Letteratura americana

PROMESSI VAMPIRI

Fantaskey Beth

Descrizione: Un liceo, una ragazza e un vampiro irresistibile: non troppo originale come inizio per un romanzo, si potrebbe pensare. Tuttavia questo libro lascia l'orda di fan di Twilight interdetta sin dall'inizio. Jessica Packwood, una semplice liceale patita di matematica, entra nel panico quando, a pochi mesi dal suo diciottesimo compleanno, un ragazzo rumeno, Lucius Vladescu, compare sulla sua soglia per informarla che lui e lei sono entrambi vampiri (appartenenti alle due più potenti e rivali famiglie) e sono promessi sposi sin dalla nascita. Come se non bastasse, i suoi genitori adottivi confermano la versione del ragazzo, ribadendo che anche i suoi veri genitori fossero, di fatto, dei vampiri. Lucius inizia un corteggiamento serrato nei confronti della sua promessa, ma dopo essere stato rifiutato più volte, rivolge le sue attenzioni verso la bellissima cheerleader della scuola. Jessica si trova così a dover lottare per riconquistare il suo principe, evitare una guerra fra vampiri e salvare l'anima del suo Lucius dalla dannazione eterna. Titolo originale: ''Jessica's Guide to Dating on the Dark Side'' (2009).

Categoria: Letteratura americana

Editore: Giunti

Collana: Giunti Tascabili

Anno: 2010

ISBN: 9788809786233

Trama

Le Vostre recensioni

Quando si prepara una pietanza gli ingredienti vanno scelti e amalgamati con cura: così il risultato avrà un sapore caratteristico che supera i singoli aromi. Questo è quello che succede nei romanzi di Beth Fantaskey.

C’è un po’ di tutto: un vampiro predestinato a regnare, Lucius Vladescu, che si innamora di una ragazza che diventerà un vampiro se lo sposerà. La giovane americana, Jessica Packwood, è in realtà di origini rumene e il suo nome d’origine è Antanasia Dragomir.

Lucius ricorda molto da vicino il protagonista della saga di Twilight, Edward Cullen: ama la musica classica, è colto e sempre elegante. Conosce l’etichetta, è galante e terrificante all’occorrenza. Jessica invece si veste con jeans e maglietta, ama cavalcare, aiuta i suoi nella fattoria. Ha una bellezza  acqua e sapone che fa pensare a Bella, la giovane amata da Cullen.

I ragazzi sono i discendenti di due dinastie rivali (shakespeariana memoria!): i nobili Vladescu, chiusi nel loro tetro e mastodontico castello, e i decaduti Dragomir, che per sopravvivere hanno trasformato la loro casa in un museo.

Antanasia e Lucius restano orfani da piccoli, perché i genitori cadono vittime della guerra sanguinaria che sta decimando le loro famiglie (proprio come il famoso maghetto di Hogwarts). La lotta può finire grazie a un antico patto: i due si sarebbero sposati una volta raggiunta la maggiore età.

Nel frattempo Jessica vive una vita tranquilla con i genitori adottivi in Pennsylvania. Ancora non è una donna vampiro e non sa nulla del suo passato.

Ma un giorno Lucius si presenta a reclamare la sua sposa, Antanasia. In ballo non c’è solo l’amore, perché dalla loro unione dipenderà la pace del paese in cui dovrebbero tornare a vivere e da cui proviene lui.

Inizialmente Jessica è sconvolta, poi pian piano accetta la realtà e ne prova interesse. Anche il senso di responsabilità di Antanasia germoglia progressivamente.

Come Romeo e Giulietta si innamoreranno, senza colpi di fulmine, in modo molto umano e per un po’ si ameranno a distanza, pur avendo una fortissima attrazione.

Mentre Jessica fa i conti con il suo lato vampiresco, Lucius assapora la vita degli umani. Senza ammetterlo impara ad apprezzarne la trivialità. Prima la attacca con una irresistibile ironia, poi la ama, soprattutto nelle cure materne della famiglia Packwood, che risvegliano in lui il lato infantile che era stato sopito con la violenza.

Ecco che gli ingredienti si mescolano e formano un impasto buonissimo e originale. L’intreccio scorre grazie alle sottili anticipazioni, dove gli opposti si attraggono, si toccano e invertono le loro posizioni, in una serie di gag molto comiche. Ognuno prende coscienza della sua completezza, fatta di lati altisonanti e di aspetti più terreni.

I personaggi collaterali danno ampio respiro, creando curiosità e divertendo, come il vampiro pentito e surfista, rigorosamente vegano, Raniero Vladescu Lovatu. Anche lui nasconde un lato oscuro che emergerà nelle vicende del secondo romanzo.

La satira sottesa in ogni pagina è davvero gradevole, soprattutto nel primo volume, che è anche il più bello.

Un forte romanticismo vivifica ogni parola e si indirizza soprattutto al pubblico femminile. Come quando Lucius difende i suoi modi d’altri tempi : “Concedimi almeno questo normale atto di cortesia. Nonostante vi insegnino il contrario, la cavalleria non è altro che l’ammissione della superiorità della donna. È riconoscere il potere che tu eserciti su di me. E tu, a tua volta, sei tenuta ad accettare di buon grado un simile atto di sottomissione“.

La lettura scorre interessante e non annoia mai fino alla fine, quando si è calati nel “Dark side”, il mondo oscuro dei non-vivi.

A quel punto si sfocia in un fantasy-thriller dove anche i lettori avanzano congetture, hanno sospetti e cercano qualsiasi appiglio per salvare i due giovani, bellissimi ed eterni amanti.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Beth

Fantaskey

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fantaskey Beth


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Le coincidenze non esistono. Aurélie Bredin ne è sicura. Giovane e attraente chef, Aurélie gestisce da qualche anno il ristorante di famiglia, Le Temps des cerises. È in quel piccolo locale con le tovaglie a quadri bianchi e rossi in rue Princesse, a due passi da boulevard Saint-Germain, che il padre della ragazza ha conquistato il cuore della futura moglie grazie al suo famoso Menu d’amour. Ed è sempre lì, circondata dal profumo di cioccolato e cannella, che Aurélie è cresciuta e ha trovato conforto nei momenti difficili. Ora però, dopo una brutta scottatura d’amore, neanche il suo inguaribile ottimismo e l’accogliente tepore della cucina dell’infanzia riescono più a consolarla. Un pomeriggio, più triste che mai, Aurélie si rifugia in una libreria, dove si imbatte in un romanzo intitolato Il sorriso delle donne. Incuriosita, inizia a leggerlo e scopre un passaggio del libro in cui viene citato proprio il suo ristorante. Grata di quel regalo inatteso, decide di contattare l’autore per ringraziarlo. Ma l’impresa è tutt’altro che facile. Ogni tentativo di conoscere lo scrittore – un misterioso ed elusivo inglese – viene bloccato da André, l’editor della casa editrice francese che ha pubblicato il romanzo. Aurélie non si lascia scoraggiare e, quando finalmente riuscirà nel suo intento, l’incontro sarà molto diverso da ciò che si era aspettata. Più romantico, e nient’affatto casuale. Con mano fresca, leggera e piena di passione, Nicolas Barreau mescola amore, un pizzico di mistero, lo charme di Parigi e la sensualità della cucina per regalarci una storia tenera e gustosa, che nutre e scalda il cuore.

GLI INGREDIENTI SEGRETI DELL’AMORE

Barreau Nicolas

Durante una cena in un'elegante casa di Greenwich un amico di un amico dei padroni di casa si alza da tavola e non torna più. Si scopre che si è chiuso nella stanza degli ospiti e non ha la minima intenzione di uscire. Perché ha preso questa decisione? Cosa spera di ottenere? E soprattutto chi è Miles Garth? Gen, la padrona di casa, si mette alla ricerca di amici e parenti del suo ospite indesiderato che possano convincerlo a desistere dal suo proposito inspiegabile. Comincia così una carrellata di personaggi, ricordi, situazioni buffe o commoventi che prendono spunto dalla presenza/assenza di Miles, ma in realtà sono un'occasione per la scrittrice di esplorare vari aspetti della vita quotidiana nell'Inghilterra di oggi. Una scrittura divertente e divertita, una girandola di giochi di parole e rimandi che vanno da Shakespeare al punk passando per i musical e le canzoni dell'Eurofestival. Il nuovo splendido romanzo di Ali Smith cerca di rispondere a una domanda semplicissima: perché siamo qui?

C’E’ MA NON SI

Smith Ali

Veronika, pur avendo una vita normale, non è felice. Ecco perché decide di morire, ingerendo una dose eccessiva di sonniferi. Ma il tentativo fallisce, e Veronika viene internata in una clinica psichiatrica dove il suo cuore ammalato conosce una realtà di cui non sospettava l'esistenza. Il romanzo si ispira a un drammatico episodio della vita dello scrittore quando, nel 1965, a diciotto anni, venne ricoverato in una clinica psichiatrica. Paulo Coelho scrive una profonda riflessione sul tema della normalità e della diversità, trasformando il dramma dell'infelicità nella pienezza dell'accettazione della vita e della sua bellezza.

VERONIKA DECIDE DI MORIRE

Coelho Paulo

Dalla tragica morte della moglie, A. J. Fikry è diventato un uomo scostante e scorbutico, insofferente verso gli abitanti della piccola isola dove vive e stufo del suo lavoro di libraio. Disprezza i libri che vende (e pure quelli che non vende) e ne ha fin sopra i capelli dei pochi clienti che gli sono rimasti, capaci solo di lamentarsi e di suggerirgli di abbassare i prezzi. Anche per gli agenti di vendita è ormai un interlocutore a dir poco difficile. Ma tutto cambia una sera come tante, quando, rientrando in libreria, A. J. trova una bambina che gironzola nel reparto dedicato all'infanzia. Al collo ha appuntato un biglietto scritto dalla madre: questa è Maya. Ha due anni. È molto intelligente ed è eccezionalmente loquace per la sua età. Voglio che diventi una lettrice e che cresca in mezzo ai libri. Io non posso più occuparmi di lei. Sono disperata. Seppur riluttante (e sorprendendo tutti i suoi conoscenti), A. J. decide di adottarla, lasciando così che quella bambina gli sconvolga l'esistenza. Perché Maya è animata da un'insaziabile curiosità e da un'attrazione istintiva per i libri, per il loro odore, per le copertine vivaci, per quell'affascinante mosaico di parole che riempie le pagine all'interno e, grazie a lei, A. J. non solo scoprirà la gioia di essere padre, ma riassaporerà anche il piacere di essere un libraio. Trovando infine la forza per aprirsi a un nuovo, inatteso amore.

La misura della felicità

Zevin Gabrielle