Narrativa

Quando ridi

Terruzzi Giorgio

Descrizione: Una figlia appena maggiorenne annuncia al padre che si trasferirà all'estero. Questo lo spunto per avviare una riflessione sulla paternità, sulle sue inadeguatezze, sull'amore che ne guida ogni slancio. E in particolare sul rapporto intenso e fuori da ogni definizione che lega un padre a una figlia femmina. Un viaggio intimo e ironico di un uomo che si mette sempre in discussione riconoscendo i propri errori e le contraddizioni della sua generazione. Parole non dette e recuperate, gesti mai completati, in un dialogo che si fa confessione. Un padre che torna a essere figlio, che inciampa ma che non smette mai di tenere per mano la sua bambina anche quando è ormai una donna dal sorriso disarmante.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Rizzoli narrativa

Anno: 2018

ISBN: 9788817104272

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Quando ridi di Giorgio Terruzzi, sottotitolato “Parole sussurrate a una figlia”, affronta il tema del rapporto padre-figlia con umorismo e in modo informale.

L’occasione è il distacco biografico da Giulia (“Niente, andata. A Zurigo. Facoltà di Matematica. Con Andrea. Di anni ventuno, lui. Lei: diciannove.”) e così vengono ripercorsi alcuni momenti: il primo giorno di scuola, i giorni di Natale, gli anni della contestazione nel confronto generazionale, oggetti cult come la biro multicolore, carichi di nostalgia per il padre e demistificati dalla figlia.

Non può mancare l’argomento più difficile (“Cara Giulia, son qui da ore a girarci attorno sperando di trovare il modo di saltare il capitolo”), quello del divorzio: “Il che comporta scambi d’accuse sul breve termine, rancori attenuati sul medio termine, una specie di assoluzione stereofonica che, sul lungo, genera rapporti in regime di separazione migliori di quelli in regime di unione.
E quello del successivo matrimonio del padre che la figlia sorprendentemente accetta con complicità femminile.

I contrasti dei punti di vista assumono toni comici, se raffrontati e analizzati alla luce di un’affinità forse ereditaria (“Una specie di terrore perché scorgo, o temo soltanto di scorgere, una somiglianza con la mia parte meno risolta”).
Così la figlia:
Voglio la mia vita, papà. Voglio una vita sgombra dalle tue insopportabili incertezze. Voglio liberarmi da una marcatura incombente causa latitanze che vorresti annientare con una premura da asfissia. La tua presenza mi esaspera…”
E il padre:
Voglio la mia vita, Giulia. Voglio una vita sgombra dal tuo giudizio. Voglio liberarmi da una presunzione di colpevolezza che rinfacci anche se taci. Voglio essere ascoltato e assecondato, una volta, magari due, senza fiatare.”

Il romanzo si apre con la citazione “Non vediamo le cose per come sono, le vediamo per come siamo”, si chiude con l’attribuzione della paternità della citazione non a Jung, non ad Anaïs Nin, bensì a “Luciano Nanni, leggendario professore di Estetica” che la pronunciò “all’Università di Bologna, nell’autunno del 1977”. Niente male come manifesto del relativismo (da applicare al rapporto genitoriale, ma anche non), vero?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Terruzzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Terruzzi Giorgio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Luigi Martinotti lavora in un fast food. Frigge patatine, ma in realtà la sua vocazione, vivissima malgrado l'interruzione degli studi universitari, è quella dello storico. Su un tavolo della Biblioteca comunale consuma tutte le ore di libertà, ricostruendo e interpretando eventi del passato. Ci sono momenti in cui riesce addirittura a distinguere, quasi fosse una visione, l'incontro fra Attila e papa Leone. È riuscito anche a elaborare una teoria storica, secondo la quale i mutamenti della società sono il prodotto di una terribile "insofferenza dell'insicurezza", che spinge gli uomini, cambiando continuamente, a inchiodare il mondo in un presente immobile e rassicurante. Anche la quiete apparente di Luigi Martinetti obbedisce a questa legge. La sua sensibilità, sospesa tra aspirazioni intellettuali e esposizione al fallimento, si lascia contaminare dall'imprevedibilità dei rapporti umani, ivi comprese l'intensa relazione sessuale con Antonella, cameriera del fast food, e l'inspiegabile tenerezza per il figlio di lei. Solo l'amico Giuseppe estroso insegnante affetto da una malattia genetica che lo getta in ricorrenti crisi depressive - riesce a tenere accesa la sua vocazione e a comunicargli una sorta di profonda serenità. Quando il fallimento come storico è definitivo, la sua mente vacilla.

LA VOCAZIONE

De Marchi Cesare

Il piacere

D'Annunzio Gabriele

Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

Enon

Harding Paul

Oggi vede suo padre per la prima volta. Sono diciotto anni che aspetta questo momento. Una settimana fa l'ha visto in televisione, l'ha cercato e ora eccola lì, che sposta il peso da un piede all'altro nella portineria di uno studio televisivo. Lui ha qualcosa da finire, le chiede soltanto un attimo; diciotto anni e un attimo. "Hai fatto bene a cercarmi tu, perché io non l'avrei mai fatto" le dice poi. Non ci sono abbracci. Gelido freddo invernale, dentro e fuori di lì. Ha un bel salire e scendere da autobus e tram, Lidia, per andarlo a trovare. Passano i mesi e non c'è disgelo. Ma il destino è disegnato nel cielo, ha un cappello bianco da cowboy, è da anni che la cerca dappertutto e ancora non l'ha trovata. Aspettami, non ti muovere, gli dice Lidia, ti troverò io. Va a cercarlo lontano, su una montagna a duemila metri, dove il lavoro principale è sorridere, e non fermarsi mai. E proprio lì, di colpo, una pioggia di sms cambia tutto. Per tanto tempo la vita non ha fatto che dirle no no no, dopo dopo dopo, e ora finalmente le dice sì sì sì, ora! ora! ora! Suo padre le scrive sono cambiato, prima non ero pronto e adesso sì. Adesso vuole stare con lei. Ha trovato il grande amore ed è pronto a cominciare una nuova fase della vita. Ecco come si stanno mettendo le cose. Davvero molto bene. Talmente bene che Lidia ogni due minuti si chiede: ma sarà vero? Non ci sarà qualcosa che non va? "Il mio regalo sei tu" è la storia di un amore negato: l'avventura di una piccola donna coraggiosa nelle spire di un padre serpente.

IL MIO REGALO SEI TU

Spinazzola Sarah