Recensioni

Racconti tra nord e sud

Talarico Olimpio e Mapelli Angelo Maurizio

Descrizione: Racconti pregnanti, ambientati nel territorio di Bergamo, città emblema del lavoro, e in Calabria con i suoi paesi di mare e collina e la gente semplice e orgogliosa. Protagonisti di ogni età, in un confronto che è amore per la vita, realtà distanti nella storia e nelle relazioni, con personalità accomunate nei forti sentimenti e negli stupori di fronte al miracolo del divenire. Sono vicende caratterizzate dall'inquietudine e dalla pacatezza, dalla meditazione e dalla vitalità dello spirito. Sono ritratti del cuore e della mente, racconti in cui trovarsi e ritrovarsi. Bergamo e la Calabria, il nord e il sud del Paese, mondi lontani, con tratti comuni e distanze non solo geografiche.

Categoria: Recensioni

Editore: Rubettino

Collana: Patipatisse

Anno: 2014

ISBN:

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Racconti tra nord e sud è una raccolta di racconti attraverso la quale i due autori, Angelo Maurizio Mapelli e Olimpio Talarico, hanno deciso di descrivere il Nord e il Sud del nostro Paese. Una raccolta di racconti, di per sé, spaventa sempre il lettore e, in qualche maniera, gli richiede una notevole quantità di energie: capire il filo conduttore che accomuna i singoli testi, impegnarsi a ricordare nuovi nomi e luoghi, dopo essersi a fatica affezionati a quelli del racconto precedente. Nel nostro caso, gli autori hanno voluto andare incontro ai lettori, ricorrendo a un titolo efficace, seppur sintetico. I due scrittori hanno a tal punto desiderato che il destinatario della loro opera si concentrasse sulla geografia dei diversi testi da indicare loro stessi il tracciato da seguire. E così il lettore, incuriosito e allo stesso tempo grato di questo piccolo seppur prezioso suggerimento, si metterà alla ricerca delle indicazioni topografiche presenti in ogni pagina dell’opera. Accarezzando il foglio con gli occhi, chi intraprende questo viaggio immaginario attraverso l’Italia potrà scorgere la penna di Talarico nei racconti in cui la Calabria fa da padrona, mentre sarà in grado di individuare il tocco di Mapelli in quelli in cui Bergamo è, quando più e quando meno, la protagonista indiscussa di vicende e riflessioni.

La Calabria che il suo autore evoca, testo dopo testo, quasi fosse un percorso tracciato dal formidabile filo di Arianna, è quella di un passato in cui la modernità non ha ancora contaminato l’uomo. Il ricordo, la memoria, l’aneddoto contenuto nel flashback di un personaggio che rammenta un evento passato. E poi c’è la memoria di Talarico che vuole ricostruire la concretezza della tradizione e della cultura dalla quale proviene. Insieme al ricordo, sfumato eppure nitido, lontano e allo stesso tempo vivo, si percepisce un senso di nostalgia che lega lo scrittore alla terra natia, una terra che non vuole però isolare dal resto d’Italia, che non vuole rappresentare come una biblica Terra Promessa. La Calabria è uno dei luoghi dove si è fatta la Storia del nostro Paese, e Talarico ce lo mostra attraverso un racconto dedicato ai fratelli Bandiera, così come Mapelli celebra la sua Bergamo attraverso Donizetti, la cui morte coincise con l’invasione piemontese del Lombardo-Veneto nel 1948.

I racconti di Mapelli sono intrisi di una diversa linfa: la città si avvicina e si allontana di continuo. È come se il lettore rigirasse in continuazione un immaginario cannocchiale, attraverso il quale ora vede la città in tutta la sua consistenza, penetrando nei dettagli fin nelle fughe dei muri di ogni singola casa, ora la scorge da lontano, quasi sfocata dalla nebbia in una notte d’inverno. Nei racconti bergamaschi,  Mapelli è decisamente più eterogeneo di Talarico. Tratta la sua città da mille punti di vista. Se i testi calabresi assomigliano ai pezzi di un puzzle, quelli bergamaschi sono paragonabili a tante piccole e variegate pennellate di colore, le quali, se prese da sole desterebbero appena l’attenzione del fruitore, ma se considerate nel loro insieme danno vita a un ritratto pieno di luce. L’autore, infatti, gioca con l’arte, con la storia, con la letteratura, rendendo oggetto dei vari racconti le sue competenze di insegnante. E Manzoni ne è l’esempio più significativo.

Siamo di fronte a una raccolta di racconti che intende attrarre il lettore attraverso la brevitas che caratterizza il genere letterario, ma anche ricorrendo alle singole citazioni che aprono il sipario di ogni piccola vicenda. E la curiosità, una volta solleticata, non può che muoversi da sola.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

E

Olimpio

Talarico

Libri dallo stesso autore

Intervista a Talarico Olimpio e Mapelli Angelo Maurizio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Colette ha sempre rifiutato di scrivere deliberatamente sulla sua vita, ma ne La stella del vespro, pubblicato per la prima volta nel 1946 l’esistenza della più grande scrittrice francese del ’900 si svela discretamente, lungo frammenti scritti con la cura e la sofisticatezza a cui ormai ha abituato i suoi lettori e di cui è diventata maestra. Si tratta di una sorta di cronologia frammentata che trascrive gli avvenimenti e le osservazioni della vita quotidiana: i capricci di primavera; i viavai del compagno Maurice Goderek; le visite che riceve – tra cui Truman Capote – le audizioni per la riduzione teatrale de La Seconde; l’impegno a raccogliere tutte le sue opere per il progetto OEuvre complete per l’editore Le Fleuron; l’Académie Française. Ormai immobilizzata dalla vecchiaia, dal peso e dall’artrosi, osserva il cielo, il succedersi al giorno della luna o del vespro nel quadrato ritagliato dalle finestre del suo grande appartamento a Palais–Royal. Leggiamo una Colette malinconica e meditativa, chiusa nel suo appartamento, in cui riceve, mangia, scrive e legge. In questo testo, evoca dei ricordi dai tempi della guerra, medita sulla sua condizione di invalidità e i suoi nuovi rapporti con il mondo da scrittrice “nota e riconosciuta” e, amabilmente, conversa con le sue care presenze, con gli esseri da lei sempre amati – appassionatamente o teneramente – come la madre Sido; la figlia di cui evoca il ricordo della nascita nel 1913; Missy (la contessa Mathilde de Morny); l’ex marito Henry de Jouvenel; Polaire; il migliore amico nonché terzo e ultimo marito Maurice Goderek; il giovane reporter che viene ad intervistarla; la prostituta Renée che le appare nel giardino innevato della sua casa, un giardino dalla cui descrizione si distingue a fatica da quello di Saint–Sauveur.

La stella del vespro

Colette

Il primo scrittore egiziano nominato per il Premio Nobel per la letteratura

California, 1999. Daniel Raymond Pell per i media è il "figlio di Manson": affascinante e sinistramente carismatico, al pari del suo predecessore ha incantato, sedotto e plagiato i giovani adepti della sua setta. E con la complicità di uno di essi ha sterminato un'intera famiglia. Nessuno dei due però si è accorto che la notte del massacro, confusa in mezzo alle bambole, una bambina dormiva tranquilla nel suo lettino. Otto anni dopo Pell sta scontando la condanna a vita in un carcere di massima sicurezza per l'efferata carneficina e deve essere processato di nuovo perché vari indizi lo collegano a un altro delitto del passato rimasto irrisolto. Condotto in tribunale, è interrogato dall'agente del California Bureau of Investigation Kathryn Dance, esperta in cinesica. Kathryn è uno dei pochi poliziotti in grado di interpretare il linguaggio non verbale e di capire se testimoni e sospetti dicono la verità. E non sbaglia mai. Questa volta, però, il suo compito è davvero arduo, perché deve confrontarsi con un osso duro, un killer dall'intelligenza quasi sovrumana, un abile manipolatore della volontà altrui. E quando, dopo un sottile gioco di parole, sguardi, gesti, Kathryn scalfisce l'assoluta compostezza di Pell e intuisce un diabolico trucco, è troppo tardi: il "figlio di Manson" è evaso dal tribunale. Comincia la caccia...

LA BAMBOLA CHE DORME

Deaver Jeffery

Succedono cose nella vita in grado di ferirci terribilmente, cose per le quali non sempre esiste una spiegazione. Accadono e basta. Jennifer, tutto questo, lo sa fin troppo bene. Sono passati quasi tre anni dal giorno in cui la sua vita è cambiata drasticamente. Nulla è mai più tornato come prima, nemmeno lei è la stessa di un tempo. Sì è chiusa a riccio, in un silenzio ostinato dal quale si sente protetta. In pochi sanno la sua storia, in molti la giudicano, la prendono in giro, l'allontanano. Nessuno vuole una "sfigata" come lei nella propria cerchia di amici, come se frequentarla fosse la peggiore delle condanne. Jennifer non può fare a meno di sentirsi di troppo, inadatta e fuori luogo. Si sente incompresa e diversa da tutti, o meglio... è così che gli altri la fanno sentire. È sola e ha paura di esserlo per sempre, ma un giorno alla sua porta si presenta Cedric, un ragazzo pronto ad aiutarla. Riuscirà a fidarsi di lui?

Ascolta il mio silenzio

Cassie L.