Saggi

Polentoni

Del Boca Lorenzo

Descrizione: Perché una sacca di sangue costa 3 euro al Sant’Andrea di Vercelli e 12 al Gallicano di Cosenza? E perché la Regione Piemonte dispone di 700 dipendenti e la Sicilia di 6000? Ci sono tante cose che ci fanno arrabbiare: gli sprechi, le inefficienze e ognuna delle mille male-qualcosa che popolano le cronache quotidiane. Una volta si tratta di truffe. Un’altra volta è una partoriente che ci lascia la pelle a causa di un errore o di un disguido. Un’altra ancora sono i treni fermi in mezzo alla campagna per il sistema andato in tilt. Perché tutto questo? La risposta non viene da differenze culturali o caratteriali che, con facile qualunquismo, si potrebbero individuare. La ragione affonda le radici nella storia: proprio quella di 150 anni fa. Se oggi i cittadini si lamentano per l’eccessivo carico fiscale e per le troppe tasse che gravano sul singolo contribuente, diventa inevitabile rammentare che l’andazzo prese il via giusto un secolo e mezzo fa, quando ci si cominciò a inventare imposte con tanta fantasia e nessuna logica. Se adesso tutti parlano di federalismo (e pochi immaginano come farlo) è perché si riconosce implicitamente che sono stati commessi errori imperdonabili che adesso diventa urgente rettificare. Non un’Italia unita e nuova ma un regno sabaudo allargato, che annette, che conquista e che impone le sue regole e le sue misure. Un travisamento degli accordi e del progetto originario, che ha tradito il Nord danneggiando anche il Sud.

Categoria: Saggi

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788856619577

Recensito da Murray

Le Vostre recensioni

Non è trascorso molto tempo dalle recenti celebrazioni legate al centocinquantesimo anno di unità nazionale e sono ancora molte la bandiere tricolori che sventolano dai balconi e finestre delle case italiane. Anzi, si può tranquillamente affermare che tali festeggiamenti si sono svolti in un clima politico e culturale segnato dalla pressoché totale adesione allo stesso ideale unitario il quale, ormai, sembra essere asceso al rango di vero e proprio dogma.

Ottima occasione, dunque, per leggere questo breve lavoro di Lorenzo Del Boca nel quale vengono a galla un bel po’ di verità soprattutto su quella fase storica – meglio nota come “risorgimento” – che spesso ci si limita a studiare, male, sui libri di testo scolastici predisposti od autorizzati dallo Stato che, del risorgimento, è il prodotto certamente più autentico.

A prescindere dalla maggiore o minore pervasività delle sue tesi, Del Boca ha il pregio di non fare parte della schiera di boiardi che difendono l’istituzione che li foraggia e pertanto si permette pesanti critiche sulle modalità ed i fini che hanno caratterizzato la fase pre e post unitaria dimostrando, con l’acutezza dello storico, che l’operazione risorgimentale si è tradotta in un sostanziale insuccesso e che coloro i quali sono succeduti al governo del Paese non hanno saputo certamente fare meglio dei loro predecessori. Tutto ciò a scapito dell’intera popolazione ed in particolare di quella parte di Italia – il Nord – che, pur nelle difficoltà politiche e culturali di un’unità mai ricercata, ha saputo reggere di fronte alle inefficienze statali rimanendo ormai l’unico baluardo contro la deriva centralistica ed autoritaria.

Un libro dunque certamente consigliato a chi vuole rileggere criticamente le principali fasi storiche che hanno caratterizzato la nascita e l’evoluzione dello Stato italiano, per meglio comprendere come sia forse meglio riconsiderare i pregi di una divisione collaborativa a fronte degli svantaggi di un’unità imposta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorenzo

Boca

Del

Libri dallo stesso autore

Intervista a Del Boca Lorenzo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Chi salirà nel monte di Dio? Chi ha le mani innocenti e il cuore puro." Un quartiere di vicoli a Napoli: Montedidio. Un ragazzo di tredici anni va a bottega da Mast'Errico, il falegname. E' l'inizio della sua vita nuova, la vita che a sera, a casa, in una casa vuota per l'assenza del padre e per la malattia della madre, il ragazzo va scrivendo su una bobina di carta avuta in regalo dal tipografo di Montedidio. Ha anche un altro regalo, che porta sempre con sé, un "bùmeran", un legno nato per volare che il padre ebbe a sua volta da un marinaio di passaggio. Così passano i giorni: Mast'Errico gli insegna il mestiere e Don Rafaniello, uno scarparo che Mast'Errico tiene ospite a bottega, gli insegna a pensare sugli uomini e sulle cose.

Montedidio

De Luca Erri

Ferrara. È una notte afosa di inizio agosto...

Malatesta. Indagini di uno sbirro anarchico.

Mazzoni Lorenzo

Clamence, un brillante avvocato parigino, abbandona improvvisa mente la sua carriera e sceglie come quartier generale un locale d'infimo ordine, il Mexico-City, ad Amsterdam. Presa coscienza dell'insincerità e della doppiezza che caratterizza la sua vita, Clamence decide di redimersi confessando e incitando (per sincerità, per virtù, per dialettica?) gli occasionali avventori della taverna portuale a confessare la loro "cattiva coscienza". Ma non bisogna lasciarsi ingannare: Clamence non si redime. L'eroe di Camus secondo le sue stesse parole "percorre una carriera di falso profeta che grida nel deserto e rifiuta di uscirne".

La caduta

Camus Albert

Iniziato nella primavera del 1972 - durante la crisi petrolifera mondiale - e portato avanti fino alla prematura scomparsa di Pasolini nel 1975, questo romanzo-saggio-zibaldone esistenziale racconta uno spaccato dell'Italia del boom e della sua politica economica tra oscuri complotti di potere e stragi di stato impunite. Pensato come l'opera definitiva, il capolavoro di una vita, l'incompiuto "Petrolio" ricerca nella novellistica medievale i suoi antenati illustri fondendoli con l'attualità più scottante delle cronache giornalistiche in un'opera dai forti contenuti sociali e sessuali che non teme di dare scandalo e che, infatti, suscitò ampie polemiche e dibattiti fin dal suo primo apparire, nel 1992.

Petrolio

Pasolini Pier Paolo