Narrativa

QUANDO LE VOLPI SI SPOSANO

Carturan Rossana

Descrizione: Le vecchie abitudini di punizioni e decotti “ristoratori” non sono cambiate, il rigore e l’acrimonia della nonna Esmeralda non si sono affievoliti col tempo. L’immaginario infantile di Margherita si ricostituisce e la costringe a rivivere emozioni accantonate, a riappropriarsi di quella parte del passato rimasta in bilico tra verità e leggenda, tra omissione e mistificazione. Margherita non avrebbe mai immaginato di dover viaggiare con la mente fino alla Francia degli anni ’20 e della poesia di Paul Valéry; di dover chinare la testa ed entrare nelle grotte a oltre 20 metri di profondità in cui le zie si rifugiavano durante la guerra e si divincolavano dalle braccia dei soldati tedeschi; di doversi domandare un giorno: sono figlia di un’assassina?

Categoria: Narrativa

Editore: Navarra

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788895756431

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Chiunque non avesse fatto parte di quella famiglia non avrebbe potuto comprendere, pensare di essere in un mondo vero, reale. Non vi era storia, o romanzo, che avrebbe potuto avvicinarsi a quel vissuto sorprendente e bislacco di cui anche io ero protagonista e per cui ancora non potevo e non riuscivo ad allontanarmi. Era difficile anche spiegare cosa e quando avrebbe avuto termine, e se mai doveva averlo. Non vi era donna nelle generazioni passate e in quelle future che avrebbe potuto svincolarsi da quel destino. Il mondo proseguiva per una strada, mentre noi eravamo l’ultima riga dell’arcobaleno, la più nitida, quella che colpisce la vista, sia essa azzurra o verde o gialla, e che al bivio con la terra dove lo specchio rimanda l’altro semicerchio, crea un tondo immaginario, e proprio lì, tra i canti sgraziati delle streghe: le volpi si sposano.

E quando le volpi si sposano qualcosa di straordinario, bello o brutto che sia, sorprende chi lo intuisce”.

Il romanzo d’esordio di Rossana Carturan mi è piaciuto sin dalle prime, affascinanti pagine. Una storia che profuma di antico, tutta al femminile e descritta con minuziosa eleganza, in cui il passato che ritorna prepotente consente un confronto più volte rimandato, svelando segreti che lasciano l’amaro in bocca ma possono dare sollievo e liberare il cuore.

Per un motivo che le è oscuro, Margherita viene richiamata a casa dalla nonna Esmeralda, temuta matrona di una famiglia molto in vista e perciò attentissima ad evitare facili scandali.

Arrogante, come solo lei sapeva essere, insisteva con le sue critiche alla nuova generazione priva di moralità, irrispettosa, e dalle idee strambe”.

Qui ci sono Peppina, “la figlia scema di mia nonna”, Germana, “la più piccola delle mie zie” e Assunta, “dalle unghie laccate e impeccabili”: ritratti intimi, precisi, commoventi.

Su tutte, domina la figura di Diamante, sorella di Esmeralda.

In frazioni di secondo, gli occhi, partendo dai piedi fino a raggiungere la crocchia cinerea tenuta su da spilli d’osso, sezionarono ogni millimetro di pelle, prima di riuscire a staccarsi e a offrirmi la forza di alzarmi per salutarla con un accenno imbranato delle spalle”.

In casa della nonna, Margherita si ritrova a vivere gli stessi sentimenti di paura e reverenza, si accorge che l’atmosfera austera che imperava quando lei era solo una ragazzina, lungi dall’essere scomparsa, si è come cristallizzata in una nube di silenzi, proibizioni e misteri che non la fa respirare…

Ero lì da meno di ventiquattro ore e già non ne potevo più.

Quindici anni sono un’eternità e questo paese sembrava essere fuori dal mondo. Lo era. Controllato quasi interamente da donne che mantenevano integri i loro valori, rifiutando tutto ciò che potesse portare colore”.

E sua madre? Cosa ne è stato di lei? E chi era veramente?

Al momento della verità, una narrazione si inserisce nella narrazione.

Il passaggio può apparire brusco: cambia il tempo, cambia l’ambientazione, cambia il punto di vista. Tuttavia l’agilità della scrittura e il coinvolgimento emotivo che suscita la storia riescono a conservare intatta l’armonia di un testo davvero buono. Consigliato.

N.B. “Quando le volpi si sposano” è stato finalista al Premio Carver, edizione 2011.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rossana

Carturan

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carturan Rossana


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La promessa di un viaggio è sempre la speranza di una rinascita. Non serve andare troppo lontano. Per riscoprirsi a volte basta solo staccarsi un po' da sé stessi. Due donne e un uomo, estranei l'uno all'altro eppure indissolubilmente legati, incroceranno i loro destini sulle orme di un padre fantastico da chi odiato, da chi sognato, da chi semplicemente amato come Natura vuole che il figlio ami il padre in giro fra la vecchia Europa e i sogni che non hanno confini. Solo così rinasceranno una seconda volta. Solo così saranno liberi.

IL VIAGGIO DI JOËLLE

Sacco Vanessa

Nessun pregiudizio personale, meschinità o moralismo contro la carriera e i format della famosa conduttrice. Ma una critica al vetriolo sulle logiche di retrovia, i meccanismi di falsificazione, i linguaggi di massa, il grande inganno dell'intrattenimento "facile" che hanno trasformato i suoi format in centri di raccolta e smistamento delle nostre identità, sempre più bisognose degli scintillii della televisione per consistere e sopravvivere di fronte all'anonimato dilagante. "Maria De Filippi ti odio" è il tentativo di scardinare, con il grimaldello della filosofia, la grammatica di certi programmi di grande audience, visti come epicentro di un immaginario televisivo ormai anacronistico, devastante, da sostituire con un nuovo modo "ecologico" di pensare l'uso e l'impatto dei media sulle nostre vite già fin troppo spettacolarizzate.

Maria De Filippi ti odio

Castoro Carmine

La poesia è un bisogno universale, com’è universale il bisogno di scoprire sfumature inedite dei sentimenti, per dare più profondità a quelli che ci portiamo dentro. Questo volume di Walter Siti – nato da una serie di 52 articoli scritti per “la Repubblica” nel 2014 – è un percorso tra autori e testi di tutti i Paesi e di ogni epoca, raccontati senza timori reverenziali o accademici, alla ricerca di emozioni, ossessioni, paure e virtù che attraversano i secoli e ci appartengono ancora oggi. Dante, Petrarca, Shakespeare, Whitman, Szymborska e molti altri autori in cui qualunque tipo di lettore, anche quello non specializzato, troverà qualcosa che parla di lui.

La voce verticale

Siti Walter

Nel luglio 1845, Henry Thoreau lasciava la sua cittadina natale per andare a vivere in una capanna nei boschi del vicino lago di Walden. Il suo voleva essere un esperimento, che assumeva però risvolti politici e sociali insieme: era una scelta di "disobbedienza civile" verso una società di cui non condivideva gli ideali mercantili. Nell'introduzione Piero Sanavio spiega come il vagabondo di Walden, nel suo solitario rapporto con la natura, ricercasse un alfabeto segreto: quello del mitico New England di due secoli prima, dimensione morale, estetica e metafisica, prima ancora che semplice territorio geografico.

Walden. Vita nei boschi

Thoreau Henry D.