oppure Registrati
Poesia

Franco Di Carlo: poesie ispirate a Pasolini

a cura di Franco Di Carlo

Da “IL NULLA CELESTE” (Foggia, Bastogi, 2002)

 

UNA DISPERATA VITALITA’

Fui interpellato dalle cose
come un ente speciale (pour cause)
disponibile pronto ad aprirsi
a schiudere il suo corpo
nello spazio ad essere per…
comprendere il Tempo materiale
catturare l’attimo celestiale per esserci.
In realtà ero morto
era morta la mia libertà
di espormi alle cose
di dispormi a disperata vitalità.
Il mio corpo era lì e allora
ora è qui e ancora
vede con l’occhio dei ricordi
essenziali.

NECROLOGIO

Libero e pensoso ansioso di giustizia
scruto i necrologi muti e reali (di Leonardo)
vedo “un’altra Italia” senza orpelli
né infingimenti ma sempre a brandelli
cristiana e socialista ch’ormai lascia
la sua professione di fede in balia di
parole dure e vane occasionali
stupide ricorrenti costanti radicali
da quella notte tra santi e morti (martiri)
nato è ormai  Paolo e sacrificato
risorto sull’altare Cristiano
e l’Ara socialista (e alchemica)
della verità clanDestina della Poesia mitica.

 

Da “DELLA RIVELAZIONE” (Roma. Edilet, 2013)

OPUS HERMETICUM

prolungata incertezza tra suono e senso
strategicamente sospesa eresia permanente
verbo esoterico intuibile per carisma
duplice natura del linguaggio poetico esente
da religione forse inesistente scelta senza
scopo per puro amore della vita e dell’invenzione
ma sopra tutto come garanzia di salvezza
mitica di rinascita che incombe e disorienta
dall’espressione inespressa e immortale liturgia
particolare messa in Atto per organizzare il progetto
profetico volto a realizzare per esempi e modelli
o anche per lamenti e rituali funebri
la divina teoria della morte dell’opera
prima e ultima che il pubblico potrebbe
individuare o dedurre da una logica pura

COME IN UN RACCONTO GIALLO

mente intellettuale come in un racconto giallo
ricostruendo segni e segnali di senso dispersi
nell’Opus un lettore ovvio intelligente
paziente appassionato scruta elabora
e scopre indizi e prove testimonianze teatrali
di verità dure a dirsi apertamente ma solo
esprimibili ambiguamente da
un diverso nascere morendo o anche morire
di parto nascendo come ragazzo – madre vittima
e carnefice con la volontà di essere poeta che
se ne va in un verso che non comunica ma finisce
un poeta nuovo e vero superato ma assimilato
che ha alimentato il fuoco sotto il crogiuolo
in attesa dell’elisir di vita realizzando il
montaggio metaforico dell’opera il racconto vissuto
della fine e dell’inizio archetipo del mistero
l’ultima scena sotto un’ombra di Morte

Franco Di Carlo

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Le poesie di Franco Di Carlo ispirate a Pasolini recitate... – i-LIBRI

[…] fatto. Le poesie composte da Franco Di Carlo, ispirate al compianto poeta di Casarsa e da noi pubblicate nell’ambito della “i-settimana eretica e corsara”, sono state interpretate da Sergio […]

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati
Text selection is disabled by content protection wordpress plugin