Narrativa

Pulp

Bukowski Charles

Descrizione: Depresso, appesantito da una pancia ingombrante, il conto in rosso, i creditori sempre alle porte, tre matrimoni alle spalle, Nick Belane è un detective, "il più dritto detective di Los Angeles". Bukowski gioca con un vecchio stereotipo e vi aggiunge la sua filosofia di lucido beone, il suo esistenzialismo da taverna e un pizzico di cupa, autentica disperazione. I bar, le episodiche considerazioni sul destino, il cinismo, l'ormai sbiadito demone del sesso, il fallimento preofessionale ed esistenziale, insieme alle mere invenzioni narrative, diventano il "pulp" del titolo. Lontano dalle atmosfere tenebrose delle ordinarie follie, il testamento spirituale di uno scrittore che non ha mai esitato a immergersi nel degrado della società contemporanea.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2013

ISBN: 9788807881343

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il Pulp è un genere letterario che propone vicende dai contenuti forti, abbondanti di crimini violenti, efferatezze e situazioni macabre e che di norma viene apparentato con l’hard boiled, il poliziesco e l’horror” (Wikipedia).
Ma “Pulp. Una storia del XX secolo” è anche l’ultimo romanzo scritto da Charles Bukowski, pubblicato postumo nel 1994, che fornisce un’originale interpretazione del genere.

Nick Belane (“L’investigatore più dritto di L.A.”) è in un periodo di crisi personale ed economica ( “Nient’altro da fare che cercare casi su cui nessun altro voleva mettere le mani. Non certo per la mia tariffa.”)
“Quindi eccomi lì. Seduto ad ascoltare la pioggia. Se fossi morto in quel momento nel mondo intero non si sarebbe versata neppure una lacrima.”
Riceve gli incarichi più disparati, che ovviamente accetta:
“1. Scoprire se Céline è Céline. Informare la signora Morte del risultato.
2. Rintracciare il Passero Rosso.
3. Scoprire se Cindy mette le corna a Bass. In caso affermativo inchiodarle il culo.
4. Togliere l’Aliena (ndr: Jeannie Nitro) dalle palle di Grovers” (ndr: titolare di un’impresa di pompe funebri).

Tra tappe in bar che sono riedizioni dei saloon del far west (“Chi sei, un maledetto cow-boy?”), propensione al gioco d’azzardo (“Arrivai all’ippodromo per la quarta corsa”), dimestichezza con l’etilismo e le armi (“Aprii il cassetto, presi la pinta di vodka, tolsi il tappo, bevvi un sorso”), Nick si trova nel bel mezzo di situazioni paradossali (“Sostanzialmente ero seduto tra lo Spazio e la Morte”), nelle quali interlocutori sono la Signora Morte (“La signora morte era in estasi… Aveva un aspetto magnifico, raggiante”) e un’aliena che viene da Zaros (“Vi fu un lampo di luce scarlatta… un serpente più grande del normale, solo coperto di ruvidi peli, e al centro aveva una protuberanza, rotonda e umida, con un unico occhio”).
Il finale è scoppiettante tra sicari, strozzini, ricatti e intimidazioni (“Sono pieno di debiti, Penny. Un certo tipo mi farà vedere i sorci verdi se non pagherò gli interessi su un prestito che mi ha fatto”).

La vicenda scorre surreale, in una narrazione infarcita di aforismi sulla vita (“L’inferno era come te lo facevi tu”), riflessioni sulla follia (“La pazzia è relativa. Chi stabilisce la normalità?”), folgoranti nonsense (“Comunque meglio che stare alla posta ad aspettare che le anatre si alzino in volo”) nello stile sopra le righe che ha reso celebre Bukowski.

Il romanzo “maturo” di Bukowski, se di maturità si può parlare anche per uno scrittore che ha professato la sperimentazione sino all’ultimo, si traduce sul piano estetico in un risultato ibrido, che alterna felici intuizioni a passaggi più forzati e omologati al personaggio Bukowski.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charles

Bukowski

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bukowski Charles

Il giovane Pietro Brusio, studente di legge e scrittore in erba nella scenografica Catania di metà Ottocento, rimane affascinato dall'elegante contessa di Prato Narcisa Valdesi, trovandosene perdutamente innamorato e sull'orlo della disperazione per l'irraggiungibilità di tal donna che «vivea pei piaceri, della quale il lusso era il bisogno come l'aria è il bisogno dell'uomo». Superando con il suo genio artistico le convenzioni sociali si introduce a pieno titolo in quel mondo aristocratico fin allora a lui precluso e riesce a vincere il cuore della donna, fino ad un epilogo inaspettato e tragico.

Una peccatrice

Verga Giovanni

A un giovane che affrontasse per la prima volta questo libro, si potrebbe forse dire: leggi anzitutto "Una disperata vitalità", e se da quel magma non ti senti alla fine stordito ed escluso, se riesci a cogliere il messaggio di angoscia ma anche di "disperata vitalità", appunto, che ne promana, allora potrai affrontare anche il resto, con la pazienza e la tenacia necessaria per accettarlo e capirlo; per rifiutarlo, anche, ma dopo averlo capito e dopo aver capito perché, nell'Italia del boom economico, ci si potesse sentire come un "gatto bruciato vivo", come "un serpe ridotto a poltiglia di sangue" e non solo per disposizione e situazione esclusivamente personale." (Dalla Prefazione di Edoardo Esposito).

Quel poeta profeticamente illeggibile

Pasolini Pier Paolo

Con le armi del grande narratore, Ermanno Rea conduce un’indagine in forma di diario sulle ragioni del suicidio di Francesca Spada, giornalista culturale de “l’Unità” e critico musicale. A ospitare la vicenda è una Napoli lacerata dalla guerra fredda. L’inchiesta è resa difficile dalla distanza temporale da eventi avvenuti oltre trent’anni prima, in un momento in cui le coscienze si confrontavano in modo ossessivo con la politica. Una stagione per certi versi drammatica in cui si intersecano le ragioni esistenziali dei protagonisti, il destino di una città come Napoli (il cui porto era controllato di fatto dagli americani), le incertezze di una generazione appena uscita dalla guerra, alle prese per di più con un Partito comunista ancora fortemente ancorato all’identità stalinista. A poco a poco, con un andamento concentrico, si fa luce sulla complessità dei fatti che spinge la giovane giornalista al suo atto estremo. Da storia privata quindi l’indagine si fa storia collettiva di un’intera classe politica, di una generazione, delle sue speranze e dei suoi valori. Il romanzo-inchiesta di Ermanno Rea, premio Viareggio 1996: forse il suo capolavoro.

Mistero napoletano

Rea Ermanno

A Parigi tutti i giovedì s'incontrano in luoghi di fortuna uomini dai destini e dalle condizioni diversissime tra loro, ma accomunati da pene di cuore. Le assemblee si svolgono nello spirito di tolleranza più completo: nessuno ha il diritto di ribattere alle testimonianze che vengono recate e il più religioso silenzio accoglie le confessioni di tutti. Tre i protagonisti principali di questo romanzo al maschile: un filosofo in guerra con l'ontologia della donna, uno scapolo impenitente convinto dell'esistenza di un complotto femminile planetario contro la sua virilità, e un marito tradito che si avventura alla scoperta della donna in tutte le sue varianti. Uno sguardo senza pregiudizi sul maschio contemporaneo, nutrito di autoironia e leggerezza.

GLI UOMINI DEL GIOVEDI’

Benacquista Tonino