Narrativa

PIZZERIA INFERNO

Serio Michele

Descrizione: Se non volete mettere in discussione nulla della vostra vita, e magari cercate quel tantino di rassicurazione che non guasta, cambiate libro. Oppure, lasciate perdere ogni umana certezza e imbarcatevi in quest'impresa. Tanto, che vi può succedere, nel mondo onirico delle lettere? Di vita ce n'è una sola, ed è questa qui che state vivendo... fino a prova contraria.

Categoria: Narrativa

Editore: Homo Scrivens

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788897905011

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

 

Quando ho iniziato a leggere “Pizzeria Inferno” mi aspettavo un libro un po’ ardito e la copertina me lo aveva confermato: una sagoma di donna sensuale che emana luce su uno sfondo rosso sangue. Mi intrigava il riferimento ad una Napoli sotterranea che cerca di emergere dal sottosuolo e pensavo che sicuramente ci sarebbero state allusioni a ciò che la rende famosa, la sua cucina.

Pian piano che le pagine scorrevano mi sono dovuta ricredere: ero nel bel mezzo di una avventura davvero originale, difficile da raccontare. Ho dovuto lasciar andare tutti i miei pregiudizi e i canoni letterari formati da mille letture per poter apprezzare l’opera di questo autore che qualcuno ha definito “pazzo”, credo proprio per fargli un complimento.

In una città dominata dalla corruzione e dal degrado cominciano a verificarsi fenomeni assurdi che rendono la realtà molto divertente, perché il mondo dei morti si risveglia e si prende ironicamente gioco dei vivi. Le persone si ritrovano a vivere situazioni paradossali e devono fare i conti con il proprio passato.

Per arrivare al vaso, tuttavia, dovette passare davanti allo specchio a figura intera, nell’ingresso. E fu proprio guardando di sfuggita sulla superficie riflettente che Gennaro temette di impazzire. Lì dentro vide chi, in realtà, era attaccato alle sue gambe: un uomo di circa quarant’anni. Indossava pantaloni a zampa d’elefante di raso giallo e un gilet corto dello stesso colore. In testa portava un sombrero dalle ampie tese e sul suo costume luccicavano lustrini e perline colorate. L’immagine di un messicano secondo Hollywood.”

Tra pezzi di corpi, descrizioni scabrose che fanno arrossire i più spregiudicati si elevano allora delle vere novelle nel romanzo, che descrivono le peripezie di personaggi meravigliosi, come il camorrista Angelo ‘o cardillo, oppure Iris, ragazza marchiata in volto da una voglia di cotenna.

Già queste piccole perle valgono la pena. Lo consiglio anche per quel sottile senso di orrore che suscita, che è molto forte alla fine, tanto da rovinare un po’ la lettura. Ma il disgusto non è fine a se stesso: l’autore dice la sua su argomenti importanti, per i quali un po’ di scandalo non guasterebbe.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michele

Serio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serio Michele


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È il 1859 a Londra e davanti alla legatoria Damage si è appena fermata una carrozza con le ruote di un rosso fiammante, i fanali dorati e uno stemma sulla portiera. Dalla carrozza è sceso un uomo alto, abbronzato, elegantissimo con la sua redingte nera, il foulard scarlatto, gli occhiali d’oro e il bastone da passeggio sormontato da un enorme rubino. È sir Jocelyn Knightloey che, con la sua cerchia di amici, aristocratici come lui, coltiva il sogno di liberare la società dalle «pastoie del ritegno» e della morale. Da quando la legge ha stabilito che è illegale pubblicare e diffondere opere letterarie di genere immorale ma non possederle, sir Knightley e i suoi amici collezionano quei libri proibiti che i puritani dell’epoca vorrebbero bruciare tra le fiamme dell’inferno: il Decamerone, il Satyricon di Petronio, l’Ars Amatoria di Ovidio…A rilegare quei libri con preziose pelli e fodere scarlatte è Dora Damage, la moglie di Peter Damage. L’artrite reumatica sta deformando e immobilizzando le mani del marito e, in barba a tutte le leggi della corporazione dei legatori che vietano il lavoro alle donne, Dora è stata costretta a prenderne il posto. Le sue originali rilegature, così morbide e seducenti, suscitano l’entusiasmo di sir Knightley e dei suoi amici, i «Sauvages Nobles». Dora comincia così a rilegare tutte le opere proibite e galanti del gruppo con l’aiuto di Jack, un giovane apprendista, e di Din, uno schiavo nero americano condotto nel laboratorio dalla filantropica e ambigua Lady Sylvia, la moglie di sir Knightley.

La rilegatrice dei libri proibiti

Starling Belinda

Il canto della balena

Sobrero Corrado

Mona Gray, vent'anni, è innamorata dei numeri fino all'ossessione: l'ordine e la precisione dell'aritmetica le servono a difendersi dall'instabilità del mondo. Da quando il padre ha contratto una misteriosa malattia, infatti, Mona ha bloccato ogni propria aspirazione, ha paura di innamorarsi e si rifugia in una serie di piccoli gesti e oggetti scaramantici. Ma quando viene assunta come insegnante d matematica alle elementari, la sua vita - grazie a un'allieva fuori dal comune e a un collega capace di fare breccia nella sua timidezza - comincia a cambiare irreversibilmente. Tenero, spassoso, commovente, acclamato dal «Los Angeles Times» come uno dei libri dell'anno, questo romanzo ha lanciato Aimee Bender come una delle migliori voci della nuova narrativa americana. Ne è stato tratto un omonimo film con Jessica Alba, uscito negli Stati Uniti nel 2011.

UN SEGNO INVISIBILE E MIO

Bender Aimee

Questo libro racconta la vita di Marguerite Duras, dall'infanzia, quando è per tutti Nenè, agli anni centrali in cui gli amici più intimi, come Jeanne Moreau, Godard, Depardieu, Lacan, la chiamano Margot, fino al delirio megalomane e alcolico della vecchiaia in cui la scrittrice parla di sé in terza persona autocitandosi con il solo cognome: Duras. E’ la storia incandescente di un destino eccezionale che ha attraversato il colonialismo francese, la Resistenza, l'adesione e la ribellione al Partito comunista francese, con la conseguente espulsione, il '68, il femminismo, l'Ecole du Regard, la Nouvelle Vague. La storia di una donna dai moltissimi aggrovigliati amori e di una scrittrice e cineasta che ha conquistato, suo malgrado, una sterminata folla di lettori, a volte fanatici fino al culto. La storia, infine, delle vittorie e delle sconfitte di questa donna, del suo impressionante corpo a corpo con la letteratura, della sua autenticità e delle sue mistificazioni, del doloroso attraversamento dell'alcolismo, dei deliri dovuti alla disintossicazione, della sua capacità d'innamorarsi e di giocare coi sentimenti e con le parole fino all'ultimo soffio di vita.

Marguerite

Petrignani Sandra