Narrativa

Quando cadono le stelle

Serino Gian Paolo

Descrizione: Un attore famoso, alcolizzato e depresso in privato, ma in pubblico simbolo del "sogno americano", riceve una notizia personale che gli cambierà la vita per sempre. Il più grande artista del mondo, durante l'occupazione nazista, rende immortale la figlia della donna di servizio di un hotel su una spiaggia di Juan-les-Pins, in Francia. Un giovane scrittore newyorchese s'innamora della figlia di un Premio Nobel per la letteratura. Questa relazione lo sconvolgerà a tal punto da pubblicare uno dei libri più venduti al mondo. Un anonimo funzionario di una compagnia di assicurazioni si occupa di sicurezza sul lavoro. Conosce una cameriera in un bordello nel ventre nero di Praga e, grazie a lei, troverà il suo modo per salvare l'umanità. Arrivato alla fine della sua vita, uno dei più grandi scrittori del Novecento si suicida con la canna di un fucile in bocca, mentre una ragazza vitale, chiassosa e ribelle alle regole rigide della sua famiglia, negli anni Quaranta viene sottoposta per volere del padre a un intervento di lobotomia frontale. Un romanzo corale che ci racconta i luoghi oscuri di quella società dello spettacolo diventata un incredibile e pirotecnico "Grande Show".

Categoria: Narrativa

Editore: Baldini & Castoldi

Collana: Romanzi e racconti

Anno: 2016

ISBN: 9788868529307

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel suo primo romanzo Gian Paolo Serino intrattiene la nostra attenzione su un fenomeno sociale ed esistenziale che ha sempre più intaccato il modello occidentale affermatosi durante l’era contemporanea: “Quando cadono le stelle”…
In senso figurato le precipitazioni astrali sono infatti un meccanismo forse insito e ineluttabile nel paradigma americano spesso fotocopiato ed esportato anche oltreoceano: se da un lato il sistema porta a far risplendere le stelle secondo le leggi dell’accelerazione del successo e le dinamiche subliminali del sogno, al tempo stesso il cosmo capitalistico disintegra frettolosamente le stelle e impietosamente rifulge delle polveri nelle quali le celebrità si disintegrano.

Autocombustione necessaria?
Implosione inevitabile?
Colpa del consumismo?
Conseguenza della logica dell’effimero?
Postumo dell’imperscrutabile malattia che corrode l’artista?
Effetto collaterale della fama?
Chi può saperlo… Vero è che Gian Paolo Serino prima interiorizza e poi sventaglia nel suo romanzo alcune storie emblematiche di chi ha patito la smania del successo e, a parer mio, formula un sospetto che può apparire di una semplicità disarmante e che – per connessione d’argomento – richiama alla mente un aforisma di Charles Bukowski (la cui storia NON è presente nel romanzo): “Che fine ha fatto la semplicità? Sembriamo tutti messi su un palcoscenico, e ci sentiamo tutti in dovere di dare spettacolo.”
E allora, dunque, cosa succede Quando cadono le stelle?
In questo breve commento al romanzo (e nella nostra interpretazione) cercheremo di esemplificare assumendo alcuni spunti da un’opera prima che in questi mesi viene presentata e diffusa con iniziative originali e nuove: il giro-camper, il legame simbiotico con il tessuto delle librerie e delle biblioteche…

Quando cadono le stelle?
“Edgar non poté credere ai suoi occhi. Ti facevano bere gratis!”
Una stella cade se il cielo è troppo vuoto. Un uomo muore se gli altri approfittano di lui e lo mercificano. A quel punto, anche e soprattutto il migliore degli artisti si sente “solo, come nei suoi racconti. Solo, come tra i suoi demoni di vetro infranti nel sogno di una bottiglia che lo rincuorasse e che lo portò alla morte”.

Quando cadono le stelle?
Le stelle cadono se infrangono le leggi del firmamento. A volte cadono per il troppo brillare. Come dire: l’ansia da prestazione (“Perché ormai somiglio più a un brand che a uno scrittore?”), il timore del giudizio altrui e, per converso, l’ipocrisia del giudizio (“La gente con cui ho a che fare ha il terrore di dirmi cosa pensa veramente dei miei libri”), l’asservimento dell’arte alle leggi del mercato (Betty Love, “la shampista. Lei sì che è un genio del marketing”)… 

Quando cadono le stelle?
Quando prevalgono le ossessioni e la paura di fallire, e non ci si abbandona a sentimenti elementari e veri (“Tutto quello che voleva era solo che suo padre le desse un bacio”): così accade nella terribile storia di Rosemary K. che la mano di Gian Paolo ritrae come in un dramma di Tennessee Williams (ndr: Improvvisamente l’estate scorsa).

Sono soltanto tre cenni tratti dall’opera, le storie sono lì da leggere, evocative e coinvolgenti, sino al gran finale al MOMA di New York dove l’arte e i personaggi si fondono come in una plastica installazione d’avanguardia: da guardare con un occhio posato sull’infelicità che produce lo star system, l’altro puntato – per strabismo –  verso principi tanto evidenti quanto invisibili pur se enunciati da oriente (“La vita è molto semplice, ma noi insistiamo col renderla complicata” – Confucio) a occidente (“Le cose più semplici sono le più straordinarie, e soltanto un saggio riesce a vederle” – Paulo Coelho)…

Bruno Elpis

A questo link http://www.i-libri.com/scrittori/scrittore-non-lo-considero-un-mestiere-unesigenza-intervista-gian-paolo-serino/ potete leggere l’intervista che abbiamo realizzato con l’autore prima della pubblicazione del romanzo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Gian

Serino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serino Gian Paolo

La poesia è un bisogno universale, com’è universale il bisogno di scoprire sfumature inedite dei sentimenti, per dare più profondità a quelli che ci portiamo dentro. Questo volume di Walter Siti – nato da una serie di 52 articoli scritti per “la Repubblica” nel 2014 – è un percorso tra autori e testi di tutti i Paesi e di ogni epoca, raccontati senza timori reverenziali o accademici, alla ricerca di emozioni, ossessioni, paure e virtù che attraversano i secoli e ci appartengono ancora oggi. Dante, Petrarca, Shakespeare, Whitman, Szymborska e molti altri autori in cui qualunque tipo di lettore, anche quello non specializzato, troverà qualcosa che parla di lui.

La voce verticale

Siti Walter

In Una lama di luce avevamo lasciato Montalbano e Livia sconvolti per la fine di François, il protagonista del Ladro di merendine, il bambino che Livia avrebbe voluto adottare. Livia non si è mossa da Boccadasse e nelle lunghe telefonate con Salvo mostra tutta la sua prostrazione, ma in un’alba livida la telefonata di Fazio interrompe il sogno angoscioso di Montalbano per trascinarlo in una nuova indagine. Sono giorni di pioggia a Vigàta, quegli acquazzoni violenti e persistenti che non danno requie, fiumane d’acqua scatenata che travolgono case e terreni lasciando dietro di sé un mare di fango. È in una di queste giornate che un uomo, Giugiù Nicotra, viene trovato morto in un cantiere, mezzo nudo, colpito da un proiettile alle spalle. Aveva cercato scampo in una specie di galleria formata da grossi tubi per la costruzione di condotte d’acqua. L’indagine parte lenta e scivolosa, ma ben presto ogni indizio, ogni personaggio, conduce al mondo dei cantieri e degli appalti pubblici. Un mondo non meno viscido e fangoso della melma di cui ogni cantiere è ricoperto. Districandosi tra tutto quel fango nel quale «sguazzariano» costruttori, ditte, funzionari pubblici, una cosa Montalbano non riesce a togliersi dalla testa: che Nicotra, il morto, andando a morire dentro alla galleria, avesse voluto comunicare qualche cosa. «Lei poco fa ha detto una parola, piramide. E a me è tornato in mente… Sa che dentro alla piramide di Cheope nessuno per lungo tempo ci è potuto entrare perché non si riusciva a scoprire l’accesso? Poi qualcuno ha rotto gli indugi e ha praticato un foro nella parete, foro non autorizzato dai custodi della piramide. Ma così anche i custodi, che fino a quel momento erano stati costretti a starsene fuori, poterono penetrare all’interno».

La piramide di fango

Camilleri Andrea

1 – Introduzione alla sezione giallo – thriller – noir

Per le alte sfere della polizia sono degli indesiderabili. Tutti li aspettano al varco, pronti a metterli alla gogna, ma loro non smettono di sorprendere. Sono i Bastardi di Pizzofalcone. È una tiepida giornata di primavera. Recandosi al lavoro l'agente Guida trova vicino a un cassonetto una neonata che piange e la porta in commissariato. La bambina è in ottima salute e sembra essere stata cambiata da poco. Passa qualche ora e arriva una segnalazione: da un paio di giorni il parroco di Santa Maria degli Angeli non riesce a contattare una ragazza che assiste, giovanissima e incinta. Facile immaginare che i due casi siano collegati. Il cadavere della donna viene trovato presso la sua fatiscente abitazione: è stata uccisa con un colpo alla testa. Gli esami sul corpo confermano che ha partorito, ma da almeno ventiquattr'ore, mentre la bambina è stata abbandonata da molto meno, perché la spazzatura viene ritirata alle prime luci dell'alba. Chi ha ucciso la donna, un'immigrata di vent'anni? E chi ha messo la bambina vicino ai bidoni dell'immondizia? Romano e Di Nardo, presi dalle loro vicende personali, dovranno scavare nei diciotto mesi di permanenza della giovane in città e indagare tra tutti quelli che l'avevano conosciuta, amata e odiata per scoprire cosa sia davvero successo. Nel frattempo Lojacono e Aragona cercheranno di capire chi è che rapisce i cani e i gatti dei ricchi del quartiere, e perché.

Cuccioli

De Giovanni Maurizio