Narrativa

Preghiera di novembre

Gianeselli Irene

Descrizione: Cosa accade a un uomo che torna nella propria città di notte come uno straniero, come un profugo, cosa accade a un uomo quando torna e nessuno lo aspetta, chi chiamerà il suo nome? Un uomo è il suo nome? E se nessuno lo pronuncia quel nome, l'uomo continuerà a esistere?

Categoria: Narrativa

Editore: Florestano

Collana: Echi di Altrove

Anno: 2017

ISBN: 9788899320416

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Irene Gianeselli, Preghiera di novembre

«Un uomo è il suo nome? E se nessuno lo pronuncia quel nome, l’uomo continuerà ad esistere?»

In una lettera datata 17 febbraio 1903, Rainer Maria Rilke rispondeva a un giovane che chiedeva consiglio per i suoi primi passi poetici di abbandonare la ricerca nevrotica di consenso, di tralasciare il parere di riviste e di letterati, di smetterla di confrontare le proprie poesie con quelle di altri poeti, ma «questo anzitutto: domandatevi nell’ora più silenziosa della vostra notte: devo io scrivere? […] E se questo dovesse suonare consenso […] edificate la vostra vita secondo questa necessità». Questo è il senso ultimo che dà alla scrittura uno fra i più celebri poeti del XX secolo, una necessità a cui si arriva solo sondando sé stessi, un atto di creazione dovuto: «penetrare in voi stesso e provare la profondità in cui balza la vostra vita; alla sua fonte troverete voi la risposta alla domanda se dobbiate creare».

Irene Gianeselli è una giovane scrittrice, classe 1997, con un curriculum già molto ricco: studentessa di Lettere dell’Università “Aldo Moro” di Bari, Critico cinematografico del Sncci, studio del pianoforte al conservatorio, diverse pubblicazioni letterarie e giornalistiche, finalista nel 2017 del premio Campiello giovani, uno fra i premi letterari più importanti d’Italia. Si intitola Preghiera di novembre il suo ultimo lavoro, pubblicato nel 2017 per Florestano edizioni, dal sottotitolo Pasolini, tutto il suo folle amore. L’intera raccolta è in effetti tutta dedicata al poeta di Casarsa, composta da sei racconti riuniti a formare una Trilogia dei misteri e una Trilogia del disamore. Intessuta di citazioni colte, liberamente prese e cucite senza soluzione di continuità nel testo, ispirata da poeti che emergono a poco a poco nel corso della lettura, la raccolta procede con una certa musicalità che accompagna le parole finemente equilibrate, musicalità profonda, sacra, grave, note basse che ben sondano la profondità di ciò che accade in un tempo che ora rallenta ora accelera, sospeso com’è in uno stato onirico permanente. Melodia effettivamente pasoliniana, cruda e disinvolta, brutale ma senza mai perdere una certa grazia naturale: «come il Verbo può ancora tornare Carne? Come la Carne può ancora tornare Verbo?» si interroga un personaggio, Alfredo, uomo ormai, non più poeta. Tutti i personaggi, a modo proprio, si muovono in una solitudine predestinata, disperatamente rivelatoria, le illusioni crollano inesorabilmente ma senza rumore, «non c’è più tempo per la storia», «ogni tanto mi sento solo quando mi metto a pensare cos’è l’amore vero, cos’è la morte». L’identificazione sembra avvenire fisiologicamente: Pasolini è corpo e morte, poesia e vita, ghiaia e parole; i personaggi divengono carcasse, pur vive. Il loro destino è di corpo e carne sanguinante senza però perdere la propria poeticità, seppur dilaniati, tutti, all’idroscalo di Ostia: «solo ora si vede che i suoi piedi scalzi sanguinano, bianchi di sabbia», «tutto ciò che è vita duole, come una ferita che si riapre», «Cade. La pelle si apre, […] tampona con il fazzoletto il sangue che cola denso dalle ginocchia». L’umanità si fa strada, la fisicità rompe sempre il sogno, l’epos crolla per far spazio ad un uomo, ad una donna, di fronte alla propria vita nuda, perché «Luce alla Luce, Pane al Pane, Carne alla Carne».

Non so se davvero Pier Paolo Pasolini si sarebbe fatto conquistare in un «batter d’occhio» dalla personalità di Irene Gianeselli, come afferma chiaramente e con sicurezza David Grieco nella prefazione al volume, e non credo neanche sia determinante per comprendere cosa susciti la lettura di Preghiera di novembre. Credo tuttavia che la parola più adatta per afferrarne il senso sia proprio mostrata, apertamente, nel titolo: “preghiera”. La lingua ricca e policromatica, lo stile sapientemente modulato su più frequenze, la scelta di utilizzare la pagina come tela su cui lavorare e dipingere frasi che arrestano o esortano a proseguire con fermezza, quasi con foga, concorrono a formare un insieme di testi eterogenei ma coesi, saldati insieme, riuniti in una ritualità che diventa peculiare e identificativa. Una preghiera, certo, ma tormentata, personale, inquieta, che non risparmia l’accusa, che non si vela di una salvezza preconfezionata, che resta sospesa fra il soggetto e la vita, la ricerca costante, l’avidità. Il gioco retorico o la ricercatezza stilistica, errore comune alla maggior parte dei giovani scrittori, si perde in un livello superiore, compiuto, che pure ha i suoi riferimenti espliciti ma dai quali prende le distanze per addentrarsi in territori sconosciuti e necessari. La brevità della raccolta non cela la profondità di azione in cui si colloca. I testi non diffondono banali rassicurazioni, non si aggrappano a speranze vuote, conformiste, omologanti, non hanno come scopo l’intrattenimento. La finalità ultima è sondare, mostrare, con un realismo tutto sacro, ammassi di materia, insieme di corpi in cui l’anima si ribella, testarda e caparbia, denudata dinnanzi al mondo e alla vita che non cede. «Silenzio», come quello che scandisce ritmicamente il primo racconto che dà il titolo al volume. Un silenzio non più colpevole, ma consapevole, raccolto, sincero.

Non sappiamo dunque se davvero Irene Gianeselli sia sprofondata e «penetrata» nella sua intimità in una notte silenziosa e personale, inaccessibile per chiunque, per domandarsi se la scrittura per lei coincida davvero con la vita e se per lei scrivere è davvero una necessità. Una cosa sembra però evidente, leggendo Preghiera di novembre: la sua scrittura vive, chiaramente e limpidamente, come carne che sanguina, solenne, non corrotta, umana perché sofferente.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Luigi Bianco, «Recensioni». “Preghiera di novembre” di Irene Gianeselli – Louis Book World

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Irene

Gianeselli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gianeselli Irene


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Alla vigilia del cataclisma che colpisce il Giappone l'11 marzo 2011, Ennio, un giovane romano ricco, annoiato e disincantato, parte per Osaka alla ricerca di Elisa, la sua ex fidanzata scomparsa alcune settimane prima, che si era trasferita nel Sol Levante come insegnante di italiano presso un alienante centro multimediale per la didattica a distanza. Nel giro di poco Ennio si troverà a sostituire Elisa sul lavoro, mentre la sua ricerca sembra farlo girare a vuoto e un Giappone quanto mai sinistro e inquietante lo inghiotte nel suo gorgo di luci e segni, fino a portarlo sulle zone del disastro in uno scenario dominato dalla devastazione e la neve. Sparire è una storia d'amore e malinconia, della ricerca di un sentimento che esiste solo nel ricordo e nel racconto di se stesso, di un Paese che affascina e tiene a distanza in egual misura, e della presunzione di poterlo raccontare. Denso di riferimenti alla cultura nipponica, Sparire è una storia sull'impossibilità del raccontare la realtà e sulla supremazia del racconto sulla vita stessa.

SPARIRE

Viola Fabio

Venezia, 1981. Una giovane coppia, appartata su una panchina dei giardini della Biennale, a Sant'Elena, viene aggredita. Il ragazzo resta ucciso, la ragazza precipita in un silenzio al limite della follia, che rende impossibile risalire al colpevole. Alla Polizia non rimane che archiviare il caso. Venezia, oggi. Dalle acque della laguna affiora un cadavere. Si tratta di Mirco Albrizzi, immobiliarista molto conosciuto e vittima troppo illustre per passare inosservata. Se le autorità vorrebbero archiviare la faccenda come suicidio, il commissario Nicola Aldani, incaricato delle indagini, riconosce inequivocabili i segni dell'omicidio. È un caso scomodo, e a complicarlo ci si mette anche quel commissario Zennari, da tempo in pensione, che pretende aiuto per chiudere una storia ormai dimenticata, risalente a molti anni prima, l'aggressione ai giardini della Biennale... Ma nulla avviene per caso, e ben presto le due piste si confondono, le acque si intorbidano, gli indizi si inquinano... Sullo sfondo della vicenda, vivida e inconfondibile, Venezia: l'altana sul tetto, dove Aldani ama rifugiarsi; la laguna davanti alle fondamente Nove, dove il pilota del commissario fa sfrecciare il vecchio Toni, la lancia in dotazione alla Polizia; il dialetto, che risuona nelle calli e lungo i rii; le acque e le foschie, complici di misteri e custodi di verità.

Acqua morta

Catozzi Michele

CONFESSIONI DI UN BARMAN

Cavalli Mirco

È la storia di un incontro, questo libro intimo e provocatorio: tra una grande scrittrice che ha fatto della parola il proprio strumento per raccontare la realtà e una donna intelligente e volitiva a cui la parola è stata negata. Non potrebbero essere più diverse, Dacia Maraini e Chiara di Assisi, la santa che nella grande Storia scritta dagli uomini ha sempre vissuto all’ombra di Francesco. Eppure sono indissolubilmente legate dal bisogno di esprimere sempre la propria voce. Chiara ha dodici anni appena quando vede “il matto” di Assisi spogliarsi davanti al vescovo e alla città. È bella, nobile e destinata a un ottimo matrimonio, ma quel giorno la sua vita si accende del fuoco della chiamata: seguirà lo scandaloso trentenne dalle orecchie a sventola e si ritirerà dal mondo per abbracciare, nella solitudine di un’esistenza quasi carceraria, la povertà e la libertà di non possedere. Sta tutta qui la disobbedienza di Chiara, in questo strappo creativo alle convenzioni di un’epoca declinata al maschile. Perché, ieri come oggi, avere coraggio significa per una donna pensare e scegliere con la propria testa, anche attraverso un silenzio nutrito di idee. In questo racconto, che a volte si fa scontro appassionato, segnato da sogni e continue domande, Dacia Maraini traccia per noi il ritratto vivido di una Chiara che prima è donna, poi santa dal corpo tormentato ma felice: una creatura che ha saputo dare vita a un linguaggio rivoluzionario e superare le regole del suo tempo per seguirne una, la sua.

Chiara di Assisi. Elogio della disobbedienza

Maraini Dacia