Saggi

Il potere delle domande

Giovannini Lucia

Descrizione: Cosa fare per trasformare le cose che non ci piacciono? Come cambiare per essere felici? Non esiste una risposta giusta o una sbagliata. Esiste solo la domanda giusta. Questo libro ha il potere di rivelarci che cosa è meglio per noi. Nella coppia, in famiglia, nel lavoro, nelle relazioni interpersonali. Una serie di domande-chiave che dissipando le insicurezze e sbloccando schemi mentali di cui non siamo consapevoli, stimolano la conoscenza di noi stessi e mettono a fuoco i nostri reali desideri, fino a farci scoprire quali scelte ci porteranno alla felicità.

Categoria: Saggi

Editore: Sperling&kupfer

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 978882005687215114

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Si dice sia possibile passare anche tutta la vita a cercare risposte. Questo libro, invece, annulla in parte un’affermazione del genere e si muove in direzione opposta, ossia verso l’ importanza di fare domande.

In realtà, a pensarci bene, fare domande è uno degli istinti che ci caratterizzano e passiamo gran parte del nostro tempo e della nostra vita ad assecondarlo: pensate che una recente ricerca inglese ha dimostrato che una bimba di 4 anni pone in media 390 domande al giorno!

Poi arriva il momento, però, in cui ci viene detto che fare domande è maleducato o che è molto più importante fare piuttosto che essere e riflettere.

Niente di più sbagliato: il nostro cervello trova continuamente espedienti per diminuire il proprio carico di lavoro, ad esempio accettando ciò che succede intorno a noi senza farsi troppe domande. Il rischio è quello di chiudersi via via nelle proprie abitudini, ma se vogliamo cambiare qualcosa nella nostra vita non c’è modo migliore di farlo se non iniziando a porci delle domande.

È questo il punto di vista dell’autrice, Lucia Giovannini, coach certificata, insegnante del metodo Louise-hay, co-fondatrice di BlessYou! (www.blessyou.it ) e co-direttrice della Libera Università di Crescita evolutiva ( L’UCE ).

Da oltre quindici anni tiene corsi per aziende e privati in tutta Europa e l’obiettivo è stato sempre quello di diffondere una filosofia di vita, un nuovo modo di rapportarsi con gli altri e con la realtà.

In questo caso si parte dalle domande, l’obiettivo è formulare domande corrette: da domande corrette arrivano risposte corrette, così come da domande produttive arrivano risposte produttive.

Sono 108 le domande (perché proprio 108? Lascio a voi la curiosità di scoprirlo) e permetteranno non solo di imparare cose nuove, ma aiuteranno anche a ricordare ciò che si sa ma che, spesso, è facile dimenticare nella frenesia della vita quotidiana.

Per usare una domanda occorrono 4 chiavi:

  • leggerla
  • scriverla
  • ripeterla
  • ascoltarla

In questo modo, ad ogni domanda, si attiverà in noi una profonda ricerca interiore, il punto interrogativo scandaglierà il nostro intimo e ognuno di noi darà una “sua” risposta. È questo l’aspetto più interessante del libro perché, pagina dopo pagina, possiamo scriverlo noi con le nostre risposte e con tutte le altre domande che ne scaturiranno.

Chi sei?”: come si può rispondere a questa domanda senza cadere nel tranello di elencare ruoli e professioni, tralasciando la nostra vera identità, le infinite parti di noi?

Per cosa sei grato?”: verrebbe spontaneo elencare le mancanze, ciò che non abbiamo, perché non ci rendiamo conto che la vita di ognuno è colma di doni, di tesori che spesso diamo per scontato. La gratitudine è un moltiplicatore di felicità, se apprezziamo ciò che abbiamo, respiriamo la vita che fluisce intorno a noi e ci sentiremo felici.

Come scegli di vedere la vita oggi?”: panico. Oggi? Ieri in realtà ho perso un’occasione e domani? Ho paura di prendere quella decisione. Oggi, che cosa farei? Qui e ora?

Se avessi ancora un solo anno da vivere cosa faresti di diverso?”: tante cose, troppe. Rimandate però di giorno in giorno.

È talmente difficile a volte dare risposte concrete che si finisce per rispondere con un’altra domanda. Ci sono cascata anche io, senza rendermene conto.

Il potere delle domande è un libro da tenere sul comodino, da assaporare lentamente, scegliendo al mattino di volta in volta una domanda e facendola riecheggiare per tutto il giorno dentro di noi, fra il traffico della città e i tanti, troppi, pensieri che occupano la nostra mente.

Se la tua vita fosse la risposta, quale sarebbe la domanda?”

Difficile la domanda, ancor di più la risposta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lucia

Giovannini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Giovannini Lucia

Finalmente dietro la storia e la leggenda della Sponsa Christi, appare la donna: Giulia Farnese. Un ritratto inedito e profondo di una figura femminile al centro di intrighi e trame di potere, che non si è sottratta al proprio destino, ma l'ha voluto vivere da protagonista e non da vittima. Bella, elegante, raffinata, questo ritratto le restituisce quella intensa umanità, che nessuno degli uomini che la possedevano, per folle desiderio, diritto familiare e amore coniugale (il cardinale e poi papa Rodrigo Borgia, l'ambizioso fratello Alessandro, il marito per procura Orsini) le poteva togliere.

Giulia, una donna fra due Papi

Lorusso Del Linz Silvia

Esiste il delitto perfetto? Gastmann, “demonio in forma umana”, ne è convinto, e per dimostrarlo al commissario Barlach – e vincere la scommessa fatta in una bettola sul Bosforo – getta un uomo dal ponte di Galata. Per oltre quarant’anni il commissario seguirà le orme di quella belva feroce, finché un giorno, nella tetra quiete del lago di Biel, in Svizzera, l’assassinio dell’ispettore Schmied lo metterà nuovamente di fronte all’inquietante spettro del suo nemico e degli audaci, efferati delitti da lui commessi. A Barlach non resta molto da vivere: giusto il tempo di regolare i conti.

Il giudice e il suo boia

Durrenmatt Friedrich

Ci vediamo lunedì

È domenica pomeriggio 22 marzo 1981 e al Bar Marco tra i tavoli da carte e il rumore dei flipper riecheggiano le partite di calcio. Tutti seguono la radiocronaca e controllano la schedina. A Sanremo, a pochi passi dai lustrini luccicanti del Casinò, dall'aristocratica clientela degli hotel dell'Imperatrice e dagli splendori delle ville liberty, il Bar illumina un quartiere sorto rapidamente, senza anima apparente ma stracolmo di umanità parallele. Qui sui tavoli del biliardo si sfiorano senza incontrarsi, destini impegnati a sopravvivere alla vita e vite impegnate a sopravvivere ad un destino. Vite in movimento apparente, vacuamente oscillanti al caso come la pallina della roulette, e destini sfilacciati, duri da mordere, incatenati ad un filo di necessità. Destini appesi al bancone del Bar Marco, fra un bicchiere di troppo e una sigaretta mai spenta, in attesa del tredici che ne cambierà per sempre segno e direzione. Una vincita milionaria, il furto della schedina, un mistero da risolvere in un intreccio di emozioni e traiettorie. Un ingorgo di miserie, furbizie, espedienti e sudore che trova la sua perfezione provvisoria nella geometria euclidea del biliardo, nella esatta corrispondenza della sponda, nella fredda pazienza del ragno che tesse l'ineludibile disegno della tela. Una melodia distillata in infinite modulazioni fra tonalità maggiori e minori, scale ascendenti e discendenti, alla ricerca di una cifra armonica che riempia e sazi gli spazi dell'anima ruota intorno a Mario, il barista-investigatore dalla debordante umanità.

Un pastis al bar Marco

Fellegara Morena