Narrativa

Quando cadono le stelle

Serino Gian Paolo

Descrizione: Un attore famoso, alcolizzato e depresso in privato, ma in pubblico simbolo del "sogno americano", riceve una notizia personale che gli cambierà la vita per sempre. Il più grande artista del mondo, durante l'occupazione nazista, rende immortale la figlia della donna di servizio di un hotel su una spiaggia di Juan-les-Pins, in Francia. Un giovane scrittore newyorchese s'innamora della figlia di un Premio Nobel per la letteratura. Questa relazione lo sconvolgerà a tal punto da pubblicare uno dei libri più venduti al mondo. Un anonimo funzionario di una compagnia di assicurazioni si occupa di sicurezza sul lavoro. Conosce una cameriera in un bordello nel ventre nero di Praga e, grazie a lei, troverà il suo modo per salvare l'umanità. Arrivato alla fine della sua vita, uno dei più grandi scrittori del Novecento si suicida con la canna di un fucile in bocca, mentre una ragazza vitale, chiassosa e ribelle alle regole rigide della sua famiglia, negli anni Quaranta viene sottoposta per volere del padre a un intervento di lobotomia frontale. Un romanzo corale che ci racconta i luoghi oscuri di quella società dello spettacolo diventata un incredibile e pirotecnico "Grande Show".

Categoria: Narrativa

Editore: Baldini & Castoldi

Collana: Romanzi e racconti

Anno: 2016

ISBN: 9788868529307

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel suo primo romanzo Gian Paolo Serino intrattiene la nostra attenzione su un fenomeno sociale ed esistenziale che ha sempre più intaccato il modello occidentale affermatosi durante l’era contemporanea: “Quando cadono le stelle”…
In senso figurato le precipitazioni astrali sono infatti un meccanismo forse insito e ineluttabile nel paradigma americano spesso fotocopiato ed esportato anche oltreoceano: se da un lato il sistema porta a far risplendere le stelle secondo le leggi dell’accelerazione del successo e le dinamiche subliminali del sogno, al tempo stesso il cosmo capitalistico disintegra frettolosamente le stelle e impietosamente rifulge delle polveri nelle quali le celebrità si disintegrano.

Autocombustione necessaria?
Implosione inevitabile?
Colpa del consumismo?
Conseguenza della logica dell’effimero?
Postumo dell’imperscrutabile malattia che corrode l’artista?
Effetto collaterale della fama?
Chi può saperlo… Vero è che Gian Paolo Serino prima interiorizza e poi sventaglia nel suo romanzo alcune storie emblematiche di chi ha patito la smania del successo e, a parer mio, formula un sospetto che può apparire di una semplicità disarmante e che – per connessione d’argomento – richiama alla mente un aforisma di Charles Bukowski (la cui storia NON è presente nel romanzo): “Che fine ha fatto la semplicità? Sembriamo tutti messi su un palcoscenico, e ci sentiamo tutti in dovere di dare spettacolo.”
E allora, dunque, cosa succede Quando cadono le stelle?
In questo breve commento al romanzo (e nella nostra interpretazione) cercheremo di esemplificare assumendo alcuni spunti da un’opera prima che in questi mesi viene presentata e diffusa con iniziative originali e nuove: il giro-camper, il legame simbiotico con il tessuto delle librerie e delle biblioteche…

Quando cadono le stelle?
“Edgar non poté credere ai suoi occhi. Ti facevano bere gratis!”
Una stella cade se il cielo è troppo vuoto. Un uomo muore se gli altri approfittano di lui e lo mercificano. A quel punto, anche e soprattutto il migliore degli artisti si sente “solo, come nei suoi racconti. Solo, come tra i suoi demoni di vetro infranti nel sogno di una bottiglia che lo rincuorasse e che lo portò alla morte”.

Quando cadono le stelle?
Le stelle cadono se infrangono le leggi del firmamento. A volte cadono per il troppo brillare. Come dire: l’ansia da prestazione (“Perché ormai somiglio più a un brand che a uno scrittore?”), il timore del giudizio altrui e, per converso, l’ipocrisia del giudizio (“La gente con cui ho a che fare ha il terrore di dirmi cosa pensa veramente dei miei libri”), l’asservimento dell’arte alle leggi del mercato (Betty Love, “la shampista. Lei sì che è un genio del marketing”)… 

Quando cadono le stelle?
Quando prevalgono le ossessioni e la paura di fallire, e non ci si abbandona a sentimenti elementari e veri (“Tutto quello che voleva era solo che suo padre le desse un bacio”): così accade nella terribile storia di Rosemary K. che la mano di Gian Paolo ritrae come in un dramma di Tennessee Williams (ndr: Improvvisamente l’estate scorsa).

Sono soltanto tre cenni tratti dall’opera, le storie sono lì da leggere, evocative e coinvolgenti, sino al gran finale al MOMA di New York dove l’arte e i personaggi si fondono come in una plastica installazione d’avanguardia: da guardare con un occhio posato sull’infelicità che produce lo star system, l’altro puntato – per strabismo –  verso principi tanto evidenti quanto invisibili pur se enunciati da oriente (“La vita è molto semplice, ma noi insistiamo col renderla complicata” – Confucio) a occidente (“Le cose più semplici sono le più straordinarie, e soltanto un saggio riesce a vederle” – Paulo Coelho)…

Bruno Elpis

A questo link http://www.i-libri.com/scrittori/scrittore-non-lo-considero-un-mestiere-unesigenza-intervista-gian-paolo-serino/ potete leggere l’intervista che abbiamo realizzato con l’autore prima della pubblicazione del romanzo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Gian

Serino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serino Gian Paolo

Una grave crisi economica investe il mondo. Non è una delle tante: è l’ultima, quella definitiva. Finiscono per sempre soldi, lavoro e benessere. Solo un posto si è salvato: è la città dove vive il protagonista di questa storia. Qui un gruppo di ragazzi come lui, intuendo prima degli altri come sarebbe andata a finire, ha fondato una comunità basata su alcol e promiscuità, svuotata da ogni preoccupazione e progettualità. E’ la nuova terra promessa per ex programmatori ed ex architetti, ex banchieri ed ex direttori marketing. Una vera e propria ondata migratoria alla rovescia con fenomeni di razzismo e discriminazione. Anche Jenny è una “appena arrivata”, ma è diversa: non è la solita emarginata, depressa e bisognosa di calore umano. Jenny sembra viva in città da sempre; anche per questo il protagonista non può togliersela dalla testa. Inizia così una storia d’amore assurda, fatta di bugie e voglia di cambiamento, differenze culturali e sintomi di una nevrosi collettiva che ci riguarda tutti e da cui appare impossibile uscire indenni. L’unico che sembra farcela è un uomo pitturato d’argento. Sta seduto su una panchina al centro della città e, da anni, non fa assolutamente niente. In uno scenario futuristico, dipinto a tinte cupe, trionfano l'opportunismo e il disimpegno. Una visione acuta, divertente e terrificante del dolore, della fine del lavoro e del mondo.

L’UOMO D’ARGENTO

Morici Claudio

ALMENO IL CAPPELLO – di Andrea Vitali

Anana e un uomo che fa. Come un pioniere, si e aperto la strada in una terra ostile - lo stato indiano somiglia al nostro, invadente e dispotico quando chiede, inesistente quando serve - e intravede finalmente l'orizzonte: la sua è una fabbrica modello, pronta a decollare sul mercato internazionale. Anche i suoi figli gli sembrano un miracolo, mentre la moglie è capricciosa e insicura. Nei sogni Anand accarezza un'altra donna: accanto a Kavika, non è più solo. E quando di colpo tutto si complica, perché politici rapaci lo tormentano con un subdolo ricatto, Kavika è l'unica che lo sa ascoltare. Ma qual è il karma di Anand? Proteggere sua moglie per amore dei figli, o dare ascolto ai propri bisogni più intimi e abbandonarsi tra le braccia di Kavika? Cedere al ricatto che minaccia la sua fabbrica e adeguarsi alla corruzione imperante, o combattere e dire di no? Kamala è una vita che combatte. Ha lavorato nei cantieri con il figliolino al collo, dormendo sul marciapiede in una tenda improvvisata. Fare la serva per la famiglia di Anand le sembra una conquista: ha una casa minuscola in cui tornare la sera, può mandare a scuola il suo amato Narayan. La sua vita è distante mille miglia da quella dei suoi datori di lavoro, che spendono in un pomeriggio di shopping quello che lei guadagna in un anno, ma Kamala sarebbe contenta così. Se non fosse per la speculazione edilizia che minaccia la sua casa. Se non fosse per la calunnia che rischia di distruggere tutto quello che ha.

La fabbrica della speranza

Sankaran Lavanya

Abbi cura di me