Letteratura araba

Quando è giusto distribuire traduzioni non autorizzate?

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Ayman Fadel di Balagh Translations ha preso in considerazione le traduzioni in arabo di libri popolar scientifici; lui ha trovato, tra le altre cose, molte traduzioni non autorizzate di Carl Sagan in giro per il web. Si chiede:

Possiamo dire che la traduzione non autorizzata è una buona cosa?

 

Così come Fadel ha detto in una mail successiva, la questione non è propriamente quella delle traduzioni non autorizzate (potrei anche trascrivere tutte le opere di Lev Tolstoj nella mia camera da pranzo senza creare disagi a nessuno), quanto piuttosto la diffusione non autorizzata di traduzioni a loro volta non autorizzate – in violazione del copyright.

Certamente, in un mondo in cui le risorse fossero equamente distribuite, le traduzioni non autorizzate non potrebbero mai andare bene. Non vorremmo un qualsiasi traduttore che di sua iniziativa si appassioni al libro di Taher Sharkawy, عن الذي يربي حجرا في بيته – A proposito di quel tale che tira un sasso a casa sua (ndr. vincitore del Premio per il miglior romanzo alla Fiera del Libro del Cairo), lo traduca in Inglese (o in islandese o turco o danese), lo pubblichi e lo distribuisca senza il preventivo consenso dell’autore, senza la sua supervisione e senza riconoscergli un soldo.

Ma cosa ne sarebbe, per esempio, della traduzione in arabo di libri scientifici, che sono così carenti? Fadel ha scritto in una email:

Alla fine dei conti, credo sia moralmente giustificabile, purchè vi sia del valore nell’opera oggetto di traduzione e quest’ultima, così come la sua distribuzione, garantiscano il mantenimento della qualità dell’opera originale. Per i libri popolari ad oggetto scientifico, nell’epoca in cui le questioni tecnologiche ed ecologige dovrebbero dominare le preoccupazioni del pubblico, vedo questi libri allo stesso modo in cui vedo i farmaci generici. Così come non è corretto per una grande casa farmaceutica vietare all’India o al Brasile di produrre medicine salva vita ad un prezzo che il pubblico possa permettersi, non è giusto che la Routledge possa negare alle persone l’accesso alla conoscenza.

Dopo aver detto questo, ciò non significa che le istituzioni, così come i governi nazionali, la Lega Araba, l’UNESCO e altri non possano istituire un meccanismo dove gli autori, i traduttori e gli editori possano ricevere un compenso. Non sono così esperto di editoria per poter dire come questo possa funzionare.

 

Dr. Nagla Rizk, e altri rappresentanti del movimento Access to Knowledge (A2K) hanno sollevato simili questioni: Non è etico tenere la parte non benestante del mondo lontana dalla conoscenza, specialmente in quei casi in cui il costo per accedere ai giornali scientifici è così esorbitante

 

E ancora — e Dr. Rizk non potrebbe che concordare, credo — il diritto morale sull’opera di qualcuno che questa non venga manipolata o peggiorata resta supremo.

 

*       *       *       *      *

Articolo tradotto dall’inglese da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link: http://arablit.wordpress.com/2013/02/08/when-is-it-okay-to-distribute-unauthorized-translations/

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il diario politico del 2011 raccontato dal più corrosivo e implacabile tra i giornalisti italiani. Un appuntamento che ogni lunedì tiene incollate al video migliaia di persone, in diretta sul seguitissimo blog di Beppe Grillo. In molti l'hanno capito, è l'occasione unica per informarsi davvero, rompere con il sistema addomesticato dell'informazione televisiva ed entrare direttamente dentro la cronaca, gli scandali e l'attualità politica. Finalmente senza filtri. Ruby e i festini di Arcore; P2, P3 e P4; Berlusconi e i processi; i referendum e il crollo dei partiti; le elezioni regionali e la sconfitta del Pdl; lodi e leggi ad personam... Tutto quello che dovevate sapere e che nessuno ha raccontato. Anzi, in molti l'hanno nascosto. Ogni intervento di Marco Travaglio è una ricostruzione minuziosa dei fatti e un atto d'accusa contro il potere che pensa solo a se stesso, mai ai cittadini e ancora meno al bene comune.

Silenzio, si ruba

Travaglio Marco

Sono passati cinquant'anni da quando è stato scritto, ma continuiamo a vederlo, Holden Caufield, con quell'aria scocciata, insofferente alle ipocrisie e al conformismo, lui e la sua "infanzia schifa" e le "cose da matti che gli sono capitate sotto Natale", dal giorno in cui lasciò l'Istituto Pencey con una bocciatura in tasca e nessuna voglia di farlo sapere ai suoi. La trama è tutta qui, narrata da quella voce spiccia e senza fronzoli. Ma sono i suoi pensieri, il suo umore rabbioso, ad andare in scena. Perché è arrabbiato Holden? Poiché non lo si sa con precisione, ognuno ha potuto leggervi la propria rabbia e assumere il protagonista ad "exemplum vitae".

Il giovane Holden

Salinger J. D.

La casa di Asterione

Borges Luis Jorge

La vita sembra sorridere a Caterina. Ha finalmente una trasmissione televisiva tutta sua, si è lasciata alle spalle una relazione ormai stanca a Roma e finalmente può tornare nella sua amata Milano. Solo una cosa la turba: ritrovare la sua ingombrante famiglia. Caterina è sempre stata determinata a non farsi coinvolgere negli affari familiari, ma la morte della madre rimescola tutte le carte. Resta incredula quando – assieme ai suoi fratelli – scopre che la madre ha lasciato in eredità la vicepresidenza dell’azienda di famiglia all’amante del marito. Di fronte a una decisione così inspiegabile, prende il via un’indagine nei “misteri” di casa che si intreccia ai grandi e piccoli drammi personali dei cinque rampolli, tra gelosie, complicità e passioni improvvise. Un frizzante ritratto familiare in cui il gusto per la narrazione si alterna alla passione per il cibo (e per i tacchi alti); un romanzo sapido e piccante come possono essere solo la vita e l’amore.

RICETTE DI FAMIGLIA

Alagi Anna