Saggi

Prima lezione di diritto penale

Fiandaca Giovanni

Descrizione: Che cosa va punito? In che modo? Con quali obiettivi? Come dobbiamo intendere la responsabilità e la colpa? Questioni come queste sono strettamente correlate ai mutevoli contesti politico-ideologici, alle tendenze culturali, all'evoluzione del pensiero filosofico e anche ai paradigmi elaborati dalle scienze. Il libro offre un quadro dei temi e dei problemi di fondo del diritto penale contemporaneo, sottolineando il rapporto di forte tensione, e in alcuni casi di contraddizione, tra i principi che dovrebbero conformare un diritto penale liberaldemocratico degno di questo nome e il concreto diritto penale che viene applicato nei tribunali.

Categoria: Saggi

Editore: Laterza

Collana: Universale Laterza

Anno: 2017

ISBN: 9788858126769

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Giovanni Fiandaca, Prima lezione di diritto penale

“La pena odierna somiglia a un edificio più volte ristrutturato e con corpi aggiunti, in cui le parti nuove, pur sovrapponendosi a quelle vecchie, lasciano ancora intravedere i segni di stili preesistenti.”

Una riflessione intorno al diritto penale, tema complesso e specialistico, è, nel nostro periodo storico, particolarmente spinosa. All’interno di una società in cui aleggia e circola – à la Bauman – il demone della paura, in cui l’informazione, la cronaca, i fatti, reali e non, circolano sul web a velocità incontrollabili, la sensazione di sentirsi in pericolo sempre e ovunque è prodotta sistematicamente da organi, sembrerebbe, costituiti solo a tale compito. Verrebbe da dire che dagli anni del divertimento sfrenato si è velocemente passati agli anni del terrore sfrenato, a volte giustificato, altre volte meno: terrorismo, violenze, stupri, immigrazioni incontrollate, omicidi in nome dell’ “amore”; caos. Un caos ancor più terribile se si tiene conto che verte su un istinto primordiale, atavico: quello di sopravvivenza.

In uno scenario simile, come è possibile constatare dai commenti presenti in molte testate giornalistiche online, chiunque si sente in diritto – perdonate il gioco di parole – di sentenziare sul diritto penale, di chiedere a gran voce un “inasprimento delle pene”, la “certezza della pena”, o semplicemente sente l’esigenza di giudicare grossolanamente in negativo il sistema giuridico. Cosa occorrerebbe dunque? Senza troppo sprofondare in discorsi sociologici, filosofici o politici – essenziali, ma che lasciamo ad altre sedi, per ora – diremmo sicuramente che necessitiamo di una reale riflessione, di un intellettuale specialista che parli e riporti al centro la questione. È ciò che ha fatto l’illustre professore dell’Università di Palermo Giovanni Fiandaca, ex membro del Consiglio Superiore della Magistratura, in Prima lezione di diritto penale, edito per Laterza. “Questo libretto […] si propone di favorire una presa di contatto con la materia dei delitti e delle pene meno superficiale ed emotiva di quella che tende a prevalere nelle discussioni e nelle rappresentazioni mediatiche correnti”, scrive Fiandaca. Si sbaglia chi crede che possa essere considerato alla stregua di un manualetto di diritto penale; piuttosto è un volumetto che permette di riflettere su temi annosi e complessi dall’interno. Qual è il significato reale di pena? Bisogna ricercare un atto punitivo che vada a favore della società o della singola persona? Quanto può una legge, realmente, fornire un deterrente? Qual è il senso di una particolare tipologia di pena? Ma soprattutto, quali sarebbero gli effetti reali e pratici di una legge che aggiunga un particolare delitto o un atto punitivo? Queste sono alcune delle domande a cui non è facile rispondere per chi non è addentro alla materia, ma che dobbiamo tener presenti quando decidiamo di dire la nostra opinione. Scelte di poco differenti possono avere implicazioni importanti nella vita delle persone, nelle nostre vite.

Prima lezione di diritto penale è un volumetto breve, essenziale, scritto in un chiaro linguaggio divulgativo anche se, giustamente, relativamente complesso e articolato. Emergono i problemi, le falle, le divergenze di un diritto penale risultato di diritti secolari e di anni di aggiustamenti, argini, modifiche, senza mai davvero una riscrittura a partire dalla contemporaneità e dalle nuove esigenze. Emblematica la scelta dell’intitolazione dei cinque capitoli più l’epilogo: Tra punizione e riparazione, Tra crimini e bagatelle, Tra oggettivo e soggettivo, Tra legge e giudice, Tra dritto penale e scienze, Tra presente e futuro; è sempre l’aspetto dialettico a emergere, unico fondamentale.

È un libro anche urgente ed essenziale. Non possiamo più nascondere o svalorizzare gli effetti che la paura sta producendo nella popolazione. La politica populista, che per definizione esalta in modo demagogico il popolo come custode di valori totalmente positivi, continua ad accrescere e ad alimentare la paura, che per riflesso va a incidere su ogni aspetto della nostra quotidianità. Cosa succederebbe se si iniziasse – ipotesi per nulla lontana – a legiferare in nome della paura? Ricordiamo che è il sonno della ragione a generare mostri, come direbbe Francisco Goya, e i mostri generano paura. Se la storia davvero insegna qualcosa, allora è chiaro che se la paura arrivasse al potere, gli effetti sarebbero disastrosi. Solo la conoscenza, la riflessione, l’intelligenza può permetterci di affrontarla, e di affrontare i temi ad essa relativi, nel migliori dei modi. Giovanni Fiandaca, nell’ambito specialistico del diritto penale, ci ha fornito un esempio splendido, e la sua Prima lezione può far nascere un vero momento dialettico fra gli esperti e chiunque voglia mettersi in discussione.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giovanni

Fiandaca

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fiandaca Giovanni

Jonah ha una famiglia a dir poco difficile. Ha due genitori quasi assenti, che non ricordano più perché stanno insieme e a malapena riescono a tenere le fila di un matrimonio che sta rovinando la loro vita e quella dei figli. E ha due fratelli: Will, di pochi mesi, che piange incessantemente, e Jesse, di 16 anni. Il rapporto tra Jonah e Jesse va ben al di là dell'amore fraterno. Sì, perché Jonah è l'angelo custode di Jesse, colui che ogni giorno lo salva da morte sicura per soffocamento. Jesse soffre infatti di gravi allergie alimentari, soprattutto al latte e, dato che Will è ancora un poppante, Jesse non è mai al sicuro, nemmeno in casa. I suoi attacchi sono violenti, terribili, devastanti, tanto da spedirlo in ospedale. Jonah non può permettersi di perderlo mai di vista: controlla tutto ciò che mangia, tocca, respira. Si assicura anche che quella sbadata di sua madre non allatti Will e poi tocchi il fratello. Ogni volta che il cellulare squilla, il cuore di Jonah parte al galoppo per la paura che Jesse sia in fin di vita. Jonah vuole essere più forte, ha bisogno di essere più forte, per sorreggere una famiglia sull'orlo del baratro, per sostenere un fratello che rischia di morire ogni giorno, per non cedere al raptus omicida nei confronti di un bebè che riduce a brandelli i nervi di tutti. Rompersi le ossa e guarire è l'unico modo che Jonah conosce per rinforzarsi. Perché chiunque sa che un osso fratturato ha il potere di curarsi da solo e di ricrescere più forte, rinvigorito. E il primo pensiero di Jonah ogni mattina è quello di escogitare nuovi metodi per raggiungere lo scopo nella maniera più veloce ed efficace possibile. La sua è una storia di autodistruzione per amore. Dita, gomiti, femori, costole: il conto è minuziosamente riportato. E' un'impresa metodica. Una scarica di adrenalina, poi il dolore, intenso, nauseante. Un libro crudo e provocatorio, che descrive con realismo una forma estrema di autolesionismo. La storia di un ragazzo raccontata da una sedicenne: è sorprendente come la giovane scrittrice sia stata in grado di ricostruire le dinamiche psicologiche di un adolescente. Titolo originale: ''Break'' (2009).

BREAK. OSSA ROTTE

Moskowitz Hannah

Il libro che dava inizio alla saga di Arturo Bandini. Un commosso, divertito ritratto di una famiglia italo-americana e del suo disperato tentativo di integrazione. Con l'introduzione di Niccolò Ammaniti.

Aspetta primavera, Bandini

Fante John

Milano, 2014. Valerio ha ventisette anni e una vita vuota e vive in un monolocale su cui aleggia la presenza del precedente proprietario: lo zio Willy, morto in odore di satanismo, che si dice avesse accumulato un tesoro mai ritrovato. Per guadagnare qualcosa, Valerio affitta l’appartamento per brevi periodi. Ha però un vizio: entrare in casa di nascosto dai suoi ospiti, per curiosare fra i loro oggetti e immergersi con la fantasia in esistenze diverse dalla sua. Una di loro, la bella ed enigmatica Viola, lo colpisce al cuore. I due si confidano, sembra nascere qualcosa; poi Viola scompare lasciandogli la speranza di tornare da lui, un giorno. Ma Viola è una donna sposata e in fuga dal marito, e forse il suo passaggio dalla casa di Valerio non è stato casuale. Che c’entri in qualche modo la leggenda del tesoro dello zio Willy? Ma com’è possibile? Per Valerio comincia un viaggio alla ricerca della donna, che dalle strade di Milano lo porta al Rio delle Amazzoni, un viaggio in cui fra scoperte dolorose e squarci di inattesa felicità, la sua vita precaria cambierà per sempre. Un libro dove i fondamenti della narrazione romanzesca (il denaro, l’amore, l’avventura, il mistero, la comicità) catturano il lettore e si fondono nel ritratto di un personaggio vero e tenerissimo. E di una generazione derubata del proprio futuro e costretta a inventarsi il presente ogni giorno, con rabbia ma anche con ironia.

Sempre più vicino

Montanari Raul

Non hanno neanche il tempo di fare conoscenza, i nuovi investigatori del commissariato di Pizzofalcone. Mandati a sostituire altri poliziotti colpevoli di un grave reato, devono subito affrontare un delicato caso di omicidio nell'alta società. Le indagini vengono affidate all'uomo di punta della squadra, l'ispettore Giuseppe Lojacono, siciliano con un passato chiacchierato ma reduce dal successo nella caccia a un misterioso assassino, il Coccodrillo, che per giorni ha precipitato Napoli nel terrore. E mentre Lojacono, assistito dal bizzarro agente scelto Aragona, si sposta tra gli appartamenti sul lungomare e i circoli nautici della città, squassata da una burrasca fuori stagione, i suoi colleghi Romano e Di Nardo cercano di scoprire come mai una giovane, bellissima ragazza non esca mai di casa, e il vecchio Pisanelli insegue la propria ossessione per una serie di suicidi sospetti.

I bastardi di Pizzofalcone

De Giovanni Maurizio