Letteratura araba

Quando è giusto distribuire traduzioni non autorizzate?

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Ayman Fadel di Balagh Translations ha preso in considerazione le traduzioni in arabo di libri popolar scientifici; lui ha trovato, tra le altre cose, molte traduzioni non autorizzate di Carl Sagan in giro per il web. Si chiede:

Possiamo dire che la traduzione non autorizzata è una buona cosa?

 

Così come Fadel ha detto in una mail successiva, la questione non è propriamente quella delle traduzioni non autorizzate (potrei anche trascrivere tutte le opere di Lev Tolstoj nella mia camera da pranzo senza creare disagi a nessuno), quanto piuttosto la diffusione non autorizzata di traduzioni a loro volta non autorizzate – in violazione del copyright.

Certamente, in un mondo in cui le risorse fossero equamente distribuite, le traduzioni non autorizzate non potrebbero mai andare bene. Non vorremmo un qualsiasi traduttore che di sua iniziativa si appassioni al libro di Taher Sharkawy, عن الذي يربي حجرا في بيته – A proposito di quel tale che tira un sasso a casa sua (ndr. vincitore del Premio per il miglior romanzo alla Fiera del Libro del Cairo), lo traduca in Inglese (o in islandese o turco o danese), lo pubblichi e lo distribuisca senza il preventivo consenso dell’autore, senza la sua supervisione e senza riconoscergli un soldo.

Ma cosa ne sarebbe, per esempio, della traduzione in arabo di libri scientifici, che sono così carenti? Fadel ha scritto in una email:

Alla fine dei conti, credo sia moralmente giustificabile, purchè vi sia del valore nell’opera oggetto di traduzione e quest’ultima, così come la sua distribuzione, garantiscano il mantenimento della qualità dell’opera originale. Per i libri popolari ad oggetto scientifico, nell’epoca in cui le questioni tecnologiche ed ecologige dovrebbero dominare le preoccupazioni del pubblico, vedo questi libri allo stesso modo in cui vedo i farmaci generici. Così come non è corretto per una grande casa farmaceutica vietare all’India o al Brasile di produrre medicine salva vita ad un prezzo che il pubblico possa permettersi, non è giusto che la Routledge possa negare alle persone l’accesso alla conoscenza.

Dopo aver detto questo, ciò non significa che le istituzioni, così come i governi nazionali, la Lega Araba, l’UNESCO e altri non possano istituire un meccanismo dove gli autori, i traduttori e gli editori possano ricevere un compenso. Non sono così esperto di editoria per poter dire come questo possa funzionare.

 

Dr. Nagla Rizk, e altri rappresentanti del movimento Access to Knowledge (A2K) hanno sollevato simili questioni: Non è etico tenere la parte non benestante del mondo lontana dalla conoscenza, specialmente in quei casi in cui il costo per accedere ai giornali scientifici è così esorbitante

 

E ancora — e Dr. Rizk non potrebbe che concordare, credo — il diritto morale sull’opera di qualcuno che questa non venga manipolata o peggiorata resta supremo.

 

*       *       *       *      *

Articolo tradotto dall’inglese da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link: http://arablit.wordpress.com/2013/02/08/when-is-it-okay-to-distribute-unauthorized-translations/

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Quando esci dagli schemi della mera e rassicurante esistenza e decidi di vivere, tutto può accadere. A Diego, quarantenne traumatizzato da un lutto familiare, con un lavoro anonimo e un talento unico per le balle, accade di imbarcarsi impulsivamente in un'impresa al di sopra delle sue capacità, l'apertura di un agriturismo; accade che decida di farlo in società con due individui visti solo una volta e che in comune con lui hanno esclusivamente la mediocrità; accade anche che a far evitare il fallimento immediato sia l'intervento di un comunista nostalgico e che la banale fuga in campagna si trasformi in un atto di resistenza quando nell'agriturismo si presenta un camorrista per chiedere il pizzo. Questo arrivo inaspettato genera una risposta imprevedibile, soprattutto da parte di quattro guerrieri da riunione di condominio, e una serie di eventi a catena. Diego e i suoi amici diventano involontari artefici di un bizzarro miracolo mentre l'agriturismo, con l'arrivo di tre immigrati ghanesi e di una giovane cuoca punk, si trasforma giorno dopo giorno in una sorta di avamposto multietnico, anarchico e partigiano.

GIULIA 1300 E ALTRI MIRACOLI

Bartolomei Fabio

Le Mani della Madre

Lorenzo Milani nasce a Firenze nel 1923, in una famiglia colta e benestante. Ma molto presto inizia a lavorare dentro di lui un'inquietudine, una ribellione radicale per le diseguaglianze che vede intorno a sé, per i privilegi assurdi dei quali sente di godere e i compromessi morali che ogni vita borghese porta con sé. Così, mentre la guerra infuria, entra in seminario e, venticinquenne, viene ordinato prete. Da qui comincia il suo percorso di educatore e "incendiario" predicatore, culminata negli anni in cui a Barbiana darà vita alla sua scuola straordinaria e scriverà Esperienze pastorali condannato dal Sant'Uffizio - e Lettera a una professoressa, un testo fondamentale dal '68 a oggi. Eraldo Affinati, cerca tracce della vita di don Milani ripercorrendone i passi, i luoghi, incontrando chi lo conobbe. A queste pagine alterna capitoli in cui racconta di "altri don Milani" incontrati in tutto il mondo: figure di insegnanti e testimoni della possibilità di un'educazione fondata sull'esempio personale, su un rigore che si coniuga con una profonda empatia.

L’uomo del futuro

Affinati Eraldo

La cosa più affascinante del sesso non è il sesso, ma tutto ciò che gli ruota attorno: in una sola parola, la vita. È per questo cheLeonardo, Eva e Giorgio, dovendo parlare di sesso, raccontano le rispettive esistenze (audaci e innocenti allo stesso tempo) a un intervistatore che vorrebbe scrivere un libro sul piacere, e che invece si ritrova in continuazione a fare i conti con il loro dolore. Del resto, nel gioco erotico, tutto è così terribilmente intrecciato: non solo il piacere e il dolore, ma anche la trasgressione e le regole, la libertà e il possesso, l'eccitazione e la noia, l'io e la maschera. Quelle che i nostri eroi indossanoin questo romanzo corrispondono ai tre ruoli chiave del gioco: Leonardo (nome in codice: Mister Wolf) è il bull, maschio alfa che applica al sesso seriale la disciplina e la meticolosità degli antichi samurai, Eva (la First Lady) è la sweet, regina e schiava deldesiderio maschile, Giorgio (il Presidente) è il cuckold, tradito consenziente che sguazza nella sua impotenza ma non rinuncerebbe mai a manovrare i fili. Insieme formano il triangolo più classico e scabroso dell'intera geometria erotica, quello in cui l'ossessione maschile di possedere e offrire l'oggetto del proprio desiderio s'incastra con l'aspirazione della donna ad appartenere, finalmente, solo a se stessa. Recitano dei ruoli, Mister Wolf, la First Lady e il Presidente. Ma quanto più il corpo è il loro abito di scena, tanto più la loro anima si denuda, rivelando ai nostri occhi l'umanità struggente, tenera, e talvolta esilarante, di tre protagonisti fuori dagli schemi.

Il gioco

D'Amicis Carlo