Narrativa

Quando eravamo foglie nel vento

Korkeakivi Anne

Descrizione: Da sempre Clare Moorhouse ama camminare nella folla di Parigi, fra i boulevard e gli stretti vicoli del quartiere latino. Tra gli sguardi frettolosi dei passanti, passi svelti e mani che si sfiorano per sbaglio, Clare riesce a essere sé stessa completamente. Solo in mezzo a completi sconosciuti si sente al sicuro. Nessuno può riconoscerla, nessuno può scoprire il segreto che da anni custodisce nel cuore, nemmeno il vento di primavera che le scompiglia i capelli biondi. Ma oggi è un giorno speciale. Clare ha appena saputo di dover organizzare una cena importante per suo marito, un diplomatico in carriera. Forse per lui è arrivato il momento di ottenere la tanto attesa promozione ad ambasciatore. E tutto dipende dalla cena che Clare ha appena dodici ore per definire. Un compito che può svolgere solo lei, abituata a rendere ogni ricevimento impeccabile. Per lei non è mai stato un problema, eppure oggi, mentre sceglie le primule da mettere nel centrotavola o corre al Bon Marché per gli ingredienti più raffinati, un peso le tormenta l'anima. Perché il nuovo incarico per suo marito sarà in Irlanda. E Dublino è la città che nasconde il segreto dal quale Clare ha cercato di fuggire per vent'anni. Tutta la sua vita perfetta, suo marito, i suoi figli e quello che ha di più caro sono in pericolo: oggi, tra la folla che l'ha sempre fatta sentire protetta, sono riapparsi gli occhi azzurri di un uomo che Clare credeva morto. Un uomo che è l'unico al mondo a conoscere il suo passato, e che adesso potrebbe spazzare via la tela di inganni così sapientemente intessuta…

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2013

ISBN: 9788811686729

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Clare non può tornare in Irlanda, non dopo quello che è successo.

Per venticinque anni ha serbato nel cuore un terribile segreto e adesso tutto potrebbe tornare a galla, distruggendo il suo matrimonio e la sua vita.

Edward sarà probabilmente nominato ambasciatore. Ha lavorato sodo per ottenere questo risultato e anche lei ha cercato di aiutarlo, imparando le regole del cerimoniale diplomatico e mettendole in pratica in modo impeccabile.

Purtroppo però il nuovo incarico richiederà un ennesimo trasferimento, proprio in quella terra in cui Clare credeva di aver sepolto per sempre il suo passato.

La promozione di Edward molto dipende dalla cena ufficiale che Clare ha il compito di organizzare alla perfezione in sole dodici ore. Come se non bastasse, il figlio Jamie è stato rispedito a casa dalla Barrow perché si è nuovamente cacciato in qualche guaio.

Comunque Clare, facendo appello al proprio autocontrollo, si dedica con diligenza ai frenetici preparativi. Il problema è che le sembra di vedere ovunque gli occhi di Niall…

Quando eravamo foglie nel vento ha una struttura solida e una trama interessante che si snoda tra gli affascinanti buolevard parigini.

Clare Moorhouse, la protagonista logorata dal senso di colpa, ci svela la propria vita in una serie di flashback che movimentano la narrazione, mentre lo stile di Anne Korkeakivi è semplice e limpido.

Ciononostante, il libro non entusiasma.

La pecca principale è senz’altro la pacatezza con cui l’autrice ci presenta le vicende: la sua penna non racconta ma spiega, e così non riesce a creare quel coinvolgimento emotivo che incolla i lettori alla pagina.

Ai personaggi, piuttosto stereotipati, non ci si affeziona, e le descrizioni dei preparativi della cena sono ridondanti e noiose, a discapito della suspense (Tra l’altro, personalissima opinione, tutto quel daffare per servire pangasio?).

Nel complesso il testo è gradevole se lo si approccia senza troppe pretese.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Anne

Korkeakivi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Korkeakivi Anne


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L’uomo seme

Bartleby lo scrivano

“Il grande Gatsby” ovvero l'età del jazz: luci, party, belle auto e vestiti da cocktail, ma dietro la tenerezza della notte si cela la sua oscurità, la sua durezza, il senso di solitudine con il quale può strangolare anche la vita più promettente. Il giovane Nick Carraway, voce narrante del romanzo, si trasferisce a New York nell'estate del 1922. Affitta una casa nella prestigiosa e sognante Long Island, brulicante di nuovi ricchi disperatamente impegnati a festeggiarsi a vicenda. Un vicino di casa colpisce Nick in modo particolare: si tratta di un misterioso Jay Gatsby, che abita in una casa smisurata e vistosa, riempiendola ogni sabato sera di invitati alle sue stravaganti feste. Eppure vive in una disperata solitudine e si innamorerà insensatamente della cugina sposata di Nick, Daisy... Il mito americano si decompone pagina dopo pagina, mantenendo tutto lo sfavillio di facciata ma mostrando anche il ventre molle della sua fragilità. Proprio come andava accadendo allo stesso Fitzgerald, ex casanova ed ex alcolizzato alle prese con il mistero di un'esistenza ormai votata alla dissoluzione finale.

Il grande Gatsby

Fitzgerald Francis Scott

La ragazza di Bube

Cassola Carlo