Fantascienza

Chiama tua madre

Barale Fabrizio

Descrizione: Siamo a Denver, è il 7 aprile 2052 quando ad Oscar Mianich, 70 enne burbero e abitudinario, viene diagnosticata una rara malattia che lo porterà, in poco tempo, a perdere la vista. Cosa lega il suo destino a quello di Anthony Peng, ricco e potente imprenditore? Probabilmente ciò che accomuna da sempre tutti gli umani sulla terra: la paura di andarsene senza aver lasciato un segno tangibile di sé. Nell'era in cui la rivoluzione digitale ha ormai cambiato radicalmente la quotidianità del genere umano, Anthony Peng brevetta un server in grado di custodire tutto ciò che vi confluisce dalla memoria di pc, tablet, smartphone di miliardi di utenti, un vero e proprio database grande milioni di gigabyte. In questo sterminato spazio dorme la nostra memoria e i nostri ricordi, l'esubero di informazioni che non riusciamo più a contenere nell'angusto spazio di un cellulare. Quanti scatti fotografici conta ogni giorno la camera del nostro smartphone? Quante di quelle cose che abbiamo filmato e memorizzato ci interessano davvero?

Categoria: Fantascienza

Editore: Santelli

Collana:

Anno: 2019

ISBN: 9788832040623

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Chiama tua madre

Sabato 12 ottobre all ore 18,30 si è svolta a Mondovì, presso la Libreria Lettera22, la presentazione del libro Chiama tua madre di Fabrizio Barale, con l’introduzione di Luca Lavagno.

Fabrizio Barale è musicista, ha lavorato con Ivano Fossati, e ha scritto, appunto, questo libro, un po’ distopico, un po’ esistenzialista, certamente intrigante ed appassionante.

Ambientato a Denver nel 2052, ha due protagonisti importanti: Oscar Mianich, un settantenne un po’ burbero, al quale viene diagnosticata una malattia degenerativa, che a breve lo renderà cieco. E poi c’è Anthony Peng, ricco e potente imprenditore nel campo dell’informatica. Un tratto comune lega indissolubilmente i due personaggi. Anche se all’apparenza è difficile crederlo. Cosa li accomuna? Il dover abbandonare di brutto questo mondo, senza aver lasciato qualcosa di sé, qualcosa che li ricordi a perenne desiderio. Che sia un figlio, un libro, un qualcosa che parli della loro esistenza in vita. Ebbene i due non hanno lasciato nulla. Hanno trascorso una vita sulla terra senza lasciare nulla di sé. O perlomeno questo è il motivo che angoscia le loro esistenze. E’ necessario, dunque, trovare il modo per raggiungere l’obiettivo e non sarà facile per i due.

Un libro sulla musica, che è anche la musicalità stessa del linguaggio che l’autore usa, e colpisce e trascina il lettore. Un romanzo presentato in un clima familiare molto caloroso e simpatico. Un testo che aiuta a riflettere e a meditare su quello che è il ruolo, la custodia dei ricordi all’interno di un universo in costante mutazione. Ha concluso e allietato la serata l’esecuzione di un brano di Ivano Fossati, reso magistrale dallo stesso Fabrizio Barale, tra gli applausi divertiti e coinvolti del pubblico presente.

Clicca qui per visualizzare la scheda del libro

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fabrizio

Barale

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barale Fabrizio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Presentazione del nuovo numero di Adès

Storia di Ciccio Pesce e dei suoi quattordici, quindici e sedici anni, un tempo letterario sufficiente a fare conoscenza con due asfissianti genitori che lo credono afflitto dalla sindrome di Asperger, con le sue quattro ragazze morte, con alcuni poliziotti e carabinieri che gli girano attorno senza che lui riesca a spiegarsene il motivo, con un’amica invisibile che ha occupato la sua testa e non c’è modo di sfrattarla, con uno zio erotomane che ha l’ossessione di battere un record che lo faccia entrare nel Guinness Book of Sexual Records. Francesco consiglia come cura un’unica compressa da 49.592 parole a base di eros e comicità, materie che hanno dimostrato di possedere una spiccata attività antidepressiva, stimolante e disinibitoria. Ingredienti: Emozioni primarie: rabbia, paura, tristezza, gioia. Emozioni secondarie: allegria, ansia, rassegnazione, gelosia, speranza. Indicazioni terapeutiche: Terapia sintomatica della noia acuta e cronica. Effetti indesiderati: Sono stati segnalati casi di Ilarità fatale (Fatal hilarity). Modalità d’uso: Si consiglia di assumerlo dopo una litigata con il partner o prima di un rapporto sessuale, con effetto stimolante.

LE MOLECOLE AFFETTUOSE DEL LECCA LECCA

Consiglio Francesco

La narrazione di "I guardiani del destino" si snoda attorno alla vicenda surreale di Eddie Fletcher, agente immobiliare la cui esistenza viene sconvolta dalla scoperta che la realtà è solo un meccanismo continuamente modificato e riplasmato da alcuni 'guardiani' potenti e misteriosi, che vivono al di fuori del pianeta. Philip K. Dick affronta qui uno dei temi portanti della sua produzione letteraria, il rapporto tra realtà oggettiva e realtà soggettiva, e lo fa con quella potenza visionaria che ne ha fatto uno degli autori da cui il cinema ha tratto maggiore ispirazione. Questa antologia raccoglie anche gli altri racconti brevi di Philip K. Dick trasposti in pellicole cinematografiche, ossia "Next" (2007), "Paycheck" (2003), "Impostor" (2002), "Minority Report" (2002), "Screamers. Urla dallo spazio" (1995) e "Atto di forza" (1990). Un'occasione per accostarsi a un autore che, ancora oggi, è capace di metterci di fronte a rilevanti quesiti sul senso della nostra esistenza e sul nostro modo di leggere la realtà.

I guardiani del destino e altri racconti

Dick Philip K.