Letteratura femminile

PORNO BLOC

Mazzoni Lorenzo

Belli Marco

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: LineaBN

Collana:

Anno: 2010

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Giungla di cemento. Bucarest. Magnificamente orrenda. Fetida e decomposta”.

Ecco lo sfondo ideale per perdersi, per perdere di vista se stessi. Boris si è perso di vista molto tempo fa, a Brasov. Poi come un vampiro ha continuato a vagare per le strade di una città del dopo: post Ceausescu, post rivoluzione, post globalizzazione. Macerie di parole, resti di cemento, pezzi di carne ancora caldi.

Ciò che rimane di una città sventrata dalla storia è negli occhi della gente che ancora la consuma, mai sazia, assuefatta alla putrefazione che ormai impregna anche l’aria.

Solo Boris sembra rendersene conto: i suoi occhi sono saturi di merda. E’ arrabbiato Boris, incapace di sottrarsi al suo destino di vampiro assoldato dalla politica, imprigionato in un sistema di conti ancora aperti, già cadavere in una “società in decomposizione” e ormai in attesa di essere sopraffatta “da altre civiltà decomposte”.

Zoia è solo un altro pezzo del puzzle, uno dei tanti, un corpo da possedere senza metterci il cuore. Perché il cuore in certe cose non ci deve entrare, non più. Quando afferra la sua testa e spinge il sesso nella sua bocca, o quando la monta con violenza assecondando un desiderio inespresso, per Boris non c’è niente di più che un atto necessario. Ben venga l’orgasmo in tutto questo. In fondo Zoia è solo il fine e si sa che il fine giustifica i mezzi. Quelli della politica in questo caso, e Zoia colma di alcol e antidepressivi quel prezzo lo conosce bene.

 

Svastiche, slogan nostalgici, bandiere sporche di sangue, teste rasate. Tutto si ripete: cambiano i volti, ma le dinamiche sono sempre le stesse. “Altri e nuovi allocchi, più numerosi, rimbecilliti dal ripetersi che il Nulla è grande, che il Nulla sconfiggerà la miseria, che il Nulla darà alle persone rette il pane e la ricchezza… quanta mediocrità, dappertutto”.

 

Siamo a Bucarest, ma potremmo essere ovunque.

 

Le foto di Marco Belli e le parole di Lorenzo Mazzoni scaraventano il lettore per strada, lo lasciano lì, moribondo, dopo averlo travolto con immagini senza filtri e parole spietate: l’accostamento di fotografia e testo è un intreccio ben riuscito, febbrile.

 

Il lettore si muove dapprima impaurito, inesperto, tra le vie di una Bucarest che non immaginava, non così. Poi ne diventa parte, segue il protagonista nel buio di androni occupati dalla miseria, dentro locali notturni frequentati da un’umanità vinta, su per le scale di edifici – i bloc rumeni – svuotati come prostitute consumate, per poi perdere i sensi nelle stanze claustrofobiche del sesso necessario.

 

In questo “Porno Bloc”, alla seconda ristampa, c’è il coraggio di chi la realtà delle cose la sa guardare in faccia e ci si butta dentro senza sconti, senza schermi, senza pregiudizi.

C’è il lavoro di autori impegnati sul campo. Un libro da guardare e da leggere, da penetrare, da lasciare che accada, persi in una città in cui “non è consentito rimanere immobili” e dove “i minuti si rincorrono l’un l’altro”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorenzo

Mazzoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Belli Marco

Marco

Belli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Belli Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È il racconto degli avvenimenti vissuti nel corso di una giornata da Leopold Bloom e Stephen Dedalus a Dublino, in un vagabondaggio che ripercorre le tappe dell'Odissea. Episodi, scene e fatti sono costruiti con più o meno evidente parallelismo rispetto all'opera omerica. Il romanzo però non si esaurisce in questo, vuole essere anche una "summa" di tutti gli aspetti dell'uomo moderno e dei suoi rapporti con la società.

Ulisse

Joyce James

In una particolarissima casa di appuntamenti, attempati gentiluomini si concedono il piacere di giacere accanto a splendide giovani donne addormentate. Un raffinato e inquietante racconto erotico che sa cogliere i profondi misteri dell'anima con tocchi luminosi e leggeri. Il romanzo più delicato e suggestivo di Kawabata (1899-1972), premio Nobel per la letteratura 1968.

LA CASA DELLE BELLE ADDORMENTATE

Kawabata Yasunari

Questo libro raccoglie testi poetici nati sull’onda di pensieri, suggestioni, emozioni diverse, evocate dalla natura, da incontri e dalla sfera dei sentimenti. Le immagini e i versi, pur nella loro puntualità, sono palpiti della stessa anima, sospesa nel cielo e incantata dal cielo. “Costellazioni” ha vinto il Premio Letterario Inediti Casinò di Sanremo Semeria – 2018.

Costellazioni

Spes Ilaria

2010, Baia di Hudson. Allyson Gordon è una giovane ragazza di diciannove anni che vive a Churchill, un freddo e misterioso paesino di appena tremila abitanti nel Nord del Canada.Quando, in circostanze del tutto misteriose, conoscerà un giovane ragazzo indiano di nome Adahy e il suo amico Sewati, la sua vita cambierà inesorabilmente. Ben presto Allyson capirà il legame antico che unisce Adahy alla sua famiglia, scoprendo la verità sulle morti premature dei suoi antenati e di suo padre. Con l'aiuto dell'amico indiano Sewati dovrà cercare di salvare se stessa dalla medesima fine&Di origini abruzzesi, Lucilla Leone nasce a Roma nel 1975, dove risiede tuttora con il marito e i due figli. La passione per la scrittura la accompagna sin dai tempi delle Scuole Superiori.

Indio

Leone Lucilla