Poesia

Poesia del buonumore

Descrizione:

Categoria: Poesia

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

La vita non può attendere: va vissuta momento per momento.
Il domani può rappresentare un timore o una speranza, ma resta non reale. E allora perché affannarsi anzitempo e non godersi il presente?

 Quant’è bella giovinezza,
che si fugge tuttavia!
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’é certezza.
Quest’è Bacco ed Arianna,
belli, e l’un dell’altro ardenti:
perché ’l tempo fugge e inganna,
sempre insieme stan contenti.
Queste ninfe ed altre genti
sono allegre tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’é certezza.


Questi sono i primi versi de “La Canzona di Bacco”, di Lorenzo il Magnifico.
Ballata di ottonari, con ritornello di quattro versi
(ABBA) e stanze di otto versi con ripetizione degli ultimi due della ripresa (CDCDDBBA).
La Canzona di Bacco fa parte dei Canti Carnascialeschi, che accompagnavano la sfilata dei carri nella Firenze di fine ‘400 (è la settima canzone della raccolta).

 

 Il Carnevale, si sa, dura poco, proprio come i momenti belli della vita. Però l’incombere della Quaresima, specchio delle rinunce e dei sacrifici, non deve impedirci di gioire del presente.
D’altronde, il tempo non è che un impostore, e nulla possiamo contro il suo inesorabile fuggire… ed allora chi vuol essere felice, semplicemente lo sia.
Come Bacco ed Arianna, che stanno sempre insieme… (“Quest’è Bacco ed Arianna”, il verbo è al singolare, quasi si trattasse di una sola persona). 

Curiosità:
Perché Bacco ed Arianna? In genere associamo la bella Arianna a Teseo…

 Arianna era la figlia di Minosse, il re di Creta che rinchiuse nel labirinto costruito da Dedalo il terribile Minotauro ed ordinò agli Ateniesi, da lui sconfitti in battaglia, di inviare periodicamente delle giovani vittime da far divorare al mostro.
In occasione di una di queste spedizioni, Teseo, figlio di Egeo, si offrì volontario.
Il suo vero intento era di uccidere il Minotauro, e ad aiutarlo nell’impresa fu proprio la stessa Arianna.
Innamoratasi di lui, Arianna gli fornì, infatti, il famoso “filo”, ossia una matassa da srotolare che consentì all’eroe ateniese di ritrovare l’uscita del labirinto.
Sembrerebbe un lieto fine coi fiocchi… Invece Teseo portò sì Arianna via con sé, ma poi la abbandonò sull’isola di Nasso.
Da qui, secondo alcuni, deriverebbe l’espressione “piantare in Nasso” trasformatasi col tempo, per un errore di pronuncia, nel ben noto “piantare in asso”.
A parte ciò, la cosa importante da sapere e ricordare è che Arianna non si crogiolò eternamente nella sua delusione: quando il dio Bacco approdò sulla stessa spiaggia e si invaghì di lei, donandole una corona d’oro e portandola sull’Olimpo, Arianna seppe aprire nuovamente il suo cuore all’amore e alla felicità.
Anche il dolore è passeggero… E la vita riserva tante sorprese… Basta guardarsi intorno…

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lei & Lui

Levy Marc

C'è una fanciulla che tutte le sere spazzola i suoi soffici capelli color di corallo, prima che il Sonno la conduca tra i Sogni della sera. A occhi chiusi, immagina la storia di un'amicizia, quella tra Jim, un piccolo ometto con la passione per il disegno, e Graf, un drago di grafite che vive confinato in un pezzo di carta. Il Tempo, inesorabile, muta il loro legame e il loro aspetto. I contorni di Graf sbiadiscono e quelli del suo compagno di giochi si allungano impedendogli di entrare nel foglio. Sentendosi trascurato, Graf diventa esigente. Chiede a Jim di dargli un nuovo look - magari facendolo diventare di plastica come quei soldatini che non ridono mai -, amici con cui non si sentirà mai solo e un castello dorato nel quale nascondersi al bisogno. La vita, però, imprevedibile come al solito, cambierà le sorti di Graf e del suo creatore, tracciando i confini di un'avventura tutta da scoprire tra matite colorate, clessidre mangiapolvere e una sirena appassionata di moda.

Il drago di carta

Pozzati Simone - Cerilli Valeria

Andrea Campi è un professionista serio. Giovane avvocato nella sede milanese del prestigioso studio legale internazionale Flacker Grunthurst and Kropper, si occupa di importanti operazioni societarie per conto dei più grandi colossi industriali. Aveva ambizioni, aveva amici, aveva una ragazza. Ora ha prospettive. Lavora fino a notte fonda, mangia pizza e sushi sulla scrivania, vive con un bonsai e parla con il muro. Le giornate scorrono tra pause alla macchinetta del caffè, redazione di contratti e riunioni interminabili, fino al giorno in cui Andrea si trova coinvolto in un nuovo progetto particolarmente delicato. Le responsabilità si moltiplicano, come pure le ore di lavoro e i deliri di un capo sempre su di giri. È l’inizio di un turbine di eventi e incontri che investe l’immobile routine di Andrea spazzandone via certezze ed equilibri. Tra una vita privata sempre più a rotoli e la catastrofe lavorativa incombente, Andrea arriverà a fare i conti con la sua vita, l’unica professione per la quale non ha mai sostenuto un colloquio.

Studio illegale

Baccomo Federico

Giulia, diciotto anni, la passione per il canto a tenerla viva, ha una famiglia spezzata alle spalle e un fratello, Davide, come una piccola luce nelle ore di buio. Roman, diciotto anni anche lui, dopo l’infanzia trascorsa in una terra straniera vive un presente di clandestino, fatto di piccoli furti e giornate senz’amore. I loro mondi, opposti e lontani, finiscono per scontrarsi, poi incontrarsi, tra le corsie di un supermercato: in un pomeriggio cometanti altri sembra possibile dimenticare la solitudine grazie ad un amore pulito, capace di annullare pregiudizi e paure. Mentre, fuori, la tv continua a creare star, mostri, casi di cronaca, e nel bar sotto casa italiani e stranieri paiono decisi a non volersi capire. Matteo De Simone, giovane scrittore torinese, con “I denti guasti”, sua seconda prova, dimostra talento ed uso sapiente della lingua, abile nel raccontare il nostro presente, quello italiano impastato di mass media e scontri di civiltà, per narrarci un’atipica storia d’amore nata in fretta e troppo in fretta svanita nel nulla: sullo sfondo personaggi nudi, crudi, veri, emblemi di una società complicata e qualunquista tratteggiati con intelligenza e passione. “I denti guasti”, romanzo costruito su di affetti complicati e conflitti irrisolti, stupirà per lo sguardo luci do dell’autore, capace di raccontare le fragilità di Giulia e Roman, così come le nostre, senza banali e scontate divisioni tra bene e male.

DENTI GUASTI

De Matteo Simone