Narrativa

QUANDO LE VOLPI SI SPOSANO

Carturan Rossana

Descrizione: Le vecchie abitudini di punizioni e decotti “ristoratori” non sono cambiate, il rigore e l’acrimonia della nonna Esmeralda non si sono affievoliti col tempo. L’immaginario infantile di Margherita si ricostituisce e la costringe a rivivere emozioni accantonate, a riappropriarsi di quella parte del passato rimasta in bilico tra verità e leggenda, tra omissione e mistificazione. Margherita non avrebbe mai immaginato di dover viaggiare con la mente fino alla Francia degli anni ’20 e della poesia di Paul Valéry; di dover chinare la testa ed entrare nelle grotte a oltre 20 metri di profondità in cui le zie si rifugiavano durante la guerra e si divincolavano dalle braccia dei soldati tedeschi; di doversi domandare un giorno: sono figlia di un’assassina?

Categoria: Narrativa

Editore: Navarra

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788895756431

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Chiunque non avesse fatto parte di quella famiglia non avrebbe potuto comprendere, pensare di essere in un mondo vero, reale. Non vi era storia, o romanzo, che avrebbe potuto avvicinarsi a quel vissuto sorprendente e bislacco di cui anche io ero protagonista e per cui ancora non potevo e non riuscivo ad allontanarmi. Era difficile anche spiegare cosa e quando avrebbe avuto termine, e se mai doveva averlo. Non vi era donna nelle generazioni passate e in quelle future che avrebbe potuto svincolarsi da quel destino. Il mondo proseguiva per una strada, mentre noi eravamo l’ultima riga dell’arcobaleno, la più nitida, quella che colpisce la vista, sia essa azzurra o verde o gialla, e che al bivio con la terra dove lo specchio rimanda l’altro semicerchio, crea un tondo immaginario, e proprio lì, tra i canti sgraziati delle streghe: le volpi si sposano.

E quando le volpi si sposano qualcosa di straordinario, bello o brutto che sia, sorprende chi lo intuisce”.

Il romanzo d’esordio di Rossana Carturan mi è piaciuto sin dalle prime, affascinanti pagine. Una storia che profuma di antico, tutta al femminile e descritta con minuziosa eleganza, in cui il passato che ritorna prepotente consente un confronto più volte rimandato, svelando segreti che lasciano l’amaro in bocca ma possono dare sollievo e liberare il cuore.

Per un motivo che le è oscuro, Margherita viene richiamata a casa dalla nonna Esmeralda, temuta matrona di una famiglia molto in vista e perciò attentissima ad evitare facili scandali.

Arrogante, come solo lei sapeva essere, insisteva con le sue critiche alla nuova generazione priva di moralità, irrispettosa, e dalle idee strambe”.

Qui ci sono Peppina, “la figlia scema di mia nonna”, Germana, “la più piccola delle mie zie” e Assunta, “dalle unghie laccate e impeccabili”: ritratti intimi, precisi, commoventi.

Su tutte, domina la figura di Diamante, sorella di Esmeralda.

In frazioni di secondo, gli occhi, partendo dai piedi fino a raggiungere la crocchia cinerea tenuta su da spilli d’osso, sezionarono ogni millimetro di pelle, prima di riuscire a staccarsi e a offrirmi la forza di alzarmi per salutarla con un accenno imbranato delle spalle”.

In casa della nonna, Margherita si ritrova a vivere gli stessi sentimenti di paura e reverenza, si accorge che l’atmosfera austera che imperava quando lei era solo una ragazzina, lungi dall’essere scomparsa, si è come cristallizzata in una nube di silenzi, proibizioni e misteri che non la fa respirare…

Ero lì da meno di ventiquattro ore e già non ne potevo più.

Quindici anni sono un’eternità e questo paese sembrava essere fuori dal mondo. Lo era. Controllato quasi interamente da donne che mantenevano integri i loro valori, rifiutando tutto ciò che potesse portare colore”.

E sua madre? Cosa ne è stato di lei? E chi era veramente?

Al momento della verità, una narrazione si inserisce nella narrazione.

Il passaggio può apparire brusco: cambia il tempo, cambia l’ambientazione, cambia il punto di vista. Tuttavia l’agilità della scrittura e il coinvolgimento emotivo che suscita la storia riescono a conservare intatta l’armonia di un testo davvero buono. Consigliato.

N.B. “Quando le volpi si sposano” è stato finalista al Premio Carver, edizione 2011.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rossana

Carturan

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carturan Rossana

Tom Smith e Jerry Wesson si incontrano davanti alle cascate del Niagara nel 1902. Nei loro nomi e nei loro cognomi c’è il destino di un’impresa da vivere. E l’impresa arriva insieme a Rachel, una giovanissima giornalista che vuole una storia memorabile, e che, quella storia, sa di poterla scrivere. Ha bisogno di una prodezza da raccontare, e prima di raccontarla è pronta a viverla. Per questo ci vogliono Smith e Wesson, la coppia più sgangherata di truffatori e di falliti che Rachel può legare al suo carro di immaginazione e di avventura. Ci vuole anche una botte, una botte per la birra, in cui entrare e poi farsi trascinare dalla corrente. Nessuno lo ha mai fatto. Nessuno è sceso giù dalle cascate del Niagara dentro una botte di birra. È il 21 giugno 1902. Nessuno potrà mai più dimenticare il nome di Rachel Green? E sarà veramente lei a raccontarla quella storia?

Smith & Wesson

Baricco Alessandro

“Se cominci a dare un senso alle cose significa che stai invecchiando” Tony Pagoda è un cantante melodico con tanto passato alle spalle. La sua è stata la scena di un’Italia florida e sgangheratamente felice, tra Napoli, Capri e il mondo. È stato tutto molto facile e tutto all’insegna del successo. Ha avuto il talento, i soldi, le donne. E inoltre ha incontrato personaggi straordinari e miserabili, maestri e compagni di strada. Da tutti ha saputo imparare e ora è come se una sfrenata, esuberante saggezza si sprigionasse da lui senza fatica. Ne ha per tutti e, come un Falstaff contemporaneo, svela con comica ebbrezza di cosa è fatta la sostanza degli uomini, di quelli che vincono e di quelli che perdono. Quando la vita comincia a complicarsi, quando la scena muta, Tony Pagoda sa che è venuto il tempo di cambiare. Una sterzata netta. Andarsene. Sparire. Cercare il silenzio. Fa una breve tournée in Brasile e decide di restarci, prima a Rio, poi a Manaus, inebriato da una nuova libertà e ossessionato dagli scarafaggi. Ma per Tony Pagoda, picaro senza confini, non è finita. Dopo diciotto anni di umido esilio amazzonico qualcuno è pronto a firmare un assegno stratosferico perché torni in Italia. C’è ancora una vita che lo aspetta.

HANNO TUTTI RAGIONE

Sorrentino Paolo

"Nel mondo come era quando avevo otto anni tutti morivano, chi prima e chi dopo. Adesso nessuno è sicuro neanche di questo". Un medico si confronta con strani fenomeni mentre sua moglie sogna una voce. Un uomo anziano racconta il mondo com'era, ma soprattutto come è diventato: la stasi, l'immobilità, un evento che ha bloccato e sospeso ogni cosa, anche la separazione tra vita e morte. Per strada si aggirano persone in cerca di carne. Non sono aggressivi, pericolosi, vanno avanti per inerzia e si mettono in fila per il cibo. Ognuno ha un parente passato dall'altra parte. Nessuno sa se sono contagiosi. Nel dubbio, bisogna evitare di toccarli. E mentre i sani si organizzano, l'uomo ricorda, la storia si ripiega su se stessa, alla ricerca dell'inizio o verso nuove direzioni da seguire. Un romanzo narrativamente perfetto, enigmatico, affascinante. «"La carne" ha emozionato, commosso e meravigliato, con la sua enorme bellezza, un essere umano; e questo è, in fondo, tutto quello che voglio dire» (Paolo Zardi)

La carne

Chiapparino Cristò

Una giovane bellissima, che lavora nel mondo dell'arte, viene uccisa nel proprio appartamento a Roma. Tre personaggi coinvolti per ragioni diverse nell'omicidio forniscono la loro interpretazione dei fatti. Chi nasconde la verità. Chi la manipola. Chi sembra non curarsene. Il commissario Davide Brandi è un poliziotto molto abile, e molto ambizioso. È lui che conduce le indagini. A dargli la parola è Giancarlo De Cataldo. Marco Valerio Guerra è l'amante della vittima. Un uomo d'affari ricchissimo, potente, odiato. A dargli la parola è Maurizio De Giovanni. Anna Carla Santucci è la moglie di Guerra. Scoprire il tradimento del marito non l'ha stupita affatto. A darle la parola è Cristina Cassar Scalia. Le loro versioni non concordano. Ma tutte rappresentano un piccolo passo per arrivare alla soluzione del caso.

Tre passi per un delitto

De Cataldo, De Giovanni, Cassar Scalia