Poesia

Poesie antirughe

Racca Alessandra

Descrizione: Sorridere è un esercizio del viso e dello spirito, minimo e, in entrambi i casi, salutare e cosmetico. Farlo di giorni inventati; di amori che, come cani, riportano piccioni raccolti per strada; di calzini appaiati, smarriti se lasciati da soli; di abiti che se interrogati, rispondono; di una nonna che fa la rana e di una vagina che si dà nomi. Farlo sull'amore, sulla parola futuro, sulla fine del mondo. Un mondo con meno rughe che, a ben vedere, è lo stesso che abitiamo. Poesia divertita, incantata, agguerrita, femminile, pop, che fa compagnia come le piccole verità.

Categoria: Poesia

Editore: Neo Edizioni

Collana: Intimate

Anno: 2011

ISBN: 9788896176085

Recensito da Simona Comi

Le Vostre recensioni

Alessandra Racca, giovane autrice torinese alla seconda raccolta di poesie, fa dei suoi versi un misto di “ferite”, verità ed ironia.

La scrittrice utilizza la poesia come strumento per veicolare le sue sensazioni di donna interamente calata nella contemporaneità; il lettore, guidato dai suoi versi, intraprende un percorso fisico e concreto (fra tacchi, creme antirughe, pulizia del viso, amanti, amicizie, madri, soap opera…) all’interno dell’essere donna vero e proprio, tutto quotidiano.

La raccolta Poesie Antirughe è divisa principalmente in tre sezioni, piene di richiami ma ognuna dotata di vita propria, che sono immerse nel grande e costante macrotema del tempo che scorre inevitabilmente.

Ogni verso è un tentativo di fotografare certi momenti vissuti (simpatici ricordi d’infanzia, chiacchierate con le amiche, amanti occasionali), di “appuntare” le speranze future, di fissare dei paletti nella ricerca del proprio io.

Esilarante è anche la quarta e ultima parte, le Settenane – poesie piccole così, la “chicca”, una sorta di regalo al lettore, un vero esercizio retorico, quasi classico e tendente alla comicità.

In base alla circostanza, allo stato d’animo o all’oggetto che viene descritto, il linguaggio cambia e si fa a volte necessariamente forte ed aggressivo, ma piu’ spesso è dolce e delicato.

Una poesia molto fresca, immediata ma allo stesso tempo molto curata; una poesia pop e frizzante, disincantata e canzonante sottola quale si celano, però, “due piccoli piselli” (il cuore e la paura); in poche parole, come già accennato, è la figura retorica dell’ironia a fare da maschera all’intera raccolta, tra una ferita, una delusione, un sorriso, un ricordo e un’illusione.

Il lettore, e soprattutto la lettrice, instaura subito un rapporto empatico con queste poesie e non può non rivedere se stesso nelle esperienze vissute dall’autrice, in Elena e le altre amiche, in quella nonna, in quei tacchi, in quella rana, in quel calzino; e inoltre, a libro finito, non potrà più prescindere da certi semplici ma commoventi consigli come:

“Porta con te un ombrello a colori/ se non puoi vincerla, sfoggia la malinconia.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandra

Racca

Libri dallo stesso autore

Intervista a Racca Alessandra

La storia di una tragica assenza e di un coraggioso ritorno. Dopo trent'anni, Murid al-Barghuthi racconta i ricordi della sua giovinezza a Ramallah, poi il giorno in cui ha dovuto abbandonare tutto, senza sapere che non sarebbe tornato. Un reportage sulla diaspora palestinese lontano dai comuni percorsi dell'odio.

Ho visto Ramallah

Al-Barghuthi Murid

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un'Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d'acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un'intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d'urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

XXI Secolo

Zardi Paolo

Ferrara attende il Natale, la neve copre i marciapiedi del centro storico e le tracce dei rapitori di Iago, factotum alla Libreria Girondi. Luchino - ex fotografo della Scientifica di Milano - e il pastore belga Poirot saranno costretti a intervenire nell'affannosa ricerca. Quale segreto si nasconde tra i volumi di seconda mano dei Girondi e tra le rughe degli strambi abitanti di casa de Bon? Riuscirà la questura ferrarese a ritrovare l'uomo scomparso e a rimettere ordine tra le tante comparse? Una vicenda on the road nella fredda provincia farà luce su trame di potere e trame letterarie. Un romanzo in cui fanno capolino altri romanzi, una caccia al tesoro a bordo di un Fiorino, una città addobbata a festa.

Pasticcio padano

Conventi Gaia

Antologia sui confini voluta da ARCI Nazionale e composta da Emmanuela Carbé, Francesca Genti, Carlo Lucarelli, Monica Massari, Giuseppe Palumbo, Antonio Pascale, Gipi, Christian Raimo. Verrà presentata al festival di «Internazionale» a Ferrara, settembre zoi6."Scrivo questa nota la notte del 7 marzo 2016, nell'ottantesimo anniversario della nascita di Georges Perec, che subito dopo la seconda guerra mondiale era un bambino senza ricordi d'infanzia. 'Non ho ricordi d'infanzia' scrive. 'Fino ai dodici anni, più o meno, la mia storia occupa qualche riga: ho perduto mio padre a quattro anni, mia madre a sei; ho passato la guerra in varie pensioni di Villard-de-Lans. Nel 1945, la sorella di mio padre e suo marito mi hanno adottato. Questa assenza di storia mi ha, a lungo, rassicurato: la sua secchezza oggettiva, la sua apparente evidenza, la sua innocenza mi proteggevano"."Perec è nato in Francia, ma non è francese. 'Ho un nome francese' scrive `Georges, un cognome francese o quasi: Perec che tutti scrivono Pérec o Perrec: il mio cognome non si scrive esattamente come si pronuncia. A questa contraddizione insignificante si associa il sentimento tenue, ma insistente, insidioso, ineluttabile, di essere in un certo modo straniero rispetto a qualcosa di me stesso, di essere 'diverso', ma non tanto diverso dagli 'altri' quanto diverso dai 'miei'; non parlo la lingua che parlavano i miei genitori, non condivido nessuno dei ricordi che essi poterono avere"."Perec è cresciuto in un mondo, l'Europa occidentale del dopoguerra, che a me sembra l'abbia protetto dalla sua solitudine e abbia avuto interesse a tramandare la sua storia. Una delle domande che credo salteranno fuori da questa antologia è: il nostro mondo, è in grado di proteggere qualcuno dalla sua solitudine? Gli interessa tramandare le storie dei Perec di oggi?” (Paolo Nori)

Ma il mondo non era di tutti?

A cura di Paolo Nori