due amanti spogliate dal mito, tête-à-tête: migliaia le lettere spedite dalla Duse a d’Annunzio, tutte di irrevocabile teatralità e ricche della tragedia di una donna unica e per certi versi spietata; altrettante ne spedirà d’Annunzio, tutte però perdute, date alle fiamme nel vano tentativo di far tacere un uomo che può e sa essere caustico, ma non smette di essere puro, poetico. Gabriele non tace, non sa tacere. Tutto parla di lei: poesie, romanzi, diari, lettere non indirizzate all’amata. Riesce però, nel tempo, a plasmare un mondo, a costruire un mito con mura alte, invalicabili, tanto da rimanerne imbrigliato senza scampo, tanto da farle permanere intatte fino ai nostri giorni. Ma è la finzione stessa che crolla in lui, che lo rende vulnerabile di fronte alla sua poesia, di fronte ad Eleonora: a lei, solo a lei lo confesserà: «Sono un povero uomo».

Con le armi della grande narratrice e le basi solide di migliaia di documenti, Annamaria Andreoli riesce a demolire, pezzo per pezzo, un mito ingiusto che da anni grava sulla storia d’amore più famosa dell’epoca. È certamente un libro ricco, avventuroso, intrigante, un viaggio generoso e accattivante all’interno di due delle personalità più grandi e complesse della cultura italiana e mondiale. E ancora un giallo che restituisce alla storia la verità ultima e definitiva, brutale e poetica: Musa ispiratrice, definitiva artefice del periodo più florido di d’Annunzio, esaltatrice del poeta a livello mondiale, Eleonora Duse, fedele sempre e solo a sé stessa, sarà anche e soprattutto colei che strazierà, dilanierà, segnerà per sempre l’anima profonda di Gabriele, l’uomo: è lei, e solo lei, la carnefice. Il resto è leggenda.

Il blog di Luigi Bianco

L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta e barba

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Più che l’amore – Louis Book World

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Annamaria

Andreoli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Andreoli Annamaria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Inutile negarlo: l’essere ipersensibili può portare a risvolti problematici. Nonostante queste persone tendano a rinunciare a se stesse rivolgendo la loro attenzione all’esterno e agli altri, non sono rari rimproveri del tipo: Devi essere sempre così emotivo? Eppure, l’ipersensibilità non è necessariamente un “tallone d’Achille” che espone a sofferenze, delusioni, o irragionevoli inibizioni: se la si usa bene, può rivelarsi una dote incredibile. Rolf Sellin, che per anni ha studiato questa predisposizione soffrendone lui stesso, guida gli ipersensibili verso l’adozione di un nuovo atteggiamento che permetta loro di contenere gli effetti più negativi della loro condizione. Insegna a smettere di acconsentire a richieste eccessive, ponendo confini più netti tra sé e il mondo. Spiega come uscire vincitori, anche quando si ha la netta impressione di essere affetti da una forma inguaribile di “altruismo patologico”, indesiderato, incompreso e, per giunta, gratuito. Aiuta a valorizzare la capacità di empatia, senza esserne sopraffatti, a vivere le emozioni proprie e altrui, con maggiore equilibrio. Invita a trasformare le sensibilissime antenne in dotazione agli ipersensibili, eccezionali nel captare ciò che ai più resta sconosciuto, in un talento da spendere in ogni ambito dell’esistenza. Gli spunti di riflessione, i numerosi suggerimenti sono utili a chi vuole imparare a gestire da solo e in modo costruttivo la propria sensibilità, sia nella vita privata sia professionale, e a proteggersi in modo più efficace a livello mentale ed energetico, così che l’ipersensibilità possa tornare a essere quello che realmente è: un’incomparabile risorsa interiore.

Le persone sensibili hanno una marcia in più

Sellin Rolf

Una casa nella campagna siciliana per ricordare quello che è stato e per fare i conti con il presente. L'estate è finita, ma la vita va avanti. Chiara, 17 anni, siciliana. Ogni giorno trascorre identico a quello appena passato, ogni anno le solite vacanze nella solita casa di campagna con i soliti amici, Marta e Valerio. La voglia di qualcosa di nuovo comincia a farsi sentire, il desiderio di amare qualcuno inizia a essere forte. Qualcuno che non sia quel gran bravo ragazzo di Valerio. Non immagina neanche quanto rimpiangerà il vento del cambiamento che la fine dell'estate porta con sé. Chiara, sempre quella Chiara, solo verso i 30 anni. È sola nella vecchia e polverosa casa di campagna in cui era solita passare l'estate. Niente è rimasto come allora, la polvere e il tempo hanno usurato tanto la casa quanto le persone che vi ruotavano attorno. In mezzo a tutto quell'abbandono, l'unica cosa che può fare è guardare dalla finestra e ricordarsi di quelle estati sempre immobili ma così piene di vita. Ancora non sa che aprendo la finestra tornerà quel vento d'estate.

L’ESTATE E’ FINITA

Massaro Rita

L’incessante opera di produzione e distruzione del divenire include per l’uomo la minaccia che ciò che lo circonda o lui stesso vada perduto. Un avvenire che può realizzare in ogni istante l’eventualità del non essere più che accompagna ogni altra possibilità. La fine è la condizione inevitabile e la possibilità sempre presente che determina l’intera nostra esistenza. Viviamo inscritti in un orizzonte di temporalità dove i caratteri dominanti sono precarietà e insufficienza. […] Facendo esperienza del limite, in tutte le sue dolorose manifestazioni, apprendiamo il destino di nullità del nostro stare al mondo. La finitudine è la circostanza dell’essere esposti al vuoto di una cancellazione. Il già stato dischiude l’abisso di un tempo bruciato, relegato nella dimensione della mera assenza, di ciò che non è e non sarà più. Vivere è un assistere impotenti allo scivolare dell’esistente nel nulla del passato.

La poesia di Vasco Rossi

Malerba Antonio

DEDALUS – di James Joyce