Poesia

Questa sono io

Mancini Sara

Descrizione: La prima raccolta di poesie di Sara Mancini

Categoria: Poesia

Editore: NarrativaePoesia

Collana: Intanto scrivo

Anno: 2020

ISBN: 9788855000819

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Sara Mancini, Questa sono io, Nep edizioni 2020.

Questa sono io di Sara Mancini è un libro pubblicato da NeP edizioni nella collana “Intanto scrivo”. Una collana speciale perché è nata da una community virtuale che racchiude tante storie che “meritano di uscire dai cassetti, con lo scopo di lanciare una traccia scritta nel difficile momento storico provocato dal Coronavirus.

Sara Mancini vive a Roma, e Questa sono io è il suo primo libro. Un libro toccante, poeticamente profondo, di grande sentimento. Sono pensieri, riflessioni che raccontano, con poche e precise parole, molto di chi scrive. Lei stessa afferma:  “Io scrivo quando piovono le parole.”

Abituata a trarre conforto dalle parole e dalla loro espressività, un giorno, Sara incontra chi la castra. Allora è solo silenzio, muti pensieri e idee. Poi la rinascita, il rivivere proprio attraverso una nuova composizione. L’autrice, con uno scarno quanto pregnante linguaggio, ci racconta questo cammino creativo, irto di ostacoli, ma al termine forte e coraggioso. Perché la vita va sempre celebrata e vissuta, e allora:  “Per non perdere traccia della vita che è ora un sottil filo che l’anima mi stringe tra le braccia.”

Un piccolo libro, denso di emozioni e di sospiri. Una melanconia a tratti per ciò che non è più fa da contraltare alla celebrazione di una nuova vita che si affaccia al mondo : si creano così i presupposti decisivi per una lettura intima avvincente e trascinante per un lettore in vena di nuove sensazioni pungenti e fortificanti.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sara

Mancini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mancini Sara


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Qual è il giorno in cui siamo diventati umani? Quale l’attimo in cui questa vitale e spossante consapevolezza ci ha invaso? Questa la domanda che Paolo Zardi fa al lettore. Ma prima lo chiede ai personaggi che animano queste pagine. Un padre che cova l’insopprimibile desiderio che sua figlia non somigli alla madre; una moglie che nell’istante assoluto del pentimento capisce che tradirà ancora; un vecchio che ad ogni compleanno avverte quanto sia difficile morire; una vedova all’ossessiva ricerca di un’alternativa ai ricordi; una dottoressa che, per un momento, vede nel corpo attraente di un paziente la giovinezza che avrebbe avuto suo figlio. Creature sospese tra l’amore e il dolore, tra desiderio e paura, tra la vergogna e la grazia. La delicatezza dei corpi, la labilità delle intenzioni, la precarietà di ogni condizione umana sono i punti focali attorno ai quali i personaggi di questi racconti si muovono, combattono, vivono, fotografati tutti nella loro abbagliante purezza.

IL GIORNO CHE DIVENTAMMO UMANI

Zardi Paolo

Una nuova avventura per Stella Spada. Diventata responsabile dell’agenzia investigativa SS, in questo romanzo dovrà indagare, con il suo metodo molto personale, sul caso di una ragazza scomparsa da quindici anni.

Terra alla terra

Lusetti Lorena

Premosello, Piemonte, 1967. A sei anni, Tobia sa già leggere, come l'inseparabile amico Ettore. A scuola si innamora di Carolina, ma trova un nemico, Gioacchino, che non perderà occasione per umiliarlo. In classe, sul campo da calcio e nei pomeriggi in campagna, passati a scoprire la natura. Con Gioacchino finisce a botte, una sera d'estate, e dal giorno dopo il bambino sparirà per sempre. Per vergogna, Tobia tace di fronte ai carabinieri, ma un altro atroce delitto porta ben presto alla scoperta del colpevole. Lasciando il paese con la famiglia, Tobia rimarrà sempre con il dubbio che in realtà l'assassino sia un altro... Quarant'anni dopo, una telefonata di Ettore, mai più sentito da allora, riporterà Tobia nei luoghi della sua infanzia, costringendolo a percorrere a ritroso la verità.

L’arte sconosciuta del volo

Fovanna Enrico

Tiziano Ferro nasce a Latina il 21 febbraio del 1980. A cinque anni riceve come regalo di Natale una tastiera: con quella scrive e compone le sue prime canzoni, due delle quali saranno inserite nell'album Nessuno è solo. Durante l'adolescenza prende lezioni di chitarra, canto, pianoforte, batteria, entra nel Coro Gospel di Latina. A ottobre 2001 esce per la Emi il suo primo album Rosso relativo, lanciato dal singolo Xdono. Ottiene un successo pressoché immediato - anche a livello internazionale. Vince il Premio Italiano della Musica come Artista rivelazione del 2001 e nell'estate 2002 il premio come Miglior Artista Esordiente al Festivalbar. Nell'autunno 2003 esce il secondo album, anticipato dal singolo Xverso, dal titolo autobiografico di 111, che prende il nome dal peso del cantante raggiunto durante l'adolescenza. Grazie a numerosi singoli (tra cui Sere nere), ottiene risultati straordinari, rimanendo ai vertici della classifica italiana per quattordici mesi. Nell'estate 2004 un nuovo tour lo porta in giro per l'Italia, con il tutto esaurito. In quell'anno, vince il premio MTv Europe Music Awards come Miglior artista italiano, il Premios Oye! come Miglior cantante Pop latino maschile, riceve il premio Billboard Latin Music Awards come miglior brano Pop latino dell'anno. L'album Nessuno è solo esce nel giugno 2006: è preceduto dal brano Stop!Dimentica ed è pubblicato in quarantaquattro Paesi, sbancando le classifiche europee e sudamericane.

TRENT’ANNI E UNA CHIACCHIERATA CON PAPA’

Ferro Tiziano