Narrativa

PRESAGIO TRISTE

Yoshimoto Banana

Descrizione: Cosa turba la serenita di Yayoi? Diciannove anni, Yayoi vive una vita apparentemente idilliaca in seno a una "famiglia felice della classe media che sembra uscita da un film di Spielberg", il giardino e ben curato, gli abiti perfettamente stirati, i fiori sempre freschi sul tavolo. Che cosa la inquieta? E' la sua sensibilita paranormale che le fa percepire presenze invisibili? E' l'incapacita a ricordare gli anni dell'infanzia, stranamente cancellati dalla sua memoria? O forse e il suo trasporto per Tetsuo che valica i limiti dell'affetto fraterno? Un presagio triste si insinua nell'armonia della vita di Yayoi. Un presagio che potrebbe trovare risposta in una casa molto diversa dalla sua, buia, dove il giardino e in perenne disordine e nessuno risponde quando squilla il telefono. In questa casa vive la zia di Yayoi, una donna sola sui trent'anni, insegnante di musica, bella ma trascurata e avvolta da un'ombra di malinconia. Yayoi intuisce che la zia e depositaria di un segreto, forse la chiave per illuminare i misteri della propria infanzia. Ma la zia sparisce senza lasciare tracce, e Yayoi parte alla sua ricerca. Una Banana Yoshimoto in stato di grazia. In puro stile "Kitchen".

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2003

ISBN: 9788807840227

Recensito da Stefania De Paolis

Le Vostre recensioni

Ha i contorni incerti ed evanescenti del sogno questo romanzo di Banana Yoshimoto, in cui i personaggi si muovono e agiscono delicati e malinconici, eterei e impalpabili, quasi dei fantasmi.

Come la giovane Yayoi, diciannovenne la cui vita apparentemente serena cela una certa inquietudine, un “triste presagio” generato dalla incapacità di ricordare la sua infanzia.

E come la zia Yukino, donna eccentrica e malinconica, che vive in una casa disordinata e triste, dove Yayoi si rifugia nel tentativo di trovare delle risposte.

Proprio in questa diversità Yayoi riscopre un senso di appartenenza, un’identità perduta. Quando Yukino scompare, Yayoi parte alla sua ricerca, accompagnata in questo viaggio da Masahiko, misterioso amico della zia, e da Tetsuo, il fratello per cui nutre un affetto particolare.

Si sente la mancanza di un finale più sorprendente, la tensione narrativa infatti cala nelle ultime pagine, e alcune situazioni, come pure gli strani rapporti amorosi, appaiono un po’ forzati.

L’atmosfera onirica e surreale, i personaggi rarefatti, le descrizioni idilliache e  la straordinaria scrittura evocativa dell’autrice, bastano  però a “riempire” questo romanzo che parla (come tutti i romanzi di Banana Yoshimoto) di morte e solitudine, di amicizia e libertà senza mai andare troppo a fondo negli eventi come nei sentimenti. Una scrittura in cui i toni sono contenuti e le emozioni sublimate, che vive di colori e musica e in cui “i suoni si possono anche vedere”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Banana

Yoshimoto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Yoshimoto Banana

Josef K. condannato a morte per una colpa inesistente è vittima del suo tempo. Sostiene interrogatori, cerca avvocati e testimoni soltanto per riuscire a giustificare il suo delitto di "esistere". Ma come sempre avviene nella prosa di Kafka, la concretezza incisiva delle situazioni produce, su personaggi assolutamente astratti, il dispiegarsi di una tragedia di portata cosmica. E allora tribunale è il mondo stesso, tutto quello che esiste al di fuori di Josef K. è processo: non resta che attendere l'esecuzione di una condanna da altri pronunciata.

Il processo

Kafka Franz

Bandiere

Dopo "Vaticano Spa", "Sua santità", "Via crucis", tre inchieste che ci hanno introdotto nelle stanze e nei segreti più profondi del Vaticano, in questo nuovo libro Gianluigi Nuzzi ricompone, attraverso documenti inediti, carte riservate dell'archivio Ior e testimonianze sorprendenti, i tre fili rossi - quello del sangue, dei soldi e del sesso - che collegano e spiegano la fitta trama di scandali, dal pontificato di Paolo VI fino a oggi. Una ragnatela di storie dagli effetti devastanti, che hanno suscitato nel tempo interrogativi sempre rimasti senza risposta e che paralizzano ogni riforma di papa Francesco. L'autore ricostruisce molte verità che mancavano, a cominciare dal mistero della morte di papa Luciani...; la trattativa riservata tra Vaticano e procura di Roma per chiudere il caso Emanuela Orlandi; i conti di cardinali, attori, politici presso lo lor, tra operazioni milionarie, lingotti d'oro, fiumi di dollari e trame che portano al traffico internazionale di droga; l'evidenza di una lobby gay che condiziona pesantemente le scelte del Vaticano, tra violenze e pressioni perpetrate nei sacri palazzi e qui per la prima volta documentate. Ecco il "fuori scena" di un blocco di potere per certi aspetti criminale, ramificato, che continua ad agire impunito, più forte di qualsiasi papa (Ratzinger è stato costretto alle dimissioni aprendo però la strada a Bergoglio), sempre capace di rigenerarsi, che ostacola con la forza del ricatto e dei privilegi ogni tentativo di riforma.

Peccato originale

Nuzzi Gianluigi

RIDE AND PREJUDICE – Jane Austen