Poesia

Poesia del buonumore

Descrizione:

Categoria: Poesia

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

La vita non può attendere: va vissuta momento per momento.
Il domani può rappresentare un timore o una speranza, ma resta non reale. E allora perché affannarsi anzitempo e non godersi il presente?

 Quant’è bella giovinezza,
che si fugge tuttavia!
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’é certezza.
Quest’è Bacco ed Arianna,
belli, e l’un dell’altro ardenti:
perché ’l tempo fugge e inganna,
sempre insieme stan contenti.
Queste ninfe ed altre genti
sono allegre tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’é certezza.


Questi sono i primi versi de “La Canzona di Bacco”, di Lorenzo il Magnifico.
Ballata di ottonari, con ritornello di quattro versi
(ABBA) e stanze di otto versi con ripetizione degli ultimi due della ripresa (CDCDDBBA).
La Canzona di Bacco fa parte dei Canti Carnascialeschi, che accompagnavano la sfilata dei carri nella Firenze di fine ‘400 (è la settima canzone della raccolta).

 

 Il Carnevale, si sa, dura poco, proprio come i momenti belli della vita. Però l’incombere della Quaresima, specchio delle rinunce e dei sacrifici, non deve impedirci di gioire del presente.
D’altronde, il tempo non è che un impostore, e nulla possiamo contro il suo inesorabile fuggire… ed allora chi vuol essere felice, semplicemente lo sia.
Come Bacco ed Arianna, che stanno sempre insieme… (“Quest’è Bacco ed Arianna”, il verbo è al singolare, quasi si trattasse di una sola persona). 

Curiosità:
Perché Bacco ed Arianna? In genere associamo la bella Arianna a Teseo…

 Arianna era la figlia di Minosse, il re di Creta che rinchiuse nel labirinto costruito da Dedalo il terribile Minotauro ed ordinò agli Ateniesi, da lui sconfitti in battaglia, di inviare periodicamente delle giovani vittime da far divorare al mostro.
In occasione di una di queste spedizioni, Teseo, figlio di Egeo, si offrì volontario.
Il suo vero intento era di uccidere il Minotauro, e ad aiutarlo nell’impresa fu proprio la stessa Arianna.
Innamoratasi di lui, Arianna gli fornì, infatti, il famoso “filo”, ossia una matassa da srotolare che consentì all’eroe ateniese di ritrovare l’uscita del labirinto.
Sembrerebbe un lieto fine coi fiocchi… Invece Teseo portò sì Arianna via con sé, ma poi la abbandonò sull’isola di Nasso.
Da qui, secondo alcuni, deriverebbe l’espressione “piantare in Nasso” trasformatasi col tempo, per un errore di pronuncia, nel ben noto “piantare in asso”.
A parte ciò, la cosa importante da sapere e ricordare è che Arianna non si crogiolò eternamente nella sua delusione: quando il dio Bacco approdò sulla stessa spiaggia e si invaghì di lei, donandole una corona d’oro e portandola sull’Olimpo, Arianna seppe aprire nuovamente il suo cuore all’amore e alla felicità.
Anche il dolore è passeggero… E la vita riserva tante sorprese… Basta guardarsi intorno…

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

IL PARADISO DEGLI ORCHI

Pennac Daniel

Una nuova primavera si affaccia, e tenta uomini e donne con i suoi profumi, ma anche il male è nell'aria. Manca una settimana a Pasqua nella Napoli del 1932. Al Paradiso, esclusiva casa di tolleranza nella centralissima via Chiaia, Vipera, la prostituta piú famosa, è ritrovata morta, soffocata con un cuscino. L'ultimo cliente sostiene di averla lasciata ancora viva, il successivo di averla trovata già morta. Chi l'ha uccisa, e perché? Ricciardi deve districarsi in un groviglio di sentimenti e motivazioni. Avidità, frustrazione, invidia, bigottismo. Amore. La scoperta di passioni insospettabili si accompagna alla rivelazione di una città molto diversa da come appare. Sotto i nostri occhi prendono forma, vivissimi e veri, illuminati da dettagli sorprendenti, sorretti da una genuina vocazione narrativa, i mercati, i vicoli, le strade, i mestieri, la rete rigogliosa dei commerci vecchi e nuovi, accanto alla vigliaccheria e al coraggio, alle violenze arroganti di chi pensa già di essere impunito per sempre perché indossa una camicia nera. Tanto che uno dei compagni di Ricciardi, il dottor Modo, vecchio estimatore di Vipera, finisce per cacciarsi in un guaio molto serio... E il romanzo, come non mai, sembra costruirsi da solo, incantevole e potente, sotto le mani abili di chi sa dosare e mescolare gli ingredienti piú diversi, come accade nelle vere ricette del periodo pasquale di cui è insaporita la storia.

Vipera

De Giovanni Maurizio

Pierre Boileau e Thomas Narcejac si incontrano alla fine degli anni Quaranta e prendono quasi immediatamente la decisione che farà di loro una delle coppie più famose della letteratura francese, e non solo: quella di realizzare "qualcosa di radicalmente nuovo", inserendo "nel genere poliziesco i temi di quello fantastico". Nei Diabolici compaiono alcuni dei Leitmotiv della loro sterminata, formidabile produzione: l’ambientazione provinciale e piccolo-borghese, il realismo psicologico, la suspense – e soprattutto l’inversione dei ruoli: in un’autentica spirale di angoscia, l’assassino si trasforma in una vittima braccata dalla defunta.

I diabolici

Boileau Pierre, Narcejac Thomas

In un momento di grande attenzione all’alimentazione, alla salute e alla cucina, la confessione denuncia di Christophe Brusset è insieme un pugno nello stomaco e un invito a essere sempre vigili. Brusset è un veterano del settore agroalimentare, ha lavorato nelle principali multinazionali del cibo e qui ha deciso di svelare il suo allucinante funzionamento. Ne esce un ritratto spietato in cui nessuna preoccupazione per la salute di chi consumerà il cibo riesce a oscurare l’imperativo principale: smerciare qualsiasi tipo di prodotto o materia prima, in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo, ottenendone il maggior margine di guadagno possibile. Così nel cibo può finire di tutto: escrementi, antibiotici, diserbanti, ecc. Ancora più impressionante la descrizione della lunga catena che porta a tutto questo: cibo che viaggia per tutto il pianeta, che viene lavorato in luoghi diversi, società intermediarie fittizie, impossibilità per chi lo acquista di sapere da dove venga realmente. Ma grazie ai suoi consigli si può imparare a fare acquisti più oculati e addirittura a orientare l’operato delle multinazionali.

Siete pazzi a mangiarlo

Brusset Christophe