Saggi

Qualcosa di scritto

Trevi Emanuele

Descrizione: Roma, primi anni Novanta. Mentre i sogni del Novecento volgono a una fine inesorabile e Berlusconi si avvia a prendere il potere, uno scrittore trentenne cinico e ingenuo, sbadato e profondo assieme trova lavoro in un archivio, il Fondo Pier Paolo Pasolini. Su quel dedalo di carte racchiuso in un palazzone del quartiere Prati, regna una bisbetica Laura Betti sul viale del tramonto: ma l'incontro con la folle eroina di questo libro, sedicente eppure autentica erede spirituale del poeta friulano, equivale per il giovane a un incontro con Pasolini stesso, come se l'attrice di "Teorema" fosse plasmata, posseduta dalla sua presenza viva, dal suo itinerario privato di indefesso sperimentatore sessuale e dalla sua vicenda pubblica d'arte, eresia e provocazione. "Qualcosa di scritto" racconta la linea d'ombra di questo contagio e l'inevitabile congedo da esso - un congedo dall'adolescenza e da un'intera epoca; ma racconta anche un'altra vicenda, quella di un'iniziazione ai misteri, di un accesso ai più riposti ed eterni segreti della vita. Una storia nascosta in "Petrolio", il romanzo incompiuto di Pasolini che vide la luce nel 1992 e che rivive qui in un'interpretazione radicale e illuminante. Una storia che condurrà il lettore per due volte in Grecia, alla sacra Eleusi: come guida, prima il libro postumo di Pier Paolo Pasolini, poi il disincanto della nostra epoca - in cui può tuttavia brillare ancora il paradossale lampo del mistero.

Categoria: Saggi

Editore: Ponte alle Grazie

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788862200646

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

 

Ho letto “Qualcosa di scritto” di Emanuele Trevi, l’opera che per un paio di voti non si è aggiudicata il Premio Strega 2012, pensando che un riconoscimento formale a quest’opera avrebbe avuto un valore fortemente simbolico alla memoria di un grande artista del nostro ‘900. Perché “Qualcosa di scritto” contribuisce a mantenere vivi – a distanza di oltre trent’anni dalla tragica notte dell’1 novembre 1975 – immagine e pensiero di Pier Paolo Pasolini.

Quella di Emanuele Trevi è una testimonianza indiretta, mediata com’è dall’ingombrante presenza di Laura Betti, e risale alla sua esperienza di ricercatore presso il fondo P.P.P.

Tenterò allora di delineare la fisionomia del grande regista e scrittore così come io l’ho immaginata leggendo queste pagine e lo farò unicamente utilizzando attributi presenti nel saggio e citazioni testuali. E inserirò – di mia iniziativa – qualche verso, per ricordare che P.P.P. è stato anche straordinario poeta.

MODERNO: “L’essere moderno era il suo brodo primordiale, la condizione di partenza, un riflesso condizionato.

UNICO: “… Non assomiglia a nessun altro. Nemmeno la Storia, questa infallibile piallatrice, ha smussato l’anomalia in cui consiste.”

CATASTROFICO: “Sono rarissimi gli incontri che … lasciano un segno … Mi veniva spesso da pensare a lui … come si potrebbe considerare un uragano contemplando gli alberi divelti, i tetti sollevati, gli argini crollati che si lascia dietro.” Due autentiche catastrofi sono le sue ultime opere: la cinematografica “Salò” e l’incompiuta “Petrolio”.

AUTODISTRUTTIVO. Disse: “Io desideravo anche di liberarmi di me stesso, cioè di morire.”

Per questo devo dirti ciò ch’è orrendo conoscere:

è dentro la tua grazia che nasce la mia angoscia.

Sei insostituibile. Per questo è dannata

alla solitudine la vita che mi hai data. (Da “Supplica a mia madre”)

VERO. Per questo anche un “GRANDE COLPEVOLIZZATORE”.

POLIEDRICO: “Costruiva un’opera immensa con i più disparati mezzi artistici, usando indifferentemente un verso poetico o un grandangolo o un pennello intinto nella china, facendosi fotografare da altri, rilasciando interviste.”

INQUIETO: “E poi c’era la notte, il momento di voltare le spalle a tutti, a tutta la città, per incamminarsi da solo, vecchio cacciatore incallito, alla ricerca del piacere.” Che continuamente “cerca disperatamente di alzare la posta.”

Adolescente ardevo fino a notte

col tuo smunto chiarore, ed era strano

udire il vento e gl’isolati grilli. (Da “Vicina agli occhi”)

DISPERATO: perché “la riduzione del mondo a merce gli appare come l’inferno che si è appropriato della vita.” Perché aveva scoperto “il fascino ipnotico della violenza, il desiderio di subire, di sottomettersi, di implorare pietà sperando che quella pietà … venga negata.”

Là sotto, io vivo di pietà,

lontano fanciullo peccatore

in un riso sconsolato. (Da “O me giovinetto”)

POETA: i versi di P.P.P. “erano l’espressione di emozioni così brucianti da perforare la guaina spessa del codice letterario che le imbozzolava.”

ANTI-INTELLETTUALE: “butta nella mischia ogni centimetro, ogni grammo della sua carne, si lascia intridere dal flusso della vita come una spugna.

ARRABBIATO: “la rabbia è più importante del talento”.

Il lavoro di Trevi rimane principalmente un saggio di critica, anche se talvolta assume un tono romanzato o concede spazio agli aneddoti, regalandoci un ritratto tragicomico di Laura Betti e una squarcio sulla Roma dei salotti intellettuali del secolo scorso. Ipotizzando che P.P.P. abbia trafugato lo stesso segreto degli iniziati, Trevi – e questo forse è lo spunto che affascina maggiormente – fornisce una nuova chiave di lettura delle ultime opere di Pasolini e della sua morte, con accostamenti al pensiero di Nietzsche e con una culturalmente stimolante ricerca sui misteri di Eleusi.

Un’opera che non può mancare a chi abbia una o più delle caratteristiche sopra indicate (quindi a tutti, tanto è facile essere inquieti o disperati!) da …

… Bruno Elpis

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Emanuele

Trevi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Trevi Emanuele


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È uno strano prete, don Leo. Emotivo, poco paziente, anticonformista, pieno di dubbi, detesta le gerarchie e non riesce a nascondere un profondo rancore verso suo padre, che reagì al matrimonio sbagliato semplicemente andandosene quando lui era un bambino. Proprio per questo ha deciso di prendere i voti: per trovare una famiglia, un conforto, risposte a domande insostenibili. Così, a trentatré anni, Leo affianca l’anziano don Fermo in una parrocchia a due passi dalla nuova Milano dei grattacieli. In un mondo in cui il Male è quasi inevitabile perché diffuso, e il Bene difficile da immaginare, Leo cerca ostinatamente Dio in ogni cosa, anche se una voce interiore gli sussurra che forse dovrebbe smettere.

Bruciare tutto

Siti Walter

«Gli inquilini», pubblicato originariamente nel 1971, è la storia di Henry Lesser, l'ultimo occupante di una palazzina di Brooklyn che deve essere abbattuta per far posto a un condominio di lusso. Nonostante i goffi tentativi di sfratto da parte del proprietario Levenspiel, Lesser non vuole abbandonare l'appartamento, perché lì ha iniziato a scrivere il suo romanzo ed è lì che intende terminarlo. Quando nella palazzina si trasferisce, per abitarci abusivamente, Willie Spearmint, anche lui scrittore, fra i due si instaura una rivalità che è al tempo stesso letteraria (Willie sembra decisamente più sicuro di sé rispetto alla propria scrittura) e razziale (Lesser è ebreo, Spearmint afroamericano) e che assume uno sfondo anche sessuale quando entra in scena Irene, la fidanzata, di Willie.

Gli inquilini

Malamud Bernard

"È la storia di un uomo e di sua moglie, di come diventano genitori di un bellissimo bambino": questa - per usare le parole di Fante in una lettera alla madre - l'idea portante di "Full of life". Ma, come in tutti i romanzi del grande narratore americano, è molto difficile riassumere le invenzioni, l'ironia, le meraviglie della sua scrittura: si può solo goderne il divertimento e la forza che la ispirano. Pubblicato nel 1952 e qualche anno dopo adattato per il cinema (con tanto di nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura), è il libro più comico e autobiografico scritto da John Fante, il suo ultimo romanzo prima del lungo silenzio durato oltre venticinque anni. E dunque ecco John e sua moglie Joyce alle prese con l'arrivo del loro primo figlio, l'improvviso attacco di una schiera di voraci termiti alla loro casa di Los Angeles, il soccorso di papà Nick, il "più grande muratore della California", e ancora una serie interminabile di piccole disavventure e litigate, tra lacrime, sorrisi, crisi mistiche e formidabili bevute di vino.

Full of life (Una vita piena)

Fante John

Venezia, fine del Cinquecento. In una città tentacolare e spietata l'amore e i buoni sentimenti di Michele e Bianca - un giovane muratore e la sua sposa piena di promesse - non bastano a farli vivere sereni. Per sfuggire a un'accusa ingiusta, Michele è costretto a lasciare Venezia e a imbarcarsi su una galera. Bandito dalla Serenissima, rematore su una nave che vaga per il Mediterraneo carica di zecchini e di spezie, con molti dell'equipaggio che addirittura ignorano la sua destinazione finale, senza nessuna speranza di ritornare a breve, Michele è destinato a vivere straordinarie avventure nei porti e gli angiporti del mare nostrum. E tuttavia prove ancora più dure e incontri non meno straordinari toccheranno a Bianca che rimane a Venezia, sola, giovane e bella... La terra e il mare, Oriente e Occidente, due vite e un unico grande amore, agli albori del mondo moderno: storico tra i più autorevoli, vincitore del Premio Strega, Barbero ha scritto un romanzo che si pone al livello dei migliori bestseller d'intrattenimento degli ultimi anni.

Gli occhi di Venezia

Barbero Alessandro