Narrativa

Prendi quello che vuoi, ma lasciami la mia pelle nera

Gaye Cheikh Tidiane

Descrizione: Epistolario di un poeta italo-senegalese con la prefazione di Giuliano Pisapia.

Categoria: Narrativa

Editore: Jaca Book

Collana: Di fronte e attraverso. Terra terra

Anno: 2013

ISBN: 9788816411814

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

L’autore, poeta e cittadino italo-senegalese, attraverso una raccolta di lettere indirizzate all’amico fraterno Silmakha, racconta il disagio e l’umiliazione che gli immigrati di colore affrontano una volta approdati nella società sviluppata dei bianchi. Ribadisce la percezione del fastidio provocato, l’ostilità del rifiuto, il mancato riconoscimento della propria umanità in un contesto che in alcuni casi ne accetta la prestazione d’opera, ma che sempre li vorrebbe invisibili.
La narrazione, realistica e simbolica a un tempo, intessuta con immagini che si abbeverano nella terra e nella saggezza d’Africa, intreccia agli stati d’animo e all’esperienza personale dell’autore, le testimonianze più aspre e dolorose di altri connazionali e amici, come Michel, Salifu, Ibrahim, nonché le riflessioni evocate dalla memoria individuale e collettiva.
Significativo e toccante risulta il rientro in patria del poeta in occasione della morte del padre e, di lì a pochi giorni, anche della madre Kiné, la donna custode, il guerriero, la leonessa abbattuta dall’offesa. Due decessi in settantadue ore. E un viaggio a cuore aperto nei valori inestirpabili di una famiglia e di una cultura, ma anche sull’erta scomoda di una critica interna all’egoismo maschile e alla consuetudine della poligamia.
Poi il pellegrinaggio a Gorée: preghiera e condanna. La denuncia del colonialismo vecchio e nuovo, delle brutalità e delle razzie compiute, del computo sempre aperto dei danni recati e subiti, delle tante vite vilipese, oltraggiate e dimenticate. E nella filigrana di ogni verso la richiesta – onesta e lucida – di riportare giustizia. Che le mani bianche si protendano finalmente non più a sottrarre o a fomentare guerre e divisioni, non più a farsi muro, ma per sostenere e accogliere. Non solo in nome della solidarietà ma in difesa di un diritto universale, troppo a lungo negato.
Quello di Cheikh Tediane Gaye è il canto intenso di un uomo che non vuole rinunciare alla sua pelle nera.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tidiane

Cheikh

Gaye

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gaye Cheikh Tidiane


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un’epoca non troppo lontana ci si spostava dal Meridione al Nord in cerca di lavoro. E a lasciare case e famiglie non erano solo ragazzi e uomini pronti all’esperienza e alla vita, ma anche bambini, spesso di meno di dieci anni di età, che partivano da soli, senza genitori e fratelli. Questo romanzo è la storia di uno di loro, Ninetto detto Pelleossa, che da bambino abbandona la Sicilia e si reca a Milano. Come racconta lui stesso, “non è che un picciriddu piglia e parte in quattro e quattro otto. Prima mi hanno fatto venire a schifo tutte cose, ho collezionato litigate, digiuni, giornate di nervi, e solo dopo me ne sono andato via. Era la fine del ’59, avevo nove anni e uno a quell’età preferirebbe sempre il suo paese, anche se è un cesso di paese e niente affatto quello dei balocchi. Ma c’è un limite e quando la miseria ti sembra un cavallone che ti vuole ingoiare è meglio che fai la valigia e fuggi, punto e basta”. Ninetto a Milano scoprirà la vita, e se stesso, come può scoprire le cose un bambino che non capisce più se è “picciriddu” o adulto, e si trova lì nel mezzo, con gli occhi spalancati su un mondo nuovo e sorprendente e il cuore stretto dalla timidezza, dal timore, dall’emozione dell’ignoto.

L’ultimo arrivato

Balzano Marco

Siamo bombardati da trasmissioni televisive dedicate aIla cucina, ovunque il cibo è argomento di discussione e condivisione. Sappiamo però realmente gustarlo, assaporando i singoli sapori in tutte le loro sfumature? Felicia Sguazzi ha messo a frutto anni di passione e di ricerca culinaria e di vita e ha compiuto per noi un viaggio nel mondo dei sapori, creando, impiattando e fotografando le oltre 110 ricette di questo libro. Sono buone e originali, suddivise a seconda del sapore dominante: amaro, aspro, dolce, salato e... umami, il quinto sapore, presente in natura molto più di quanto si crede. Tutte naturali, vegetali e senza glutine. Scegliendo le ricette, attingendo dai singoli capitoli si possono creare i propri menu: per esempio, iniziando con un antipasto aspro, proseguendo con un primo piatto dolce, a cui far seguire secondo e contorno amari e umami, per finire in bellezza con un dessert ai mix di sapori.

La forchetta dei 5 sapori

Sguazzi Felicia

Le nostre conoscenze sull’umano, sulla vita, sull’universo, sono in piena espansione. Sono anche separate e disperse. Come legarle fra loro? Come affrontare problemi che sono nello stesso tempo complessi e vitali? La risposta di Edgar Morin è luminosa di intelligenza e accessibile a tutti. L’autore ci invita a “pensare globale”, cioè a considerare l’umanità nella sua natura “trinitaria”, poiché ciascuno è nello stesso tempo un individuo, un essere sociale e una parte della specie umana. L’umanità è trascinata nella corsa sfrenata della mondializzazione: la riflessione di Morin ci propone di scrutare il suo futuro senza cedere alla facilità dei luoghi comuni né alle ingiunzioni dell’attualità.

Sette lezioni sul pensiero globale

Morin Edgar

C'è una fanciulla che tutte le sere spazzola i suoi soffici capelli color di corallo, prima che il Sonno la conduca tra i Sogni della sera. A occhi chiusi, immagina la storia di un'amicizia, quella tra Jim, un piccolo ometto con la passione per il disegno, e Graf, un drago di grafite che vive confinato in un pezzo di carta. Il Tempo, inesorabile, muta il loro legame e il loro aspetto. I contorni di Graf sbiadiscono e quelli del suo compagno di giochi si allungano impedendogli di entrare nel foglio. Sentendosi trascurato, Graf diventa esigente. Chiede a Jim di dargli un nuovo look - magari facendolo diventare di plastica come quei soldatini che non ridono mai -, amici con cui non si sentirà mai solo e un castello dorato nel quale nascondersi al bisogno. La vita, però, imprevedibile come al solito, cambierà le sorti di Graf e del suo creatore, tracciando i confini di un'avventura tutta da scoprire tra matite colorate, clessidre mangiapolvere e una sirena appassionata di moda.

Il drago di carta

Pozzati Simone - Cerilli Valeria