Fantascienza

Chiama tua madre

Barale Fabrizio

Descrizione: Siamo a Denver, è il 7 aprile 2052 quando ad Oscar Mianich, 70 enne burbero e abitudinario, viene diagnosticata una rara malattia che lo porterà, in poco tempo, a perdere la vista. Cosa lega il suo destino a quello di Anthony Peng, ricco e potente imprenditore? Probabilmente ciò che accomuna da sempre tutti gli umani sulla terra: la paura di andarsene senza aver lasciato un segno tangibile di sé. Nell'era in cui la rivoluzione digitale ha ormai cambiato radicalmente la quotidianità del genere umano, Anthony Peng brevetta un server in grado di custodire tutto ciò che vi confluisce dalla memoria di pc, tablet, smartphone di miliardi di utenti, un vero e proprio database grande milioni di gigabyte. In questo sterminato spazio dorme la nostra memoria e i nostri ricordi, l'esubero di informazioni che non riusciamo più a contenere nell'angusto spazio di un cellulare. Quanti scatti fotografici conta ogni giorno la camera del nostro smartphone? Quante di quelle cose che abbiamo filmato e memorizzato ci interessano davvero?

Categoria: Fantascienza

Editore: Santelli

Collana:

Anno: 2019

ISBN: 9788832040623

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Chiama tua madre

Sabato 12 ottobre all ore 18,30 si è svolta a Mondovì, presso la Libreria Lettera22, la presentazione del libro Chiama tua madre di Fabrizio Barale, con l’introduzione di Luca Lavagno.

Fabrizio Barale è musicista, ha lavorato con Ivano Fossati, e ha scritto, appunto, questo libro, un po’ distopico, un po’ esistenzialista, certamente intrigante ed appassionante.

Ambientato a Denver nel 2052, ha due protagonisti importanti: Oscar Mianich, un settantenne un po’ burbero, al quale viene diagnosticata una malattia degenerativa, che a breve lo renderà cieco. E poi c’è Anthony Peng, ricco e potente imprenditore nel campo dell’informatica. Un tratto comune lega indissolubilmente i due personaggi. Anche se all’apparenza è difficile crederlo. Cosa li accomuna? Il dover abbandonare di brutto questo mondo, senza aver lasciato qualcosa di sé, qualcosa che li ricordi a perenne desiderio. Che sia un figlio, un libro, un qualcosa che parli della loro esistenza in vita. Ebbene i due non hanno lasciato nulla. Hanno trascorso una vita sulla terra senza lasciare nulla di sé. O perlomeno questo è il motivo che angoscia le loro esistenze. E’ necessario, dunque, trovare il modo per raggiungere l’obiettivo e non sarà facile per i due.

Un libro sulla musica, che è anche la musicalità stessa del linguaggio che l’autore usa, e colpisce e trascina il lettore. Un romanzo presentato in un clima familiare molto caloroso e simpatico. Un testo che aiuta a riflettere e a meditare su quello che è il ruolo, la custodia dei ricordi all’interno di un universo in costante mutazione. Ha concluso e allietato la serata l’esecuzione di un brano di Ivano Fossati, reso magistrale dallo stesso Fabrizio Barale, tra gli applausi divertiti e coinvolti del pubblico presente.

Clicca qui per visualizzare la scheda del libro

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fabrizio

Barale

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barale Fabrizio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Le videopoesie di Massimo Rotundo

Firenze, 1497. Pico della Mirandola è morto e con lui il suo sogno di unificare le religioni monoteistiche. Restano soltanto i roghi: a bruciare beni terreni e a incendiare le coscienze è Girolamo Savonarola, che ora governa la repubblica fiorentina col ferro e con il fuoco perché il sogno di Pico soffochi e scompaia per sempre. Ed è ciò che vogliono anche i Borgia, che dal soglio papale di una Roma affogata nel vizio e nei delitti muovono oscure trame di congiura e di conquista. Il sogno di papa Alessandro VI e di Cesare, figlio prediletto e maledetto, è di rendere il papato una dinastia. E perché ciò avvenga, l’autorità della religione cristiana non può essere minata in alcun modo. Nel cuore di questi conflitti, l’erede del pensiero di Pico, Ferruccio de Mola, è costretto a combattere ancora una volta, per salvare ciò che gli è più caro: la moglie Leonora. Soltanto lui, anche contro la propria volontà, può impedire che un mondo intero crolli su se stesso. Perché dal lontano Oriente, un anziano monaco e una giovane donna hanno intrapreso un viaggio che li condurrà nel cuore della città eterna. E portano con loro anche un libro misterioso, antico e potente. Un libro che contiene una parola dimenticata, una verità da sempre nascosta con la forza. La verità dell’uomo più importante dell’intera storia umana.

L’ERETICO

Martigli Carlo A.

Inghilterra, 1915. Come ogni mattina, Julia compie i rituali dell’attesa: lucida la casa alla perfezione, indossa l’abito più elegante che possiede e si acconcia i capelli, accorda il violoncello e poi si siede alla finestra. E aspetta. Aspetta che la promessa venga mantenuta, che suo marito Peter torni dal fronte. Anche Nadine aspetta, ripensando a quell’amore tenero e spensierato sbocciato a Londra, sotto la neve d’inverno. Quello che prova per Riley è un amore impossibile, contrastato aspramente dai genitori di Nadine. Ed è proprio per conquistarli che Riley è partito per il fronte, quella guerra lampo che, dicevano tutti, sarebbe durata soltanto un inverno. Ma l’inverno si era sbagliato. Rose non ha tempo di aspettare. Infermiera in prima linea nel conflitto, ha visto troppi uomini feriti nel corpo quanto nell’anima aspettare soltanto una cosa, la morte. E c’è un filo sottile, fragile e capriccioso, fatto di messaggi dalla trincea, che Rosa ha visto troppe volte spezzarsi. Julia, Nadine e Rosa sanno che questa maledetta guerra è una lunga attesa, ma unite dalla medesima determinazione e dall’imprevedibilità del destino scopriranno che quest’attesa può essere interrotta solo in un modo: con il coraggio dei loro cuori.

L’INVERNO SI ERA SBAGLIATO

Louisa Young

Andrea Pessina, un poeta milanese si racconta