Poesia

Poesie antirughe

Racca Alessandra

Descrizione: Sorridere è un esercizio del viso e dello spirito, minimo e, in entrambi i casi, salutare e cosmetico. Farlo di giorni inventati; di amori che, come cani, riportano piccioni raccolti per strada; di calzini appaiati, smarriti se lasciati da soli; di abiti che se interrogati, rispondono; di una nonna che fa la rana e di una vagina che si dà nomi. Farlo sull'amore, sulla parola futuro, sulla fine del mondo. Un mondo con meno rughe che, a ben vedere, è lo stesso che abitiamo. Poesia divertita, incantata, agguerrita, femminile, pop, che fa compagnia come le piccole verità.

Categoria: Poesia

Editore: Neo Edizioni

Collana: Intimate

Anno: 2011

ISBN: 9788896176085

Recensito da Simona Comi

Le Vostre recensioni

Alessandra Racca, giovane autrice torinese alla seconda raccolta di poesie, fa dei suoi versi un misto di “ferite”, verità ed ironia.

La scrittrice utilizza la poesia come strumento per veicolare le sue sensazioni di donna interamente calata nella contemporaneità; il lettore, guidato dai suoi versi, intraprende un percorso fisico e concreto (fra tacchi, creme antirughe, pulizia del viso, amanti, amicizie, madri, soap opera…) all’interno dell’essere donna vero e proprio, tutto quotidiano.

La raccolta Poesie Antirughe è divisa principalmente in tre sezioni, piene di richiami ma ognuna dotata di vita propria, che sono immerse nel grande e costante macrotema del tempo che scorre inevitabilmente.

Ogni verso è un tentativo di fotografare certi momenti vissuti (simpatici ricordi d’infanzia, chiacchierate con le amiche, amanti occasionali), di “appuntare” le speranze future, di fissare dei paletti nella ricerca del proprio io.

Esilarante è anche la quarta e ultima parte, le Settenane – poesie piccole così, la “chicca”, una sorta di regalo al lettore, un vero esercizio retorico, quasi classico e tendente alla comicità.

In base alla circostanza, allo stato d’animo o all’oggetto che viene descritto, il linguaggio cambia e si fa a volte necessariamente forte ed aggressivo, ma piu’ spesso è dolce e delicato.

Una poesia molto fresca, immediata ma allo stesso tempo molto curata; una poesia pop e frizzante, disincantata e canzonante sottola quale si celano, però, “due piccoli piselli” (il cuore e la paura); in poche parole, come già accennato, è la figura retorica dell’ironia a fare da maschera all’intera raccolta, tra una ferita, una delusione, un sorriso, un ricordo e un’illusione.

Il lettore, e soprattutto la lettrice, instaura subito un rapporto empatico con queste poesie e non può non rivedere se stesso nelle esperienze vissute dall’autrice, in Elena e le altre amiche, in quella nonna, in quei tacchi, in quella rana, in quel calzino; e inoltre, a libro finito, non potrà più prescindere da certi semplici ma commoventi consigli come:

“Porta con te un ombrello a colori/ se non puoi vincerla, sfoggia la malinconia.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandra

Racca

Libri dallo stesso autore

Intervista a Racca Alessandra


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Romanzo d'esordio di un giovanissimo scrittore, La solitudine dei numeri primi è stato uno dei più eclatanti casi letterari degli ultimi anni: cresciuto grazie all'entusiastico passaparola dei lettori, il libro ha incontrato il plauso della critica ed è arrivato a conquistare molti premi, tra cui il principale riconoscimento letterario italiano, lo Strega. Al centro della storia - e di una narrazione che corre tesa verso il finale e brucia per le sue implicazioni emotive - le vite speciali di Alice e Mattia, entrambe segnate da un episodio traumatico accaduto nell'infanzia: un marchio a fuoco che li accompagna, insieme allo sguardo dell'autore, attraverso l'adolescenza, la giovinezza, l'età adulta. I loro destini si incrociano e i due ragazzi si scoprono strettamente uniti eppure invincibilmente divisi. Come quei numeri speciali, che i matematici chiamano "primi gemelli": separati da un solo numero pari, vicini ma mai abbastanza per toccarsi davvero.

IL CORPO UMANO

Giordano Paolo

Nei primi anni ottanta il terrorismo seminava vittime e paura con stragi sommarie ed esecuzioni mirate. Il 1981 era stato anche l’anno degli attentati al Papa, a Reagan, a Sadat e a parecchi altri meno famosi. In Polonia, Solidarnosch aveva tirato la prima picconata a quel muro che si sarebbe sgretolato soltanto anni dopo. Il medio-oriente era una polveriera nella quale ogni giorno qualcuno, fosse stato un semplice civile o un capo di stato, saltava in aria. è proprio in quegli anni Gigi scopre il mondo guardandolo dalla Sardegna, con un papà così felice e innamorato da vedere anche sua moglie felice e innamorata. Un po’ come fanno gli ubriachi che vedono tutti sbronzi. Ma, purtroppo, si sbagliava.

L’anno di vento e sabbia

Delogu Roberto

Le metamorfosi o l’asino d’oro

Apuleio

È un mattino di pioggia gelida quello in cui Fortuna torna a casa. Sono passati dieci anni dall’ultima volta, ma Roccachiara è rimasto uguale a un tempo: un paesino abbarbicato alle montagne e a precipizio su un lago, le cui acque sembrano inghiottire la luce del sole. Fortuna pensava di essere riuscita a scappare, di aver finalmente lasciato il passato alle spalle, spezzato i legami con ciò che resta della sua famiglia per rinascere a nuova vita, lontano. Ma nessun segreto può resistere all’erosione dell’acqua nera del lago. A richiamarla a Roccachiara è un ritrovamento, nel profondo del bosco, che potrebbe spiegare l’improvvisa scomparsa della sua migliore amica, Luce. O forse, a costringerla a quel ritorno è la forza invisibile che, nonostante tutto e tutti, ha sempre unito la sua famiglia: tre generazioni di donne tenaci e coraggiose, ognuna a suo modo. E forse, questa volta, è giunta l’ora che Fortuna dipani i segreti nascosti nella storia della sua famiglia. Forse è ora che capisca qual è la natura di quella forza invisibile, per riuscire a darle un nome. Sperando che si chiami amore.

ACQUANERA

D'Urbano Valentina