Narrativa

Preghiera di novembre

Gianeselli Irene

Descrizione: Cosa accade a un uomo che torna nella propria città di notte come uno straniero, come un profugo, cosa accade a un uomo quando torna e nessuno lo aspetta, chi chiamerà il suo nome? Un uomo è il suo nome? E se nessuno lo pronuncia quel nome, l'uomo continuerà a esistere?

Categoria: Narrativa

Editore: Florestano

Collana: Echi di Altrove

Anno: 2017

ISBN: 9788899320416

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Irene Gianeselli, Preghiera di novembre

«Un uomo è il suo nome? E se nessuno lo pronuncia quel nome, l’uomo continuerà ad esistere?»

In una lettera datata 17 febbraio 1903, Rainer Maria Rilke rispondeva a un giovane che chiedeva consiglio per i suoi primi passi poetici di abbandonare la ricerca nevrotica di consenso, di tralasciare il parere di riviste e di letterati, di smetterla di confrontare le proprie poesie con quelle di altri poeti, ma «questo anzitutto: domandatevi nell’ora più silenziosa della vostra notte: devo io scrivere? […] E se questo dovesse suonare consenso […] edificate la vostra vita secondo questa necessità». Questo è il senso ultimo che dà alla scrittura uno fra i più celebri poeti del XX secolo, una necessità a cui si arriva solo sondando sé stessi, un atto di creazione dovuto: «penetrare in voi stesso e provare la profondità in cui balza la vostra vita; alla sua fonte troverete voi la risposta alla domanda se dobbiate creare».

Irene Gianeselli è una giovane scrittrice, classe 1997, con un curriculum già molto ricco: studentessa di Lettere dell’Università “Aldo Moro” di Bari, Critico cinematografico del Sncci, studio del pianoforte al conservatorio, diverse pubblicazioni letterarie e giornalistiche, finalista nel 2017 del premio Campiello giovani, uno fra i premi letterari più importanti d’Italia. Si intitola Preghiera di novembre il suo ultimo lavoro, pubblicato nel 2017 per Florestano edizioni, dal sottotitolo Pasolini, tutto il suo folle amore. L’intera raccolta è in effetti tutta dedicata al poeta di Casarsa, composta da sei racconti riuniti a formare una Trilogia dei misteri e una Trilogia del disamore. Intessuta di citazioni colte, liberamente prese e cucite senza soluzione di continuità nel testo, ispirata da poeti che emergono a poco a poco nel corso della lettura, la raccolta procede con una certa musicalità che accompagna le parole finemente equilibrate, musicalità profonda, sacra, grave, note basse che ben sondano la profondità di ciò che accade in un tempo che ora rallenta ora accelera, sospeso com’è in uno stato onirico permanente. Melodia effettivamente pasoliniana, cruda e disinvolta, brutale ma senza mai perdere una certa grazia naturale: «come il Verbo può ancora tornare Carne? Come la Carne può ancora tornare Verbo?» si interroga un personaggio, Alfredo, uomo ormai, non più poeta. Tutti i personaggi, a modo proprio, si muovono in una solitudine predestinata, disperatamente rivelatoria, le illusioni crollano inesorabilmente ma senza rumore, «non c’è più tempo per la storia», «ogni tanto mi sento solo quando mi metto a pensare cos’è l’amore vero, cos’è la morte». L’identificazione sembra avvenire fisiologicamente: Pasolini è corpo e morte, poesia e vita, ghiaia e parole; i personaggi divengono carcasse, pur vive. Il loro destino è di corpo e carne sanguinante senza però perdere la propria poeticità, seppur dilaniati, tutti, all’idroscalo di Ostia: «solo ora si vede che i suoi piedi scalzi sanguinano, bianchi di sabbia», «tutto ciò che è vita duole, come una ferita che si riapre», «Cade. La pelle si apre, […] tampona con il fazzoletto il sangue che cola denso dalle ginocchia». L’umanità si fa strada, la fisicità rompe sempre il sogno, l’epos crolla per far spazio ad un uomo, ad una donna, di fronte alla propria vita nuda, perché «Luce alla Luce, Pane al Pane, Carne alla Carne».

Non so se davvero Pier Paolo Pasolini si sarebbe fatto conquistare in un «batter d’occhio» dalla personalità di Irene Gianeselli, come afferma chiaramente e con sicurezza David Grieco nella prefazione al volume, e non credo neanche sia determinante per comprendere cosa susciti la lettura di Preghiera di novembre. Credo tuttavia che la parola più adatta per afferrarne il senso sia proprio mostrata, apertamente, nel titolo: “preghiera”. La lingua ricca e policromatica, lo stile sapientemente modulato su più frequenze, la scelta di utilizzare la pagina come tela su cui lavorare e dipingere frasi che arrestano o esortano a proseguire con fermezza, quasi con foga, concorrono a formare un insieme di testi eterogenei ma coesi, saldati insieme, riuniti in una ritualità che diventa peculiare e identificativa. Una preghiera, certo, ma tormentata, personale, inquieta, che non risparmia l’accusa, che non si vela di una salvezza preconfezionata, che resta sospesa fra il soggetto e la vita, la ricerca costante, l’avidità. Il gioco retorico o la ricercatezza stilistica, errore comune alla maggior parte dei giovani scrittori, si perde in un livello superiore, compiuto, che pure ha i suoi riferimenti espliciti ma dai quali prende le distanze per addentrarsi in territori sconosciuti e necessari. La brevità della raccolta non cela la profondità di azione in cui si colloca. I testi non diffondono banali rassicurazioni, non si aggrappano a speranze vuote, conformiste, omologanti, non hanno come scopo l’intrattenimento. La finalità ultima è sondare, mostrare, con un realismo tutto sacro, ammassi di materia, insieme di corpi in cui l’anima si ribella, testarda e caparbia, denudata dinnanzi al mondo e alla vita che non cede. «Silenzio», come quello che scandisce ritmicamente il primo racconto che dà il titolo al volume. Un silenzio non più colpevole, ma consapevole, raccolto, sincero.

Non sappiamo dunque se davvero Irene Gianeselli sia sprofondata e «penetrata» nella sua intimità in una notte silenziosa e personale, inaccessibile per chiunque, per domandarsi se la scrittura per lei coincida davvero con la vita e se per lei scrivere è davvero una necessità. Una cosa sembra però evidente, leggendo Preghiera di novembre: la sua scrittura vive, chiaramente e limpidamente, come carne che sanguina, solenne, non corrotta, umana perché sofferente.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Luigi Bianco, «Recensioni». “Preghiera di novembre” di Irene Gianeselli – Louis Book World

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Irene

Gianeselli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gianeselli Irene


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una vasta insurrezione si estende dagli Stati Uniti all’America Centrale a un epicentro maghrebino. Effetto collaterale di un mondo occidentale che “col pretesto del controllo” ha istituito ovunque stati di polizia, i “ragazzi selvaggi” si evolvono presto in una fantasmagorica sottospecie umanoide: ragazzi con pistole-laser, ragazzi-gatto con artigli “curvi e cavi imbottiti di pasta di cianuro”, ragazzi-serpente, ragazzi che si spostano su alianti, su biciclette alate, su pattini a propulsione. In un romanzo che suona oggi di allarmante forza profetica, ancora una volta Burroughs incenerisce processi e mutamenti storici al rogo della sua immaginazione e della sua allucinata, inconfondibile scrittura.

I ragazzi selvaggi

Burroughs William S.

Si avvicina il Natale, e come ogni anno Luca Cupiello si accinge a preparare il presepe nonostante l'insofferenza di sua moglie Concetta e suo figlio Tommasino. Per Luca il presepe rappresenta una priorità assoluta del suo vivere quotidiano, ma in realtà la quiete famliare è turbata da un dramma che sua moglie Concetta - chissà come - riesce a tenere nascosto al marito. La figlia di Luca e Concetta, Ninuccia è sposata con Nicolino, un facoltoso commerciante, ma non lo ama, ed anzi ha intenzione di fuggire con il suo amante, Vittorio Elia, comunicando la sua decisione al marito per lettera. Concetta riesce a strappare dalle mani di Ninuccia la lettera, per impedire che il peggio accada, ma nella confusione - e senza sapere nulla - Luca consegna la missiva al genero...

Natale in casa Cupiello

De Filippo Eduardo

Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato "Uter Ventorum", lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'"Uter Ventorum" è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

Il mercante di libri maledetti

Simoni Marcello

Il secondo regno dantesco "dove l'umano spirito si purga / e di salire al ciel diventa degno", è, dei tre, quello che porta nella sua struttura, sia fisica sia morale, la maggiore novità d'invenzione, tanto da poter dire che esso è un mondo, nel suo aspetto e nel suo spirito, soltanto dantesco. Circola per tutto il Purgatorio un'atmosfera difficilmente definibile, come di raccolto incanto, che coglie il lettore fin dall'inizio e l'accompagna fino alle soglie del Paradiso: attingere lo spirito di quella delicatissima aura che tutto avvolge è la via per intendere il Purgatorio dantesco nella profonda bellezza che lo distingue.

La divina commedia

Alighieri Dante