Poesia

Poesia del buonumore

Descrizione:

Categoria: Poesia

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

La vita non può attendere: va vissuta momento per momento.
Il domani può rappresentare un timore o una speranza, ma resta non reale. E allora perché affannarsi anzitempo e non godersi il presente?

 Quant’è bella giovinezza,
che si fugge tuttavia!
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’é certezza.
Quest’è Bacco ed Arianna,
belli, e l’un dell’altro ardenti:
perché ’l tempo fugge e inganna,
sempre insieme stan contenti.
Queste ninfe ed altre genti
sono allegre tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’é certezza.


Questi sono i primi versi de “La Canzona di Bacco”, di Lorenzo il Magnifico.
Ballata di ottonari, con ritornello di quattro versi
(ABBA) e stanze di otto versi con ripetizione degli ultimi due della ripresa (CDCDDBBA).
La Canzona di Bacco fa parte dei Canti Carnascialeschi, che accompagnavano la sfilata dei carri nella Firenze di fine ‘400 (è la settima canzone della raccolta).

 

 Il Carnevale, si sa, dura poco, proprio come i momenti belli della vita. Però l’incombere della Quaresima, specchio delle rinunce e dei sacrifici, non deve impedirci di gioire del presente.
D’altronde, il tempo non è che un impostore, e nulla possiamo contro il suo inesorabile fuggire… ed allora chi vuol essere felice, semplicemente lo sia.
Come Bacco ed Arianna, che stanno sempre insieme… (“Quest’è Bacco ed Arianna”, il verbo è al singolare, quasi si trattasse di una sola persona). 

Curiosità:
Perché Bacco ed Arianna? In genere associamo la bella Arianna a Teseo…

 Arianna era la figlia di Minosse, il re di Creta che rinchiuse nel labirinto costruito da Dedalo il terribile Minotauro ed ordinò agli Ateniesi, da lui sconfitti in battaglia, di inviare periodicamente delle giovani vittime da far divorare al mostro.
In occasione di una di queste spedizioni, Teseo, figlio di Egeo, si offrì volontario.
Il suo vero intento era di uccidere il Minotauro, e ad aiutarlo nell’impresa fu proprio la stessa Arianna.
Innamoratasi di lui, Arianna gli fornì, infatti, il famoso “filo”, ossia una matassa da srotolare che consentì all’eroe ateniese di ritrovare l’uscita del labirinto.
Sembrerebbe un lieto fine coi fiocchi… Invece Teseo portò sì Arianna via con sé, ma poi la abbandonò sull’isola di Nasso.
Da qui, secondo alcuni, deriverebbe l’espressione “piantare in Nasso” trasformatasi col tempo, per un errore di pronuncia, nel ben noto “piantare in asso”.
A parte ciò, la cosa importante da sapere e ricordare è che Arianna non si crogiolò eternamente nella sua delusione: quando il dio Bacco approdò sulla stessa spiaggia e si invaghì di lei, donandole una corona d’oro e portandola sull’Olimpo, Arianna seppe aprire nuovamente il suo cuore all’amore e alla felicità.
Anche il dolore è passeggero… E la vita riserva tante sorprese… Basta guardarsi intorno…

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Margherita Malventi si dedica a una cucina intima e riflessiva nel suo piccolo ristorante a Venezia, nel sestiere di Castello, ed è convinta che la luna le abbia salvato la vita più di una volta. Suo padre si chiama Achille, ha ottantasette anni, è alto un metro e cinquantaquattro, ed è stato uno dei più rinomati chef della città lagunare, finché non ha perso tutto a causa delle sue manie di grandezza. È un uomo rabbioso, in guerra contro il mondo, ma l'invito a partecipare come ospite d'onore a Chef Test, popolarissimo programma televisivo di cucina, sembra offrirgli la possibilità di una rivalsa pubblica. Margherita decide di accompagnarlo a Milano, dove il programma viene registrato, con la speranza assai poco realistica che il viaggio possa dischiudere tra loro una comunicazione che non c'è mai stata.

Una di Luna

De Carlo Andrea

A ventinove anni, dopo un'infanzia e un'adolescenza difficili, la bella e intelligente Hilary Thomas è arrivata al successo. Ma quando viene aggredita nella sua lussuosa villa di Beverly Hills da un maniaco omicida, i peggiori incubi del passato sembrano rimaterializzarsi nei bagliori della lama acuminata del suo aggressore. Non basterà fuggire, non basterà lottare, non basterà nemmeno ucciderlo: lui tornerà, più forte della morte, a ossessionarla, costringendola a scavare disperatamente nei segreti sepolti per scoprire una realtà allucinante. Da Hollywood a Napa Valley, dalle piscine soleggiate delle dimore dei divi alla penombra umida di morte dell'obitorio, il ritmo tranquillo della vita quotidiana in California viene sconvolto da eventi ben più spaventosi e dirompenti dei terremoti ai quali la gente è ormai abituata. Esistono forze, nella mente umana, al confronto delle quali le scosse telluriche sono carezze e le urla di morte soltanto sussurri.

SUSSURRI

Koontz Dean R.

Quando una coppia in divisa bussa alla sua porta, Manuel, scrittore di successo ossessivamente dedito alla stesura del prossimo bestseller, intuisce all'istante che dev'essere accaduto qualcosa di grave ad Alvaro, l'uomo che ama e al quale è sposato da anni. E infatti il corpo senza vita del marito è stato ritrovato al volante della sua auto, inspiegabilmente uscita di strada tra le vigne e i paesaggi scoscesi della Galizia, a chilometri di distanza dal luogo in cui Alvaro avrebbe dovuto trovarsi al momento dell'incidente. Sconvolto, Manuel parte per identificare la salma. Ma giunto a destinazione si ritrova invischiato in un intrico di menzogne, segreti e omissioni che ha al centro la ricca e arrogante famiglia d'origine del marito. Con l'aiuto di Nogueira, poliziotto in pensione dal carattere ruvido, e di Padre Lucas, il prete locale amico d'infanzia di Alvaro, Manuel indaga sulle molte ombre nel passato dei Muñiz Dávila e sulla vita segreta dell'uomo che si era illuso di conoscere quanto se stesso.

Tutto questo ti darò

Redondo Dolores

In un passaggio apparentemente marginale del racconto che da il titolo a questa raccolta disegnata dall'autore, la protagonista offre al suo professore di matematica, passato a trovarla, un bicchier d'acqua. Poi, mentre lo guarda bere, la ragazza è colpita dalla cosa più semplice, l'assoluta naturalezza del gesto, che l'uomo compie "come se in vita sua non avesse fatto altro che venire in cucina da me a bere acqua". È un tocco inconfondibile, che unisce in una riga tutta l'atmosfera di cui abbiamo bisogno e tutto l'intreccio che possiamo desiderare. Ma è anche di più. È la conferma che qualsiasi storia, anche minima, racconti - si tratti di un ragazzo che, come in Miss Little Sunshine, smette di parlare in casa, mentre intrattiene una fitta corrispondenza con i carcerati; di un adolescente che, alla morte del suo cane, si convince che nelle formule dell'algebra si annidi il segreto della felicità; o di una coppia gay di fronte a una scena topica, quella della presentazione ufficiale a due impettiti genitori -, Cameron sembra appunto non avere mai fatto altro.

Paura della matematica

Cameron Peter