Narrativa

Quando cadono le stelle

Serino Gian Paolo

Descrizione: Un attore famoso, alcolizzato e depresso in privato, ma in pubblico simbolo del "sogno americano", riceve una notizia personale che gli cambierà la vita per sempre. Il più grande artista del mondo, durante l'occupazione nazista, rende immortale la figlia della donna di servizio di un hotel su una spiaggia di Juan-les-Pins, in Francia. Un giovane scrittore newyorchese s'innamora della figlia di un Premio Nobel per la letteratura. Questa relazione lo sconvolgerà a tal punto da pubblicare uno dei libri più venduti al mondo. Un anonimo funzionario di una compagnia di assicurazioni si occupa di sicurezza sul lavoro. Conosce una cameriera in un bordello nel ventre nero di Praga e, grazie a lei, troverà il suo modo per salvare l'umanità. Arrivato alla fine della sua vita, uno dei più grandi scrittori del Novecento si suicida con la canna di un fucile in bocca, mentre una ragazza vitale, chiassosa e ribelle alle regole rigide della sua famiglia, negli anni Quaranta viene sottoposta per volere del padre a un intervento di lobotomia frontale. Un romanzo corale che ci racconta i luoghi oscuri di quella società dello spettacolo diventata un incredibile e pirotecnico "Grande Show".

Categoria: Narrativa

Editore: Baldini & Castoldi

Collana: Romanzi e racconti

Anno: 2016

ISBN: 9788868529307

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel suo primo romanzo Gian Paolo Serino intrattiene la nostra attenzione su un fenomeno sociale ed esistenziale che ha sempre più intaccato il modello occidentale affermatosi durante l’era contemporanea: “Quando cadono le stelle”…
In senso figurato le precipitazioni astrali sono infatti un meccanismo forse insito e ineluttabile nel paradigma americano spesso fotocopiato ed esportato anche oltreoceano: se da un lato il sistema porta a far risplendere le stelle secondo le leggi dell’accelerazione del successo e le dinamiche subliminali del sogno, al tempo stesso il cosmo capitalistico disintegra frettolosamente le stelle e impietosamente rifulge delle polveri nelle quali le celebrità si disintegrano.

Autocombustione necessaria?
Implosione inevitabile?
Colpa del consumismo?
Conseguenza della logica dell’effimero?
Postumo dell’imperscrutabile malattia che corrode l’artista?
Effetto collaterale della fama?
Chi può saperlo… Vero è che Gian Paolo Serino prima interiorizza e poi sventaglia nel suo romanzo alcune storie emblematiche di chi ha patito la smania del successo e, a parer mio, formula un sospetto che può apparire di una semplicità disarmante e che – per connessione d’argomento – richiama alla mente un aforisma di Charles Bukowski (la cui storia NON è presente nel romanzo): “Che fine ha fatto la semplicità? Sembriamo tutti messi su un palcoscenico, e ci sentiamo tutti in dovere di dare spettacolo.”
E allora, dunque, cosa succede Quando cadono le stelle?
In questo breve commento al romanzo (e nella nostra interpretazione) cercheremo di esemplificare assumendo alcuni spunti da un’opera prima che in questi mesi viene presentata e diffusa con iniziative originali e nuove: il giro-camper, il legame simbiotico con il tessuto delle librerie e delle biblioteche…

Quando cadono le stelle?
“Edgar non poté credere ai suoi occhi. Ti facevano bere gratis!”
Una stella cade se il cielo è troppo vuoto. Un uomo muore se gli altri approfittano di lui e lo mercificano. A quel punto, anche e soprattutto il migliore degli artisti si sente “solo, come nei suoi racconti. Solo, come tra i suoi demoni di vetro infranti nel sogno di una bottiglia che lo rincuorasse e che lo portò alla morte”.

Quando cadono le stelle?
Le stelle cadono se infrangono le leggi del firmamento. A volte cadono per il troppo brillare. Come dire: l’ansia da prestazione (“Perché ormai somiglio più a un brand che a uno scrittore?”), il timore del giudizio altrui e, per converso, l’ipocrisia del giudizio (“La gente con cui ho a che fare ha il terrore di dirmi cosa pensa veramente dei miei libri”), l’asservimento dell’arte alle leggi del mercato (Betty Love, “la shampista. Lei sì che è un genio del marketing”)… 

Quando cadono le stelle?
Quando prevalgono le ossessioni e la paura di fallire, e non ci si abbandona a sentimenti elementari e veri (“Tutto quello che voleva era solo che suo padre le desse un bacio”): così accade nella terribile storia di Rosemary K. che la mano di Gian Paolo ritrae come in un dramma di Tennessee Williams (ndr: Improvvisamente l’estate scorsa).

Sono soltanto tre cenni tratti dall’opera, le storie sono lì da leggere, evocative e coinvolgenti, sino al gran finale al MOMA di New York dove l’arte e i personaggi si fondono come in una plastica installazione d’avanguardia: da guardare con un occhio posato sull’infelicità che produce lo star system, l’altro puntato – per strabismo –  verso principi tanto evidenti quanto invisibili pur se enunciati da oriente (“La vita è molto semplice, ma noi insistiamo col renderla complicata” – Confucio) a occidente (“Le cose più semplici sono le più straordinarie, e soltanto un saggio riesce a vederle” – Paulo Coelho)…

Bruno Elpis

A questo link http://www.i-libri.com/scrittori/scrittore-non-lo-considero-un-mestiere-unesigenza-intervista-gian-paolo-serino/ potete leggere l’intervista che abbiamo realizzato con l’autore prima della pubblicazione del romanzo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Gian

Serino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serino Gian Paolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

A Parigi, in una scuola internazionale per i rampolli di famiglie facoltose, si incrociano e si compiono i destini di William Silver, professore di letteratura, Gilad Fisher, alunno di un suo seminario, e Marie de Cléry, un'altra giovane studentessa. E il lettore assiste a questo affascinante processo guardando attraverso il caleidoscopio delle loro tre visioni gli eventi che lo determinano. Le lezioni del prof, adorato dagli studenti e profondamente innamorato del proprio mestiere nonché di se stesso nell'atto di svolgerlo. La difficile vita del giovane Gilad, alle prese con una famiglia disfunzionale e con l'assoluta difficoltà a integrarsi nei contesti sempre diversi dove la carriera diplomatica del padre lo porta di volta in volta a trasferirsi. Il rapporto di Marie con se stessa, col proprio e l'altrui sesso e con la mescolanza di invidia, odio e insofferenza che la lega alla sua "migliore amica" Ariel. L'amore tanto totalitario quanto impossibile che Gilad finirà col provare per Will, quello più titubante ma vissuto anche nella sua componente fisica che legherà la diciassettenne Marie al professore, il modo in cui quest'ultimo finisce per svilire l'eroe coraggioso e anticonformista che interpreta nelle aule di scuola sono tutte bombe silenziose. Esplodono senza fragore pagina dopo pagina sbriciolando le illusioni, le ipocrisie, i sogni e gli incubi dei personaggi e restituendo al lettore il vivido squarcio della vita di un ragazzo, di un uomo e di una giovane nell'atto di farsi donna.

NON TI MERITI NULLA

Maksik Alexander

Holly Golightly, la protagonista di questo estroso romanzo breve, è una cover-girl di New York, attrice cinematografica mancata, generosa di sé con tutti, consolatrice di carcerati, eterna bambina chiassosa e scanzonata. È un personaggio incantevole, dotato di una sorprendente grazia poetica. Intorno a lei ruotano tipi bizzarri come Sally Tomato, paterno gangster ospite del penitenziario di Sing Sing, O.J. Berman, il potente agente dei produttori di Hollywood, il "vecchio ragazzo" Rusty Trawler, Joe Bell, proprietario di bar e timido innamorato...

Colazione da Tiffany

Capote Truman

Mentre sorseggia il cappuccino come ogni mattina, seduto in un bar nel centro di Firenze, Enrico Vallesi legge una notizia sul giornale: in un conflitto a fuoco con i carabinieri, è rimasto ucciso un rapinatore, da poco uscito di galera. Il nome della vittima riporta Enrico alla fine degli anni Settanta, al primo giorno di liceo, quando in una classe di quindicenni aveva fatto la sua comparsa Salvatore. più volte bocciato, turbolento, il compagno che gli aveva insegnato come difendersi dalla violenza della strada e superare a testa alta quel territorio straniero che è l'adolescenza. Ai ricordi di Enrico si alterna il racconto del suo ritorno nella città dalla quale era partito, quando non aveva ancora conosciuto gioie e delusioni del matrimonio e del suo mestiere di scrittore. Un ritorno a casa in cerca di risposte ai propri tormenti, per scoprire quello che tanti anni prima si era lasciato alle spalle, ma anche per capire cosa è diventata nel frattempo la sua vita.

Il bordo vertiginoso delle cose

Carofiglio Gianrico

Il giovane Simon vive come un animale ai margini di un bosco preistorico eppure futuribile. Ci vive con il Polacco che dovrebbe essere suo padre. Dopo visite di misteriosi militari, si mette in viaggio per la Capitale al seguito del Polacco, il folle eroe di guerra chiamato a compiere un'oscura missione urbanistica e militare. Nella grande città, la vita di Simon diventa un incubo di lavoro inutile, burocrazia tumorale e sanità alienata. Il risveglio arriverà all'improvviso, sull'orlo di un riscatto mai immaginato.

Genesi 3.0

Calvisi Angelo