Narrativa

Pulp

Bukowski Charles

Descrizione: Depresso, appesantito da una pancia ingombrante, il conto in rosso, i creditori sempre alle porte, tre matrimoni alle spalle, Nick Belane è un detective, "il più dritto detective di Los Angeles". Bukowski gioca con un vecchio stereotipo e vi aggiunge la sua filosofia di lucido beone, il suo esistenzialismo da taverna e un pizzico di cupa, autentica disperazione. I bar, le episodiche considerazioni sul destino, il cinismo, l'ormai sbiadito demone del sesso, il fallimento preofessionale ed esistenziale, insieme alle mere invenzioni narrative, diventano il "pulp" del titolo. Lontano dalle atmosfere tenebrose delle ordinarie follie, il testamento spirituale di uno scrittore che non ha mai esitato a immergersi nel degrado della società contemporanea.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2013

ISBN: 9788807881343

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il Pulp è un genere letterario che propone vicende dai contenuti forti, abbondanti di crimini violenti, efferatezze e situazioni macabre e che di norma viene apparentato con l’hard boiled, il poliziesco e l’horror” (Wikipedia).
Ma “Pulp. Una storia del XX secolo” è anche l’ultimo romanzo scritto da Charles Bukowski, pubblicato postumo nel 1994, che fornisce un’originale interpretazione del genere.

Nick Belane (“L’investigatore più dritto di L.A.”) è in un periodo di crisi personale ed economica ( “Nient’altro da fare che cercare casi su cui nessun altro voleva mettere le mani. Non certo per la mia tariffa.”)
“Quindi eccomi lì. Seduto ad ascoltare la pioggia. Se fossi morto in quel momento nel mondo intero non si sarebbe versata neppure una lacrima.”
Riceve gli incarichi più disparati, che ovviamente accetta:
“1. Scoprire se Céline è Céline. Informare la signora Morte del risultato.
2. Rintracciare il Passero Rosso.
3. Scoprire se Cindy mette le corna a Bass. In caso affermativo inchiodarle il culo.
4. Togliere l’Aliena (ndr: Jeannie Nitro) dalle palle di Grovers” (ndr: titolare di un’impresa di pompe funebri).

Tra tappe in bar che sono riedizioni dei saloon del far west (“Chi sei, un maledetto cow-boy?”), propensione al gioco d’azzardo (“Arrivai all’ippodromo per la quarta corsa”), dimestichezza con l’etilismo e le armi (“Aprii il cassetto, presi la pinta di vodka, tolsi il tappo, bevvi un sorso”), Nick si trova nel bel mezzo di situazioni paradossali (“Sostanzialmente ero seduto tra lo Spazio e la Morte”), nelle quali interlocutori sono la Signora Morte (“La signora morte era in estasi… Aveva un aspetto magnifico, raggiante”) e un’aliena che viene da Zaros (“Vi fu un lampo di luce scarlatta… un serpente più grande del normale, solo coperto di ruvidi peli, e al centro aveva una protuberanza, rotonda e umida, con un unico occhio”).
Il finale è scoppiettante tra sicari, strozzini, ricatti e intimidazioni (“Sono pieno di debiti, Penny. Un certo tipo mi farà vedere i sorci verdi se non pagherò gli interessi su un prestito che mi ha fatto”).

La vicenda scorre surreale, in una narrazione infarcita di aforismi sulla vita (“L’inferno era come te lo facevi tu”), riflessioni sulla follia (“La pazzia è relativa. Chi stabilisce la normalità?”), folgoranti nonsense (“Comunque meglio che stare alla posta ad aspettare che le anatre si alzino in volo”) nello stile sopra le righe che ha reso celebre Bukowski.

Il romanzo “maturo” di Bukowski, se di maturità si può parlare anche per uno scrittore che ha professato la sperimentazione sino all’ultimo, si traduce sul piano estetico in un risultato ibrido, che alterna felici intuizioni a passaggi più forzati e omologati al personaggio Bukowski.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charles

Bukowski

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bukowski Charles

Che stupida è la storia di dolore e rinascita, straordinaria eppure comune, di una donna che ha perso l’amore ma non ha mai smarrito se stessa. Con un finale inatteso.

Che stupida

Blasi Ilary

All'alba del XIII secolo, Guglielmo, un cavaliere normanno percorre a cavallo la lunga strada che dall'Alsazia lo porterà in Sicilia. Raggiunta Palermo, inizierà una vita intensa e avventurosa, dando origine alla famiglia Falconari. Il suo destino s'intreccerà con quello dell'imperatore Federico II, lo "stupor mundi", che lo nominerà custode di uno straordinario segreto, direttamente collegato alla vita e alle opere di Gesù Cristo. Due secoli dopo, un suo pronipote, il barone Orazio Falconari, detto The Fool, fonda una confraternita segreta con l'ambizioso obiettivo di perseguire uno scopo impossibile: sradicare l'insensatezza dal genere umano. Oggi, il barone Vincenzo Falconari, ultimo discendente della famiglia, decide di realizzare l'ennesimo gesto folle della sua vita. Solo in pochi sanno che il barone ha destinato la sua esistenza a combattere una spietata organizzazione, che opera azioni criminali in nome della Fede religiosa. È davvero la Fede un pericolo e un danno per l'uomo, e può la Scienza essere la fiaccola che illumina il sentiero verso la verità?

Il sentiero dei folli

Rosaci Domenico

Bristol, anni '80. Tar vuole fuggire da casa e soprattutto da suo padre, e Gemma, che lo ama benché contrastata dalla famiglia, decide di andare con lui. Ben presto si ritrovano a precipitare nella spirale dell'eroina, della quale pensavano di potersi liberare in ogni momento con la sola forza di volontà. Questa è la loro storia: una lotta costante per procurarsi l'eroina, a qualunque costo, sfidando la prigione e la morte; ma è anche una storia di rinascita e riscatto, di scelte coraggiose per liberarsi della dipendenza e di un nuovo inizio. Un diario a più mani, sullo sfondo di una Bristol cupa e notturna, tra case occupate e ritrovi punk. Età di lettura: da 13 anni.

Storia d’amore e perdizione

Burgess Melvin

Denny ha solo sette anni, una madre tossica, un padre folle e alcolizzato, dei compagni di scuola che lo maltrattano e lo considerano pazzo. Quando è solo, per vincere il terrore inventa filastrocche inquietanti. Ha un unico amico, che si fa chiamare Uomo dei Sogni: è un vecchio crudele, trasandato, con un bastone in mano. Se qualcuno fa del male a Denny, l'Uomo dei Sogni non perdona. Arriva e vendica. Pietro di anni ne ha quattordici. È un autistico geniale col dono del disegno. Unico testimone oculare delle aberranti sparizioni di alcuni ragazzini, Pietro fa la sola cosa che gli riesce in modo esemplare: disegna ciò che ha visto. E ciò che ha visto è agghiacciante. Nessuno gli crede, nessuno tranne la sua educatrice professionale. Alice: quei disegni le tolgono il sonno e la precipitano nell'incubo, le ricordano qualcosa che molti anni prima aveva cercato di rimuovere... Ma ora il passato ritorna e travolge. E deve essere fermato.

IL DIVORATORE

Ghinelli Lorenza