Giallo - thriller - noir

Raccontare troppo

Asola Teresio

Descrizione: Una famiglia italiana con tre bambini allegri viaggia da Torino all'Inghilterra su un'auto dal nome di baleniera. È il 2005, pochi giorni dopo gli attentati a Londra. Il fascino di leggende e antichi misteri, il salmastro delle maree, il profumo di brughiere ventose e assolate, s'intrecciano a un omicidio (scoperto dal protagonista e mai rivelato ai familiari). La vacanza si tinge inaspettatamente di nero. Così pare, fino al finale a sorpresa, introdotto dal ritrovamento di una lettera e un manoscritto e da un incontro. Il lettore mescoli questi ingredienti, si faccia incantare dai loro aromi e viaggi a sua volta, pagina dopo pagina.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Pav Edizioni

Collana: Noir

Anno: 2019

ISBN: 9788831307000

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Teresio Asola, albese di nascita e torinese di adozione, pubblica il suo sesto romanzo dal titolo: Raccontare troppo. Un bel romanzo, particolarmente preciso nelle descrizioni e nella ambientazione.

Narra il viaggio estivo, entusiasmante e sereno, di una famiglia, composta dai genitori e da tre bambini (Bianca, che sta per iniziare il liceo, Chicco e Leo, il più piccolo, ha solo quattro anni), che da Torino partono per una vacanza in Inghilterra. Passando dalla Francia, approdano nel Devon, dove affittano un grazioso, quanto enigmatico, cottage: “Del diciottesimo secolo, è una perla color crema di una collana di casette colorate sparse lungo la via dirimpetto al mare.”

Proprietaria è la loquace signorina Debenham, da loro soprannominata Signorina Felicissima, la quale racconta che la loro abitazione in precedenza era stata gestita da una locandiera di nome Mac Auslin, che significa “Solo uccellini”: il marito della donna è scomparso improvvisamente e la sua sparizione è circondata da un grande alone di mistero, che si protrae fino ai giorni nostri.

Tra ritratti di brughiere ventose, leggende e racconti di antichi mestieri, si snoda il romanzo che vede l’omicidio della stessa signorina Debenham, uccisa con in mano uno strano biglietto che recita: “Ho raccontato troppo”.

Gli ingredienti del libro (“Applendore, le colline piemontesi, paesi lontani, luoghi gustati ed assaggiati, sognati su libri e carte geografiche”) sono resi con una prosa fresca e spedita, che rende la lettura di gradevole soddisfazione per il lettore.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Teresio

Asola

Libri dallo stesso autore

Intervista a Asola Teresio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nell'incanto sospeso sulle rive del Grande Fiume, un uomo, finalmente in pace con se stesso, rievoca dall'oblio in cui era caduta una storia di seducente passione, dove musicisti e amanti, spie e combattenti, seguendo le note dei tre concerti per pianoforte di Ciajkovskij, percorrono una strada di amore e morte.

TRE CONCERTI

Bocchi Vittorio

Monique ha sempre creduto nel suo matrimonio. Soprattutto, ha sempre creduto nel suo ruolo di moglie: muoversi sicura per casa, gestire la vita familiare, provvedere agli altri con la certezza di essere necessaria. Ma è bastata una frase di Maurice: "C'è una donna". E se Monique è tradita dal marito, la madre di Philippe lo è dal figlio, che al progressismo materno preferisce lo spirito pratico e conservatore della moglie. Murielle, invece, non ha né mariti né figli con cui scontrarsi: due matrimoni finiti male e il suicidio della figlia la condannano a una solitudine che la rende cruda e volgare, astiosa verso il mondo e verso un Dio che forse non c'è. Tre racconti, tre donne, tre crisi.

Una donna spezzata

De Beauvoir Simone

La storia è quella di Morris Bober, umile commerciante ebreo che nel cuore di Manhattan conduce una vita misera e consumata dagli anni, e di Frank Alpine, un ladruncolo di origini italiane, deciso a riscattarsi e diventare un uomo onesto e degno di stima, aiutando Morris al negozio. Tuttavia il giovane Frank non resisterebbe dietro al bancone, sempre più assediato dalla concorrenza, se non si innamorasse di Helen, la fi glia di Morris. La vicenda è straordinariamente intrecciata intorno alle emozioni, ai segreti, al destino di queste tre esistenze. La narrazione, dal ritmo quasi ipnotico, e la singolare capacità di Malamud di raccontare i gesti, gli sguardi e le abitudini dei protagonisti rendono possibile sin dalle prime battute una completa comprensione della particolarità dell’ambiente e della psicologia dei personaggi. Lo stile limpido, semplice, a tratti ironico, è un capolavoro di perfezione, e regala quella atmosfera inconfondibile, a metà tra il tragico e il comico, che rende affascinante la narrativa di Malamud.

Il commesso

Malamud Bernard

21 marzo, giornata della poesia: Dora Markus di Montale