Narrativa

Quando eravamo foglie nel vento

Korkeakivi Anne

Descrizione: Da sempre Clare Moorhouse ama camminare nella folla di Parigi, fra i boulevard e gli stretti vicoli del quartiere latino. Tra gli sguardi frettolosi dei passanti, passi svelti e mani che si sfiorano per sbaglio, Clare riesce a essere sé stessa completamente. Solo in mezzo a completi sconosciuti si sente al sicuro. Nessuno può riconoscerla, nessuno può scoprire il segreto che da anni custodisce nel cuore, nemmeno il vento di primavera che le scompiglia i capelli biondi. Ma oggi è un giorno speciale. Clare ha appena saputo di dover organizzare una cena importante per suo marito, un diplomatico in carriera. Forse per lui è arrivato il momento di ottenere la tanto attesa promozione ad ambasciatore. E tutto dipende dalla cena che Clare ha appena dodici ore per definire. Un compito che può svolgere solo lei, abituata a rendere ogni ricevimento impeccabile. Per lei non è mai stato un problema, eppure oggi, mentre sceglie le primule da mettere nel centrotavola o corre al Bon Marché per gli ingredienti più raffinati, un peso le tormenta l'anima. Perché il nuovo incarico per suo marito sarà in Irlanda. E Dublino è la città che nasconde il segreto dal quale Clare ha cercato di fuggire per vent'anni. Tutta la sua vita perfetta, suo marito, i suoi figli e quello che ha di più caro sono in pericolo: oggi, tra la folla che l'ha sempre fatta sentire protetta, sono riapparsi gli occhi azzurri di un uomo che Clare credeva morto. Un uomo che è l'unico al mondo a conoscere il suo passato, e che adesso potrebbe spazzare via la tela di inganni così sapientemente intessuta…

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2013

ISBN: 9788811686729

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Clare non può tornare in Irlanda, non dopo quello che è successo.

Per venticinque anni ha serbato nel cuore un terribile segreto e adesso tutto potrebbe tornare a galla, distruggendo il suo matrimonio e la sua vita.

Edward sarà probabilmente nominato ambasciatore. Ha lavorato sodo per ottenere questo risultato e anche lei ha cercato di aiutarlo, imparando le regole del cerimoniale diplomatico e mettendole in pratica in modo impeccabile.

Purtroppo però il nuovo incarico richiederà un ennesimo trasferimento, proprio in quella terra in cui Clare credeva di aver sepolto per sempre il suo passato.

La promozione di Edward molto dipende dalla cena ufficiale che Clare ha il compito di organizzare alla perfezione in sole dodici ore. Come se non bastasse, il figlio Jamie è stato rispedito a casa dalla Barrow perché si è nuovamente cacciato in qualche guaio.

Comunque Clare, facendo appello al proprio autocontrollo, si dedica con diligenza ai frenetici preparativi. Il problema è che le sembra di vedere ovunque gli occhi di Niall…

Quando eravamo foglie nel vento ha una struttura solida e una trama interessante che si snoda tra gli affascinanti buolevard parigini.

Clare Moorhouse, la protagonista logorata dal senso di colpa, ci svela la propria vita in una serie di flashback che movimentano la narrazione, mentre lo stile di Anne Korkeakivi è semplice e limpido.

Ciononostante, il libro non entusiasma.

La pecca principale è senz’altro la pacatezza con cui l’autrice ci presenta le vicende: la sua penna non racconta ma spiega, e così non riesce a creare quel coinvolgimento emotivo che incolla i lettori alla pagina.

Ai personaggi, piuttosto stereotipati, non ci si affeziona, e le descrizioni dei preparativi della cena sono ridondanti e noiose, a discapito della suspense (Tra l’altro, personalissima opinione, tutto quel daffare per servire pangasio?).

Nel complesso il testo è gradevole se lo si approccia senza troppe pretese.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Anne

Korkeakivi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Korkeakivi Anne


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un libro sui giovani, perché i giovani, anche se non sempre lo sanno, stanno male. E non per le solite crisi esistenziali che costellano la giovinezza, ma perché un ospite inquietante, il nichilismo, si aggira tra loro, penetra nei loro sentimenti, confonde i loro pensieri, cancella prospettive e orizzonti, fiacca la loro anima, intristisce le passioni rendendole esangui. Le famiglie si allarmano, la scuola non sa più cosa fare. Solo il mercato si interessa di loro per condurli sulle vie del divertimento e del consumo, dove ciò che si consuma è la loro stessa vita, che più non riesce a proiettarsi in un futuro capace di far intravedere una qualche promessa. Va da sé che, se il disagio non è del singolo individuo, l'origine non è psicologica ma culturale. Perciò inefficaci appaiono i rimedi elaborati dalla nostra cultura, sia in versione religiosa perché Dio è davvero morto, sia nella versione illuminista perché non sembra che la ragione sia oggi il regolatore dei rapporti tra gli uomini. Resta solo la 'ragione strumentale' che garantisce il progresso tecnico, ma non un ampliamento dell'orizzonte di senso per la latitanza del pensiero e l'aridità del sentimento. C'è una via d'uscita? Si può mettere alla porta l'ospite inquietante? Sì, se sapremo insegnare ai giovani l'arte del vivere, come dicevano i Greci, che consiste nel riconoscere le proprie capacità e nell'esplicitare e vederle fiorire secondo misura. Se proprio attraverso il nichilismo i giovani, adeguatamente sostenuti, sapessero compiere questo primo passo capace di farli incuriosire e innamorare di sé, l'ospite inquietante non sarebbe passato invano.

L’ospite inquietante

Galimberti Umberto

Gideon Cross. Innamorarmi di lui è stata la cosa più semplice che mi sia mai capitata. È successo istantaneamente. Completamente. Irrevocabilmente. Sposarlo è stato un sogno. Rimanere con lui sarà la sfida della mia vita. L’amore è trasformazione. Il nostro è sia un rifugio che la più violenta delle tempeste. Due anime ferite legate insieme. Abbiamo condiviso i più profondi e inconfessabili segreti. Gideon è lo specchio che riflette tutte le mie debolezze e tutta la bellezza che non riesco a vedere in me. Lui mi ha dato tutto. Ora devo essere io quella forte, devo dimostrare di essere per lui un sostegno come lui lo è stato per me. Insieme possiamo affrontare chi sta cercando di mettersi così crudelmente tra di noi. Anche se la battaglia più dura sarà quella che intraprenderemo per mantener fede alle nostre promesse. Giurarsi amore è stato solo l’inizio. Lottare per il nostro amore ci renderà liberi o ci dividerà per sempre.

Insieme a te. The crossfire series Vol. 5

Day Sylvia

IL PARADISO DEGLI ORCHI

Pennac Daniel

A 50 anni da Piazza Fontana