Narrativa

La poltrona di seta rossa

Vicidomini Letizia

Descrizione: Storie individuali e vicende nazionali si intrecciano nell'appassionata narrazione di Letizia Vicidomini, che coinvolge generazioni di anime e personaggi a partire dalla capostipite, la centenaria Ernestina. Dalla scuola per signorine nel cuore di Napoli, dove si consuma la prima esperienza d'amore, all'inserimento difficile nella casa dei suoceri, a Sorrento, il romanzo viaggia attraverso ritratti di figli, nuore, cognate e nipoti, che hanno vissuto la recente storia italiana: la guerra, con la sua scia di morti, le Quattro Giornate, la ripresa del mondo del lavoro, finalmente aperto anche alle donne.L a saga familiare confluisce nella figura di Angel, il nipote preferito di Ernestina, dotato di una personalità complessa e di un "dono" speciale, che sa di magia.

Categoria: Narrativa

Editore: Home Scrivens

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788897905646

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Ernestina compie cento anni. È circondata dalla sua famiglia e attraverso gli spessi occhiali, osserva uno a uno i volti cari. Ad accompagnarla fino alla poltrona foderata di seta rossa, è il suo nipote preferito. Su quella poltrona Ernestina ha pianto, gioito, ha ascoltato confidenze, ha pregato e sognato. Ora è pronta a ricevere l’abbraccio di chi ama, riamata e a intraprendere il lungo viaggio nei ricordi di una vita. Ricordi che partono ancora prima della sua nascita, storie che ha conosciuto grazie ai racconti della madre e della cara amica Melina, reminiscenze che attraversano un secolo di storia e anche più. Racconto di una famiglia e di chi ne ha fatto parte per nascita o acquisizione, ma anche storia di una città.

Attraverso gli occhi di Ernestina e di quelli della sua numerosa famiglia, la brava Letizia Vicidomini, che già ci aveva convinti con Il segreto di Lazzaro, ci fa scoprire il passato di una Napoli che è esistita e che agli occhi di chi sa vedere, continua a esistere.

Ce la dipinge con colori tenui e solari, donandoci un affresco ricco di poesia, capace di portarci indietro nel tempo e mostrarci luoghi, strade, palazzi e persone con tanta lucidità da consentirci di poterli vivere, sentire e vedere, non solo con gli occhi della mente.

La poltrona di seta rossa è dunque un cammino attraverso la vita della protagonista, un viaggio piacevole, intenso e imprevedibile il cui senso si racchiude nella filosofia di uno dei suoi personaggi più riusciti, Armando:

Ognuno di noi viene al mondo per arrivare a morire […]. Nulla di catastrofico in questo, solo il senso delle cose che occorre far sorridere. Dobbiamo trovare il sorriso delle cose […] e prenderci la fetta di felicità che ci spetta, perché la vita non torna indietro e va dritta verso il bersaglio finale.”

Letizia Vicidomini è dunque una conferma. Se con Il segreto di Lazzaro ci aveva fatto delle promesse, con La poltrona rossa le ha mantenute tutte.

Letizia Vicidomini vive a Nocera inferiore, dove e nata, ma lavora a Napoli come speaker radiofonica. La poltrona rossa è il suo quarto romanzo. Per Cento Autori ha pubblicato Il segreto di Lazzaro (2012), mentre con Akkuaria ha pubblicato Nella memoria del cuore (2006) e Angel (2007).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Letizia

Vicidomini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vicidomini Letizia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Fece la sua apparizione nel 1932, facendo conoscere un grande scrittore capace di esprime le tensioni, la complessita, gli orrori e le smorfie in una forma sbalorditiva e con uno stile da subito unico e inconfondibile. Affresco di un'epoca, grido anarchico di rivolta, ma anche libro comico, in cui farsa e tragedia si mescolano in continuazione.

Viaggio al termine della notte

Céline Louis-Ferdinand

In "Storie della preistoria", Moravia narra le avventure e disavventure di una grande folla di animali umanizzati. O meglio: di uomini che si nascondono dietro una maschera animalesca. Ma le sue storie, libere da schematismi e da certezze usurate dal tempo, si propongono piane, efficaci, più spesso esilaranti, per una lettura accattivante e per un'interpretazione autonoma e personalissima.

Storie della preistoria

Moravia Alberto

C'era una volta la Provincia italiana ricca, felice e molto produttiva. Che commerciava con l'estero, dava del tu ai colossi oltre confine con l'orgoglio di una identità, prima che nazionale, comunale. C'era un tempo in cui anche gli stupidi facevano soldi, in un paese dove il PIL cresceva di due cifre l'anno. Dove i soldi guadagnati con allegria, spensieratezza e persine cafonaggine venivano ben esibiti in beni di lusso. Poi arrivarono i guru della globalizzazione a dire che si doveva cambiare, ad andare in televisione a sponsorizzare mercati stellari in Cina e a sostenere che il vecchio modello, quello dove si stava bene, andava male. Questa è "la storia della mia gente", non solo degli "stracciaroli di Prato", ma di una provincia felice e intelligente, sacrificata alla globalizzazione.

Storia della mia gente

Nesi Edoardo

Tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento un poeta di origini greche, Costantinos Kavafis si fa portavoce della storia della città di Alessandria, del suo destino di straordinario sviluppo e inarrestabile decadenza. Con una voce malinconica, consapevole di qualcosa che è andato perso per sempre, Kavafis decide di raccogliere le sue poesie in un corpus collettivo, il suo "Canone": 154 componimenti brevi divisi in scritti filosofici, storici ed erotici. Se con le prime due sezioni, il poeta alessandrino si fa conoscere ed apprezzare per lo stile e per i memorabili ritratti di personaggi del passato, è con la terza che raggiunge una grande notorietà, per quanto prevalentemente postuma. La scabrosità esibita di alcuni testi, l'esplicita omosessualità, la ricercata inattualità e l'eccentrica solitudine dell'autore, gli hanno infatti valso critiche e difficoltà in vita, superate infine dal riconoscimento di una superiore purezza stilistica e sentimentale, distillata nella musicalità di componimenti di assoluta perfezione formale. Il Canone, proposto qui nella nuova traduzione di Massimo Scorsone, innalza Kavafis tra i più prestigiosi poeti del Novecento e mostra tutta l'originalità di una voce irrequieta, commovente e capace di parlare ancora oggi al nostro cuore.

Le poesie di Kostantinos Kavafis

Kavafis Konstantinos