Narrativa

QUANDO LE VOLPI SI SPOSANO

Carturan Rossana

Descrizione: Le vecchie abitudini di punizioni e decotti “ristoratori” non sono cambiate, il rigore e l’acrimonia della nonna Esmeralda non si sono affievoliti col tempo. L’immaginario infantile di Margherita si ricostituisce e la costringe a rivivere emozioni accantonate, a riappropriarsi di quella parte del passato rimasta in bilico tra verità e leggenda, tra omissione e mistificazione. Margherita non avrebbe mai immaginato di dover viaggiare con la mente fino alla Francia degli anni ’20 e della poesia di Paul Valéry; di dover chinare la testa ed entrare nelle grotte a oltre 20 metri di profondità in cui le zie si rifugiavano durante la guerra e si divincolavano dalle braccia dei soldati tedeschi; di doversi domandare un giorno: sono figlia di un’assassina?

Categoria: Narrativa

Editore: Navarra

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788895756431

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Chiunque non avesse fatto parte di quella famiglia non avrebbe potuto comprendere, pensare di essere in un mondo vero, reale. Non vi era storia, o romanzo, che avrebbe potuto avvicinarsi a quel vissuto sorprendente e bislacco di cui anche io ero protagonista e per cui ancora non potevo e non riuscivo ad allontanarmi. Era difficile anche spiegare cosa e quando avrebbe avuto termine, e se mai doveva averlo. Non vi era donna nelle generazioni passate e in quelle future che avrebbe potuto svincolarsi da quel destino. Il mondo proseguiva per una strada, mentre noi eravamo l’ultima riga dell’arcobaleno, la più nitida, quella che colpisce la vista, sia essa azzurra o verde o gialla, e che al bivio con la terra dove lo specchio rimanda l’altro semicerchio, crea un tondo immaginario, e proprio lì, tra i canti sgraziati delle streghe: le volpi si sposano.

E quando le volpi si sposano qualcosa di straordinario, bello o brutto che sia, sorprende chi lo intuisce”.

Il romanzo d’esordio di Rossana Carturan mi è piaciuto sin dalle prime, affascinanti pagine. Una storia che profuma di antico, tutta al femminile e descritta con minuziosa eleganza, in cui il passato che ritorna prepotente consente un confronto più volte rimandato, svelando segreti che lasciano l’amaro in bocca ma possono dare sollievo e liberare il cuore.

Per un motivo che le è oscuro, Margherita viene richiamata a casa dalla nonna Esmeralda, temuta matrona di una famiglia molto in vista e perciò attentissima ad evitare facili scandali.

Arrogante, come solo lei sapeva essere, insisteva con le sue critiche alla nuova generazione priva di moralità, irrispettosa, e dalle idee strambe”.

Qui ci sono Peppina, “la figlia scema di mia nonna”, Germana, “la più piccola delle mie zie” e Assunta, “dalle unghie laccate e impeccabili”: ritratti intimi, precisi, commoventi.

Su tutte, domina la figura di Diamante, sorella di Esmeralda.

In frazioni di secondo, gli occhi, partendo dai piedi fino a raggiungere la crocchia cinerea tenuta su da spilli d’osso, sezionarono ogni millimetro di pelle, prima di riuscire a staccarsi e a offrirmi la forza di alzarmi per salutarla con un accenno imbranato delle spalle”.

In casa della nonna, Margherita si ritrova a vivere gli stessi sentimenti di paura e reverenza, si accorge che l’atmosfera austera che imperava quando lei era solo una ragazzina, lungi dall’essere scomparsa, si è come cristallizzata in una nube di silenzi, proibizioni e misteri che non la fa respirare…

Ero lì da meno di ventiquattro ore e già non ne potevo più.

Quindici anni sono un’eternità e questo paese sembrava essere fuori dal mondo. Lo era. Controllato quasi interamente da donne che mantenevano integri i loro valori, rifiutando tutto ciò che potesse portare colore”.

E sua madre? Cosa ne è stato di lei? E chi era veramente?

Al momento della verità, una narrazione si inserisce nella narrazione.

Il passaggio può apparire brusco: cambia il tempo, cambia l’ambientazione, cambia il punto di vista. Tuttavia l’agilità della scrittura e il coinvolgimento emotivo che suscita la storia riescono a conservare intatta l’armonia di un testo davvero buono. Consigliato.

N.B. “Quando le volpi si sposano” è stato finalista al Premio Carver, edizione 2011.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rossana

Carturan

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carturan Rossana


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Alice ha lavorato sodo per raggiungere i suoi obiettivi e ora, a quasi cinquant'anni, sente di avercela finalmente fatta. Dopo anni di studio, di notti a base di caffè e libri di psicologia, ha coronato il suo sogno, è una scienziata di grido, insegna ad Harvard e viene chiamata dalle più prestigiose università per tenere conferenze. E poi c'è il suo più grande orgoglio, la famiglia: il marito John, un brillante esperto di chimica, che non riesce a trovare gli occhiali neppure quando li indossa, e i loro figli, Anna, Tom e Lydia, tutti e tre realizzati, anche se ognuno a modo suo. All'improvviso, però, tutto cambia. All'inizio sono solo piccole dimenticanze: una parola sulla punta della lingua che non riesce a ricordare, gli orari delle lezioni, il numero di uova nella ricetta del pudding natalizio, quello che prepara da più di vent'anni. E poi un giorno, dopo il giro di jogging quotidiano, Alice si ritrova in una piazza che è sicura di conoscere ma che non sa dove si trovi. Si è persa, a pochi metri da casa. Qui comincia il suo viaggio tra le corsie d'ospedale, a caccia del male che sta cancellando i suoi ricordi. Quando le viene diagnosticato l'Alzheimer precoce, tutto ciò in cui Alice ha sempre creduto pare sgretolarsi, il mondo intorno a lei sembra sfuggirle ogni giorno di più.

PERDERSI

Genova Lisa

Quando Karl bussa alla porta di un famoso scrittore anziano per chiedergli aiuto, quest'ultimo d'istinto lo respinge, preso com'è dal lutto per la morte della moglie. Ma Karl è persuasivo, oltre che insistente: ha bisogno della sua complicità per far capire a Fiorella, la ragazza di cui è innamorato, gran lettrice e fan dello scrittore, che è in grado di esprimersi con le parole. Cosa per lui difficile, dal momento che ha lasciato la scuola (fa l'idraulico) e si porta dietro gli strascichi di una profonda sfiducia in se stesso. La sfida segreta per la conquista di Fiorella crea fra i due un legame d'amicizia sempre più forte, che aiuterà il vecchio a riemergere dalla depressione e il ragazzo a trovare la sua strada nel mondo, anche se questo vuol dire rinunciare alla ragazza dei suoi sogni.

MUOIO DALLA VOGLIA DI CONOSCERTI

Chambers Aidan

Un ragazzo è affetto da una strana sindrome: soffre di empatia, è capace di immedesimarsi nelle storie degli altri. Inizia così un viaggio nel mondo del possibile, nel labirinto dei sentimenti mai provati, delle cose mai accadute eppure reali più del reale stesso. Questo "io" coraggioso e impertinente va e viene dal passato, fa incursione in un futuro di cui abbiamo già nostalgia, e ritorna con un inventario di storie sull'autunno del mondo, sui Minotauri rinchiusi in ognuno di noi, sulle particelle elementari del rimpianto, sul sublime che può essere ovunque.

FISICA DELLA MALINCONIA

Gospodinov Georgi

Le ceneri dell’esistenza

Dami Jissed Vertiz Lozano