Narrativa

QUANDO ERO UN’OPERA D’ARTE

Schmitt Eric-Emmanuel

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2006

ISBN: 9788876417368

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Ci sono esseri che, di spalle, promettono un segreto. La loro nuca, i loro fianchi, le loro scapole hanno una tale presenza che ci riempiono di apprensione. Quando si girano assistiamo a un colpo di scena, con tutti i relativi rischi: rischio di esserne entusiasti, rischio di rimanerne delusi. La donna volse verso di me un viso che mi abbagliò, di un bianco miracoloso, un bianco strappato al pericolo del rosa o del beige, un bianco fragile e insostenibile, un bianco che non era solo un colore ma una consistenza dolce, morbida, aerea, farinosa”.

 

Questo un assaggio della prosa di Schmitt.

Se aggiungiamo una trama imprevedibile e bizzarra che indubbiamente coinvolge ed incuriosisce, arriviamo ad un otto pieno, nonostante il finale opaco.

Tazio vuole farla finita; la sua vita è davvero insignificante.

Si sente un fallito soprattutto in confronto ai suoi bellissimi fratelli, i gemelli Firelli di cui tutti parlano, le nuove star del cinema e della televisione.

Quando, però, sta per suicidarsi lanciandosi in un burrone, interviene Zeus-Peter Lama, un artista eccentrico e folle, che lo convince a non buttarsi facendogli una proposta: diventare un’opera d’arte.

Tazio accetta di buon grado. Ritiene di non aver nulla di importante da perdere, e l’idea di uscire finalmente dall’anonimato lo esalta.

 

Si sottopone così ad una serie di interventi chirurgici che stravolgono il suo aspetto, rendendolo in verità scomodo e mostruoso, e il successo arriva immediato. Perché oggi l’arte è anche sorpresa, stranezza, novità, a prescindere dal valore concreto di un’opera.

Adam Bis, questo il nuovo nome di Tazio, diventa un mero oggetto nelle mani di Zeus, materia prima plasmata e poi esibita, un fenomeno da baraccone ammirato solo perché legato al nome dell’artista del momento.

Provvidenziale sarà l’incontro con un anziano pittore, Hannibal.

Hannibal è povero in canna, praticamente sconosciuto ed è anche diventato cieco, eppure continua a dipingere, perché questa è la sua vita, perché l’arte per lui è vocazione.

Ad aiutarlo è la figlia Fiona, di cui Adam Bis si innamora…

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eric-emmanuel

Schmitt

Libri dallo stesso autore

Intervista a Schmitt Eric-Emmanuel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sahra si muove nel mondo con eleganza e fierezza ed è accesa, sotto il velo, da un sorriso enigmatico, luminoso. È una giovane somala che vive con la cognata Faaduma e la nipotina Maryan nel centro di seconda accoglienza di un paese in Calabria. Finché un giorno sparisce, lasciando tutti sgomenti e increduli. A mettersi sulle sue tracce, "come un investigatore innamorato", è il suo insegnante di italiano, Antonio Cerasa, che mentre la cerca ne ricostruisce la storia segreta e avvincente, drammatica e attualissima: da un villaggio di orfani alla violenza di Mogadiscio, dall'inferno del deserto e delle carceri libiche fino all'accoglienza in Calabria. Anche quando tutti, amici compresi, sembrano voltargli le spalle, Antonio continua con una determinazione incrollabile la sua ricerca di Sahra e di Hassan, il fratello di lei, geologo misteriosamente scomparso.

Le rughe del sorriso

Abate Carmine

Una raccolta di paradossali colloqui di lavoro, domande singolari, annunci bizzarri. Consigli utili per districarsi fra i "lei è troppo per la nostra azienda", i "lei è una persona instabile, ha viaggiato troppo" e i "dobbiamo tornare tutti all'agricoltura". Un modo per riflettere, sorridendo, sui cambiamenti del mondo del lavoro e della nostra società, ma soprattutto per non arrendersi di fronte all'incertezza. Mal comune, mezzo gaudio? Forse, ma anche consapevolezza che dalla crisi si esce solo credendo in se stessi e nelle proprie capacità. Il libro è diviso in tre parti, suddivise a loro volta in capitoli. La prima parte è intitolata "Dei colloqui e degli altri demoni". La seconda: "Storie di ordinaria follia lavorativa". La terza: "Lavoro o son desto?". Qui sono raccolti una serie di consigli su come sopravvivere ai colloqui, agli stage, nonché una guida semiseria per capire quando è ora di darsela a gambe e fuggire dagli annunci-truffa.

Papà mi presti i soldi che devo lavorare?

Bottone Alessia

Una famiglia italiana con tre bambini allegri viaggia da Torino all'Inghilterra su un'auto dal nome di baleniera. È il 2005, pochi giorni dopo gli attentati a Londra. Il fascino di leggende e antichi misteri, il salmastro delle maree, il profumo di brughiere ventose e assolate, s'intrecciano a un omicidio (scoperto dal protagonista e mai rivelato ai familiari). La vacanza si tinge inaspettatamente di nero. Così pare, fino al finale a sorpresa, introdotto dal ritrovamento di una lettera e un manoscritto e da un incontro. Il lettore mescoli questi ingredienti, si faccia incantare dai loro aromi e viaggi a sua volta, pagina dopo pagina.

Raccontare troppo

Asola Teresio

Roma 1903: la morte di una guardia svizzera e di una giovane cameriera scuote il Vaticano. Il papa Leone XIII decide che per risolvere il mistero è necessaria la consulenza di un giovane medico viennese esperto nell'indagare la mente: Sigmund Freud. Il suo compito sarà individuare l'individuo che sta dietro alla tragica morte dei giovani. Non per assicurarlo alla giustizia, però, perché uno scandalo metterebbe a repentaglio la missione della Chiesa. E in fondo, pensa il papa, il colpevole riceverà l'adeguata punizione nell'aldilà. Il risultato dell'indagine servirà a impedire che, alla morte ormai prossima di Leone, il soglio di Pietro venga occupato da un empio, da un assassino. E Freud potrà contare sull'assistenza della bellissima cameriera Maria e di un giovane seminarista dal cuore puro, un certo Giuseppe Angelo Roncalli...

La scelta di Sigmund

Martigli Carlo A.