Narrativa

Quando ridi

Terruzzi Giorgio

Descrizione: Una figlia appena maggiorenne annuncia al padre che si trasferirà all'estero. Questo lo spunto per avviare una riflessione sulla paternità, sulle sue inadeguatezze, sull'amore che ne guida ogni slancio. E in particolare sul rapporto intenso e fuori da ogni definizione che lega un padre a una figlia femmina. Un viaggio intimo e ironico di un uomo che si mette sempre in discussione riconoscendo i propri errori e le contraddizioni della sua generazione. Parole non dette e recuperate, gesti mai completati, in un dialogo che si fa confessione. Un padre che torna a essere figlio, che inciampa ma che non smette mai di tenere per mano la sua bambina anche quando è ormai una donna dal sorriso disarmante.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Rizzoli narrativa

Anno: 2018

ISBN: 9788817104272

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Quando ridi di Giorgio Terruzzi, sottotitolato “Parole sussurrate a una figlia”, affronta il tema del rapporto padre-figlia con umorismo e in modo informale.

L’occasione è il distacco biografico da Giulia (“Niente, andata. A Zurigo. Facoltà di Matematica. Con Andrea. Di anni ventuno, lui. Lei: diciannove.”) e così vengono ripercorsi alcuni momenti: il primo giorno di scuola, i giorni di Natale, gli anni della contestazione nel confronto generazionale, oggetti cult come la biro multicolore, carichi di nostalgia per il padre e demistificati dalla figlia.

Non può mancare l’argomento più difficile (“Cara Giulia, son qui da ore a girarci attorno sperando di trovare il modo di saltare il capitolo”), quello del divorzio: “Il che comporta scambi d’accuse sul breve termine, rancori attenuati sul medio termine, una specie di assoluzione stereofonica che, sul lungo, genera rapporti in regime di separazione migliori di quelli in regime di unione.
E quello del successivo matrimonio del padre che la figlia sorprendentemente accetta con complicità femminile.

I contrasti dei punti di vista assumono toni comici, se raffrontati e analizzati alla luce di un’affinità forse ereditaria (“Una specie di terrore perché scorgo, o temo soltanto di scorgere, una somiglianza con la mia parte meno risolta”).
Così la figlia:
Voglio la mia vita, papà. Voglio una vita sgombra dalle tue insopportabili incertezze. Voglio liberarmi da una marcatura incombente causa latitanze che vorresti annientare con una premura da asfissia. La tua presenza mi esaspera…”
E il padre:
Voglio la mia vita, Giulia. Voglio una vita sgombra dal tuo giudizio. Voglio liberarmi da una presunzione di colpevolezza che rinfacci anche se taci. Voglio essere ascoltato e assecondato, una volta, magari due, senza fiatare.”

Il romanzo si apre con la citazione “Non vediamo le cose per come sono, le vediamo per come siamo”, si chiude con l’attribuzione della paternità della citazione non a Jung, non ad Anaïs Nin, bensì a “Luciano Nanni, leggendario professore di Estetica” che la pronunciò “all’Università di Bologna, nell’autunno del 1977”. Niente male come manifesto del relativismo (da applicare al rapporto genitoriale, ma anche non), vero?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Terruzzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Terruzzi Giorgio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'opera e il pensiero di Fabrizio De André sono ininterrottamente e spontaneamente richiamati in incontri, convegni e dibattiti tesi non solo ad analizzare la sua poetica ma anche ad approfondire le tematiche trattate nelle sue canzoni. "Ai bordi dell'infinito", titolo che si riferisce a un verso del brano cantico dei drogati, riprende il percorso antologico cominciato da Fondazione Fabrizio De André Onlus con il volume "Volammo davvero" proponendo a cinque anni di distanza una nuova raccolta di scritti nati da interventi di artisti letterati, appassionati della sua opera, ma non solo, che in varie occasioni si sono confrontati con il pensiero di De André, spesso servendosene come lente attraverso la quale leggere problematiche ancora attuali e che riguardano gli ultimi, i più deboli, gli emarginati. Un coro di più toni e linguaggi, siano essi letterari o della testimonianza, che guarda a quell'"ansia di giustizia sociale" , per usare le sue parole, principale binario su cui ha camminato il lavoro di De André. Una raccolta di scritti inediti, anche di autori inaspettati, che aiuta ad approfondire la molteplicità dello sguardo di uno degli artisti italiani più spesso richiamato per l'intelligente ironia, la profondità delle idee e l'autentica coerenza.

Ai bordi dell’infinito

Valdini Elena

Il disturbo di un corpo

"In bilico. Storie di animali terrestri" contiene dodici racconti inediti. Questi nuovi racconti italiani, scritti da autori nati tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta, descrivono la realtà del nostro paese, tra speranze, desideri, tra crisi del lavoro e volontà di cambiamento, in cerca di un nuovo possibile destino. Con racconti di: Paolo Colavero, Gianluca Conte, Luigi De Gregorio, Marco Goi, Belisario Laveneziana, Angela Leucci, Valentina Luberto, Paolo Merenda, Antonio Montefusco, Annarita Pavone, Marina Piconese.

In bilico. Storie di animali terrestri

Autori Vari

«I banchi di scuola a volte sembrano banchi di nebbia, oltre i quali è sempre più difficile per un insegnante indovinare la vita, le attese, le paure dei suoi allievi. Qualcosa si è rotto in questo incontroscontro generazionale, adulti e ragazzi fanno sempre più fatica a stare insieme per capirsi e anche per litigare, quando serve: eppure la dialettica vitale di una società dinamica deve passare per forza attraverso questa sintesi precaria che è un’aula di scuola. È il momento di far ripartire il dialogo: chiunque può aprire davanti ai nostri occhi una finestra e far entrare il vento e un paesaggio inaspettato: chiunque, anche lo studente dell’ultimo banco, anche l’insegnante più stanco.» In questa raccolta di riflessioni e aneddoti l’autore ci conduce nel mondo della scuola e della società contemporanea, rivelandone paradossi e vuoti ma anche colori e ricchezza. Nelle pagine di questo libro troveremo non solo un’arguta descrizione della realtà in cui ciascuno di noi è immerso, ma anche l’invito a ripensare la scuola come il luogo che — attraverso la discussione e la condivisione di valori tra generazioni — può fornire «gli strumenti per affrontare la vita, grande, complessa e meravigliosa che ci attende ogni giorno».

Vento forte tra i banchi

Lodoli Marco