Saggi

Prima lezione di diritto penale

Fiandaca Giovanni

Descrizione: Che cosa va punito? In che modo? Con quali obiettivi? Come dobbiamo intendere la responsabilità e la colpa? Questioni come queste sono strettamente correlate ai mutevoli contesti politico-ideologici, alle tendenze culturali, all'evoluzione del pensiero filosofico e anche ai paradigmi elaborati dalle scienze. Il libro offre un quadro dei temi e dei problemi di fondo del diritto penale contemporaneo, sottolineando il rapporto di forte tensione, e in alcuni casi di contraddizione, tra i principi che dovrebbero conformare un diritto penale liberaldemocratico degno di questo nome e il concreto diritto penale che viene applicato nei tribunali.

Categoria: Saggi

Editore: Laterza

Collana: Universale Laterza

Anno: 2017

ISBN: 9788858126769

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Giovanni Fiandaca, Prima lezione di diritto penale

“La pena odierna somiglia a un edificio più volte ristrutturato e con corpi aggiunti, in cui le parti nuove, pur sovrapponendosi a quelle vecchie, lasciano ancora intravedere i segni di stili preesistenti.”

Una riflessione intorno al diritto penale, tema complesso e specialistico, è, nel nostro periodo storico, particolarmente spinosa. All’interno di una società in cui aleggia e circola – à la Bauman – il demone della paura, in cui l’informazione, la cronaca, i fatti, reali e non, circolano sul web a velocità incontrollabili, la sensazione di sentirsi in pericolo sempre e ovunque è prodotta sistematicamente da organi, sembrerebbe, costituiti solo a tale compito. Verrebbe da dire che dagli anni del divertimento sfrenato si è velocemente passati agli anni del terrore sfrenato, a volte giustificato, altre volte meno: terrorismo, violenze, stupri, immigrazioni incontrollate, omicidi in nome dell’ “amore”; caos. Un caos ancor più terribile se si tiene conto che verte su un istinto primordiale, atavico: quello di sopravvivenza.

In uno scenario simile, come è possibile constatare dai commenti presenti in molte testate giornalistiche online, chiunque si sente in diritto – perdonate il gioco di parole – di sentenziare sul diritto penale, di chiedere a gran voce un “inasprimento delle pene”, la “certezza della pena”, o semplicemente sente l’esigenza di giudicare grossolanamente in negativo il sistema giuridico. Cosa occorrerebbe dunque? Senza troppo sprofondare in discorsi sociologici, filosofici o politici – essenziali, ma che lasciamo ad altre sedi, per ora – diremmo sicuramente che necessitiamo di una reale riflessione, di un intellettuale specialista che parli e riporti al centro la questione. È ciò che ha fatto l’illustre professore dell’Università di Palermo Giovanni Fiandaca, ex membro del Consiglio Superiore della Magistratura, in Prima lezione di diritto penale, edito per Laterza. “Questo libretto […] si propone di favorire una presa di contatto con la materia dei delitti e delle pene meno superficiale ed emotiva di quella che tende a prevalere nelle discussioni e nelle rappresentazioni mediatiche correnti”, scrive Fiandaca. Si sbaglia chi crede che possa essere considerato alla stregua di un manualetto di diritto penale; piuttosto è un volumetto che permette di riflettere su temi annosi e complessi dall’interno. Qual è il significato reale di pena? Bisogna ricercare un atto punitivo che vada a favore della società o della singola persona? Quanto può una legge, realmente, fornire un deterrente? Qual è il senso di una particolare tipologia di pena? Ma soprattutto, quali sarebbero gli effetti reali e pratici di una legge che aggiunga un particolare delitto o un atto punitivo? Queste sono alcune delle domande a cui non è facile rispondere per chi non è addentro alla materia, ma che dobbiamo tener presenti quando decidiamo di dire la nostra opinione. Scelte di poco differenti possono avere implicazioni importanti nella vita delle persone, nelle nostre vite.

Prima lezione di diritto penale è un volumetto breve, essenziale, scritto in un chiaro linguaggio divulgativo anche se, giustamente, relativamente complesso e articolato. Emergono i problemi, le falle, le divergenze di un diritto penale risultato di diritti secolari e di anni di aggiustamenti, argini, modifiche, senza mai davvero una riscrittura a partire dalla contemporaneità e dalle nuove esigenze. Emblematica la scelta dell’intitolazione dei cinque capitoli più l’epilogo: Tra punizione e riparazione, Tra crimini e bagatelle, Tra oggettivo e soggettivo, Tra legge e giudice, Tra dritto penale e scienze, Tra presente e futuro; è sempre l’aspetto dialettico a emergere, unico fondamentale.

È un libro anche urgente ed essenziale. Non possiamo più nascondere o svalorizzare gli effetti che la paura sta producendo nella popolazione. La politica populista, che per definizione esalta in modo demagogico il popolo come custode di valori totalmente positivi, continua ad accrescere e ad alimentare la paura, che per riflesso va a incidere su ogni aspetto della nostra quotidianità. Cosa succederebbe se si iniziasse – ipotesi per nulla lontana – a legiferare in nome della paura? Ricordiamo che è il sonno della ragione a generare mostri, come direbbe Francisco Goya, e i mostri generano paura. Se la storia davvero insegna qualcosa, allora è chiaro che se la paura arrivasse al potere, gli effetti sarebbero disastrosi. Solo la conoscenza, la riflessione, l’intelligenza può permetterci di affrontarla, e di affrontare i temi ad essa relativi, nel migliori dei modi. Giovanni Fiandaca, nell’ambito specialistico del diritto penale, ci ha fornito un esempio splendido, e la sua Prima lezione può far nascere un vero momento dialettico fra gli esperti e chiunque voglia mettersi in discussione.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giovanni

Fiandaca

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fiandaca Giovanni


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Si può sparire nel nulla a undici anni? Si può far pagare a un bambino per le colpe degli adulti? No che non si può, pensa il commissario Sergio Striggio al suo primo incarico a Bolzano. Ha chiesto lui di essere mandato in una sede abbastanza lontana da Bologna – ma non troppo, perché nella sua città natale vive ancora l’anziano padre, da poco rimasto vedovo per la seconda volta. Per i due uomini è giunto il momento di riaprire un contenzioso antico: Pietro, che è stato a sua volta poliziotto, non perdona al figlio di averlo voluto imitare. Aveva per lui una prospettiva diversa, e ora tra loro si è insinuato il peso di tutte le cose che non sono mai riusciti a dirsi veramente. La ricerca del bambino scomparso per il commissario Striggio è qualcosa di più che lavoro: diventerà ben presto un viaggio dentro se stesso, in cui fare i conti con la sua identità. Perché al centro di ogni indagine c’è un punto oscuro, e nell’animo di ogni indagatore un luogo inesplorato.

Del dirsi addio

Fois Marcello

Carla ha quasi quarant'anni, un compagno praticamente perfetto, un lavoro stimolante e un certo fascino. Ma non riesce ad avere un figlio. E per una come lei, abituata a centrare l'obiettivo, il senso di fallimento brucia senza consumarsi. Perché l'ossessione della maternità si può affinare al punto da dare dipendenza. Accade a molte delle donne che Carla incontra quando decide di tentare la fecondazione assistita. Tutte stanno in fila, mese dopo mese, per eseguire lo stesso rituale: gli ormoni, il pick-up, il transfer, l'attesa. Conoscono il proprio corpo e i suoi segnali con una precisione maniacale. Usano un oscuro gergo da iniziate. Perché loro non aspettano un bambino, «fanno la cova», non rimangono incinte, «s'incicognano». Mentre a forza di medicine si gonfiano come galline d'allevamento, le donne «difettose » si sfogano, si danno conforto, nelle sale ospedaliere o nelle chat. Nel suo viaggio alla ricerca della maternità, e di una forma di saggezza che pare sempre scivolarle fra le dita, Carla può contare su di loro, ma anche su due guide spirituali d'eccezione: Seneca, oggetto dei suoi studi di latinista, e nonna Rina, che prima di diventare solida come una quercia era stata fragile come un albero rinsecchito. Nonostante persino la Bibbia sia piena di vecchie sterili che all'improvviso riescono a procreare, Carla forse deve mettersi in testa che un figlio non è un diritto, come le dice Marco, il suo compagno, con quella sua franchezza generosa e un po' leggera. Un esordio intelligente e lieve che racconta la speranza della maternità, e in cui il chiacchiericcio cosí vero di tante femmine energiche, sconsolate o allegre, ci restituisce una realtà complessa, lasciandoci perennemente in bilico tra divertimento e commozione.

LE DIFETTOSE

Mazzoni Eleonora

Il bugiardo patologico, il parassita, l’altruista, l’uomo del mistero: sono solo alcuni dei manipolatori psicologici, quelli che le donne incontrano ogni giorno e che le trasformano in vittime di molestie, stalking e talvolta peggio. L’autrice analizza i 10 profili più diffusi, il comportamento, le peculiarità, attraverso le testimonianze delle vittime; ne riassume le caratteristiche principali e spiega come non cadere nella loro trappola.

Il manipolatore affettivo e le sue maschere

Mammoliti Cinzia

È il 2 maggio del 1945. Martin Bormann, braccio destro di Adolf Hitler, scompare per le strade di Berlino durante l'avanzata sovietica. Vent'anni dopo, fonti prossime alla CIA lo identificano come Martin Weisberg, finanziatore eccentrico e pacifista della rock band The Love's White Rabbits vicina al Movimento radicale. Da qui ha inizio una caccia all'uomo che coinvolgerà settori deviati dei servizi segreti americani e israeliani, uno scovanazisti italiano, un attore cieco fan di Charles Bronson, un reduce dal Vietnam fuori di testa. La vicenda è ambientata prevalentemente negli Stati Uniti, con incursioni fra Città del Guatemala, Singapore, Saigon. Sullo sfondo il clima esplosivo dell'estate del '68. Storia, cronaca e finzione si rincorrono fondendosi dalla prima all'ultima pagina di questo originale romanzo dal ritmo incalzante e dal finale al cardiopalma. Così accade che una spia in gonnella semini il Caos. Uno scheletro sia perdutamente innamorato di Anita Garibaldi. Una chitarra racconti la Beat generation. Una scultrice plasmi marijuana e hashish. Uno spietato killer del Mossad adori indossare scarpe rosa coi tacchi a spillo. E mentre scorrono fiumi di limonata all'LSD, esplode la questione nera, le università sono in rivolta, la musica psichedelica spopola tra i giovani e gli agenti dell'FBI reprimono le proteste.

Quando le chitarre facevano l’amore

Mazzoni Lorenzo