Romanzo storico

Questione di Costanza

Gazzola Alessia

Descrizione: "Verona non è la mia città. E la paleopatologia non è il mio mestiere. Eppure, eccomi qua. Com'è potuto succedere, proprio a me? Mi chiamo Costanza Macallè e sull'aereo che mi sta portando dalla Sicilia alla città del Veneto dove già abita mia sorella, Antonietta, non viaggio da sola. Con me c'è l'essere cui tengo di più al mondo, sedici chili di delizia e tormento che rispondono al nome di Flora. Mia figlia è tutto il mio mondo, anche perché siamo soltanto io e lei... Lo so, lo so, ma è una storia complicata. Comunque, ce la posso fare: in fondo, devo resistere soltanto un anno. È questa la durata del contratto con l'istituto di Paleopatologia di Verona, e io - che mi sono specializzata in Anatomia patologica e tutto volevo fare tranne che dissotterrare vecchie ossa, spidocchiare antiche trecce e analizzare resti centenari - mi devo adattare, in attesa di trovare il lavoro dei sogni in Inghilterra. Ma, come sempre, la vita ha altri programmi per me. Così, mentre cerco di ambientarmi in questo nebbioso e gelido inverno veronese, devo anche rassegnarmi al fatto che ci sono delle scelte che ho rimandato per troppo tempo. Ed è giunto il momento di farle. In fondo, che ci vuole? È questione di coraggio, è questione di intraprendenza... E, me lo dico sempre, è questione di Costanza."

Categoria: Romanzo storico

Editore: Longanesi

Collana: La gaja scienza

Anno: 2019

ISBN: 9788830452497

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Sarà Questione di Costanza, omonimo personaggio di Alessia Gazzola, venire a capo dei problemi che si pongono alla giovane anatomopatologa con figlioletta al seguito.

I problemi sono numerosi: adattarsi al lavoro di paleopatologa  (“È un  po’ come la medicina applicata all’archeologia”), accettato per ripiego  (“C’era solo un posto a  disposizione e io sono arrivata seconda… su due… Diana però… ha rifiutato”) e non certamente per passione (“Sono interessata a questa borsa di studio né più né meno come a un bancomat”); convivere con la sorella Antonietta e affrontare la nuova città (“A Verona c’è uno dei pochi centri italiani di Paleopatologia”); gestire la bimba  (“Montessori, flagellami”); rintracciare il padre della piccola Flora e rivelargli… la paternità; barcamenarsi nel sentimento che prova per Marco (“Mi scopro a vivere una specie di momentanea sospensione dell’entropia che è l’unità di misura della mia vita”)…

Intanto, con i nuovi colleghi presso la necropoli di Montorio, Costanza Macallè cerca di ricostruire la storia di Federico (“Lo stupor mundi, Federico II… Gli Hohenstaufen erano rossi… se no perché suono nonno lo chiamavano federico il Barbarossa?”), Selvaggia  (“Ciascuna figlia in cui scorreva il sangue di Federico poteva venir usata come giuramento di alleanza e di pace”), Biancofiore ed Ezzelino che, nel XIII secolo, hanno dato vita a una vicenda misteriosa (“Il tempo è una materia fluida. Lo diceva anche Einstein, il tempo non scorre in una sola direzione, il futuro esiste contemporaneamente al passato”).

Ironico e leggero,  il romanzo di Alessia Gazzola è una piacevole sintesi tra romance e giallo storico, particolarmente adatto a chi cerca una lettura gradevole e d’evasione.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessia

Gazzola

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gazzola Alessia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

COSI’ ERA MILANO – di Bruno Pellegrino

MALAMORE

De Gregorio Concita

In un passaggio apparentemente marginale del racconto che da il titolo a questa raccolta disegnata dall'autore, la protagonista offre al suo professore di matematica, passato a trovarla, un bicchier d'acqua. Poi, mentre lo guarda bere, la ragazza è colpita dalla cosa più semplice, l'assoluta naturalezza del gesto, che l'uomo compie "come se in vita sua non avesse fatto altro che venire in cucina da me a bere acqua". È un tocco inconfondibile, che unisce in una riga tutta l'atmosfera di cui abbiamo bisogno e tutto l'intreccio che possiamo desiderare. Ma è anche di più. È la conferma che qualsiasi storia, anche minima, racconti - si tratti di un ragazzo che, come in Miss Little Sunshine, smette di parlare in casa, mentre intrattiene una fitta corrispondenza con i carcerati; di un adolescente che, alla morte del suo cane, si convince che nelle formule dell'algebra si annidi il segreto della felicità; o di una coppia gay di fronte a una scena topica, quella della presentazione ufficiale a due impettiti genitori -, Cameron sembra appunto non avere mai fatto altro.

Paura della matematica

Cameron Peter

Esiste il delitto perfetto? Gastmann, “demonio in forma umana”, ne è convinto, e per dimostrarlo al commissario Barlach – e vincere la scommessa fatta in una bettola sul Bosforo – getta un uomo dal ponte di Galata. Per oltre quarant’anni il commissario seguirà le orme di quella belva feroce, finché un giorno, nella tetra quiete del lago di Biel, in Svizzera, l’assassinio dell’ispettore Schmied lo metterà nuovamente di fronte all’inquietante spettro del suo nemico e degli audaci, efferati delitti da lui commessi. A Barlach non resta molto da vivere: giusto il tempo di regolare i conti.

Il giudice e il suo boia

Durrenmatt Friedrich