Letteratura femminile

PORNO BLOC

Mazzoni Lorenzo

Belli Marco

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: LineaBN

Collana:

Anno: 2010

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Giungla di cemento. Bucarest. Magnificamente orrenda. Fetida e decomposta”.

Ecco lo sfondo ideale per perdersi, per perdere di vista se stessi. Boris si è perso di vista molto tempo fa, a Brasov. Poi come un vampiro ha continuato a vagare per le strade di una città del dopo: post Ceausescu, post rivoluzione, post globalizzazione. Macerie di parole, resti di cemento, pezzi di carne ancora caldi.

Ciò che rimane di una città sventrata dalla storia è negli occhi della gente che ancora la consuma, mai sazia, assuefatta alla putrefazione che ormai impregna anche l’aria.

Solo Boris sembra rendersene conto: i suoi occhi sono saturi di merda. E’ arrabbiato Boris, incapace di sottrarsi al suo destino di vampiro assoldato dalla politica, imprigionato in un sistema di conti ancora aperti, già cadavere in una “società in decomposizione” e ormai in attesa di essere sopraffatta “da altre civiltà decomposte”.

Zoia è solo un altro pezzo del puzzle, uno dei tanti, un corpo da possedere senza metterci il cuore. Perché il cuore in certe cose non ci deve entrare, non più. Quando afferra la sua testa e spinge il sesso nella sua bocca, o quando la monta con violenza assecondando un desiderio inespresso, per Boris non c’è niente di più che un atto necessario. Ben venga l’orgasmo in tutto questo. In fondo Zoia è solo il fine e si sa che il fine giustifica i mezzi. Quelli della politica in questo caso, e Zoia colma di alcol e antidepressivi quel prezzo lo conosce bene.

 

Svastiche, slogan nostalgici, bandiere sporche di sangue, teste rasate. Tutto si ripete: cambiano i volti, ma le dinamiche sono sempre le stesse. “Altri e nuovi allocchi, più numerosi, rimbecilliti dal ripetersi che il Nulla è grande, che il Nulla sconfiggerà la miseria, che il Nulla darà alle persone rette il pane e la ricchezza… quanta mediocrità, dappertutto”.

 

Siamo a Bucarest, ma potremmo essere ovunque.

 

Le foto di Marco Belli e le parole di Lorenzo Mazzoni scaraventano il lettore per strada, lo lasciano lì, moribondo, dopo averlo travolto con immagini senza filtri e parole spietate: l’accostamento di fotografia e testo è un intreccio ben riuscito, febbrile.

 

Il lettore si muove dapprima impaurito, inesperto, tra le vie di una Bucarest che non immaginava, non così. Poi ne diventa parte, segue il protagonista nel buio di androni occupati dalla miseria, dentro locali notturni frequentati da un’umanità vinta, su per le scale di edifici – i bloc rumeni – svuotati come prostitute consumate, per poi perdere i sensi nelle stanze claustrofobiche del sesso necessario.

 

In questo “Porno Bloc”, alla seconda ristampa, c’è il coraggio di chi la realtà delle cose la sa guardare in faccia e ci si butta dentro senza sconti, senza schermi, senza pregiudizi.

C’è il lavoro di autori impegnati sul campo. Un libro da guardare e da leggere, da penetrare, da lasciare che accada, persi in una città in cui “non è consentito rimanere immobili” e dove “i minuti si rincorrono l’un l’altro”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorenzo

Mazzoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Belli Marco

Marco

Belli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Belli Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

1° agosto 1937, una sfilata piena di bandiere rosse attraversa Parigi. È il corteo funebre per Gerda Taro, la prima fotografa morta su un campo di battaglia che proprio quel giorno avrebbe compiuto ventisette anni. Robert Capa, in prima fila, è distrutto. È stato lui a insegnarle l'uso della Leica e poi sono partiti assieme per la Guerra di Spagna. Nella folla seguono altri che sono legati a Gerda da molto prima che diventasse la ragazza di Capa. Ruth Cerf, l'amica di Lipsia, con cui ha vissuto nei tempi più duri a Parigi, dopo che entrambe erano fuggite dalla Germania. Willy Chardack, che s'accontenta del ruolo di cavalier servente da quando l'irresistibile ragazza gli aveva preferito Georg Kuritzkes, che ora combatte nelle Brigate Internazionali. Per tutti Gerda Taro rimarrà una presenza più forte e viva dell'eroina antifascista celebrata dai discorsi funebri. Gerda li ha spesso delusi e feriti, ma la sua gioia di vivere, la sua sete di libertà, erano scintille capaci di riaccendersi a distanza di decenni. Basta che Willy e Georg si risentano per tutt'altro motivo. La telefonata intercontinentale avvia un romanzo caleidoscopico, incardinato sulle fonti originali, di cui Gerda Taro è il cuore attivo.

La ragazza con la Leica

Janeczek Helena

Un raccapricciante delitto si è consumato nella città di Metz. Il dottor Valadier, medico legale in pensione, si trova inspiegabilmente coinvolto nelle indagini e si mette sulle tracce degli assassini. Più le sue ricerche procedono, più una complicata trama viene alla luce, intessuta da menti sottili e diaboliche. All'insaputa dell'intera umanità, è in corso una guerra combattuta da forze occulte che si muovono nell'oscuro universo dell'Esoterismo. Le origini di due antichi popoli, gli Ebrei e gli Zingari, legati da un comune destino di sofferenza e di persecuzione, sono la chiave per comprendere l'incredibile vicenda che sta per compiersi. La protagonista è una giovane e bellissima zingara, che si dibatte tra la sottomissione al suo Dio e la passione per un uomo. Un dilemma che riflette quello dell'intera umanità, alla vigilia di un eccezionale cambiamento. La Zingara fa le carte al mondo, e scopre l'Angelo del Giudizio, mentre un'epoca spirituale sta per tramontare e un'altra completamente nuova, sta per sorgere.

La zingara di Metz

Rosaci Domenico

Alla vigilia del suo nono compleanno, la timida Rose Edelstein scopre improvvisamente di avere uno strano dono: ogni volta che mangia qualcosa, il sapore che sente è quello delle emozioni provate da chi l'ha preparato, mentre lo preparava. I dolci della pasticceria dietro casa hanno un retrogusto di rabbia, il cibo della mensa scolastica sa di noia e frustrazione; ma il peggio è che le torte preparate da sua madre, una donna allegra ed energica, acquistano prima un terrificante sapore di angoscia e disperazione, e poi di senso di colpa. Rose si troverà così costretta a confrontarsi con la vita segreta della sua famiglia apparentemente normale, e con il passare degli anni scoprirà che anche il padre e il fratello - e forse, in fondo, ciascuno di noi - hanno doni misteriosi con cui affrontare il mondo. Mescolando il realismo psicologico e la fiaba, la scrittura sensuale di Aimee Bender torna a regalarci una storia appassionante sulle sfide che ogni giorno ci pone il rapporto con le persone che amiamo.

L’INCONFONDIBILE TRISTEZZA DELLA TORTA AL LIMONE

Bender Aimee

In seguito a un terribile lutto famigliare e allo scopo di superare il suo dolore, il dottor Kurt Krausmann accetta di accompagnare un amico in un viaggio alle isole Comore. La loro barca viene attaccata dai pirati al largo della Somalia, e il viaggio "terapeutico" del medico si trasforma in un incubo. Preso in ostaggio, picchiato, umiliato, Kurt scopre un'Africa traboccante di violenza e intollerabile miseria, dove "gli dèi non hanno più pelle sulle dita a furia di lavarsene le mani". Insieme al suo amico Hans e a un compagno di sventura francese, Kurt troverà la forza per superare questa prova? Guidandoci in un viaggio sorprendentemente vivido e realistico che, dalla Somalia al Sudan, ci mostra un'Africa orientale di volta in volta selvaggia, irrazionale, saggia, fiera e infinitamente coraggiosa, Yasmina Khadra conferma ancora una volta il suo immenso talento di narratore. Magistralmente costruito e condotto, L'equazione africana descrive la trasformazione lenta e irreversibile di un europeo i cui occhi si apriranno a poco a poco alla realtà di un mondo fino ad allora sconosciuto.

L’equazione africana

Khadra Yasmina