Fantascienza

UN PONTE TRA LE STELLE

Williamson Jack

Gunn James

Descrizione:

Categoria: Fantascienza

Editore:

Collana:

Anno: 1955

ISBN:

Recensito da Sara Barbieri

Le Vostre recensioni

Il romanzo Star bridge, scritto a quattro mani da Jack Williamson e James Gunn, segna un passaggio fondamentale nella storia della fantascienza. La vicenda narra le avventure del cavaliere Alan Horn, baluardo della resistenza contro i “Dorati”, fondatori di una nuova società sulla Terra dopo la colonizzazione di altri pianeti e ideatori di un sistema di trasporto attraverso lo Spazio che rende possibile una civiltà interstellare. L’eroe (o antieroe, essendo il nostro protagonista tremendamente umano e imperfetto) tenterà di minare alla base il nuovo Ordine, nella speranza di rendere possibile la liberazione del genere umano e la Creazione di un nuovo concetto di Costituzione.

Il genere fantascientifico, da sempre guardato con sospetto e giudicato “inferiore”, “commerciale” (nel senso dispregiativo del termine) e di mero intrattenimento, ha avuto la sua fortuna, in Italia, grazie alla Collana Urania (lanciata dalla casa editrice Mondadori nel 1952), che presentava gli autori più importanti in edizioni integrali. Tra questi, Williamson e Gunn, appunto: due personalità che rappresentano una parte fondamentale della fantascienza e la cui collaborazione ha prodotto un romanzo assolutamente epico nei personaggi e nelle situazioni, carico di un valore simbolico e sociologico che trascende il successo ottenuto (fino agli anni Settanta; in seguito, purtroppo, Star bridge è caduto nell’oblio).

Il merito principale di Star bridge consiste nel fatto di costituire (insieme ad altre opere del periodo o di poco antecedenti, come Breakdown (Civiltà che crolla), 1941, dello stesso Williamson) un esempio del passaggio dalla fantascienza avventurosa a quella sociologica: il romanzo, infatti, tratta dello sviluppo della società industriale, all’epoca al suo picco, e delle conseguenze che esso può provocare. La ciclicità degli eventi storici e l’impossibilità di apportare un reale cambiamento evidenzia il profondo pessimismo che pervade la storia: “…gli uomini sono spinti da forze di cui non sospettano neppure l’esistenza. I pezzi si incastrano al loro posto. Lo schema diventa chiaro“, afferma uno dei personaggi. Assolutamente moderno nel simbolizzare le paure e le ansie dovute al cambiamento della società, in piena transizione negli anni Cinquanta, Star bridge ha ottenuto un immediato consenso di critica e pubblico, alla sua uscita, venendo considerato un passaggio tra due differenti epoche. La sua capacità di analisi a livello sociologico del pensiero moderno, adattabile anche a quello contemporaneo, dovrebbe portare alla riscoperta di questo misconosciuto gioiello.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jack

Williamson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gunn James

James

Gunn

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gunn James


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lezioni americane

Calvino Italo

La trilogia del mistero

Paul Léautaud, piccolo classico del Novecento e mito discreto, aveva fatto nella sua vita ciò che ognuno almeno una volta ha vagheggiato: aveva trasformato una gelosa, ermetica solitudine in un osservatorio sulle assurdità e le bassezze del tempo. Ed anche questi tre rari racconti non concedono nulla di prevedibile al lettore: buoni sentimenti, riferimenti ideologici, appartenenze letterarie, perfino l’inevitabile speranza, di ciò tutto è estraneo a una scrittura che odia ogni preziosismo e resta elegantissima e crudele mentre affonda nelle lacerazioni di una vita: «Nessuno mi avrà conosciuto. Sono stato, sotto il mio riso, il disincanto, la disperazione assoluta. Non l’ho mai mostrato per pudore, nel timore del ridicolo». Il primo dei tre, Il piccolo amico, considerato da molti il suo capolavoro, è una cronaca-confessione di straziante distacco, pur nell’immagine che vuol offrire di quasi gaio cinismo, del suo rapporto con la madre eterna assente: Léautaud, abbandonato a pochi giorni dalla nascita, la rivide solo dopo vent’anni (tranne per brevi incontri occasionali) e ne fu appassionato così intensamente da turbarla e spingerla ad allontanarsi per sempre. La storia procede in due tempi: nel primo, la madre appare e scompare in tutte le figure di «amiche» che popolano l’infanzia e la prima giovinezza, e tutto è immerso nel luccicante incanto del tempo sfuggente, dell’infanzia e dei luoghi di Parigi; il secondo tempo è «un bel romanzo d’amore con la madre»: romanticamente, il protagonista cerca di rivivere la voluttà di un ricordo di bambino, quando, tra profumi e abbracci, poté la seconda volta incontrare la madre. Gli altri due racconti si riconnettono in realtà a quel travolgente amore: In memoriam ricorda la morte del padre (uomo di spettacolo e persona non meno evanescente), e Amori, ancora una storia di abbandono, racconta della prima esperienza erotica e del primo innamoramento per una «amica» che poi dovette sposare il suo protettore.

AMORI

Léautaud Paul

A vent'anni, Elisa ha tutto: benessere, una famiglia che la ama e la coccola (anche troppo!), un amore, interessi che le riempiono la giornata e appagano la sua sensibilità. Solo una cosa le manca, ma lei non lo sa... fino a un freddo pomeriggio invernale in cui, non sapendo come trascorrere il tempo, apre un baule pieno di vecchie fotografie. Comincia così per lei un viaggio che la porta lontano, alla ricerca del tassello capace di ricomporre il disegno della sua vita.

Alla ricerca di un cuore

Melissano Manuela

Text selection is disabled by content protection wordpress plugin