Narrativa

Quando cadono le stelle

Serino Gian Paolo

Descrizione: Un attore famoso, alcolizzato e depresso in privato, ma in pubblico simbolo del "sogno americano", riceve una notizia personale che gli cambierà la vita per sempre. Il più grande artista del mondo, durante l'occupazione nazista, rende immortale la figlia della donna di servizio di un hotel su una spiaggia di Juan-les-Pins, in Francia. Un giovane scrittore newyorchese s'innamora della figlia di un Premio Nobel per la letteratura. Questa relazione lo sconvolgerà a tal punto da pubblicare uno dei libri più venduti al mondo. Un anonimo funzionario di una compagnia di assicurazioni si occupa di sicurezza sul lavoro. Conosce una cameriera in un bordello nel ventre nero di Praga e, grazie a lei, troverà il suo modo per salvare l'umanità. Arrivato alla fine della sua vita, uno dei più grandi scrittori del Novecento si suicida con la canna di un fucile in bocca, mentre una ragazza vitale, chiassosa e ribelle alle regole rigide della sua famiglia, negli anni Quaranta viene sottoposta per volere del padre a un intervento di lobotomia frontale. Un romanzo corale che ci racconta i luoghi oscuri di quella società dello spettacolo diventata un incredibile e pirotecnico "Grande Show".

Categoria: Narrativa

Editore: Baldini & Castoldi

Collana: Romanzi e racconti

Anno: 2016

ISBN: 9788868529307

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel suo primo romanzo Gian Paolo Serino intrattiene la nostra attenzione su un fenomeno sociale ed esistenziale che ha sempre più intaccato il modello occidentale affermatosi durante l’era contemporanea: “Quando cadono le stelle”…
In senso figurato le precipitazioni astrali sono infatti un meccanismo forse insito e ineluttabile nel paradigma americano spesso fotocopiato ed esportato anche oltreoceano: se da un lato il sistema porta a far risplendere le stelle secondo le leggi dell’accelerazione del successo e le dinamiche subliminali del sogno, al tempo stesso il cosmo capitalistico disintegra frettolosamente le stelle e impietosamente rifulge delle polveri nelle quali le celebrità si disintegrano.

Autocombustione necessaria?
Implosione inevitabile?
Colpa del consumismo?
Conseguenza della logica dell’effimero?
Postumo dell’imperscrutabile malattia che corrode l’artista?
Effetto collaterale della fama?
Chi può saperlo… Vero è che Gian Paolo Serino prima interiorizza e poi sventaglia nel suo romanzo alcune storie emblematiche di chi ha patito la smania del successo e, a parer mio, formula un sospetto che può apparire di una semplicità disarmante e che – per connessione d’argomento – richiama alla mente un aforisma di Charles Bukowski (la cui storia NON è presente nel romanzo): “Che fine ha fatto la semplicità? Sembriamo tutti messi su un palcoscenico, e ci sentiamo tutti in dovere di dare spettacolo.”
E allora, dunque, cosa succede Quando cadono le stelle?
In questo breve commento al romanzo (e nella nostra interpretazione) cercheremo di esemplificare assumendo alcuni spunti da un’opera prima che in questi mesi viene presentata e diffusa con iniziative originali e nuove: il giro-camper, il legame simbiotico con il tessuto delle librerie e delle biblioteche…

Quando cadono le stelle?
“Edgar non poté credere ai suoi occhi. Ti facevano bere gratis!”
Una stella cade se il cielo è troppo vuoto. Un uomo muore se gli altri approfittano di lui e lo mercificano. A quel punto, anche e soprattutto il migliore degli artisti si sente “solo, come nei suoi racconti. Solo, come tra i suoi demoni di vetro infranti nel sogno di una bottiglia che lo rincuorasse e che lo portò alla morte”.

Quando cadono le stelle?
Le stelle cadono se infrangono le leggi del firmamento. A volte cadono per il troppo brillare. Come dire: l’ansia da prestazione (“Perché ormai somiglio più a un brand che a uno scrittore?”), il timore del giudizio altrui e, per converso, l’ipocrisia del giudizio (“La gente con cui ho a che fare ha il terrore di dirmi cosa pensa veramente dei miei libri”), l’asservimento dell’arte alle leggi del mercato (Betty Love, “la shampista. Lei sì che è un genio del marketing”)… 

Quando cadono le stelle?
Quando prevalgono le ossessioni e la paura di fallire, e non ci si abbandona a sentimenti elementari e veri (“Tutto quello che voleva era solo che suo padre le desse un bacio”): così accade nella terribile storia di Rosemary K. che la mano di Gian Paolo ritrae come in un dramma di Tennessee Williams (ndr: Improvvisamente l’estate scorsa).

Sono soltanto tre cenni tratti dall’opera, le storie sono lì da leggere, evocative e coinvolgenti, sino al gran finale al MOMA di New York dove l’arte e i personaggi si fondono come in una plastica installazione d’avanguardia: da guardare con un occhio posato sull’infelicità che produce lo star system, l’altro puntato – per strabismo –  verso principi tanto evidenti quanto invisibili pur se enunciati da oriente (“La vita è molto semplice, ma noi insistiamo col renderla complicata” – Confucio) a occidente (“Le cose più semplici sono le più straordinarie, e soltanto un saggio riesce a vederle” – Paulo Coelho)…

Bruno Elpis

A questo link http://www.i-libri.com/scrittori/scrittore-non-lo-considero-un-mestiere-unesigenza-intervista-gian-paolo-serino/ potete leggere l’intervista che abbiamo realizzato con l’autore prima della pubblicazione del romanzo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Gian

Serino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serino Gian Paolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Non c'è persona, tra i contemporanei di Oscar Wilde (1854-1900), che l'abbia conosciuto e non sia rimasto ammaliato dall'arte della sua conversazione. Le platee londinesi del tempo furono conquistate dai dialoghi effervescenti, dai paradossi cinici e brillanti delle sue commedie che mettevano a nudo le convenzioni e le manie della società vittoriana. E se la reputazione letteraria di Wilde ha tratto a volte più danni che vantaggi da tanto virtuosismo verbale, in realtà, come è facile comprendere leggendo gli aforismi - dai più famosi ai meno conosciuti - raccolti in questo volume, l'effetto delle sue battute folgoranti scaturisce dall'innato talento del loro autore, maestro nel cogliere la sottile rete di relazioni fra i concetti più disparati. Con l'effetto di stravolgere e smontare una volta di più le parole chiave della borghesia vittoriana e di scuotere l'Inghilterra dal suo stato di compiaciuto torpore, affermando la dignità, la libertà dell'individuo e la superiorità dell'Arte sulla Vita.

Aforismi

Wilde Oscar

Tre donne regnano sovrane sul palazzo popolare di via Damasco, a Bologna. Sono soprannominate le sultane e hanno dai settant’anni in su. C’è Wilma, che nomina incessantemente il suo morto: è piccola e astuta, un’abile mercante che venderebbe l’acqua santa al diavolo. C’è Mafalda, la donna più tirchia sulla faccia della Terra. E infine Nunzia, bigotta fuori e golosa dentro, incapace di contenersi. Le loro imperfezioni sono state marchiate a fuoco da una vita poco gentile: Wilma non sa fare i conti col suo lutto e litiga in continuazione con la figlia Melania, una disgraziata adescata da una setta satanica che bussa alla porta solo quando necessita di un piatto caldo. Mafalda è costretta ad accudire il marito malato di Alzheimer. Nunzia, in delirio tra i suoi crocifissi, trova sempre il tempo per estorcere pettegolezzi e per concedersi i peccati che riesce ad arraffare. I loro desideri sono palliativi al grande sconforto dell’indifferenza che suscitano. Sono ignorate da un mondo a misura di giovinezza, un mondo incarnato dalla frastornante vicina del secondo piano, Carmela, cui Wilma prova a chiedere maggiore educazione e rispetto delle regole. Ma niente, quella continua a riderle in faccia. Le vecchie sono abituate a non ricevere considerazione, ragion per cui, quando improvvisamente l’esistenza le costringe a una svolta forzata, osano quello che non hanno mai osato fare e rompono tutti i tabù. Così, come tre parche potenti che inseguono disperate lo scoccare del loro tempo, nell’ombra filano i destini di chi ha tentato di metter loro i bastoni tra le ruote...

Le sultane

Oliva Marilù

Forse non è cosí vero che l'istinto materno non sbaglia mai. A volte scegliamo di non dare peso a una piccola crepa, un'incrinatura impercettibile, che a poco a poco scalfisce, fino a squarciare. Cosí succede a Carlo, che all'improvviso si ritrova inerme «come chi è rimasto dalla parte sbagliata di un fiume dopo il crollo di un ponte». Perché Isabel, sua moglie, lotta contro i propri demoni nell'accanito inseguimento di una purezza assoluta. Che svuota, logora, annienta. Anche il loro bambino. Marco Franzoso ha scritto una storia attuale e sovversiva, che sfida molti luoghi comuni. Una storia dura raccontata in punta di penna, che non ti togli piú dalla testa. «Quando infine mi passarono il bambino, una fitta di felicità mi lacerò il petto. Respirai forte per non crollare. Lo tenni in braccio e pensai che ce l'avevamo fatta. Almeno fino a lí ce l'avevamo fatta».

IL BAMBINO INDACO

Franzoso Marco

Questa è la storia di Samuel Ben Nissim Abul Farag, di Guglielmo Raimondo Moncada, di Flavio Mitridate. Non si tratta di tre persone ma di un solo individuo. Caltabellotta, provincia di Agrigento, 1465. Samuel Ben Nissim appartiene alla comunità ebraica, ha quindici anni, la rotella di panno cucita sulla camicia a marcare la differenza con i cristiani. È svelto e colto, conosce già varie lingue. Il padre Rabbi Nissim nutre grandi ambizioni per quel figlio che istruisce anche nella qabbalaq. Ma il destino decide diversamente, le circostanze costringono il ragazzo a trovare rifugio in un convento di frati. Così la giovane promessa diventa un ebreo convertito, disprezzato dalla comunità giudaica, maledetto dalla sua famiglia, Samuel si chiude fra le mura del convento, vuol sbiadire nella memoria dei suoi. Addottrinato nella fede cattolica, al momento della conversione prende il nome di colui che lo tiene a battesimo, il conte Guglielmo Raimondo Moncada, poi si stabilisce a Roma, diventa prete e grande è la sua fama di predicatore. Giunge all'apice della sua carriera ecclesiastica nel 1481 quando il venerdì santo recita davanti al papa Sisto IV il sermone sulla Passione. Poi però succede qualcosa: "caduto in grave errore", questo solo dicono i documenti, perde lo stato ecclesiastico e scompare. Lo ritroviamo dopo qualche tempo con il nome di Flavio Mitridate, il re del Ponto era famoso per la conoscenza delle lingue oltre che per la resistenza al veleno...

Inseguendo un’ombra

Camilleri Andrea