Narrativa

Prendi quello che vuoi, ma lasciami la mia pelle nera

Gaye Cheikh Tidiane

Descrizione: Epistolario di un poeta italo-senegalese con la prefazione di Giuliano Pisapia.

Categoria: Narrativa

Editore: Jaca Book

Collana: Di fronte e attraverso. Terra terra

Anno: 2013

ISBN: 9788816411814

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

L’autore, poeta e cittadino italo-senegalese, attraverso una raccolta di lettere indirizzate all’amico fraterno Silmakha, racconta il disagio e l’umiliazione che gli immigrati di colore affrontano una volta approdati nella società sviluppata dei bianchi. Ribadisce la percezione del fastidio provocato, l’ostilità del rifiuto, il mancato riconoscimento della propria umanità in un contesto che in alcuni casi ne accetta la prestazione d’opera, ma che sempre li vorrebbe invisibili.
La narrazione, realistica e simbolica a un tempo, intessuta con immagini che si abbeverano nella terra e nella saggezza d’Africa, intreccia agli stati d’animo e all’esperienza personale dell’autore, le testimonianze più aspre e dolorose di altri connazionali e amici, come Michel, Salifu, Ibrahim, nonché le riflessioni evocate dalla memoria individuale e collettiva.
Significativo e toccante risulta il rientro in patria del poeta in occasione della morte del padre e, di lì a pochi giorni, anche della madre Kiné, la donna custode, il guerriero, la leonessa abbattuta dall’offesa. Due decessi in settantadue ore. E un viaggio a cuore aperto nei valori inestirpabili di una famiglia e di una cultura, ma anche sull’erta scomoda di una critica interna all’egoismo maschile e alla consuetudine della poligamia.
Poi il pellegrinaggio a Gorée: preghiera e condanna. La denuncia del colonialismo vecchio e nuovo, delle brutalità e delle razzie compiute, del computo sempre aperto dei danni recati e subiti, delle tante vite vilipese, oltraggiate e dimenticate. E nella filigrana di ogni verso la richiesta – onesta e lucida – di riportare giustizia. Che le mani bianche si protendano finalmente non più a sottrarre o a fomentare guerre e divisioni, non più a farsi muro, ma per sostenere e accogliere. Non solo in nome della solidarietà ma in difesa di un diritto universale, troppo a lungo negato.
Quello di Cheikh Tediane Gaye è il canto intenso di un uomo che non vuole rinunciare alla sua pelle nera.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tidiane

Cheikh

Gaye

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gaye Cheikh Tidiane


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un'audace reinterpretazione della storia della creazione e del giardino dell'eden dal punto di vista degli angeli. Un gruppo di ribelli, tra insospettabili tradimenti ed enigmatici spiriti, decide di scoprire che cosa significhi libertà. Con un linguaggio dal sapore antico e ricco di riferimenti biblici e un'impaginazione in lettere capitali, Alessandro Cortese rivoluziona la lettura della Genesi, proiettando il lettore verso l'identificazione con Lucifero, custode della luce di eden. Un ribaltamento che seduce, invertendo l'eterna dialettica tra bene e male.

EDEN

Cortese Alessandro

Giorgio Faletti si accomiata dai suoi lettori con la sua opera più bella, originale e dolente. Una favola morale, che accompagna il lettore attraverso le piccole, meschine, ignoranti bassezze degli uomini, sino a comprendere, attraverso il più innocente e semplice degli sguardi, il senso profondo delle cose. Del loro ruolo. E della fine. Seguiamo una piuma mentre traccia il suo invisibile sanscrito nel cielo, la vediamo posarsi sul tavolo dove il Re e il Generale tracciano i piani per la battaglia per la conquista di Mezzo Mondo, noncuranti di chi poi dovrà combatterla; ascoltiamo insieme a lei i tentativi del Curato di intercedere a favore dei contadini con il Cardinale privo di fede; attratti da una dissonante melodia volteggiamo dentro al Teatro, per assistere allo spettacolo meraviglioso e crudele della Ballerina dal cuore spezzato: il nostro volo ci porterà a conoscere altri, sventurati personaggi finché la piuma non incontrerà lo sguardo dell'unico che saprà capire quello che nessuno prima aveva compreso.

La piuma

Faletti Giorgio

Un giovane italiano si trasferisce a Londra, lavora in un museo e sogna di scrivere un romanzo mentre scrive brevi ritratti dei personaggi che incontra. Ma l'esperienza di vita si fa dirompente e l'arte sembra passare in secondo piano. Un lungo percorso fuori e dentro se stesso, accompagnato da una moglie idealizzata e platonica, da amici, amanti e pseudo-fidanzati che lo porteranno a rivelazioni circa se stesso, la sua sfera sentimentale e sessuale, e il suo rapporto con l'arte. Londra equivale a mille possibilità: di una storia d'amore tanto cercata, di solitudine produttiva o lacerante, di estasi e profonda malinconia, di violenza omofobica e razziale.

Segmenti di coscienza

Sabatini Federico

Camelia vive con la madre a Leeds, una città in cui "non comincia mai niente" e l'inverno non è mai finito, in una casa assediata dalla muffa accanto al cimitero. Traduce manuali di istruzioni per lavatrici, mentre la madre fotografa ossessivamente buchi di ogni tipo. Entrambe segnate da un trauma, comunicano con un alfabeto fatto di sguardi. Un giorno Camelia trova nel cassonetto dei vestiti deformi, con molte maniche e strani squarci: in quel momento cambia qualcosa, comincia a trascorrere più tempo fuori casa e ogni giorno trova nuovi vestiti nel cassonetto. È così che incontra Wen, un ragazzo cinese che lavora in un negozio di vestiti e che le insegna la sua lingua. Saranno proprio gli ideogrammi ad aprire un varco di bellezza e mistero nella vita di Camelia, attribuendo nuovi significati alle cose. Camelia si innamora di Wen, ma lui la respinge nascondendole il motivo. E c'è anche il bizzarro fratello di lui, ossessionato dall'oscura morte di Lily, un'altra studentessa di Wen...

SETTANTA ACRILICO TRENTA LANA

Di Grado Viola