Giallo - thriller - noir

IL PREZZO DELLA BELLEZZA

Teruzzi Rosa

Descrizione:

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Rusconi

Collana: Narrativa Rusconi

Anno: 2013

ISBN: 9788818030112

Trama

Le Vostre recensioni

Esplode una fiammante Porsche. Al suo posto resta un cratere, le finestre delle case sono in frantumi, il cancello vicino è divelto. Tra le macerie campeggia una scritta: “Avanti il prossimo…”.

È mattina presto e i primi giornalisti che arrivano sono Irene, cronista di nera de La Città, e Angelo, fotografo.

Tra i rottami si delinea un intreccio degno dei migliori romanzi gialli.

L’automobile era di Edoardo Pincio, rinomato chirurgo plastico, e Irene collega l’attentato alle tre lettere ricevute in redazione qualche giorno prima. Erano state firmate infatti dalle fantomatiche Brigate Antisilicone e minacciavano “i chirurghi estetici, avidi macellai, dispensatori di false illusioni, bastardi prezzolati”.

La giornalista veste i panni di commissario e inizia un’indagine personale grazie al suo dono, un sesto senso che le permette di entrare in empatia con le persone che sfiora.

Irene è l’indiscussa protagonista della storia e tutta la vicenda scorre secondo il suo punto di vista. Con lei conosciamo le ansie dei personaggi, donne e uomini vittime delle pressioni della società odierna che schiaccia i deboli per problemi di sussistenza ma condiziona anche i vincenti con regole di perfezione fagocitanti.

Il romanzo ricorda la moderna tradizione poliziesca francese, con i forti riferimenti al vissuto sociale, con i problemi di integrazione di Uang, cinese immigrato senza arte né parte, con le ambientazioni urbane grottesche, come il parco trasformato in orto da Romina, exmondina ultraottantenne.

Sul vertice della piramide campeggiano uomini insulsi e donne di gomma che pagano inesorabilmente il prezzo della loro (ma sarà vera?) bellezza.

Nelle vicende personali di Irene però si avverte un barlume di speranza, un’ancora di salvezza. Basterebbe abbandonarsi ai sentimenti sopiti sotto le macerie dell’esistenza per ritrovare la vita autentica.

Ora camminano fianco a fianco. Senza toccarsi, Irene la percepisce, l’onda tiepida di gioia che lui sparge intorno. E sente che l’amore è proprio questo: non il teorema cervellotico di una canzone da hit parade. Non la passione disperata di certe piccole melò. Ma la possibilità di essere se stessi, perfetti come si è, con la persona perfetta in quel momento. Senza bisogno di parole.”

Questa sì che è una bella bomba!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rosa

Teruzzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Teruzzi Rosa

Un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per "cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese". Tanto deve infatti aspettare Florentino Aziza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. La cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce ma viene accresciuto dagli anni, superando tutti gli ostacoli. Una storia d'amore e di speranza con la quale, per una volta, Márquez abbandona la sua abituale inquietudine e il suo impegno di denuncia sociale, per raccontare un'affascinante epopea di passione e di ottimismo. Un romanzo atipico e splendido da cui emergono il gusto intenso per una narrazione corposa e fiabesca, le colorate descrizioni dell'assolato Caribe e della sua gente.

L’amore ai tempi del colera

Márquez Gabriel García

De Amicis, Edmondo – IL PICCOLO PATRIOTA PADOVANO

Erri De Luca e la scoperta della musica. La musica della scrittura, certo, ma anche la musica che si ascolta, che colma le nostre giornate, la musica che si canta. Questa "musica provata" comincia sui banchi del liceo con il celebre invito omerico alla musa "cantami o diva del pelide Achille", con la Napoli delle canzoni ottocentesche, con Ciccio Formaggio, con le incisioni beethoveniane di Arturo Toscanini, e prosegue dentro i canti di Pete Seeger negli anni Sessanta, Il disertore di Boris Vian, le canzoni scritte o rimaneggiate insieme all'amico Gian Maria Testa, l'armonica di Mauro Corona. Ci sono le bombe di Sarajevo e la memoria dei canti della fatica, quelli legati alla terra, quelli legati al lavoro operaio, c'è la musica di Stefano Di Battista e la voce di Nicky Nicolai. C'è il Mediterraneo. C'è tutta una vita che prova a intonare la voce.

La musica provata

De Luca Erri

Gabriele ha lavorato tanto per arrivare in cima, da cameriere a proprietario di una catena di alberghi di lusso. E ora che è a un passo dal traguardo, il matrimonio con una ricca ereditiera, è disposto a tutto, anche a uccidere la donna che ama. Filippo ha solo la sua famiglia, una moglie e una figlia che adora, per cui ha messo finalmente la testa a posto. Ma proprio per garantire loro un futuro migliore è costretto a sporcarsi le mani. Marco è sempre stato un debole, succube di un padre padrone, non ha mai scelto nulla nella sua vita, neanche il lavoro in polizia. Solo l'omicidio di sua sorella riesce a scuoterlo dal torpore, ma lo metterà di fronte a una parte di se stesso che lo terrorizza. Tre uomini, tre destini che si intrecciano lungo la discesa verso un luogo dove non ci sono vincitori: l'inferno.

L’uomo nero

Poldelmengo Luca