Narrativa

PIZZERIA INFERNO

Serio Michele

Descrizione: Se non volete mettere in discussione nulla della vostra vita, e magari cercate quel tantino di rassicurazione che non guasta, cambiate libro. Oppure, lasciate perdere ogni umana certezza e imbarcatevi in quest'impresa. Tanto, che vi può succedere, nel mondo onirico delle lettere? Di vita ce n'è una sola, ed è questa qui che state vivendo... fino a prova contraria.

Categoria: Narrativa

Editore: Homo Scrivens

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788897905011

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

 

Quando ho iniziato a leggere “Pizzeria Inferno” mi aspettavo un libro un po’ ardito e la copertina me lo aveva confermato: una sagoma di donna sensuale che emana luce su uno sfondo rosso sangue. Mi intrigava il riferimento ad una Napoli sotterranea che cerca di emergere dal sottosuolo e pensavo che sicuramente ci sarebbero state allusioni a ciò che la rende famosa, la sua cucina.

Pian piano che le pagine scorrevano mi sono dovuta ricredere: ero nel bel mezzo di una avventura davvero originale, difficile da raccontare. Ho dovuto lasciar andare tutti i miei pregiudizi e i canoni letterari formati da mille letture per poter apprezzare l’opera di questo autore che qualcuno ha definito “pazzo”, credo proprio per fargli un complimento.

In una città dominata dalla corruzione e dal degrado cominciano a verificarsi fenomeni assurdi che rendono la realtà molto divertente, perché il mondo dei morti si risveglia e si prende ironicamente gioco dei vivi. Le persone si ritrovano a vivere situazioni paradossali e devono fare i conti con il proprio passato.

Per arrivare al vaso, tuttavia, dovette passare davanti allo specchio a figura intera, nell’ingresso. E fu proprio guardando di sfuggita sulla superficie riflettente che Gennaro temette di impazzire. Lì dentro vide chi, in realtà, era attaccato alle sue gambe: un uomo di circa quarant’anni. Indossava pantaloni a zampa d’elefante di raso giallo e un gilet corto dello stesso colore. In testa portava un sombrero dalle ampie tese e sul suo costume luccicavano lustrini e perline colorate. L’immagine di un messicano secondo Hollywood.”

Tra pezzi di corpi, descrizioni scabrose che fanno arrossire i più spregiudicati si elevano allora delle vere novelle nel romanzo, che descrivono le peripezie di personaggi meravigliosi, come il camorrista Angelo ‘o cardillo, oppure Iris, ragazza marchiata in volto da una voglia di cotenna.

Già queste piccole perle valgono la pena. Lo consiglio anche per quel sottile senso di orrore che suscita, che è molto forte alla fine, tanto da rovinare un po’ la lettura. Ma il disgusto non è fine a se stesso: l’autore dice la sua su argomenti importanti, per i quali un po’ di scandalo non guasterebbe.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michele

Serio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serio Michele


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Colin è un giovane parigino ricco e annoiato. Passa il tempo dedicandosi a ricette inverosimili, strimpellando bizzarri strumenti di sua invenzione, bighellonando con Chick – il suo migliore amico – un ingegnere spiantato e sperperone che ha uno strano pallino: collezionare le opere di Jean-Sol Partre. Poi, nella vita del signorino entra, in modo esplosivo, l'amore. L'incontro con la bella Chloé è un colpo di fulmine: decidono di sposarsi nel giro di pochi giorni. Per la cerimonia nuziale, Colin non bada a spese: ingaggia un Arcivettovo, settantatré musicisti, quattordici Figli della Fede e due pederasti d'onore. Nella chiesa, ridipinta di fresco a strisce gialle e viola, entrano anche le nuvole, profumate di coriandolo e di erbe di montagna. Gli sposini si imbarcano in un lungo e stralunato viaggio di nozze nel Sud della Francia, scortati dal cuoco di Colin, Nicolas. Al ritorno dal viaggio, Chloè si ammala. Nei suoi polmoni si annida un male terribile, fatica a respirare. Mentre il tempo va sempre più veloce, e l'appartamento dove vivono, inizialmente di dimensioni faraoniche, si fa sempre più stretto... Romanzo dolce e pirotecnico, surreale fiaba d'amore e feroce denuncia del conformismo, piena di invenzioni che fanno ridere e piangere, La schiuma dei giorni è il capolavoro di un genio ventisettenne: Boris Vian. Prefazione di Ivano Fossati. Con un'intervista a Daniel Pennac.

LA SCHIUMA DEI GIORNI

Vian Boris

Cosa c'è di divino nell'essere giovane madre di un figlio arrivato per grazia o per caso, e poi sperare per lui una vita buona, abbastanza buona e insieme temere per lui con tutte le paure di tutte le madri, che non incontri il male, che non sia troppo speciale, che il mondo lo accolga o almeno lo lasci in pace. Vivere in pace. È la storia umanissima di ogni madre ed è la storia di Maria raccontata in poesia, in pittura, in musica, nel vetro, nel ghiaccio immacolato, a punto croce, sulle volte delle cattedrali e sui selciati delle piazze, a chiacchierino e col tombolo. Qui parla Maria, Madre di Dio bambino, ma per ogni madre il suo bambino è Dio, vita che si consegna fragilissima e si promette eterna. Intorno a Maria uomini e donne che pensano di capire e poi gli angeli che fanno corona ma le loro ali non riescono a tenere lontano il gran male del mondo che si addensa in questo punto della terra in tutto simile a tanti altri punti della terra in cui in ogni tempo si è gridato «Uccidilo». Quel che resta è un corpo rotto senza grazia, consegnato a una madre ancora giovane, anche lei simile a tante. Ma la fine non è scritta e i bambini nascono ogni giorno.

Lei

Veladiano Mariapia

William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Stoner

Williams John

Primo Levi, reduce da Auschwitz, pubblicò "Se questo è un uomo" nel 1947. Einaudi lo accolse nel 1958 nei "Saggi" e da allora viene continuamente ristampato ed è stato tradotto in tutto il mondo. Testimonianza sconvolgente sull'inferno dei Lager, libro della dignità e dell'abiezione dell'uomo di fronte allo sterminio di massa, "Se questo è un uomo" è un capolavoro letterario di una misura, di una compostezza già classiche. È un'analisi fondamentale della composizione e della storia del Lager, ovvero dell'umiliazione, dell'offesa, della degradazione dell'uomo, prima ancora della sua soppressione nello sterminio.

Se questo è un uomo

Levi Primo