Narrativa

QUANDO ERO UN’OPERA D’ARTE

Schmitt Eric-Emmanuel

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2006

ISBN: 9788876417368

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Ci sono esseri che, di spalle, promettono un segreto. La loro nuca, i loro fianchi, le loro scapole hanno una tale presenza che ci riempiono di apprensione. Quando si girano assistiamo a un colpo di scena, con tutti i relativi rischi: rischio di esserne entusiasti, rischio di rimanerne delusi. La donna volse verso di me un viso che mi abbagliò, di un bianco miracoloso, un bianco strappato al pericolo del rosa o del beige, un bianco fragile e insostenibile, un bianco che non era solo un colore ma una consistenza dolce, morbida, aerea, farinosa”.

 

Questo un assaggio della prosa di Schmitt.

Se aggiungiamo una trama imprevedibile e bizzarra che indubbiamente coinvolge ed incuriosisce, arriviamo ad un otto pieno, nonostante il finale opaco.

Tazio vuole farla finita; la sua vita è davvero insignificante.

Si sente un fallito soprattutto in confronto ai suoi bellissimi fratelli, i gemelli Firelli di cui tutti parlano, le nuove star del cinema e della televisione.

Quando, però, sta per suicidarsi lanciandosi in un burrone, interviene Zeus-Peter Lama, un artista eccentrico e folle, che lo convince a non buttarsi facendogli una proposta: diventare un’opera d’arte.

Tazio accetta di buon grado. Ritiene di non aver nulla di importante da perdere, e l’idea di uscire finalmente dall’anonimato lo esalta.

 

Si sottopone così ad una serie di interventi chirurgici che stravolgono il suo aspetto, rendendolo in verità scomodo e mostruoso, e il successo arriva immediato. Perché oggi l’arte è anche sorpresa, stranezza, novità, a prescindere dal valore concreto di un’opera.

Adam Bis, questo il nuovo nome di Tazio, diventa un mero oggetto nelle mani di Zeus, materia prima plasmata e poi esibita, un fenomeno da baraccone ammirato solo perché legato al nome dell’artista del momento.

Provvidenziale sarà l’incontro con un anziano pittore, Hannibal.

Hannibal è povero in canna, praticamente sconosciuto ed è anche diventato cieco, eppure continua a dipingere, perché questa è la sua vita, perché l’arte per lui è vocazione.

Ad aiutarlo è la figlia Fiona, di cui Adam Bis si innamora…

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eric-emmanuel

Schmitt

Libri dallo stesso autore

Intervista a Schmitt Eric-Emmanuel

A un giovane che affrontasse per la prima volta questo libro, si potrebbe forse dire: leggi anzitutto "Una disperata vitalità", e se da quel magma non ti senti alla fine stordito ed escluso, se riesci a cogliere il messaggio di angoscia ma anche di "disperata vitalità", appunto, che ne promana, allora potrai affrontare anche il resto, con la pazienza e la tenacia necessaria per accettarlo e capirlo; per rifiutarlo, anche, ma dopo averlo capito e dopo aver capito perché, nell'Italia del boom economico, ci si potesse sentire come un "gatto bruciato vivo", come "un serpe ridotto a poltiglia di sangue" e non solo per disposizione e situazione esclusivamente personale." (Dalla Prefazione di Edoardo Esposito).

Quel poeta profeticamente illeggibile

Pasolini Pier Paolo

Dalla nascita palermitana alla formazione torinese, fino al definitivo trasferimento a Roma, Sandra Petrignani ripercorre la vita di una grande protagonista del panorama culturale italiano. Ne segue le tracce visitando le case che abitò, da quella siciliana di nascita alla torinese di via Pallamaglio – la casa di Lessico famigliare – all’appartamento dell’esilio a quello romano in Campo Marzio, di fronte alle finestre di Italo Calvino. Incontra diversi testimoni, in alcuni casi ormai centenari, della sua avventura umana, letteraria, politica, e ne rilegge sistematicamente l’opera fin dai primi esercizi infantili. Un lavoro di studio e ricerca che restituisce una scrittrice complessa e per certi aspetti sconosciuta, cristallizzata com’è sempre stata nelle pagine autobiografiche, ma reticenti, dei suoi libri più famosi. Accanto a Natalia – così la chiamavano tutti, semplicemente per nome – si muovono prestigiosi intellettuali che furono suoi amici e compagni di lavoro: Calvino appunto, Giulio Einaudi e Cesare Pavese, Elsa Morante e Alberto Moravia, Adriano Olivetti e Cesare Garboli, Carlo Levi e Lalla Romano e tanti altri. Perché la Ginzburg non è solo l’autrice di un libro-mito o la voce – corsara quanto quella di Pasolini – di tanti appassionati articoli che facevano opinione e suscitavano furibonde polemiche. Narratrice, saggista, commediografa, infine parlamentare, Natalia è una “costellazione” e la sua vicenda s’intreccia alla storia del nostro paese (dalla grande Torino antifascista dove quasi per caso, in un sottotetto, nacque la casa editrice Einaudi, fino al progressivo sgretolarsi dei valori resistenziali e della sinistra). Un destino romanzesco e appassionante il suo: unica donna in un universo maschile a condividere un potere editoriale e culturale che in Italia escludeva completamente la parte femminile. E donna vulnerabile, e innamorata di uomini problematici. A cominciare dai due mariti: l’eroe e cofondatore della Einaudi, Leone Ginzburg, che sacrificò la vita per la patria, lasciandola vedova con tre figli in una Roma ancora invasa dai tedeschi, e l’affascinante, spiritoso anglista e melomane Gabriele Baldini che la traghettò verso una brillante mondanità: uomini fuori dall’ordinario ai quali ha dedicato nei suoi libri indimenticabili ritratti.

La corsara. Ritratto di Natalia Ginzburg

Petrignani Sandra

Una raccolta di poesie che racconta l'Amazzonia, una regione che rischia da sempre di essere annientata dalle violenze e dagli interessi di vecchi e di nuovi colonizzatori.

Amazzonia madre d’acqua

Theophilo Marcia

Una goccia di splendore