Letteratura spagnola

QUELLO CHE NON C’E’ SCRITTO

Reig Rafael

Descrizione: Poteva essere un weekend normale: il padre separato viene a prendere il figlio per portarlo in montagna, la madre ne approfitta per rilassarsi e lavorare un po'. Poteva esserlo, forse, senza il dattiloscritto che il padre lascia in casa della ex moglie, con un bigliettino: "Voglio che tu lo legga". La madre scorre le parole dell'ex marito: una storia sanguinaria, di vendetta. C'è una minaccia rivolta a lei, in quel romanzo, o è la sua immaginazione, è lei che legge quello che non c'è scritto? Certo, c'erano delle difficoltà, all'inizio: lei aveva chiesto al giudice di vietare all'ex marito di vedere il figlio, ma ora non è tutto superato, non sono finalmente in pace? Intanto padre e figlio perdono il treno, cala il buio; sbagliano sentiero. Quando raggiungono la baita, non sono più soli. La madre li chiama, i cellulari squillano a vuoto. Tranquilla, si dice, il ragazzo è con suo padre. Ma più legge il romanzo, più si allarma.

Categoria: Letteratura spagnola

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Gli Alianti

Anno: 2013

ISBN: 9788871686561

Trama

Le Vostre recensioni

Quello che non c’è scritto” è un noir ambientato in Spagna e incentrato sullo scottante tema della violenza familiare, con una trama essenziale e una struttura narrativa che viaggia su un doppio binario.

Sono trascorsi sette anni dalla sentenza di divorzio e Carlos e Carmen hanno ricostruito un nuovo rapporto per il bene di Jorge. D’altronde Carlos poteva anche essere stato il peggiore dei mariti, ma bisognava riconoscere che era un buon padre.

Un venerdì che non c’è scuola, Carlos va a prendere Jorge per trascorrere con lui tre giorni in tenda sul Guadarrama. Fin qui niente di strano o di preoccupante ma, dopo che i due sono ormai partiti, Carmen nota un dattiloscritto sulla sedia dell’anticamera. Poco più di duecento pagine rilegate a spirale con un titolo inquietante: Sulla donna morta. Tra la prima e la copertina di plastica trasparente, un foglio scritto a mano che reca un messaggio lapidario: “Voglio solo che tu lo legga“.

Così, mentre da un lato seguiamo Carlos e Jorge nel loro week-end padre-figlio, ormai circondato da un’aura di tensione, dall’altro leggiamo insieme a Carmen, con un nodo alla gola, il libro di Carlos.

È la suggestione a farle sentire l’odore acre della condanna e della morte, a farle saltare agli occhi ciò che non c’è scritto, o con quelle pagine Carlos vuole metterla in guardia e annunciarle con crudeltà un’imminente tragedia?

Bella copertina, ottima idea e buon inizio. Poi però, già verso la metà, il libro si appiattisce, diventa ripetitivo, stancante, e si limita a giustificare con il binomio vittima-carnefice e con qualche altro cliché, una caratterizzazione dei protagonisti piuttosto scarna.

Gradevole e coinvolgente ma, nel complesso, potremmo paragonarlo a una corsa a perdifiato destinata alla medaglia di bronzo…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rafael

Reig

Libri dallo stesso autore

Intervista a Reig Rafael


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Susie, tredicenne, e stata assassinata da un serial killer che abita a due passi da casa. E' stata adescata da quest'uomo dall'aria perbene, che la stupra, poi fa a pezzi il cadavere e nasconde i resti in cantina. A raccontarci l'orrendo omicidio e la stessa Susie, di cui Alice Sebold riesce a ricostruire in modo sorprendente pensieri e fantasie.

AMABILI RESTI

Sebold Alice

"Non si cura per quello che si sa o che si crede di sapere. Si cura e si può soltanto curare per quello che si è!". Sono le parole del magistrato a Giulia, giovane chirurgo in carriera, dopo un tragico incidente segnato dall'arroganza del suo sapere. Fino a quel momento Giulia è stata tutto: bella, determinata, rampante con la spocchia di un cognome che conta. Per lei il malato non è stato mai il fine, ma soltanto un mezzo per dimostrare la sua abilità in sala operatoria, per tenere alta la media dei suoi successi. Poi l'incidente di percorso, l'umiliazione del tribunale, il riaffiorare di altre tragiche vicende. È un mondo che crolla, che le fa il vuoto intorno, la umilia, mette a nudo le sue fragilità, la spinge a Grado, nella villa di famiglia, al riparo dalle ansie della madre e dai maldestri tentativi del marito di starle accanto, e dove ritrova casualmente Paolo, il cugino fidato, il compagno di giochi di un tempo. Villa Flavia è piena di ricordi per entrambi: le faide di famiglia, i primi amori di lei, le sue minigonne, quella spider rossa in attesa al cancello ogni sera, e lui che aspettava il suo rientro fino a notte fonda, disposto ad amarla "anche soltanto per amore".

L’ARROGANZA DEL CUORE

Calandra Claudio

Ibrahim Farghali vince il premio Sawiris con il romanzo ‘Sons of Gebelawi’

Jim Parsons è un medico di talento, abile nelle più avanzate tecniche mediche e occupato a salvare vite umane. Ma un incidente stradale lo proietta improvvisamente a centinaia di anni di distanza nel futuro, dove Parsons scopre con orrore una civiltà incredibilmente avanzata, che abbraccia il culto della morte. Si trova quindi incastrato tra il suo istinto, che lo spingerebbe a guarire le persone, e il conflitto con una società in cui è illegale impegnarsi a salvare vite umane. Ma Parsons non è l’unico a credere che la vita abbia un valore da preservare, e coloro che condividono le sue convinzioni stanno mettendo a punto dei piani per sfruttare le sue competenze mediche, e per salvare il futuro della loro società. “Dottor Futuro” non è solo un’interpretazione emozionante di un futuro dai tratti inquietanti, è anche un excursus fantastico dei paradossi dei viaggi nel tempo che poteva venire solo dalla mente di Philip K. Dick.

Dottor futuro

Dick Philip K.