Narrativa

Questa sera è già domani

levi Lia

Descrizione: Genova. Una famiglia ebrea negli anni delle leggi razziali. Un figlio genio mancato, una madre delusa e rancorosa, un padre saggio ma non abbastanza determinato, un nonno bizzarro, zii incombenti, cugini che scompaiono e riappaiono. Quanto possono incidere i risvolti personali nel momento in cui è la Storia a sottoporti i suoi inesorabili dilemmi? E’ giusto cercare di restare comunque nella terra dove ti stanno perseguitando o è meglio fuggire? Se sì, dove? Ci sarà un paese realmente disposto ad accoglierti? Ma alla tragedia che muove dall’alto i fili dei diversi destini si vengono a intrecciare i dubbi, le passioni, le debolezze, gli slanci e i tradimenti dell’eterno dispiegarsi della commedia umana. Una vicenda di disperazione e coraggio realmente accaduta, ma completamente reinventata, che attraverso il filtro delle misteriose pieghe dell’anima ci riporta a un tragico recente passato.

Categoria: Narrativa

Editore: E/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2018

ISBN: 9788866329237

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Questa sera è già domani di Lia Levi narra le vicende di una famiglia ebrea in un arco temporale dal 1932 sino all’epilogo della seconda guerra mondiale.
La visuale sul drammatico periodo storico, che registra l’escalation dell’antisemtismo dall’approvazione delle leggi razziali sino alle deportazioni, è quella di Alessandro, enfant prodige (“Sono stato ammesso al ginnasio… Quanti anni hai?… Nove”) figlio di Emilia Rimon nata Dello Strologo e Marc Rimon e nipote prediletto di Wanda e Osvaldo.

Sballottato anzitempo nelle scuole (Alessandro, come “Romano, il figlio più piccolo del capo del governo… Nel 1932, alla soglia dei cinque anni, era già pienamente padrone della scrittura e della lettura e il ministero fu lieto di autorizzare il suo ingresso in prima elementare con un anno d’anticipo”) per assecondare le ambizioni di una madre ottusa (“Io non me ne vado. Non lascerò mai l’Italia per un chissà dove”) e anaffettiva, Alessandro custodisce un cimelio di famiglia (“Quella stella a sei punte il re David se l’era messa sul suo scudo, ed era… diventata il simbolo dell’ebraismo”), ammira l’originalità attempata del nonno Luigi (“Possibile che amasse più i generi che le figlie?… Cercava solo di tenersi il più lontano possibile dai loro caratteri irsuti, dalla loro fuga dalla gioia”), soffre per le disavventure del padre, interiorizza la sofferenza della sua condizione originaria e teme per il proprio destino, venendo a conoscenza degli orrori viennesi delle persecuzioni razziali attraverso il racconto di un’amica incontrata in un raduno di esuli.

Mentre crollano le illusioni scolastiche, tra piccoli atti di insubordinazione e ribellione (“Il crocifisso nel mezzo e più in basso… il ritratto del re e quello di Mussolini… Cristo fra i due ladroni!”), Alessandro stringe amicizia con un professore comunista prima e poi con un coetaneo, con il quale si avventura nel fallimentare tentativo di unirsi alla lotta partigiana.
Intanto il padre subisce le sorti imposte dalla scelleratezza nazi-fascista: perde il lavoro (“Due sbirri… a ritirare la licenza di artigiano del padre. Razza ebraica, non poteva tenerla”), viene confinato in un paesino marchigiano e, in un secondo tempo, tra Piemonte e Liguria.
Sullo sfondo c’è la guerra mondiale: dagli esordi, attraverso i bombardamenti su Genova, sino all’occupazione tedesca…

Con uno stile che non indulge alle mistificazioni nell’affrescare pregi e difetti di una famiglia normale, in alcuni passaggi Lia Levi evoca inquietanti coincidenze con pensieri che nell’attualità rappresentano reviviscenze di insidie (“Discriminare non significa perseguitare… vuol dire che se qualcuno si trova a casa tua, hai per lo meno diritto di sapere chi è e cosa fa. Ma questo non significa essere ostile nei suoi confronti”) nelle quali la storia e l’uomo sembrano ciclicamente, ostinatamente imbattersi…

Bruno Elpis

I finalisti del premio Strega 2018

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lia

Levi

Libri dallo stesso autore

Intervista a levi Lia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Fu il primo dei tribunali della Curia romana ecclesiastica, ed è istituito per le questioni di coscienza. Le sue origini risalgono al XIII secolo, quando per autorità di Innocenzo IV i penitenzieri di Roma si costituirono in collegio sotto la presidenza di un cardinale. Il suo potere giurisdizionale variò secondo i tempi, ma è certo che la Penitenzieria si sia occupata e continui a occuparsi di cose oscure, indicibili e pericolose. Come fu in epoca controriformista per le suppliche dei condannati a morte per stregoneria. La Santa Penitenzieria Apostolica è anche altrimenti conosciuta come: il tribunale delle anime. È qui che Bene e Male giocano la loro partita con il destino degli uomini. Il tribunale infatti si occupa dell'archivio criminale più imponente che esista al mondo, quello delle confessioni dei peccati più gravi. È per questo che esistono i penitenzieri: sono loro la presenza segreta su molte scene del crimine, sono loro alla costante ricerca di ciò che l'occhio di un semplice detective non può scorgere. Un'anomalia.

Il cacciatore del buio

Carrisi Donato

Inutile negarlo: l’essere ipersensibili può portare a risvolti problematici. Nonostante queste persone tendano a rinunciare a se stesse rivolgendo la loro attenzione all’esterno e agli altri, non sono rari rimproveri del tipo: Devi essere sempre così emotivo? Eppure, l’ipersensibilità non è necessariamente un “tallone d’Achille” che espone a sofferenze, delusioni, o irragionevoli inibizioni: se la si usa bene, può rivelarsi una dote incredibile. Rolf Sellin, che per anni ha studiato questa predisposizione soffrendone lui stesso, guida gli ipersensibili verso l’adozione di un nuovo atteggiamento che permetta loro di contenere gli effetti più negativi della loro condizione. Insegna a smettere di acconsentire a richieste eccessive, ponendo confini più netti tra sé e il mondo. Spiega come uscire vincitori, anche quando si ha la netta impressione di essere affetti da una forma inguaribile di “altruismo patologico”, indesiderato, incompreso e, per giunta, gratuito. Aiuta a valorizzare la capacità di empatia, senza esserne sopraffatti, a vivere le emozioni proprie e altrui, con maggiore equilibrio. Invita a trasformare le sensibilissime antenne in dotazione agli ipersensibili, eccezionali nel captare ciò che ai più resta sconosciuto, in un talento da spendere in ogni ambito dell’esistenza. Gli spunti di riflessione, i numerosi suggerimenti sono utili a chi vuole imparare a gestire da solo e in modo costruttivo la propria sensibilità, sia nella vita privata sia professionale, e a proteggersi in modo più efficace a livello mentale ed energetico, così che l’ipersensibilità possa tornare a essere quello che realmente è: un’incomparabile risorsa interiore.

Le persone sensibili hanno una marcia in più

Sellin Rolf

"Dopo essere stato nelle sue mani, dottore, nessuno può più affermare di essere padrone della propria anima" dirà un giorno a Dario Asfar il ricchissimo finanziere Wardes, affidandosi ancora una volta alle cure di quel medico ambiguo quanto fascinoso. A Parigi c'è chi lo accusa di sfruttare la credulità del prossimo. Eppure, nella sua sala d'aspetto continuano a fare la fila le signore della buona società, ansiose di sottoporsi al suo " metodo " una sorta di psicoanalisi annacquata a uso mondano - per guarire da mali molto spesso immaginari. Del resto, se il dottor Asfar è riuscito a diventare ricco e celebre, è proprio perché, nel momento in cui stava per arrendersi alla miseria e all'emarginazione, ha capito che "queste malattie nervose, queste turbe psichiche, queste inspiegabili fobie, che di certo nessun dottore saprebbe guarire, rappresentano un campo di ampio, illimitato successo ". Certo, è dovuto scendere a compromessi talvolta ignobili con la propria coscienza; e ha finito - lui, il "meteco", il "medicastro" malvestito, che, giunto da uno di quei porti dell'Oriente che formicolano di commerci di ogni genere, sognava di trovare in Occidente il proprio riscatto - per non tirarsi indietro di fronte a nessuna richiesta, neanche la più scellerata. Non poteva, e non solo perché aveva una moglie e un figlio da mantenere: ma perché era anche lui un "lupo affamato"...

Il signore delle anime

Némirovsky Irène

Chi mai, se non lo stesso Busi, avrebbe potuto scrivere la sua "autobiografia non autorizzata", lanciandola spericolatamente al mondo in una lingua affabulatoria, epigrammatica, di un’eleganza senza pari e di un’oscenità terribile e al contempo scanzonata? Un romanzo che riconduce al punto di partenza secondo un percorso perfettamente circolare nel quale nulla accade perché tutto è già accaduto e non resta che prendere atto della verità così come la scrittura la riconosce e la indaga, la tenta, invano, a uscire allo scoperto attraverso personaggi che vorrebbero sottrarsi e restare misteriosi ma che sono troppo incantevoli e stregoneschi per non far girare la fantasia a mille del lettore.

Vacche amiche

Busi Aldo