Narrativa

Prendi quello che vuoi, ma lasciami la mia pelle nera

Gaye Cheikh Tidiane

Descrizione: Epistolario di un poeta italo-senegalese con la prefazione di Giuliano Pisapia.

Categoria: Narrativa

Editore: Jaca Book

Collana: Di fronte e attraverso. Terra terra

Anno: 2013

ISBN: 9788816411814

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

L’autore, poeta e cittadino italo-senegalese, attraverso una raccolta di lettere indirizzate all’amico fraterno Silmakha, racconta il disagio e l’umiliazione che gli immigrati di colore affrontano una volta approdati nella società sviluppata dei bianchi. Ribadisce la percezione del fastidio provocato, l’ostilità del rifiuto, il mancato riconoscimento della propria umanità in un contesto che in alcuni casi ne accetta la prestazione d’opera, ma che sempre li vorrebbe invisibili.
La narrazione, realistica e simbolica a un tempo, intessuta con immagini che si abbeverano nella terra e nella saggezza d’Africa, intreccia agli stati d’animo e all’esperienza personale dell’autore, le testimonianze più aspre e dolorose di altri connazionali e amici, come Michel, Salifu, Ibrahim, nonché le riflessioni evocate dalla memoria individuale e collettiva.
Significativo e toccante risulta il rientro in patria del poeta in occasione della morte del padre e, di lì a pochi giorni, anche della madre Kiné, la donna custode, il guerriero, la leonessa abbattuta dall’offesa. Due decessi in settantadue ore. E un viaggio a cuore aperto nei valori inestirpabili di una famiglia e di una cultura, ma anche sull’erta scomoda di una critica interna all’egoismo maschile e alla consuetudine della poligamia.
Poi il pellegrinaggio a Gorée: preghiera e condanna. La denuncia del colonialismo vecchio e nuovo, delle brutalità e delle razzie compiute, del computo sempre aperto dei danni recati e subiti, delle tante vite vilipese, oltraggiate e dimenticate. E nella filigrana di ogni verso la richiesta – onesta e lucida – di riportare giustizia. Che le mani bianche si protendano finalmente non più a sottrarre o a fomentare guerre e divisioni, non più a farsi muro, ma per sostenere e accogliere. Non solo in nome della solidarietà ma in difesa di un diritto universale, troppo a lungo negato.
Quello di Cheikh Tediane Gaye è il canto intenso di un uomo che non vuole rinunciare alla sua pelle nera.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tidiane

Cheikh

Gaye

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gaye Cheikh Tidiane

Il mondo poetico e artistico di Ginevra Lilli

Il ballo ha la perfezione esemplare di un piccolo classico, poiché riesce a mescolare, pur nella sua brevità, i temi più ardui: la rivalità madre-figlia, l’ipocrisia sociale, le goffe vertigini della ricchezza improvvisata, le vendette smisurate dell’adolescenza – che passano, in questo caso eccezionale, dall’immaginazione alla realtà. Perché è proprio una vendetta, quella della quattordicenne Antoinette nei confronti della madre: non premeditata, e per questo ancora più terribile. In poche pagine folgoranti, con la sua scrittura scarna ed essenziale, Irène Némirovsky condensa, senza nulla celare della sua bruciante crudeltà, un dramma di amore respinto, di risentimento e di ambizione. Nel 1929, quando Némirovsky pubblica David Golder, il suo primo romanzo (a cui l’anno dopo seguirà Il ballo), la critica manifesta tutta la sua sbalordita ammirazione di fronte a questa giovane donna elegante e mondana, appartenente a una ricca famiglia di émigré russi di origine ebrea, che si rivela una brillante scrittrice. Per tutti gli anni Trenta Irène Némirovsky continuerà a pubblicare con immutato successo. Nel dopoguerra, tuttavia, sulla sua opera cala il silenzio. Solo a partire dall’autunno del 2004 la critica, ma soprattutto i lettori, hanno cominciato a restituire a Irène Némirovsky il posto che le spetta fra i più grandi, e i più amati, narratori del Novecento.

Il ballo

Némirovsky Irène

Fare i conti con un tumore vuol dire anche provare a raccontare le cose come stanno. Imparare a parlare della propria prostata impazzita ai medici, agli infermieri e poi ai familiari, alle persone che amiamo e che all’improvviso sembrano deformate dalla nostra malattia. Vittorino Andreoli, da sempre abile narratore della fragilità psichica dell’essere umano, descrive per la prima volta il proprio mondo sconvolto dalla notizia del cancro. Una rivelazione che di colpo lo trasforma da dottore in paziente.

Il corpo segreto

Andreoli Vittorino

Chi ha letto "La donna di Gilles" sa che non c'è un'altra scrittrice capace come Madeleine Bourdouxhe di raccontare gli sbigottimenti e le lusinghe dell'amore: senza sbavature né svenevolezze, ma con un'intensità e un'evidenza che hanno qualcosa di lancinante. In questo secondo romanzo della Bourdouxhe (che Jonathan Coe ha definito «una delle più belle scoperte letterarie degli ultimi anni») non siamo più nella grigia e fuligginosa periferia di Liegi, bensì nella "douceur de vivre" della Parigi della fine degli anni Trenta; e se Elisa, la struggente protagonista della Donna di Gilles, viveva nell'attesa, nel dono di sé, nella devozione assoluta per un marito di cui tutto sapeva accogliere e perdonare, Marie (che pure ama profondamente il suo, di marito) scopre la violenza della passione quando, su una spiaggia della Costa Azzurra, incrocia lo sguardo di un ragazzo di vent'anni dalle spalle sottili, i fianchi stretti e le lunghe gambe abbronzate. Un pomeriggio si incontrano, come per caso, su un sentiero che costeggia il mare e, su un pezzetto di carta che lei non getterà, lui scrive un numero di telefono. Che Marie chiamerà, tornata a Parigi, dalla cabina telefonica di un caffè. In una breve Nota all'edizione Gallimard della Donna di Gilles, Madeleine Bourdouxhe aveva scritto: «L'annientamento nell'amore: un po' la storia di tutte le donne», ma qui la prospettiva è cambiata, e il suo sguardo segue con vibrante complicità il percorso di una donna che affronta, con un'audacia che quasi la stupisce, «l'intransigenza del desiderio»...

Marie aspetta Marie

Bourdouxhe Madeleine