Narrativa

Quel che resta del giorno

Ishiguro Kazuo

Descrizione: La prima settimana di libertà dell'irreprensibile maggiordomo inglese Stevens diventa occasione per ripensare la propria vita spesa al servizio di un gentiluomo moralmente discutibile. Stevens ha attraversato l'esistenza spinto da un unico ideale: quello di rispettare una certa tradizione e di difenderla a dispetto degli altri e del tempo. Ma il viaggio in automobile verso la Cornovaglia lo costringe ben presto a rivedere il suo passato, cosi tra dubbi e ricordi dolorosi egli si accorge dì aver vissuto come un soldato nell'adempimento di un dovere astratto senza mai riuscire ad essere se stesso. Si può cambiare improvvisamente vita e ricominciare daccapo? Da questo romanzo di Ishiguro, acclamato in Gran Bretagna e negli Stati Uniti e vincitore del prestigioso Booker Prize, nel 1993 il regista americano James Ivory ha tratto un famoso film con Anthony Hopkins ed Emma Thompson.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Narrativa moderna e contemporanea

Anno: 2016

ISBN: 9788806229900

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Quel che resta del giorno: se lo chiede il premio Nobel, Kazuo Ishiguro, nei panni di Stevens, impeccabile maggiordomo, al termine di un viaggio-premio concessogli dal nuovo datore di lavoro, un ricco americano che ha rilevato da lord Darlington la proprietà di nobile tradizione (“È stata la residenza di Lord Darlington sino a tre anni fa… La casa adesso è abitata da Mr John Farraday, un signore americano”).

Il viaggio ha un itinerario che si snoda in tappe successive (Oxford – Salisbury – Mortimers’s Pond, Dorset – Tounton, Somerset – Moscombe, Devon –Little Compton, Cornovaglia – Weymouth) sull’auto padronale, sino in Cornovaglia sulle tracce di un’antica collega (“Miss Kenton… aveva lavorato come governante a Darlington Hall”), in un paesaggio che dalla discrezione trae la propria bellezza (“Come se quella terra fosse consapevole della sua stessa bellezza, della sua grandezza, e non sentisse alcun bisogno di proclamarla a gran voce”).

Durante questo viaggio il protagonista del romanzo e il suo lettore avranno modo di interrogarsi sulla professione di Stevens e sul significato di un sacrificio e di una dedizione che – nel momento di crisi segnato dall’evoluzione sociale –travolgono il senso dell’identità e il significato dell’esistenza.

Meditando sul passato, rivedendo scene di vita vissuta, è lo stesso Stevens a tracciare l’identikit del perfetto maggiordomo, una professione tipicamente inglese (“Si usa dire a volte che maggiordomi esistono davvero soltanto in Inghilterra… gli europei non sono in grado di fare I maggiordomi, perché come razza non sanno mantenere quel controllo emotive del  quale soltanto la razza inglese è capace”), che si caratterizza per capacità di autocontrollo (“La storia di quel maggiordomo che non si abbandonò al panico quando scoprì una tigre sotto il tavolo da pranzo”) anche nei momenti tragici (“Dalla faccia si direbbe che stai piangendo”), spirito altruistico (“Noi maggiordomi dovremmo aspirare a servire i grandi gentiluomini che sostengono la causa del progresso dell’umanità”) che trascende mansioni e compiti (“Argomenti che riguardano campi piuttosto vasti quali ad esempio la caccia con il falcone o l’accoppiamento dei tritoni”),  attenzione ai particolari (“Santo cielo Darlington, l’argenteria in questa casa è una delizia”), studio  e impegno (“Ho studiato attentamente quel programma poiché le battute di spirito… sono sempre di ottimo gusto”), senso del dovere che si piega anche al dileggio dell’aristocrazia (“Non è nulla, signore. Sono stato molto lieto di rendermi utile”) e soprattutto… dignità (“La dignità… ho il sospetto che sostanzialmente consista nel non togliersi i panni di dosso in pubblico”).

Su tutte queste qualità, poi, troneggia il senso di una fedeltà smisurata che induce Stevens a difendere il suo Signore – che organizza convegni per “liberare la Germania dalle crudeltà del trattato di Versailles” – dalle accuse che gettano l’ombra del filonazismo (“Herr Ribbentrop… un imbroglione… che la strategia di Hitler nel corso di tutti quegli anni fosse quella di ingannare più a lungo possibile l’Inghilterra sulle sue vere intenzioni…”) e dell’antisemitismo su un passato luminoso e prestigioso (“Ricordo di aver notato George Bernard Shaw, il famoso commediografo… e Lord Halifax…”).

La narrazione è condotta con ottima combinazione di emotività sempre velata ma palpitante, umorismo accennato e intelligente (che raggiunge il culmine quando a Stevens viene affidata l’iniziazione sessuale del giovane Mr Cardinal), senso della misura e dell’equilibrio imperante (“i rischi che si corrono nel pronunciare battute di spirito”). Ed è proprio questo gioco di calibrato dosaggio lo stratagemma narrativo che consente a Kazuo Ishiguro di amplificare la disperazione finale per una vita mancata a causa di amori inespressi o declinati in nome del dovere (“La sera è la parte più  bella della giornata”), disperazione prontamente bilanciata dalla malinconica speranza che – malgrado tutto – si possa ancora rimediare (“Dopotutto che cosa c’è mai da guadagnare nel guardarsi continuamente alle spalle e a prendercela con noi stessi se le nostre vite non sono state proprio quelle che avremmo desiderato?”).

A questo link segnaliamo la recensione al film tratto dal romanzo, a cura di Stefano Lo Verme.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Kazuo

Ishiguro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ishiguro Kazuo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

LA RUOTA DEL CRICETO – di Lukas Milani

I destini di cinque famiglie si intrecciano inesorabilmente attraverso due continenti sullo sfondo dei drammatici eventi scatenati dallo scoppio della Prima guerra mondiale e dalla Rivoluzione russa. Tutto ha inizio nel 1911, il giorno dell'incoronazione di Giorgio V nell'abbazia di Westminster a Londra. Quello stesso 22 giugno ad Aberowen, in Galles, Billy Williams compie tredici anni e inizia a lavorare in miniera. La sua vita sembrerebbe segnata. Amore e inimicizia legano la sua famiglia agli aristocratici Fitzherbert, proprietari della miniera e tra le famiglie più ricche d'Inghilterra. Lady Maud Fitzherbert, appassionata e battagliera sostenitrice del diritto di voto alle donne, si innamora dell'affascinante Walter von Ulrich, spia tedesca all'ambasciata di Londra. Le loro strade incrociano quella di Gus Dewar, giovane assistente del presidente americano Wilson. Ed è proprio in America che due orfani russi, i fratelli Grigorij e Lev Pe&kov, progettano di emigrare, ostacolati però dallo scoppio della guerra e della rivoluzione. Dalle miniere di carbone ai candelabri scintillanti di palazzi sontuosi, dai corridoi della politica alle alcove dei potenti, da Washington a San Pietroburgo, da Londra a Parigi il racconto si muove incessantemente fra drammi nascosti e intrighi internazionali. Ne sono protagonisti ricchi aristocratici, poveri ambiziosi, donne coraggiose e volitive e sopra tutto e tutti le conseguenze della guerra per chi la fa e per chi resta a casa. Primo grande romanzo di "The Century" - la nuova trilogia di Ken Follett incentrata sulla storia del ventesimo secolo - La caduta dei giganti è un'opera epica, uno straordinario affresco storico che, al pari de I pilastri della terra e Mondo senza fine, è destinato a diventare un classico.

LA CADUTA DEI GIGANTI

Follett Ken

Enrico IV

Carla ha quasi quarant'anni, un compagno praticamente perfetto, un lavoro stimolante e un certo fascino. Ma non riesce ad avere un figlio. E per una come lei, abituata a centrare l'obiettivo, il senso di fallimento brucia senza consumarsi. Perché l'ossessione della maternità si può affinare al punto da dare dipendenza. Accade a molte delle donne che Carla incontra quando decide di tentare la fecondazione assistita. Tutte stanno in fila, mese dopo mese, per eseguire lo stesso rituale: gli ormoni, il pick-up, il transfer, l'attesa. Conoscono il proprio corpo e i suoi segnali con una precisione maniacale. Usano un oscuro gergo da iniziate. Perché loro non aspettano un bambino, «fanno la cova», non rimangono incinte, «s'incicognano». Mentre a forza di medicine si gonfiano come galline d'allevamento, le donne «difettose » si sfogano, si danno conforto, nelle sale ospedaliere o nelle chat. Nel suo viaggio alla ricerca della maternità, e di una forma di saggezza che pare sempre scivolarle fra le dita, Carla può contare su di loro, ma anche su due guide spirituali d'eccezione: Seneca, oggetto dei suoi studi di latinista, e nonna Rina, che prima di diventare solida come una quercia era stata fragile come un albero rinsecchito. Nonostante persino la Bibbia sia piena di vecchie sterili che all'improvviso riescono a procreare, Carla forse deve mettersi in testa che un figlio non è un diritto, come le dice Marco, il suo compagno, con quella sua franchezza generosa e un po' leggera. Un esordio intelligente e lieve che racconta la speranza della maternità, e in cui il chiacchiericcio cosí vero di tante femmine energiche, sconsolate o allegre, ci restituisce una realtà complessa, lasciandoci perennemente in bilico tra divertimento e commozione.

LE DIFETTOSE

Mazzoni Eleonora