Narrativa

Questa sera è già domani

levi Lia

Descrizione: Genova. Una famiglia ebrea negli anni delle leggi razziali. Un figlio genio mancato, una madre delusa e rancorosa, un padre saggio ma non abbastanza determinato, un nonno bizzarro, zii incombenti, cugini che scompaiono e riappaiono. Quanto possono incidere i risvolti personali nel momento in cui è la Storia a sottoporti i suoi inesorabili dilemmi? E’ giusto cercare di restare comunque nella terra dove ti stanno perseguitando o è meglio fuggire? Se sì, dove? Ci sarà un paese realmente disposto ad accoglierti? Ma alla tragedia che muove dall’alto i fili dei diversi destini si vengono a intrecciare i dubbi, le passioni, le debolezze, gli slanci e i tradimenti dell’eterno dispiegarsi della commedia umana. Una vicenda di disperazione e coraggio realmente accaduta, ma completamente reinventata, che attraverso il filtro delle misteriose pieghe dell’anima ci riporta a un tragico recente passato.

Categoria: Narrativa

Editore: E/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2018

ISBN: 9788866329237

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Questa sera è già domani di Lia Levi narra le vicende di una famiglia ebrea in un arco temporale dal 1932 sino all’epilogo della seconda guerra mondiale.
La visuale sul drammatico periodo storico, che registra l’escalation dell’antisemtismo dall’approvazione delle leggi razziali sino alle deportazioni, è quella di Alessandro, enfant prodige (“Sono stato ammesso al ginnasio… Quanti anni hai?… Nove”) figlio di Emilia Rimon nata Dello Strologo e Marc Rimon e nipote prediletto di Wanda e Osvaldo.

Sballottato anzitempo nelle scuole (Alessandro, come “Romano, il figlio più piccolo del capo del governo… Nel 1932, alla soglia dei cinque anni, era già pienamente padrone della scrittura e della lettura e il ministero fu lieto di autorizzare il suo ingresso in prima elementare con un anno d’anticipo”) per assecondare le ambizioni di una madre ottusa (“Io non me ne vado. Non lascerò mai l’Italia per un chissà dove”) e anaffettiva, Alessandro custodisce un cimelio di famiglia (“Quella stella a sei punte il re David se l’era messa sul suo scudo, ed era… diventata il simbolo dell’ebraismo”), ammira l’originalità attempata del nonno Luigi (“Possibile che amasse più i generi che le figlie?… Cercava solo di tenersi il più lontano possibile dai loro caratteri irsuti, dalla loro fuga dalla gioia”), soffre per le disavventure del padre, interiorizza la sofferenza della sua condizione originaria e teme per il proprio destino, venendo a conoscenza degli orrori viennesi delle persecuzioni razziali attraverso il racconto di un’amica incontrata in un raduno di esuli.

Mentre crollano le illusioni scolastiche, tra piccoli atti di insubordinazione e ribellione (“Il crocifisso nel mezzo e più in basso… il ritratto del re e quello di Mussolini… Cristo fra i due ladroni!”), Alessandro stringe amicizia con un professore comunista prima e poi con un coetaneo, con il quale si avventura nel fallimentare tentativo di unirsi alla lotta partigiana.
Intanto il padre subisce le sorti imposte dalla scelleratezza nazi-fascista: perde il lavoro (“Due sbirri… a ritirare la licenza di artigiano del padre. Razza ebraica, non poteva tenerla”), viene confinato in un paesino marchigiano e, in un secondo tempo, tra Piemonte e Liguria.
Sullo sfondo c’è la guerra mondiale: dagli esordi, attraverso i bombardamenti su Genova, sino all’occupazione tedesca…

Con uno stile che non indulge alle mistificazioni nell’affrescare pregi e difetti di una famiglia normale, in alcuni passaggi Lia Levi evoca inquietanti coincidenze con pensieri che nell’attualità rappresentano reviviscenze di insidie (“Discriminare non significa perseguitare… vuol dire che se qualcuno si trova a casa tua, hai per lo meno diritto di sapere chi è e cosa fa. Ma questo non significa essere ostile nei suoi confronti”) nelle quali la storia e l’uomo sembrano ciclicamente, ostinatamente imbattersi…

Bruno Elpis

I finalisti del premio Strega 2018

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lia

Levi

Libri dallo stesso autore

Intervista a levi Lia

Canti orfici

Alcune storie per bambini, tra cui ve ne sono anche di inedite, di Elsa Morante raccolte da Giuseppe Pontremoli e illustrate dalla stessa autrice.

Le bellissime avventure di Caterí dalla trecciolina e altre storie

Morante Elsa

Emozioni, storie, passioni all’ombra di una palla ovale, simbolo dello sport che più si è imposto all’attenzione del pubblico italiano in questi ultimi anni. Proprio nei giorni dedicati al Sei Nazioni, che vede il quindici azzurro impegnato contro i maestri francesi e britannici, escono i racconti rugbystici di Andrea Pelliccia, che rappresentano una ghiotta occasione per conoscere più da vicino il mondo del rugby e la sua magia. Dalla partita d’esordio di un quattordicenne non troppo convinto della propria passione per il rugby, alle emozioni di un arbitro italiano impegnato per la prima volta a Twickenham, autentica cattedrale della palla ovale; dalle vicende della squadra giovanile del Petrarca Padova in trasferta, viste con gli occhi dell’autista che li porta verso Parma, alla storia di una strana amicizia incentrata su un passato sportivo comune (ma un presente completamente opposto) fra un avvocato di successo e un mendicante; fino alla cronaca particolare di un allenamento con la Nazionale Italiana e al racconto thriller di due amanti rapiti da misteriosi malviventi, dove l’unico indizio è un portachiavi con un piccolo pallone ovale. Affrontando storie e generi diversi, Pelliccia regala un felice affresco dello sport nel quale, più che in altri, conta il rispetto della fatica e degli avversari.

Up & Under

Pelliccia Andrea

Lago di Como, primi giorni d'estate. Benedetta, diciassettenne appartenente a una famiglia influente e facoltosa, scompare nel nulla. Il suo motorino viene ritrovato sul fondo di una scarpata, in una zona isolata e impervia, tra le montagne. Il commissario Gropello e la sua squadra, a cui è stato assegnato il caso, devono perciò scartare l'ipotesi di una fuga volontaria e cercare un'altra pista, ma gli indizi sono davvero pochi. A mettersi sulle tracce del vero responsabile del rapimento, anche se all'inizio solo per gioco, sono invece Federico e Massimo, due ragazzi che stanno trascorrendo le vacanze a Nisio, un paesino abbarbicato sulle pendici della tetra Valle dei Cani, vicino al bosco dov'è stato abbandonato lo scooter. La polizia riuscirà a risolvere il caso prima di loro e a ritrovare Benedetta sana e salva? Quella che sembrava una tranquilla realtà di provincia si trasforma in un paesaggio inquietante, intriso di violenza. Lo sciabordio sinistro delle onde del lago e il cupo silenzio dei boschi diventano il palcoscenico di uno spettacolo perverso, in cui tutti gli attori, sia gli adulti che gli adolescenti, risulteranno colpevoli.

La valle dei cadaveri

Invernici Antonio