Narrativa

Post office

Bukowski Charles

Descrizione: Henry Chinasky, abituale alter ego di Bukowsky e protagonista in prima persona di questo romanzo, ha deciso di lavorare come postino. Superati non senza affanno i test d'ammissione, si ritrova con la borsa di cuoio sulle spalle a girare in lungo e in largo per la periferia di Los Angeles. Perennemente in ritardo, vessato dal capufficio e insofferente ai regolamenti, si scontra ben presto con la rigida e burocratica macchina organizzativa. Tra sbronze e scommese all'ippodromo, Chinasky trova il tempo per vivere una degradante storia d'amore con Betty, per sposare una texana ricca e ninfomane da cui verrà abbandonato e infine per licenziarsi.

Categoria: Narrativa

Editore: Tea

Collana: Teadue

Anno: 2009

ISBN: 9788850218196

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

In “Post officeCharles Bukowski stila l’autobiografia dei suoi “primi cinquant’anni”. Protagonista del romanzo è infatti l’alter ego del Buk, Henry Chinaski, che narra le propria gesta di postino (“Sì signora, solo bollette”) nel difficile conflitto tra sregolatezza della vita privata e impostazione di un impegno lavorativo fisso. Il rifiuto delle regole gli procura continui richiami, spesso scritti, ma dai fatti raccontati si ricava anche il profilo  umano e apprezzabile di un uomo sensibile nei confronti dei colleghi più sfortunati, nemico del potere e critico rispetto all’alienazione indotta dai sistemi produttivi.

Mentre i giri-posta e i defatiganti ritmi temporizzati obbligano il postino – prima supplente e poi definitivamente assunto – ad adattare il proprio spirito ribelle e insubordinato a un regolamento inflessibile (“Stone arrivò di corsa con la sua ammonizione. Diceva che era contro il regolamento e le regole tenere oggetti sopra il casellario”), sullo sfondo scorrono le convivenze dello scrittore: prima con Betty, poi con la miliardaria Joyce (“Non mi opposi al divorzio, non andai in tribunale. Joyce mi lasciò la macchina”), con la procace e truffaldina Mary Lou  e infine con  Fay (“Lo so che vuoi salvare il mondo. Ma non puoi cominciare dalla cucina?”), dalla quale Henry ha una figlia (“Allora non sapevo che un giorno sarebbe diventata una bella ragazza che mi somigliava come una goccia d’acqua…”).
Chinaski intanto sostiene il terribile esame che decima i candidati aspiranti postini, ricorrendo a una tecnica mnemonica tutta bukowskiana (“Be’, presi il fascicolo dell’esame e associai tutti i dati da imparare al sesso…”). Il lavoro procede tra alti e bassi (per la verità più bassi che alti), ma la capacità di sopportazione giunge al capolinea: la resa è definitiva, il lavoro alle poste non fa per lui…

Post office“ rimane un’opera fondamentale per ritrarre l’icona dello “sconvolto”, che tanta presa avrà su molte generazioni coeve e successive, e per fotografare un disagio personale e sociale che rimane sempre in superficie, appeso alla rappresentazione esteriore del personaggio sopra le righe…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charles

Bukowski

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bukowski Charles


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Che cos’è il male oggi? In che modo si può dire che le sue manifestazioni, le sue spinte, le sue modalità di aggredire il tessuto del mondo e delle persone che lo abitano si siano modificate? Zygmunt Bauman, uno dei più grandi pensatori viventi, già nel 1989, con Modernità e olocausto, aveva riletto le atrocità del Terzo Reich sovvertendo l’opinione comune che si fosse trattato un «incidente» della Storia e dimostrando che invece la «società dei giardinieri» della modernità aveva raggiunto con l’olocausto il suo risultato più esemplare. In questo libro Bauman compie un ulteriore decisivo passo avanti nell’identificazione del «male» ai giorni nostri.

Le sorgenti del male

Bauman Zygmunt

Patrick Bateman è giovane, bello, ricco. Vive a Manhattan, lavora a Wall Street e con i colleghi Timothy, David, Patten e Craig, frequenta i locali più alla moda, le palestre più esclusive e le toilette dove gira la migliore cocaina della città, discutendo di nuovi ristoranti, cameriere corpoduro ed eleganza maschile. Ma la sua vita è ricca di particolari piuttosto inquietanti e quando le tenebre scendono su New York, Patrick Bateman si trasforma in un torturatore omicida, freddo, metodico, spietato.

American Psycho

Ellis Bret Easton

Luigi Martinotti lavora in un fast food. Frigge patatine, ma in realtà la sua vocazione, vivissima malgrado l'interruzione degli studi universitari, è quella dello storico. Su un tavolo della Biblioteca comunale consuma tutte le ore di libertà, ricostruendo e interpretando eventi del passato. Ci sono momenti in cui riesce addirittura a distinguere, quasi fosse una visione, l'incontro fra Attila e papa Leone. È riuscito anche a elaborare una teoria storica, secondo la quale i mutamenti della società sono il prodotto di una terribile "insofferenza dell'insicurezza", che spinge gli uomini, cambiando continuamente, a inchiodare il mondo in un presente immobile e rassicurante. Anche la quiete apparente di Luigi Martinetti obbedisce a questa legge. La sua sensibilità, sospesa tra aspirazioni intellettuali e esposizione al fallimento, si lascia contaminare dall'imprevedibilità dei rapporti umani, ivi comprese l'intensa relazione sessuale con Antonella, cameriera del fast food, e l'inspiegabile tenerezza per il figlio di lei. Solo l'amico Giuseppe estroso insegnante affetto da una malattia genetica che lo getta in ricorrenti crisi depressive - riesce a tenere accesa la sua vocazione e a comunicargli una sorta di profonda serenità. Quando il fallimento come storico è definitivo, la sua mente vacilla.

LA VOCAZIONE

De Marchi Cesare

"Non è vero che la patria si difende senza discutere; la si difende discutendola, così come è discutendo la nostra società borghese e denunziandone noi stessi i difetti e le debolezze che la si puntella”. Per il principe del giornalismo nostrano, Indro Montanelli, era questa “l’unica manifestazione veramente producente di patriottismo e di solidarietà”. Per un atto di profondo amore nei confronti di questa Italia malandata, Mariano Sabatini è andato in ricognizione di quel mondo parallelo, e per lo più sconosciuto ai lettori italiani, che è rappresentato dai corrispondenti stranieri che vivono nelle nostre città. L’ampia rassegna de L’Italia s’è mesta compone un ritratto sentimentale, o se si vuole emotivo, della nostra nazione attraverso i racconti dei giornalisti d’oltreconfine: qual è stata la prima impressione che hanno avuto arrivando in Italia, come ci vivono, quali motivi di scontento o di entusiasmo li anima; che giudizio danno di Berlusconi e del berlusconismo o dell’invadenza della Chiesa nella politica italiana; se pensano che la sinistra saprà trovare una fortunata via di risalita. Le “firme” di Itar-Tass, Arte, The Herald, Business week, Frankfurter Allgemeine Zeitung, El Mundo, Le Figaro, CNN, BBC, Nouvel Observateur, etc., dicono la loro sulle affezioni del Palazzo; le aberrazioni di una tv sempre più becera, volgare, faziosa; i tagli alla cultura e gli attacchi dei ministri Brunetta e Bondi ai cineasti italiani; il baratro su cui pencolano scuola, università e ricerca italiane… E se davvero l'Italia s’è mesta perché dell’elmo di Silvio s’è cinta la testa avremo, forse, alla fine di questo ideale viaggio anche la medicina per tornare a destarla.

L’Italia s’è mesta

Sabatini Mariano