Narrativa

PRESAGIO TRISTE

Yoshimoto Banana

Descrizione: Cosa turba la serenita di Yayoi? Diciannove anni, Yayoi vive una vita apparentemente idilliaca in seno a una "famiglia felice della classe media che sembra uscita da un film di Spielberg", il giardino e ben curato, gli abiti perfettamente stirati, i fiori sempre freschi sul tavolo. Che cosa la inquieta? E' la sua sensibilita paranormale che le fa percepire presenze invisibili? E' l'incapacita a ricordare gli anni dell'infanzia, stranamente cancellati dalla sua memoria? O forse e il suo trasporto per Tetsuo che valica i limiti dell'affetto fraterno? Un presagio triste si insinua nell'armonia della vita di Yayoi. Un presagio che potrebbe trovare risposta in una casa molto diversa dalla sua, buia, dove il giardino e in perenne disordine e nessuno risponde quando squilla il telefono. In questa casa vive la zia di Yayoi, una donna sola sui trent'anni, insegnante di musica, bella ma trascurata e avvolta da un'ombra di malinconia. Yayoi intuisce che la zia e depositaria di un segreto, forse la chiave per illuminare i misteri della propria infanzia. Ma la zia sparisce senza lasciare tracce, e Yayoi parte alla sua ricerca. Una Banana Yoshimoto in stato di grazia. In puro stile "Kitchen".

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2003

ISBN: 9788807840227

Recensito da Stefania De Paolis

Le Vostre recensioni

Ha i contorni incerti ed evanescenti del sogno questo romanzo di Banana Yoshimoto, in cui i personaggi si muovono e agiscono delicati e malinconici, eterei e impalpabili, quasi dei fantasmi.

Come la giovane Yayoi, diciannovenne la cui vita apparentemente serena cela una certa inquietudine, un “triste presagio” generato dalla incapacità di ricordare la sua infanzia.

E come la zia Yukino, donna eccentrica e malinconica, che vive in una casa disordinata e triste, dove Yayoi si rifugia nel tentativo di trovare delle risposte.

Proprio in questa diversità Yayoi riscopre un senso di appartenenza, un’identità perduta. Quando Yukino scompare, Yayoi parte alla sua ricerca, accompagnata in questo viaggio da Masahiko, misterioso amico della zia, e da Tetsuo, il fratello per cui nutre un affetto particolare.

Si sente la mancanza di un finale più sorprendente, la tensione narrativa infatti cala nelle ultime pagine, e alcune situazioni, come pure gli strani rapporti amorosi, appaiono un po’ forzati.

L’atmosfera onirica e surreale, i personaggi rarefatti, le descrizioni idilliache e  la straordinaria scrittura evocativa dell’autrice, bastano  però a “riempire” questo romanzo che parla (come tutti i romanzi di Banana Yoshimoto) di morte e solitudine, di amicizia e libertà senza mai andare troppo a fondo negli eventi come nei sentimenti. Una scrittura in cui i toni sono contenuti e le emozioni sublimate, che vive di colori e musica e in cui “i suoni si possono anche vedere”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Banana

Yoshimoto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Yoshimoto Banana


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il destino può riservare incontri che cambiano la vita. Così è stato per Caterina, una studentessa universitaria con il fiuto per il mistero e il vizio della curiosità nella sua nuova amicizia con Rose, un’anziana vestita come una bambola e che serba in sé un segreto rimasto tale troppo a lungo. In un appartamento milanese dove il tempo sembra essersi fermato, tra bicchieri di vodka, domande e riflessioni, Rose narrerà a Caterina della sua vita in Galles, dall’infanzia all’adolescenza rubata, fino all’età adulta, divisa tra l’amore per un enigmatico pittore spagnolo e l’affettuoso rapporto con un ragazzo geniale. Sul filo della rivelazione di una verità sconvolgente, Rose terrà Caterina e il lettore con il fiato sospeso in una narrazione precisa, colta, appassionante.

Mi salvarono i colli del Galles

Premoli Elena

Echi di Nostalgia

Mita Feri

Una tragedia si consuma al Solitude Creek, un piccolo disco-pub nella penisola di Monterrey. Qualcuno grida “al fuoco!” e gli avventori, in preda al panico, si precipitano alle uscite, trovandole sbarrate. Il bilancio è di sei morti e di diversi feriti gravi. Tuttavia, a causare il disastro è stata la calca, non un incendio. Kathryn Dance, ottimo agente dell’FBI, capisce che la disgrazia è stata provocata di proposito e che il colpevole, un uomo intenzionato a servirsi delle paure delle persone per seminare il panico, è pronto a sferrare altri attacchi. L’agente Dance e il suo team devono intraprendere una pericolosa corsa contro il tempo prima che altri innocenti ne paghino le conseguenze.

Solitude Creek

Deaver Jeffery

Venezia 1894. Un incontro fortuito. 36 anni lei, 31 lui. Duse e d’Annunzio attraverseranno insieme 10 burrascosi anni. Un breve tratto, ma per entrambi capitale: sia perché, col tempo, il Vate si sarebbe ravveduto, rimpiangendola; sia perché quella con d’Annunzio è la sola convivenza della Diva che, sul viale del tramonto, parrà prediligere la compagnia di giovani donne. Questo narra la vulgata confermata da oltre un secolo. Se corrispondono al vero passione, tradimenti e umiliazioni, sono da ribaltare i ruoli: fu lui la vittima e lei il carnefice. È quanto emerge dai numerosi documenti, sottoposti a nuovo esame con un’avvertenza: a varare la favola dei divi amanti fu Gabriele per suo tornaconto.

Più che l’amore

Andreoli Annamaria