Narrativa

Quando eravamo foglie nel vento

Korkeakivi Anne

Descrizione: Da sempre Clare Moorhouse ama camminare nella folla di Parigi, fra i boulevard e gli stretti vicoli del quartiere latino. Tra gli sguardi frettolosi dei passanti, passi svelti e mani che si sfiorano per sbaglio, Clare riesce a essere sé stessa completamente. Solo in mezzo a completi sconosciuti si sente al sicuro. Nessuno può riconoscerla, nessuno può scoprire il segreto che da anni custodisce nel cuore, nemmeno il vento di primavera che le scompiglia i capelli biondi. Ma oggi è un giorno speciale. Clare ha appena saputo di dover organizzare una cena importante per suo marito, un diplomatico in carriera. Forse per lui è arrivato il momento di ottenere la tanto attesa promozione ad ambasciatore. E tutto dipende dalla cena che Clare ha appena dodici ore per definire. Un compito che può svolgere solo lei, abituata a rendere ogni ricevimento impeccabile. Per lei non è mai stato un problema, eppure oggi, mentre sceglie le primule da mettere nel centrotavola o corre al Bon Marché per gli ingredienti più raffinati, un peso le tormenta l'anima. Perché il nuovo incarico per suo marito sarà in Irlanda. E Dublino è la città che nasconde il segreto dal quale Clare ha cercato di fuggire per vent'anni. Tutta la sua vita perfetta, suo marito, i suoi figli e quello che ha di più caro sono in pericolo: oggi, tra la folla che l'ha sempre fatta sentire protetta, sono riapparsi gli occhi azzurri di un uomo che Clare credeva morto. Un uomo che è l'unico al mondo a conoscere il suo passato, e che adesso potrebbe spazzare via la tela di inganni così sapientemente intessuta…

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2013

ISBN: 9788811686729

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Clare non può tornare in Irlanda, non dopo quello che è successo.

Per venticinque anni ha serbato nel cuore un terribile segreto e adesso tutto potrebbe tornare a galla, distruggendo il suo matrimonio e la sua vita.

Edward sarà probabilmente nominato ambasciatore. Ha lavorato sodo per ottenere questo risultato e anche lei ha cercato di aiutarlo, imparando le regole del cerimoniale diplomatico e mettendole in pratica in modo impeccabile.

Purtroppo però il nuovo incarico richiederà un ennesimo trasferimento, proprio in quella terra in cui Clare credeva di aver sepolto per sempre il suo passato.

La promozione di Edward molto dipende dalla cena ufficiale che Clare ha il compito di organizzare alla perfezione in sole dodici ore. Come se non bastasse, il figlio Jamie è stato rispedito a casa dalla Barrow perché si è nuovamente cacciato in qualche guaio.

Comunque Clare, facendo appello al proprio autocontrollo, si dedica con diligenza ai frenetici preparativi. Il problema è che le sembra di vedere ovunque gli occhi di Niall…

Quando eravamo foglie nel vento ha una struttura solida e una trama interessante che si snoda tra gli affascinanti buolevard parigini.

Clare Moorhouse, la protagonista logorata dal senso di colpa, ci svela la propria vita in una serie di flashback che movimentano la narrazione, mentre lo stile di Anne Korkeakivi è semplice e limpido.

Ciononostante, il libro non entusiasma.

La pecca principale è senz’altro la pacatezza con cui l’autrice ci presenta le vicende: la sua penna non racconta ma spiega, e così non riesce a creare quel coinvolgimento emotivo che incolla i lettori alla pagina.

Ai personaggi, piuttosto stereotipati, non ci si affeziona, e le descrizioni dei preparativi della cena sono ridondanti e noiose, a discapito della suspense (Tra l’altro, personalissima opinione, tutto quel daffare per servire pangasio?).

Nel complesso il testo è gradevole se lo si approccia senza troppe pretese.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Anne

Korkeakivi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Korkeakivi Anne

La presente opera intende "umanizzare" la figura del filosofo, calandolo in un contesto familiare e sociale, e lasciando emergere come il rapporto con le donne (madri, mogli, sorelle, figlie e amanti) finisca per influenzarne la visione del mondo. Scopriamo, infatti, nelle biografie dei grandi pensatori del passato, figure di donne che, nel bene o nel male, ne hanno condizionato la vita e le opere. A volte donne-angelo, a volte donne-diavolo, le immaginiamo ora attente e vigili nei confronti dei figli (Santa Monica con Sant'Agostino), ora scorbutiche verso mariti assorti in più elevati pensieri (Santippe e Socrate). La ricerca vuole dare luce a queste compagne di viaggio, senza la pretesa di esautorare i filosofi dal loro piedistallo e senza la presunzione di poter essere descrizione esaustiva delle loro vite. Ci si accontenterà di soffermarsi in modo più esauriente su alcuni, quando esaurienti saranno state le fonti reperite, e meno su altri, quando le fonti saranno state avare, sperando di far cosa gradita a chi ama non solo il pensiero del "filosofo", ma anche a chi è attento nel considerarne il tratto storico-biografico e il suo essere uomo con pregi, difetti, debolezze, fragilità.

Il volto femminile della filosofia

Rocca Miriam

Indagini di routine per l'investigatore privato genovese Michele Astengo. Ma alcuni piccoli dettagli della sua vita stanno per cambiare. Il suo lavoro ha una svolta inaspettata dopo un tragico fatto di cronaca che si accende a pochi passi dal suo ufficio in Salita San Matteo. Qualcosa che ben presto finisce col rientrare nella sua sfera di competenza nell'istante in cui un certo Gilberto Ruggeri, importante imprenditore locale, gli chiede di recuperare alcune carte conservate in uno schedario all'interno del Credito Navale Genovese. Un incarico non semplice per Astengo, soprattutto perché dalle informazioni raccolte dal fido Corrado, qualcosa non è ben chiaro sull'operato di quella banca. Mentre il rapporto con la sua assistente Dalia ha degli sviluppi inaspettati, Michele Astengo si trova nuovamente invischiato in un meccanismo che mette in gioco più di quello che sembra. Perché la vita di numerosi imprenditori finisce in rovina dopo essere diventati clienti della Cre.Na.Ge? Morti sospette, forze oscure strisciano nella mente di Michele Astengo, mentre Genova si mette in maschera, assumendo il suo aspetto più inquietante. Un'indagine che porterà Michele Astengo a smarrire anche sé stesso, facendo riemergere frammenti della sua vita che teneva sepolti. La suggestione può essere l'ultimo passo verso la fine.

Dare e avere

Novelli & Zarini

“Con Cairo Automobile Club, ‘Ala al-Aswani firma il suo terzo romanzo e senza dubbio la sua opera più riuscita. Fedele al principio che ha fatto il successo dei suoi libri precedenti, dipinge con maestria, tenerezza e humour un mondo che cambia e stravolge i destini individuali che, a loro volta, trasformano il mondo.” Marwan Chahine, Libération

Cairo Automobile Club

Al-Aswani Ala

Oh, l’amore

Rea Domenico