Narrativa

QUANDO ERO UN’OPERA D’ARTE

Schmitt Eric-Emmanuel

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2006

ISBN: 9788876417368

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Ci sono esseri che, di spalle, promettono un segreto. La loro nuca, i loro fianchi, le loro scapole hanno una tale presenza che ci riempiono di apprensione. Quando si girano assistiamo a un colpo di scena, con tutti i relativi rischi: rischio di esserne entusiasti, rischio di rimanerne delusi. La donna volse verso di me un viso che mi abbagliò, di un bianco miracoloso, un bianco strappato al pericolo del rosa o del beige, un bianco fragile e insostenibile, un bianco che non era solo un colore ma una consistenza dolce, morbida, aerea, farinosa”.

 

Questo un assaggio della prosa di Schmitt.

Se aggiungiamo una trama imprevedibile e bizzarra che indubbiamente coinvolge ed incuriosisce, arriviamo ad un otto pieno, nonostante il finale opaco.

Tazio vuole farla finita; la sua vita è davvero insignificante.

Si sente un fallito soprattutto in confronto ai suoi bellissimi fratelli, i gemelli Firelli di cui tutti parlano, le nuove star del cinema e della televisione.

Quando, però, sta per suicidarsi lanciandosi in un burrone, interviene Zeus-Peter Lama, un artista eccentrico e folle, che lo convince a non buttarsi facendogli una proposta: diventare un’opera d’arte.

Tazio accetta di buon grado. Ritiene di non aver nulla di importante da perdere, e l’idea di uscire finalmente dall’anonimato lo esalta.

 

Si sottopone così ad una serie di interventi chirurgici che stravolgono il suo aspetto, rendendolo in verità scomodo e mostruoso, e il successo arriva immediato. Perché oggi l’arte è anche sorpresa, stranezza, novità, a prescindere dal valore concreto di un’opera.

Adam Bis, questo il nuovo nome di Tazio, diventa un mero oggetto nelle mani di Zeus, materia prima plasmata e poi esibita, un fenomeno da baraccone ammirato solo perché legato al nome dell’artista del momento.

Provvidenziale sarà l’incontro con un anziano pittore, Hannibal.

Hannibal è povero in canna, praticamente sconosciuto ed è anche diventato cieco, eppure continua a dipingere, perché questa è la sua vita, perché l’arte per lui è vocazione.

Ad aiutarlo è la figlia Fiona, di cui Adam Bis si innamora…

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eric-emmanuel

Schmitt

Libri dallo stesso autore

Intervista a Schmitt Eric-Emmanuel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Mentre sorseggia il cappuccino come ogni mattina, seduto in un bar nel centro di Firenze, Enrico Vallesi legge una notizia sul giornale: in un conflitto a fuoco con i carabinieri, è rimasto ucciso un rapinatore, da poco uscito di galera. Il nome della vittima riporta Enrico alla fine degli anni Settanta, al primo giorno di liceo, quando in una classe di quindicenni aveva fatto la sua comparsa Salvatore. più volte bocciato, turbolento, il compagno che gli aveva insegnato come difendersi dalla violenza della strada e superare a testa alta quel territorio straniero che è l'adolescenza. Ai ricordi di Enrico si alterna il racconto del suo ritorno nella città dalla quale era partito, quando non aveva ancora conosciuto gioie e delusioni del matrimonio e del suo mestiere di scrittore. Un ritorno a casa in cerca di risposte ai propri tormenti, per scoprire quello che tanti anni prima si era lasciato alle spalle, ma anche per capire cosa è diventata nel frattempo la sua vita.

Il bordo vertiginoso delle cose

Carofiglio Gianrico

Renato Pappalardi, titolare di una importante azienda veneta, ha appena concluso un grosso affare con un cliente estero che potrebbe evitare la chiusura della fabbrica. L'incubo della cassa integrazione, già in essere per molti dei suoi dipendenti, sembra essere vicino alla fine. Eppure qualcosa non quadra. Nonostante la commessa in arrivo, Pappalardi non recede dalla politica di taglio dei costi. Franco Garritano, operaio esperto e dal carattere determinato, decide di giocarsi il tutto per tutto e avanzare richieste giuste, ma rischiose. Al destino della fabbrica sono legate molte cose: la carriera; la salvaguardia del lavoro e dell'unità delle famiglie, loro malgrado coinvolte; persino un amore appena nato e una relazione dai contorni imprevedibili. La vicenda si gonfia sempre più, con i media pronti come pescecani a imbastire il loro sensazionale scoop. Così ciascuno, pur di salvare il proprio angolo di felicità, è pronto anche a ordire inimmaginabili piani. Nessuno, però, ha fatto i conti con la carta degli imprevisti, pronta a saltar fuori come un asso dalla manica.

A galla

Toso Alessandro

Premio Rapallo Carige Opera Prima per la donna scrittrice 2015. Alento è un borgo abbandonato che sembra rincorrere l'oblio, e che non vede l'ora di scomparire. Il paesaggio d'intorno frana ma, soprattutto, franano le anime dei fantasmi che Estella, la protagonista di questo intenso e struggente romanzo, cerca di tenere in vita con disperato accudimento. Voci, dialoghi, storie di un mondo chiuso dove la ricchezza e la miseria sono impastate con la stessa terra nera. Capricci, ferocie, crudeltà, memorie e colpe di un paese condannato a ritornare alla terra. Come tra le quinte di un teatro ecco aggirarsi un anarchico, un venditore di vasi da notte, una donna che non vuole sposarsi, un banditore cieco, una figlia che immagina favole, un padre abile nel distruggerle. Con Carmen Pellegrino l'abbandonologia diviene scienza poetica. E questo modo particolare di guardare le rovine, di cui molto si è parlato sui giornali e su internet, ha finalmente il suo romanzo.

Cade la terra

Pellegrino Carmen

Un segreto tenuto nascosto per lunghi anni, una scoperta sconvolgente, un uomo di successo e una donna in carriera, un artista squattrinato ma geniale, autore di un quadro misterioso. Immersa nelle atmosfere di una Trieste nebulosa e di una Venezia dal fascino liquido, si agita l’intrigante storia di Eugenio e Francesca, amanti sanguigni, dolci quanto irascibili. “Amata tela” è un romanzo in cui le vicende dei protagonisti si tingono di passioni travolgenti, in un vortice senza fine che si abbatterà inesorabilmente sulle loro vite. Amore, sesso e arte, si mescolano nei luoghi del sogno e del sentimento. “Amata tela” costruisce un’epica di esperienze umane, tra gioie e paure, attraverso un disegno sapientemente tracciato dalla penna di Giulia Madonna.

Amata tela

Madonna Giulia