Raccolte

RACCONTI DEL GIORNO E DELLA NOTTE

Bonura Giuseppe

Descrizione: "Giuseppe Bonura è stato un grande autore di racconti. Per vocazione e per necessità, com'è giusto che sia, perché il Novecento - il secolo al quale Bonura ha voluto conservarsi fedele con furiosa ostinazione - ha metodicamente costretto gli scrittori a misurarsi con i rigori della ferialità e addirittura con le spietatezze del mercato. Altra definizione discutibile, quest'ultima, che tuttavia trova una giustificazione almeno parziale nell'insistenza con cui, negli ultimi anni della sua vita, Bonura ha denunciato lo strapotere del "capitalismo energumeno", in un crescendo di invettive che costituiva in effetti una continua variazione del tema che, fin dall'esordio, gli era parso decisivo: il feroce dissidio che, nell'era industriale e post-industriale, oppone l'individuo alla massa. Era la sua cifra nel tappeto, la sua successione di Fibonacci". Dalla prefazione di Alessandro Zaccuri.

Categoria: Raccolte

Editore: Hacca

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788889920770

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Siamo usciti tutti insieme dalle tane e siamo corsi verso la collina, tirandoci dietro borse sacconi e stracci. Nessuno gridava o piangeva, neanche i bambini. Non c’era uno sfilaccio di nuvola e anche il mare, visto a distanza, sembrava una sterminata prateria asfaltata. Ci siamo seduti sull’erba scarmigliati e ansanti, lo sguardo fisso alla spiaggia. Non avevamo voglia di parlare, non avevamo voglia di commentare, non avevamo voglia di niente”.

I racconti dello scrittore Giuseppe Bonura, siano essi del giorno o della notte, ti lasciano in attesa del “colpo di grazia”. Non si sa a cosa siano destinati i personaggi o l’autore o il lettore stesso. Rimane una storia raccontata e nessuno sa da che parte andare. Succede esattamente come nei sogni, dove ogni cosa occupa il posto sbagliato e, anche se la mente sa di essere il regista di quella messa in scena, non può fare nulla per dare un verso diverso a ciò che accade. Spettatori del surreale.

I racconti del giorno e della notte – che poi sono anche quelli del pomeriggio e della sera (frammenti di tempo e di vita) – sono abitati da spettri: ma non quelli che ci si aspetta. Sono quelli che affollano i pensieri degli uomini e delle donne di queste pagine, individui che non possono fare a meno di raccontare o di essere raccontati. Sono immersi nella loro quotidiana normalità di mariti, industriali, preti e studiosi, ma ingabbiati in paure ed ossessioni, che ne influenzano inevitabilmente l’agire rendendoli grotteschi, tormentati, schizofrenici e inadeguati. I personaggi non riescono a trovare la sponda di realtà a cui aggrapparsi ed il lettore finisce risucchiato – con loro – da una follia ordinata ed insuperabile. Non vi è scampo alla solitudine e alla frustrazione delle loro esistenze a cui ognuno di loro finirà, a proprio modo, con l’adattarsi.

Si tratta di storie che inducono ad una riflessione necessaria su se stessi e sul perenne senso di insoddisfazione che questa società – spietata nelle sue trasformazioni – genera in ognuno di noi, rendendoci schiavi e ricercatori disperati e nevrotici della felicità, senza sapere tuttavia che cosa sia veramente.    

Questi racconti, brevi ma intensi, sono stati pubblicati a circa tre anni di distanza dalla scomparsa del suo autore, da sempre affezionato a questo tipo di narrazione capace di lasciare il lettore, per scelta o per distrazione, sospeso e confuso.

Il mondo va avanti, mi ripetevo, ma andando avanti non gli capita mai di fermarsi per considerare con meraviglia e con angoscia ciò che ha combinato. Come mai? Pervenni ad una conclusione sorprendente. Il mondo non ha curiosità, questa è la sua vera natura. Un uomo che inciampi in una merda di cane, scusate l’espressione, ritorna sui suoi passi e osserva il maleodorante involtino. Il mondo no, prosegue imperterrito”.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuseppe

Bonura

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bonura Giuseppe


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato "Uter Ventorum", lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'"Uter Ventorum" è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

Il mercante di libri maledetti

Simoni Marcello

La «società eccitata», estrema propaggine della «società dello spettacolo» di cui parlavano Guy Debord e i situazionisti, ha trasformato il sensazionale in regime di vita, oltre che in industria. La sovraesposizione agli stimoli, producendo assuefazione a ciò che impressiona, magnetizza e sconvolge, ha inciso profondamente sull’assetto antropologico, e la lingua ha registrato lo smottamento sociale: la sensazione, da fenomeno percettivo, si è intensificata, ed è ormai sinonimo di shock, emozione al limite del tollerabile. Proprio al «far sensazione», al fenomeno del sensazionale, è dedicato il saggio di Christoph Türcke, che tuttavia non si spinge a predicare l’astinenza mediatica, l’ascetismo emotivo. Il suo sguardo si volge piuttosto all’indietro, risale la modernità dal Rinascimento all’Illuminismo a oggi, per mostrare come la situazione odierna sia la conseguenza di una evoluzione secolare.

La società eccitata

Türcke Christoph

Aprire un cassetto, una scatolina rossa, una bella cassapanca coi piedi di leone, un'angoliera - tutti oggetti che stavano nella vecchia casa di famiglia - e trovarci dentro "un richiamo come all'indietro". Un richiamo a un passato ricevuto in eredità ma di cui il cinquantenne Ugo ha solo pochi ricordi: la casa di Guzzano, un tempo piena di vita ma già vuota dopo la sua nascita, già solamente casa di vacanze, e poi la zia Bruna, la zia Maria, la zia Fila, il nonno, lo zio Renato, lo zio Arrigo... Di fronte a questo vuoto, a questo buco impossibile da riempire ma che è ormai necessario attraversare, Ugo non può che inventarsi il proprio modo per creare "un piccolo centro d'ordine in mezzo alle forze del caos". E il modo che si inventa è raccontare. Allora ecco che dal passato sorgono frammenti, piccole avventure, le corse in macchina con il nonno, l'aia di notte, il favo dei calabroni nel sottotetto, l'amore alla falsa diga del Limentra, visi in penombra, frasi che ritornano, che non si è mai finito, sembra ieri, forza e coraggio. Ma soprattutto emozioni, piccole angosce, malinconie, un po' di sollievo. Sennonché chi racconta ha l'abitudine di evitare, di scantonare, di "slaterare", perciò alle emozioni sigillate dentro a quei cassetti antichi arriva piano e slaterando, appunto, parlando di chi ha conosciuto appena per arrivare infine alla perdita dei genitori: allo smantellamento degli affetti più cari.

Buchi

Cornia Ugo

Tornando a casa dopo la scuola, uno studente si ferma in una strana biblioteca. Certo, anche la sua richiesta è un po' strana. Chiede alla bibliotecaria qualche libro che possa soddisfare la sua ultima curiosità (è un bambino curioso, il nostro protagonista): la riscossione delle tasse nell'impero ottomano. La bibliotecaria lo manda alla stanza 107. Qui l'aspetta un altro bibliotecario, ancora più bizzarro della prima: "aveva la faccia coperta di piccole macchie nere, come tanti moscerini. Era calvo e portava occhiali dalle lenti spesse. La sua calvizie non era uniforme. Tutt'intorno al cranio gli restavano ciuffi di capelli bianchi ritorti, come in un bosco dopo un incendio". E davvero una ben strana biblioteca, questa! Il bibliotecario accompagna il bambino attraverso un labirinto di corridoi e stanze, finché non arrivano in una stanza dove riposa un piccolo uomo vestito con una pelle di pecora. E qui le cose si fanno brutte: il bibliotecario e l'uomo-pecora spingono il piccolo in una cella. Il bambino rischia di fare una fine terribile se non arrivasse in suo soccorso una ragazza sconosciuta...

La strana biblioteca

Haruki Murakami